La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNICAZIONE E APPRENDIMENTO NEI SOGGETTI CON DGS 18 Novembre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNICAZIONE E APPRENDIMENTO NEI SOGGETTI CON DGS 18 Novembre 2008."— Transcript della presentazione:

1 COMUNICAZIONE E APPRENDIMENTO NEI SOGGETTI CON DGS 18 Novembre 2008

2 Kairòs Kairòs Centro abilitativo e socioeducativo per soggetti con DGS in età evolutiva Kairòs in greco significa "momento opportuno". Questa parola si riferisce al tempo e in special modo intende al "momento fra", cioè quel determinato periodo di tempo in cui qualcosa che cambierà lo stato attuale delle cosesta accadendo. Quell'istante in cui si apre una nuova porta e si deve avere la forza di attraversarla. Si può tradurre come momento propizio, opportunità.

3 Che cos è l autismo? disturbo dello sviluppo della funzione cerebrale, che condiziona e altera profondamente lutilizzazione corretta delle informazioni che giungono al sistema sensoriale nella sua globalità.

4 Triade sintomatologica mancanza di interessi o presenza di attività e interessi insoliti o estremamente limitati compromissione qualitativa dell interazione sociale problemi nella comunicazione verbale e non verbale e dellimmaginazione

5 Quali le cause? geni e fattori ambientali come virus o sostanze chimiche anomalie in diverse strutture cerebrali anomalie della serotonina o di altre molecole deputate alla trasmissione nervosa nel cervello.

6 Se una noxa patogena colpisce le aree sensoriali del sistema nervoso, gli stimoli ambientali verranno percepiti in maniera anomala e quel cervello non potrà raggiungere una organizzazione neurologica sufficientemente integrata. LAutismo è quindi un quadro clinico sostenuto da una noxa patogena che ha determinato una alterazione di più vie percettive che determinano a loro volta una anomala organizzazione neurologica.

7 DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE E DELLAPPRENDIMENTO NEL SOGGETTO AUTISTICO

8 La comunicazione E un processo costituito da un soggetto che ha intenzione di far sì che il ricevente pensi o faccia qualcosa. Diversi elementi concorrono a realizzare un singolo atto comunicativo: Emittente Ricevente Codice Canale Contesto Contenuto

9 La comunicazione non sempre "funziona"; questo dato viene confermato innumerevoli volte dalla nostra esperienza quotidiana. In situazioni particolari come i conflitti interpersonali, o anche quando sono in gioco patologie mentali la comunicazione diventa un'attività particolarmente difficile.conflitti patologie mentali

10 I bambini autistici hanno nel loro patrimonio genetico uno svantaggio che si traduce nella difficoltà di comunicare

11 Lincontro con un b. autistico è un incontro speciale perché ci costringe a mettere in gioco il nostro abituale repertorio comportamentale di comunicazione e di interazione che funziona con gi altri, ma non con loro. mette in crisi le nostre certezze. E una bella sfida quella che ci lancia il b. autistico: ci chiede di entrare in empatia profonda con lui anche se non abbiamo gli strumenti per farlo.

12 Lavorare con un soggetto autistico ci costringe ad uno sforzo di immaginazione

13 Chiudete gli occhi e immaginate:

14 Ma la cosa più difficile da capire per noi è che per questo b. ricorrere alla risorsa della comunicazione e dellinterazione con gli altri non è spontaneo, naturale e immediato.

15 I bambini con autismo hanno uno stile proprio di comunicazione e di relazioni sociali che segue un percorso differente.

