La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 FILOSOFIA DELLA MENTE Giacomo Romano a. a. 2007/2008: II° Quarto, Modulo 2 Searle e il Naturalismo Biologico 12/12/07.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 FILOSOFIA DELLA MENTE Giacomo Romano a. a. 2007/2008: II° Quarto, Modulo 2 Searle e il Naturalismo Biologico 12/12/07."— Transcript della presentazione:

1 1 FILOSOFIA DELLA MENTE Giacomo Romano a. a. 2007/2008: II° Quarto, Modulo 2 Searle e il Naturalismo Biologico 12/12/07

2 2 Mentale e dipendenza causale Per Searle il mentale è una proprietà di livello superiore del cervello generata da elementi di livello inferiore (neuroni & Co.) Ma come si può parlare di causazione quando non cè effettivamente un rapporto tra due eventi differenti, bensì tra eventi appartenenti a due livelli differenti? Non è pertinente parlare di dipendenza causale della liquidità dalle molecole dacqua; si tratterebbe di una idiosincratica nozione di causalità

3 3 Naturalismo biologico, causalità ed epifenomenismo Se la relazione di causazione può essere valida a livelli differenti, allora è interteoricamente riducibile Se è una specifica forma autonoma di causazione interteorica, allora, o si accetta una forma di dualismo, di sovradeterminazione causale, oppure di epifenomenismo: non cè scampo. Cè una confusione tra il piano ontologico (causale) e il piano descrittivo (dei livelli (cfr. p. 5)

4 4 Coscienza e neurobiologia Sono i processi neurobiologici (ai microlivelli dei neuroni, delle sinapsi, ecc.) a causare gli stati coscienti Il problema è che di questo rapporto di causazione non si sa praticamente nulla Lipotesi di un rapporto di causazione tra entità neurobiologiche e proprietà cerebrali di ordine superiore suscita sospetti dualistici

5 5 La coscienza: definizione La parola coscienza si riferisce a quegli stati di sensibilità e consapevolezza che caratteristicamente iniziano quando ci svegliamo da un sonno senza sogni e continuano fino a quando andiamo nuovamente a dormire, o cadiamo in un coma o moriamo, o in qualche modo diveniamo incoscienti (p. 3) E un fenomeno interiore, di prima persona e qualitativo, relativo alla sfera privata

6 6 Neurobiologia e soggettività Come possono i processi neurobiologici, che sono localizzabili in una dimensione oggettiva, causare stati che si individuano in una dimensione soggettiva, privata, interiore e qualitativa? I processi neurobiologici hanno proprietà differenti, tra queste anche le proprietà che identificano la coscienza

7 7 Coscienza e informazione Ma perché non è possibile identificare i processi coscienti come i possibili veicoli di una qualche particolare varietà di informazione (come ad esempio nelle teorie cognitive della coscienza)? Il fatto è che lidentificazione di una attività mentale (cognitiva) in una trasduzione di informazione è sempre relativa e dipendente dallattività di soggetti terzi, quindi non può essere assunta come caratterizzante proprietà qualitative ed intrinseche

8 8 Lintrinsecità della coscienza La coscienza è intrinseca nel senso che: io sono cosciente indipendentemente da ciò che chiunque altro pensa (p. 12). Le computazioni, fatta eccezione per alcuni casi, non possono essere indipendenti rispetto allattività cognitiva di chi le ha concepite Le computazioni sono sempre relative ad una qualche forma di interpretazione

9 9 Coscienza ed emergenza Searle descrive la coscienza anche, eventualmente, come una proprietà emergente delle attività neurobiologiche Nessuna delle particelle (o sub-particelle) di cui è composto un cervello può essere, individualmente, cosciente: ma tutte insieme nel loro complesso fanno emergere le proprietà coscienti di un cervello

10 10 Coscienza, cervello ed emergenza Le proprietà emergenti che caratterizzano la coscienza, note fino ad oggi, sembrano esser caratteristiche solamente di alcune strutture neurofisiologiche, come per lappunto i cervelli umani, che causano stati coscienti Ma lidea di una stretta correlazione tra strutture neurobiologiche e stati coscienti è contraria al conformismo latentemente anti-naturalistico delle teorie computazional/rappresentazionali

11 11 Cervello e causazione del mentale Proprio la natura della teoria computazionale/rappresentazionale nega (o sembra negare) che vi sia un rapporto di causazione tra stati fisici (cerebrali) e stati mentali Searle interpreta lipotesi computazionale rappresentazionale (quella legata all IA forte) come una forma di dualismo

12 12 LIA come una versione di dualismo Secondo la teoria C/R infatti, gli stati mentali, in quanto computazioni, sono delle operazioni simboliche astratte, che non hanno una presa diretta con il cervello Invece, se si parte dal fatto che la mente- coscienza è un fenomeno naturale, come la digestione o la sudorazione, se ne deve necessariamente ritenere il cervello come causa

13 13 Meccanismi di causazione cerebrale Vista la particolare relazione di causalità che sussiste tra cervello e stati coscienti, siamo in grado di individuare nel dettaglio i meccanismi che generano la coscienza? No, non abbiamo alcuna idea di come effettivamente funzionino questi meccanismi, se a livello subneuronale oppure ad altre dimensioni; il massimo che possiamo ottenere al momento è la localizzazione dei correlati neuronali degli stati coscienti (cfr. Crick)

14 14 Correlati neuronali e causazione della coscienza Forse con lindividuazione dei correlati neuronali della coscienza è possibile riuscire ad individuare anche dei correlati causali (di cui però ignoreremmo i meccanismi) Lipotesi di fondo da cui partire è sempre quella per cui il sistema nervoso centrale CAUSA stati coscienti (-ma come facciamo davvero a saperlo?)

15 15 Arretratezza della neurobiologia A rendere difficile la possibilità di capire nel dettaglio i meccanismi della relazione causale cervello/coscienza è lassenza di una teoria scientifica unitaria del cervello Solamente nella ricerca sulla coscienza fondata sullapproccio tramite linconscio si è visto un qualche progresso (in particolare negli studi di blind-sight: cfr. pag. 164)

16 16 Gap oggettivo/soggettivo Lo sviluppo di una adeguata teoria scientifica neurobiologica potrebbe effettivamente spiegare le modalità di generazione di stati coscienti intrinseci, qualitativi, interni, da stati neurobiologici oggettivi Una neurobiologia avanzata sarà in grado di fornirci anche i presupposti di una scienza della coscienza (ma Searle non ci offre neppure un indizio su come questa scienza potrà svilupparsi!)


Scaricare ppt "1 FILOSOFIA DELLA MENTE Giacomo Romano a. a. 2007/2008: II° Quarto, Modulo 2 Searle e il Naturalismo Biologico 12/12/07."

Presentazioni simili


Annunci Google