La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIVIDENDI AA 2012/2013. Persona Fisica Percipiente persona fisica La tassazione dei dividendi e dei proventi ad essi assimilati percepiti dalle persone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIVIDENDI AA 2012/2013. Persona Fisica Percipiente persona fisica La tassazione dei dividendi e dei proventi ad essi assimilati percepiti dalle persone."— Transcript della presentazione:

1 DIVIDENDI AA 2012/2013

2 Persona Fisica Percipiente persona fisica La tassazione dei dividendi e dei proventi ad essi assimilati percepiti dalle persone fisiche varia a seconda che il dividendo sia percepito nellambito: A) di attività dimpresa: reddito dimpresa B) fuori da tale ambito: reddito di capitale

3 Gli impenditori individuali A) Imprenditori individuali In questo caso si applica lart. 59 TUIR ai sensi del quale il dividendo concorre a formare il reddito dimpresa nella misura del 49,72% del relativo ammontare. Su tale importo non deve mai essere applicata la ritenuta alla fonte da parte del sostituto che eroga il reddito (se di fonte italiana) o che interviene nella sua riscossione (se di fonte estera)

4 Persone Fisiche non imprenditori B) Persone fisiche non imprenditori In questo caso è necessario distinguere se il dividendo percepito è relativo ad una partecipazione qualificata ovvero non qualificata E qualificata ai sensi dellart. 67 co. 1, lett. c) del TUIR una partecipazione che può attribuire alternativamente: i) una percentuale di diritti di voto esercitabili nellassemblea ordinaria superiore rispettivamente al 2% se quotata o al 20% se non quotata; ii) oppure una partecipazione al capitale o al patrimonio della partecipata rispettivamente superiore al 5% se quotata o al 25% se non quotata

5 Partecipazione qualificata I) Partecipazione qualificata Costituiscono reddito di capitale nella misura del 49,72% dellammontare percepito. In questo caso, se il dividendo è di fonte italiana, non deve essere applicata alcuna ritenuta. Se, invece, il dividendo è di fonte estera, sullammontare imponibile deve essere applicata una ritenuta alla fonte nella misura del 12,50% a titolo dacconto a cura del sostituto residente che interviene nella riscossione del dividendo

6 Partecipazione non qualificata II) Partecipazione non qualificata In questo caso i dividendi sono assoggettati a tassazione mediante applicazione di una ritenuta alla fonte a titolo dimposta nella misura del 12,50% sullintero ammontare a cura del sostituto dimposta che eroga il dividendo se di fonte domestica; a cura del sostituto dimposta che interviene nella riscossione del dividendo se di fonte estera. A tale proposito lAmministrazione Finanziaria (circ. 26/2004) ha chiarito che qualora il reddito di fonte estera sia percepito direttamente (ossia senza lintervento di un sostituto dimposta residente) il percipiente deve riportare il reddito di capitale nella dichiarazione dei redditi ai fini dellautoliquidazione dellimposta sostitutiva

7 Dividendo di fonte estera Se il dividendo è di fonte estera, le ritenute alla fonte devono essere applicate dal sostituto dimposta al netto delle ritenute operate allestero c.d. netto frontiera, (solo per le persone fisiche e non anche per le società di capitali) nel loro intero ammontare, cioè, anche se la ritenuta applicata allestero debba considerarsi superiore a quella convenzionale

8 Esempio 1. Dividendi da partecipazioni qualificate (utili esenti per il 60%) Imposta definitiva pagata all'estero (ritenuta 15%) Netto frontiera 850Netto frontiera 5. Ritenuta d'ingresso (12,5% della quota imponibile: 40% di 850) 42,5 6. Reddito imponibile (40% di 1.000) Aliquota marginale Irpef 39% 8. Imposta italiana corrispondente al reddito complessivo (6 x 7) Credito di imposta sui redditi prodotti all'estero (156 x 400 / 400) Imposte estere recuperabili (150 x 40%) Scomputo della ritenuta 42,5 12. Irpef dovuta ( ,5) 53,5 13. Reddito netto 754

9 Direttiva Madre Figlia Principi e requisiti di applicazione della direttiva 435/90/CEE Direttiva madre e figlia Direttiva madre-figlia In materia di dividendi di fonte italiano erogati a percepenti esteri,la normativa di diritto interno è stata integrata da una norma che trae la propria fonte dal diritto comunitario e in particolare dalla Direttiva CEE sui dividendi intracomunitari :la cosiddetta Direttiva madre-figlia.