16 Fasi dello sviluppo del linguaggio e della comunicazione nel bambino tipico e atipico

17 Di norma, un bambino comincia a produrre suoni vocalici entro i 2/3 mesi di vita. A 6 mesi di vita cominciano i primi scambi vocali (lallazione vocalica), ma già tra i 4-5 mesi compaiono le prime sillabe e ad 8 mesi compare il babbing. La comparsa delle prime parole è prevista entro i 12 mesi. Fra i 12 ed i 24 mesi, comincia a formarsi il vocabolario, costituito per lo più da parole bisillabiche, mentre la frase evolve dallo stadio "parola- frase" alla frase bitermine (soggetto-complemento, verbo-complemento). A 2 anni fa domande semplici, indica se stesso qui e adesso. A 3 anni, un bambino normale dovrebbe possedere già la frase "soggetto- verbo-complemento", un vocabolario di parole. Sa evocare altrove e in altro momento, domanda per chiedere informazioni. A 48 mesi adatta il suo linguaggio allinterlocutore.

18 Nel b. autistico prima dei 6 mesi rari suoni vocalici e spesso pianti difficili da interpretare. A 8 mesi nessuna imitazione dei suoni. A 12 mesi sono possibili parole. A 24 mesi appaiono e scompaiono parole, ma non presenti gesti comunicativi, non indica. A 36 mesi può ripetere le frasi, linguaggio non creativo, problemi di articolazione. A 48 mesi combinazioni di 2-3 parole, ecolalie. A 60 mesi nessuna comprensione di concetti astratti.

19 La comunicazione intenzionale è un comportamento segnale rispetto al quale lemittente conosce già a priori leffetto che il segnale avrà sul ricevente e persiste in quel comportamento sino a che non viene ottenuto leffetto desiderato o non sia chiaramente indicato il fallimento

20 1/. Esprimere i bisogni 2/. Esprimere bisogni specifici. 3/ Usate dei gesti 4/ Attenzione congiunta 5/Uso di informazione visiva per comunicare 6/ Lultima tappa di base della comunicazione è lusare le parole: Intonazione Uso di implicite Uso di pronomi Metafore e modi di dire Concisione, rilevanza Rispetto dei turni nel fare domande Considerazione del ruolo e degli interessi dellaltro nella conversazione

21 Dimensioni della comunicazione funzione modo o forma vocabolario tipi di significato o di categorie semantiche contesto

22 Funzioni: scopo per cui si comunica: ottenere attenzione richiedere rifiutare respingere commentare ottenere e dare informazioni esprimere sentimenti nei soggetti con autismo cè difficoltà a comunicare per scopi e funzioni differenziate

23 Forme Atti motori Gesti Immagini Sistema simbolico (linguaggio)

24 Categorie semantiche (significati) azioni persona: che fa, che desidera. a cui ci si rivolge,su cui si agisce, verso cui cè un sentimento oggetto: desiderato, sul quale si agisce, etichettato o descritto luogo, posizione propria, di altri, di un oggetto la stessa parola può rientrare in diverse categorie nei b. con autismo è più facile esprimere oggetto voluto, poi azione, difficoltoso persona agente (pronomi)

25 Contesti Perché un b. comunichi deve desiderare di comunicare, deve comprendere i nessi di causa effetto, deve avere qualcuno con cui comunicare, deve avere qualcosa da comunicare e degli strumenti per farlo.

26 PREREQUISITI FONDAMENTALI PER LA COMUNICAZIONE E LINGUAGGIO Collaborazione Attenzione Abilità di gioco: manipolazione di oggetti / gioco simbolico (imitazione differita) menomazione nelle abilità di gioco simbolico: difficoltà nelluso dei simboli (comunicazione non verbale, aspetti sociali e cognitivi, linguaggio) Abilità di turni i primi scambi comunicazionali Contatto oculare Guardare in faccia la persona: prerequisito per limitazione di gesti e movimenti della bocca Attenzione congiunta (6 – 8 mesi) Di risposta Attiva (iniziativa) Di richiesta La menomazione comporta: riduzione di informazioni generali e sociali, della capacità di condivisione sociale e riferimento allaltro, dellabilità nellorganizzazione degli stimoli Imitazione: Prerequisito fondamentale per la comunicazione e linguaggio e per molti altri apprendimenti. È un meccanismo per la trasmissione culturale e conoscenze. Facilita lapprendimento di comportamenti complessi. È alla base dellinterazione intersociale Nellinfanzia: garantisce lo scambio e la sincronia delle emozioni, facilita le prime interazioni menomazione specifica dellautismo, alterata già in b. piccoli, ritardo o percorso diverso? Ancora non si sa la menomazione in questarea comporta: Carenza di gesti comunicativi. Carenza di espressione del volto, Difficoltà nellintonazione della voce Motricità dellapparato fonatorio Intersoggettività

