La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Università degli Studi di Pavia Corso di Laurea in Comunicazione Interculturale e Multimediale Laboratorio di Comunicazione Sindacale Introduzione alla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Università degli Studi di Pavia Corso di Laurea in Comunicazione Interculturale e Multimediale Laboratorio di Comunicazione Sindacale Introduzione alla."— Transcript della presentazione:

1 1 Università degli Studi di Pavia Corso di Laurea in Comunicazione Interculturale e Multimediale Laboratorio di Comunicazione Sindacale Introduzione alla Comunicazione Sindacale di Marco Ferraresi Pavia, 27 novembre 2008

2 2 Attenzione, non perdetevi questi incontri perché… non ci sono altri corsi o laboratori sulla comunicazione sindacale in tutto il resto dItalia, perlomeno a livello universitario Al più, troverete qualche iniziativa sindacale rivolta ai propri dipendenti… 1) Questo è strano e vedremo perché 2) Dunque è una disciplina nuova sul piano scientifico e didattico

3 3 Altresì non perdetevi questi incontri perché… non solo non troverete altri corsi… ma non troverete nulla da leggere in materia! Questo laboratorio rischia di essere lunica fonte ragionata degli argomenti in tema di Comunicazione Sindacale potrebbe benissimo chiamarsi Istituzioni di Comunicazione Sindacale se non avesse questo taglio pratico, di esperienza, di testimonianza

4 4 Coerentemente alla sua natura di laboratorio questi incontri mirano infatti: 1) a fornirvi alcune testimonianze di esperti (sindacalisti, giuristi, ricercatori…e anche artisti!) 2) a farvi sperimentare la comunicazione sindacale (ad es. attraverso brevi esercitazioni di gruppo)

5 5 PREMESSA La frequenza è obbligatoria a TUTTE le lezioni

6 6 ACHTUNG BITTE!!! UNICO APPELLO ALLA FINE DEL CORSO Commissione composta dal sottoscritto e dalla dott.ssa Elena Maga che coordina il corso

7 7 Comunicazione - Sindacale Sulla comunicazione sapete molte cose Sul fenomeno sindacale magari qualcosa meno… per cui occorre presentare e spiegare alcuni concetti che ci faranno capire perché ha senso ed è importante una serie di incontri sulla comunicazione sindacale

8 8 Il mio fine è questo: dimostrarvi che il sindacato per sua natura e per le attività che svolge vive in gran parte di comunicazione Dunque ha bisogno di professionisti della comunicazione In verità attualmente ne ha pochi… ma voglio anche fare una scommessa… in futuro (futuro spero prossimo) ne cercherà di più! Si può inoltre valutare la possibilità di stages presso organizzazioni sindacali

9 9 Cosè un sindacato? E una organizzazione di individui, strutture e strumenti finalizzata (principalmente) alla tutela dei lavoratori e dei loro interessi

10 10 Quando nascono i sindacati? Le prime forme di associazioni professionali sono le corporazioni medioevali, che erano però cose ben diverse: 1) comprendevano sia i titolari delle attività sia i loro dipendenti 2) disciplinavano in via esclusiva l accesso alla professione e le condizioni per la permanenza o per l espulsione (natura per così dire pubblica, un po come gli attuali ordini professionali) 3) dunque lappartenenza ad esse era obbligatoria per poter esercitare una certa professione

11 11 I sindacati cui facciamo riferimento oggi sono invece quelli che derivano dai conflitti sociali seguiti alla Rivoluzione industriale (fine 700 in poi) I primi (trade unions) si sviluppano in Inghilterra

12 12 Finalità: 1) coalizzano i lavoratori (subordinati) per rimediare a livello collettivo alla debolezza socio-economica dei singoli prestatori di lavoro nei confronti dei padroni (funzione di coalizione e di solidarietà di classe)

13 13 2) cercano di contrattare condizioni di lavoro dignitose per tutti i loro rappresentati, stipulando i cosiddetti contratti collettivi, che si rivolgono a tutti i datori di lavoro e a tutti i lavoratori di una determinata categoria produttiva (funzione di negoziazione collettiva)

14 14 3) promuovono se del caso azioni di protesta (come lo sciopero, che è unastensione dal lavoro per rivendicare un interesse comune) (funzione di lotta sindacale)

15 15 4) si propongono anche di creare forme di solidarietà in caso di malattia, infortunio, invalidità, vecchiaia (oggi in particolare attraverso i c.d. enti bilaterali) (funzione previdenziale e assistenziale)

16 16 5) In molti casi, certamente anche in Italia, il sindacato ha svolto, e talvolta svolge, una funzione politica: a) in un senso buono: funzione di concertazione con le pubbliche istituzioni (governo, pubblica amministrazione, enti locali) b) in un senso cattivo: commistione di denaro e di personalità a cavallo tra partiti e sindacati, pregiudicando la credibilità di questi ultimi

