La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROPOSTA PROGETTO SPERIMENTALE DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA UNITA DI CURE PRIMARIE UNITA DI CURE PRIMARIE DISTRETTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROPOSTA PROGETTO SPERIMENTALE DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA UNITA DI CURE PRIMARIE UNITA DI CURE PRIMARIE DISTRETTO."— Transcript della presentazione:

1

2

3 PROPOSTA PROGETTO SPERIMENTALE DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA UNITA DI CURE PRIMARIE UNITA DI CURE PRIMARIE DISTRETTO DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA DISTRETTO DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA E DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE- E DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE- UO PROFESSIONALE INFERMIERISTICA

4

5 Nellunico studio di popolazione realizzato in Italia a Sesto Fiorentino (FI) la prevalenza annua dei Disturbi d Ansia è risultata del 8% degli utenti dei MMG

6 Il peso della disabilità indotta dai Disturbi dAnsia e quindi dei costi, diretti ed indiretti (Disability Adjusted Life Years), da loro determinati è – nellambito dei disturbi psichici – inferiore soltanto a quello della Depressione e quattro volte superiore a quello della Schizofrenia, a causa della loro maggiore diffusione nella popolazione.

7 Il PSRT prevede per la Salute Mentale la ricerca di forme nuove di trattamento, e di promuovere e sostenere nei servizi la cultura ad operare sulla prevenzione primaria e secondaria e a lavorare per progetti di guarigione, anche con lo sviluppo di percorsi sperimentali.

8 La proposta quindi è di sperimentare, per la durata di un anno, una integrazione funzionale tra lUnità di Cure Primarie (UCP) del Distretto Socio-Sanitario di Civitella in Val di Chiana ed il DSM-UO Professionale Infermieristica per un supporto alla UCP nella cura dei Disturbi dAnsia.

9

10

11

12

13 LInfermiere utilizzerà per la cura la tecnica psico-educativa e cognitivo-compartamentale già sperimentata e si avvarrà dello stesso specialista psichiatra-psicoterapeuta che ne ha supervisionato loperatività in questi anni. Questa supervisione faciliterà eventuali adattamenti tecnici che dovessero essere introdotti per corrispondere alle caratteristiche dellutenza distrettuale.

14 Di norma lapproccio di cura sarà in gruppo (8-10 utenti), secondo il metodo psico-educativo e cognitivo- comportamentale. Gli utenti saranno omogenei per diagnosi e per durata dei disturbi; potranno essere in terapia farmacologia oppure no, secondo il giudizio del MMG curante che ne manterrà la presa in carico e sarà in collegamento stabile con lInfermiere e con il suo Supervisore.

15 Questo progetto sperimentale avrebbe quindi il fine, a lungo termine, di rafforzare il rapporto del DSM con i MMG ed i Distretti, utilizzando le risorse dellUCP ma anche iniziando a darle alcune risorse del DSM, valorizzandone le competenze infermieristiche. Il progetto integrerebbe inoltre laltra iniziativa parallela del DSM – già programmata e recepita dalla Direzione Aziendale - di offrire uno specifico e potenziato servizio di consulenza specialistica psichiatrica e psicologica agli stessi MMG.

16 Risultati E stato assicurato un accesso a settimana dal 21 giugno 2007 dallInfermiera Prof.le Erica Elisei dellUnità Funzionale Salute Mentale di Arezzo, esperta nella cura educativa e cognitivo-comportamentale dei Disturbi dAnsia secondo il metodo di Gavin Andrews, applicato da anni presso il Centro per la Cura dei Disturbi dAnsia di Arezzo, e dal dr. Paolo Martini, psichiatra- psicoterapeuta esperto nella tecnica in oggetto, in qualità di supervisore volontario. LInf.ra Prof.le ed il Supervisore hanno tenuto rapporti costanti con i medici dellUCP, che hanno mantenuto la piena titolarità della presa in carico dei loro pazienti, ed hanno partecipato a tre incontri con il gruppo di lavoro dellUCP per limpostazione ed il monitoraggio delle attività.

17 39 accessi settimanali di cinque ore 234 prestazioni individuali e di gruppo 234 prestazioni individuali e di gruppo 3 gruppi terapeutici : - uno educativo cognitivo-comportamentale ancora in atto con nove pazienti - uno educativo e di rilassamento muscolare progressivo con tre pazienti, già terminato - uno educativo e di rilassamento muscolare progressivo con sei pazienti in atto

18 19 pazienti attualmente in trattamento 1 paziente soltanto ha sospeso il tt dallinizio delle attività 7 hanno concluso il trattamento 12 hanno avuto un supporto farmacologico

19

20 In un mondo dove si corre sempre di più le relazioni interpersonali diventano sempre più superficiali e, l'essere umano, sociale per natura, viene privato di questa sua peculiarità. Ciò provoca ansia e frustrazione. Siamo sempre più soli e depressi. Il momento di aggregazione fornito in questo esperimento ha riscosso successo ed entusiasmo tra i pazienti. Dobbiamo chiederci,dunque, perchè una cosa naturale per l'essere umano ( il momento di aggregazione) deve essere fornita come cura ? Perchè abbiamo dimenticato quei valori sociali quali l'amicizia, la fiducia in noi stessi e nel prossimo e perso quei momenti di aggregazione e confronto che sono stati sempre momenti di terapia di gruppo naturali?

21 Forse spetta a noi medici non ricondurre tutto ad un atto medico ma spiegare che, in fondo,certi stati dell'essere possono essere riequilibrati facendo un passo indietro. Spetta a noi medici perchè tutti gli altri soggetti deputati a ciò si sono persi nell'evoluzione della società e nella sua si sono persi nell'evoluzione della società e nella sua crisi di crescita.

22 Forse basta un sorriso a chi ti sta accanto per trasmettergli felicità e sicurezza grazie


Scaricare ppt "PROPOSTA PROGETTO SPERIMENTALE DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA DI INTEGRAZIONE FUNZIONALE TRA UNITA DI CURE PRIMARIE UNITA DI CURE PRIMARIE DISTRETTO."

Presentazioni simili


Annunci Google