27 Difficoltà che è possibile incontrare IL BAMBINO PUO: Ripetere di continuo cose che voi dite Avere difficoltà a capire il contesto Parlare molto, anche da solo ma non usare il linguaggio per fare conversazione Può trovare difficile elaborare le informazioni che gli arrivano (cosa, dove, chi, dovè, perché…) Può usare il linguaggio in modo ripetitivo, facendo per esempio molte domande Può mostrare scarse capacità di conversazione Può monopolizzare la conversazione con lunghi monologhi Può cambiare frequentemente argomento Può ignorare le domande e dare risposte non pertinenti Può avere difficoltà a interpretare e utilizzare diverse espressioni facciali e toni della voce Può avere problemi con le metafore e altri linguaggi non letterali Può aver bisogno di seguire una routine

28 Caratteristiche Utilizzo di frasi intere senza comprendere tutte le parole utilizzate Non adattare il linguaggio ai contesti Parlare a lungo di un argomento senza accorgersi di poter essere noioso o cambiare argomento molto spesso Eloquio ripetitivo – ripetizione di domande senza interesse per la risposta Ignorare le domande o dare risposte non pertinenti Difficoltà nello spiegare le cose Difficoltà nellinterpretare le espressioni facciali e il tono della voce

29 Ecolalia ripetizione immediata o differita del linguaggio di altre persone,

30 nella comunicazione dei sogg con autismo che sviluppano il linguaggio, le difficoltà si riscontrano nella pragmatica, cioè la conoscenza delle regole sociali della comunicazione: la prosodia, la capacità di iniziare e sostenere una conversazione, luso corretto dei pronomi personali, luso del linguaggio adeguato al contesto contingente, lutilizzo e la comprensione del linguaggio figurato, di metafore, proverbi, dellironia e del sarcasmo.

31 Disturbi dellapprendimento Percezione ed attenzione:Nei bambini con autismo in genere cè una risposta anomala agli stimoli sensoriali caratterizzata dallelusione degli stimoli stessi e dallattenzione per aspetti inusuali o marginale. I punti di forza in questo campo invece sono la grande abilità nellelaborare informazioni visuo-spaziali, nel localizzare figure nascoste, nel costruire puzzle.

32 Memoria Capacità di memorizzare e di recuperare le informazioni: integra anche se con modalità particolari. Deficit di utilizzo di strategie mnestiche Ottima memoria automatica Abilità particolari

33 Difficoltà scolastiche intelligenza normalmente media o superiore alla media · buon richiamo di informazioni fattuali · l'area di difficoltà comprende scarsa capacità di risoluzione dei problemi, problemi di comprensione e difficoltà con i concetti astratti · Spesso bravo nel riconoscimento delle parole e può imparare a leggere molto presto ma ha difficoltà con la comprensione · Può andare bene nei calcoli matematici ma ha difficoltà con la risoluzione dei problemi

34 Ristretto campo di interessi Poca concentrazione Spesso fuori tema · distratto · può essere disorganizzato · difficoltà a mantenere l'attenzione Poca abilità organizzativa Difficoltà col linguaggio · Tendenza a fare commenti irrilevanti · Tendenza a interrompere · Tendenza a parlare su un argomento ed a parlare sui discorsi degli altri · Difficoltà a comprendere il linguaggio complesso, seguire direzioni e comprendere l'intento di parole con significati multipli ·

35 STILI DI COMUNICAZIONE CON I RAGAZZI AUTISTICI Usa solo parole necessarie Fornisci tutte le informazioni possibili Sii positivo Evita il sarcasmo


Scaricare ppt "COMUNICAZIONE E APPRENDIMENTO NEI SOGGETTI CON DGS 18 Novembre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google