17 17 Ma oggi non solo il sindacato fa tutte queste cose tradizionali… ne fa anche molte altre! 6) Svolge funzioni amministrative, aiutando il cittadino a disbrigare pratiche fiscali (es. dichiarazione dei redditi) o previdenziali (informando e indirizzando agli uffici): si pensi ai CAF e ai patronati

18 18 …e ancora 7) Svolge attività di collocamento, aiutando nella ricerca di un lavoro (specie dopo la fine del regime di monopolio pubblico del collocamento), dunque mettendo in contatto con le imprese 8) Svolge una funzione formativa a favore dei propri dipendenti e di tutti i lavoratori iscritti al sindacato, specie sulle tematiche del lavoro (ma non solo) 9) Svolge una funzione ricreativa, organizzando eventi e manifestazioni culturali

19 19 10) Svolge una funzione di conciliazione delle controversie che possono nascere allinterno di un rapporto di lavoro (mediante commissioni di conciliazione, insieme a rappresentanti dei datori di lavoro) 11) Svolte unattività di patrocinio legale, aiutando il lavoratore a sostenere le spese legali per la consulenza-assistenza di un avvocato in sede giurisdizionale, specie nelle cause di lavoro

20 20 12) Svolge una funzione in alcuni casi para-legislativa, nel senso che la legge demanda la definizione di parti della disciplina giuridica dei rapporti di lavoro alle parti sociali (ad es. giorni di ferie, periodo di preavviso in caso di licenziamento, ecc.)

21 21 13) Svolge unattività di promozione della cultura del lavoro, della dignità dei lavoratori e della responsabilità socio-ambientale delle imprese 14) Svolte una funzione di integrazione dello straniero, per es. aiutando gli immigrati in tutti gli adempimenti (es. rinnovo permesso di soggiorno) oppure organizzando corsi di lingua, reperendo abitazioni, ecc. 15) Svolge più in generale unattività di promozione di valori (pace, tolleranza, accoglienza dei più deboli, ecc.)

22 22 ! Si badi che, sino ad ora, abbiamo fatto riferimento unicamente ai sindacati dei lavoratori. In realtà, dopo di essi e come forma di reazione, sono nati anche sindacati dei datori di lavoro, che in una certa misura svolgono le stesse funzioni. E infine esistono sindacati anche di professionisti, che ne tutelano gli interessi economici e sociali

23 23 Forse comincerà a venirvi il dubbio che saper comunicare è una cosa importante per il sindacato… …visto il tipo di funzioni che normalmente svolge… Ma ci accorgeremo ancor più di questa importanza se guardiamo un poco a come è strutturato il sindacato (ci riferiamo al sistema italiano)

24 24 La nostra Costituzione, dicendo (art. 39) cheLorganizzazione sindacale è libera, pone un principio di libertà sindacale, che comporta alcuni corollari: - libertà di svolgere attività sindacale (che si sostanzia nelle funzioni già viste) - libertà del sindacato di costituirsi e strutturarsi come meglio crede - libertà dei singoli individui di iscriversi o non iscriversi a uno o più sindacati

25 25 Libertà di costituirsi e strutturarsi I sindacati italiani, specie quelli storici (CGIL, CISL, UIL), hanno una struttura estremamente articolata (che cioè si dispiega su molti livelli): -livello interconfederale (si sforza di coordinare gli interessi di tutte le categorie) - la confederazione comprende le singole federazioni, per ogni categoria produttiva -le federazioni sono organizzate a livello nazionale, regionale, provinciale, zonale e infine di singola azienda - questi sindacati inoltre aderiscono a sindacati europei o, addirittura, internazionali

26 26 ESEMPIO della CISL Struttura orizzontale a) CISL è la confederazione, con diverse UST (unioni sindacali territoriali), per coordinare gli interessi di tutte le categorie, di tutti i lavoratori Struttura verticale b) Ci sono le diverse federazioni di categoria (pure strutturate sul territorio): Cisl-Fim per i metalmeccanici, Cisl-Fit per i trasporti, Cisl Medici, Cisl Filca per costruttori e affini A livello aziendale ci sono le RSA c) la CISL aderisce al CES e allICFTU d) altre strutture: INAS-CISL, CAAF-CISL, IAL-CISL e) strutture soggettive: Cisl per i giovani, le donne, gli immigrati, i pensionati, ecc.