10 Soci non residenti Per effetto di tale disciplina è stato previsto che è possibile non applicare alcuna ritenuta alla fonte sui dividendi di fonte italiana che vengono erogati a soci non residenti, purché sussistano determinate condizioni: -soggettive, in relazione al socio estero -oggettive,in relazione alla partecipazione posseduta dalla società italiana. E necessario che tali condizioni siano comprovate da apposita documentazione.

11 SNR: Condizioni Soggettive Condizioni soggettive: Perché possa trovare applicazione la direttiva è necessario che: -il socio estero sia una società costituita in una delle forme indicate nellallegato della Direttiva -il socio risieda ai fini fiscali in uno stato UE -il socio estero risulti assoggettato ad una delle imposte indicate nellallegato della medesima direttiva senza possibilità di fruire di regimi di opzione o di esonero (salvo quelli territorialmente o temporalmente limitati).

12 SNR: Condizioni oggettive Condizioni oggettive: Perché possa trovare applicazione la disciplina è inoltre necessario che: -la partecipazione dalla quale il dividendo promana sia una partecipazione diretta non inferiore al 15% (fino al 2008) e 10% dal 2009 (inizialmente la percentuale di partecipazione era del 25%) del capitale della società che distribuisce gli utili. -la partecipazione dalla quale il dividendo promana sia detenute ininterottamente per almeno un anno.

13 … la ritenuta … In presenza di queste condizioni la ritenuta alla fonte sul dividendo perde la sua natura obbligatoria e pertanto: -può non essere applicata dalla società residente che eroga il dividendo -oppure se comunque applicata deve essere integralmente rimborsata dallAmministrazione finanziaria italiana al socio estero che ne faccia richiesta.

14 DIVIDENDI INTRACOMUNITARI DIVIDENDI INRACOMUNITARI IN ENTRATA In questo caso il trattamento è sostanzialmente analogo a quello dei dividendi di fonte estera Es. A spa ITA, controlla al 100% B Olanda, e D ITA al 100% C ITA e percepiscono da entrambe un dividendo pari a 100

15 Esempio B OlandaC Italia Utile netto dalle imposte 100 Ritenuta alla fonte 00 Distribuito 100 Società A ITASocietà D Ita Utile percepito 100 Base imp. 5% 55 IRES 27,5% 1,375 Utile netto 3,625

16 DIVIDENDI EXTRACOMUNITARI A partecipa al 100% in B residente in Giappone e in C residente in un paradiso fiscale

17 Esempio 1 B giapponese Dividendo100 Ritenuta alla fonte (convenzione)10 Utile netto distribuito90 A Italiana Dividendo percepito90 Base imp. 5%5 Ires 27,5%1,375 Credito imp. Pag estero (5% x 10)0,5 Utile netto 90 – (1,375 – 0,5)89,125

18 Esempio « C paradiso fiscale Dividendo100 Ritenuta alla fonte0 Utile netto distribuito100 A Italiana Dividendo percepito100 Base imp.100 Ires 27,5%27,5 Credito imp. Pag estero0 Utile netto72,5

19 Soggetto IRES Esempio relativo a dividendi da partecipazioni percepiti da un soggetto Ires: 1. Reddito prodotto in Italia Reddito prodotto all'estero (utili esenti per il 95%) Imposta definitiva pagata all'estero (ritenuta 10%) Reddito complessivo imponibile ( ) Aliquota Ires 27,5% 6. Imposta italiana corrispondente al reddito complessivo imponibile (4 x 5) 288,75 7. Credito di imposta sui redditi prodotti all'estero (288,75 x 50 / 1.050) 13,75 8. Imposte estere recuperabili (100 x 5%) 5 9. Ires netta (288,75 - 5) 283, Reddito netto 1.716,25


Scaricare ppt "DIVIDENDI AA 2012/2013. Persona Fisica Percipiente persona fisica La tassazione dei dividendi e dei proventi ad essi assimilati percepiti dalle persone."

Presentazioni simili


Annunci Google