27 27 Come avrete notato, sono strutture molto complesse, tutte integrate in ununica Confederazione : questo implica un impegno di coordinamento, di capacità di comunicazione interna, non indifferente…

28 28 Accanto ai sindacati storici (i più antichi e numerosi per numero di iscritti), esistono anche altre organizzazioni sindacali che per distinguersi prendono il nome di sindacati autonomi (si pensi ai COBAS o alla CONFSAL) Ma anche questi sono spesso organizzati per territorio e per categorie e assumono una struttura confederale, che abbraccia tutte le categorie di lavoratori (a differenza del sistema anglosassone che privilegia invece il sindacalismo di mestiere) Poi ci sono i sindacati storici dei datori di lavoro (es. Confindustria, Confcommercio…)

29 29 Dicevamo anche unaltra cosa importante… la libertà dei lavoratori di aderire o non aderire ad un sindacato. Questo comporta una conseguenza pratica: il sindacato, se vuole essere davvero rappresentativo, ha bisogno di reclutare iscritti… Più è rappresentativo, più è forte, più diventa un interlocutore necessario in ogni vertenza sindacale Ma, banalmente, per ottenere iscritti occorrono campagne di tesseramenti, ove è fondamentale saper comunicare Si consideri inoltre che le tessere sono tra le più importanti fonti di finanziamento del sindacato

30 30 I sindacati storici hanno centinaia di migliaia di iscritti Come è facile intuire anche il rapporto con i propri iscritti è importante Comunicare con così tante persone richiede un dispiegamento di professionalità e di mezzi non irrilevante

31 31 In questo incontro introduttivo allora è bene focalizzare alcune cose: 1) Il sindacato deve saper comunicare al proprio interno, tra le varie strutture 2) Il sindacato deve saper comunicare con i propri iscritti 3) Il sindacato deve saper comunicare con chi non è (ancora) iscritto 4) Il sindacato deve saper comunicare con i datori di lavoro 5) Il sindacato deve saper comunicare con gli altri sindacati 6) Il sindacato deve saper comunicare con lopinione pubblica 7) Il sindacato deve saper comunicare con le istituzioni politiche 8) Il sindacato deve saper comunicare con la P.A. 9) Il sindacato deve saper comunicare con le associazioni in genere 10) Il sindacato deve saper comunicare con persone di diversa cultura ed estrazione sociale 11) Il sindacato deve saper comunicare concetti e contenuti di alto valore morale …può bastare???

32 32 E un ambito di comunicazione assai più complesso ad es. di un partito politico o di unassociazione culturale La Comunicazione Sindacale richiede allora studi specifici e approfonditi

33 33 Tanto spiegato su cosa dire e su a chi dirlo, si pone il problema del come dirlo, che è il problema specifico degli strumenti, dei mezzi della comunicazione sindacale E la questione cioè delle tecniche di comunicazione sindacale

34 34 In questo laboratorio si concentrerà lattenzione particolarmente sulle tecniche di comunicazione sindacale, ma, attraverso queste, i relatori di volta in volta lasceranno trasparire anche cosa concretamente dice il sindacato e a chi lo dice

35 35 In questi dieci incontri si succederanno una varietà di relatori (il che è unaltra peculiarità di questo laboratorio, la varietà cioè delle testimonianze)

36 36 Eccoci dunque alla presentazione degli argomenti degli incontri: Gli strumenti tradizionali di comunicazione sindacale Relatore: Elena Maga, sindacalista CISL-Scuola e coordinatrice del Laboratorio

37 37 Tra le tecniche tradizionali rientrano ad es. volantini e manifesti (il relatore ci mostrerà anche come si compongono)

38 38 La stampa sindacale Relatori Elena Maga, sindacalista CISL-Scuola

39 39 L effetto-annuncio come mezzo di lotta sindacale Relatore Marco Ferraresi, ricercatore di diritto del lavoro

40 40 Comunicazione sindacale e fenomeno migratorio Relatore Barbara Gattone, laureata CIM in comunicazione sindacale

41 41 Comunicazione sindacale a fumetti Relatore Marco Cattaneo, fumettista e sindacalista SILF-CGIL

42 42 Lo sciopero virtuale ultima frontiera della comunicazione sindacale Relatore Fabrizia Santini, ricercatrice di diritto del lavoro nellUniversità del Piemonte orientale

43 43 Il film sindacale Relatore Prof. Nuccio Lodato – Storico del cinema

44 44 La fotografia sindacale Fondazione culturale Vera – Nocentini

45 45 Il sindacato dei datori di lavoro ed internet Associazione industriali

46 46 Si è trattato di una scelta. Altri argomenti oggetto di questa materia: - gli studi socio-linguistici sul linguaggio sindacale (sindacalese) - le tecniche della contrattazione collettiva - la canzone sindacale

47 47 Grazie a tutti e al prossimo incontro!!! Potete scrivermi allindirizzo


Scaricare ppt "1 Università degli Studi di Pavia Corso di Laurea in Comunicazione Interculturale e Multimediale Laboratorio di Comunicazione Sindacale Introduzione alla."

Presentazioni simili


Annunci Google