La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINGUAGGI ARTISTICI DIGITALI LEZIONE IV 18 MAGGIO 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINGUAGGI ARTISTICI DIGITALI LEZIONE IV 18 MAGGIO 2009."— Transcript della presentazione:

1 LINGUAGGI ARTISTICI DIGITALI LEZIONE IV 18 MAGGIO 2009

2 MANIPOLAZIONE > Le caratteristiche dei prodotti artistici computazionali (Manovich) permettono un alto livello di manipolazione > Le tecnologie computazionali permettono una maggiore diffusione, e una facile riproduzione dei contenuti veicolati > Implicazioni per quanto riguarda il copyright > Code is Law, DRM > Fenomeni contro le limitazioni dei copyright: Creative Commons, GNU, Copyleft > Remix Culture, Cut&Paste, Mash-ups > Manipolazione di risorse ambientali

3 Fattori tecnologici: > Caratteristiche dei nuovi media (Manovich): rappresentazione numerica / modularità / automazione / variabilità / transcodifica > Aumento potenza dei processori (Legge di Moore) > Diminuzione della grandezza dei supporti di memoria rispetto alle capacità di memorizzazione > Crescente velocità di trasmissione > Aumento del numero, della potenza, e della facilità di uso degli strumenti che permettono la copia e la manipolazione dei contenuti digitali

4 Processi concomitanti: > Tecnologie computazionali: permettono sempre più lo sviluppo di una free culture, e una maggiore flessibilità per quanto riguarda il consumo e lultilizzo dei prodotti artistici > Sistema legislativo: sempre più limitante, spinto dalla pontenza economica e politca delle multinazionali, produttrici e distributrici di contenuti artistici > Risultato: maggiore libertà ma anche maggiore controllo e regolamentazione del consumo dei prodotti artisici

5 PROTEZIONE > Copyright: nato (in Inghilterra nel XVI secolo) per proteggere i contenuti artistici, per evitare che altri potessero copiare, riappropriare e vendere tali contenuti (stampa) > Nacque più a favore delle imprese che acquistavano il diritto di copiare e distribuire tali contenuti, che degli artisti che li creavano > Esigenza data dallo sviluppo tecnologico e mediale > Creazione di potenti lobbies che distribuiscono i contenuti artistici

6 > Il Copyright dura un certo periodo di tempo, che aumenta sempre di più. Dal 1790 al > 32 anni (16 anni rinnovabili se lautore era ancora in vita). Dopo, il contenuto era di dominio pubblico > Dal 1992: il copyright dura 95 anni, senza bisogno di rinnovarlo (negli Stati Uniti). > La legislazione del copyright (o diritto dautore) non è universale e varia da stato a stato, anche se sta a mano a mano convergendo verso ununica legislazione. In ogni caso, la durata del copyright è aumentata in generale (dipende anche dal tipo di contenuto) > Il copyright, sotto la forma di brevetto, si applica anche alle tecnologie stesse, anche se il campo del software la legislazione è frammentata (per esempio, in Europa non si può brevettare)

7 > La maggior parte delle industrie creative si è sviluppata grazie al libero accesso ai - e alla manipolazione di - contenuti artistici già esistenti (cosa avrebbe fatto la Disney senza le storie dei fratelli Grimm?) > Cultura libera non vuol dire cultura gratuita. Significa avere libero, e facile, accesso a codesta cultura, che diventa il punto di partenza per lo sviluppo della cultura stessa > Le tecnologie computazionali facilitano la cultura libera ma --> spaventano le lobbies: perdita di controllo, diminuzione introiti > Cultura: oligopolio, atteggiamento conservatore > Diverse battaglie legali per controllare la diffusione di contenuti protetti da copyright, spesso vinte dalla parte più conservatrice (caso di MP3.com nel 2000)

8 > Il campo di cui si parla di più per le battaglie legali e il problema del copyright e quello musicale > Caso Sing Sing (Siena) --> club, prestito CD > Sviluppo delle tecnologie peer-to-peer --> permettono la condivisione di files di ogni tipo, ma che vengono usate soprattutto per musica (e film) > Napster, Gnutella, Kazaa, eMule, Bit Torrent > La tecnologia ha introdotto nuove modalità di accesso ai contenuti artistici che hanno reso la definizione di copyright meno semplice e lineare > Difficile seguire la distribuzione dei contenuti artistici attraverso Internet

9 > Molte denunce ad individui, per incutere terrore e cambiare la legge a favore della protezione del copyright. Oggi, stanno diminuendo > MPAA (film, USA), RIAA (musica, USA), SIAE (musica, Italia): Associazioni che proteggoni i diritti di copyright - sono loro perlopiù che portano avanti la lotta contro la pirateria Cosè la pirateria?

10 > Pirateria --> prendere un prodotto artistico senza il permesso di chi ne detiene il copyright Chi ne detiene il copyright?

11 > Copyright --> accordo tra artista e distributore. Di solito, lartista ha il copyright sullidea, e il distributore sul prodotto finito e distribuito (caso di stampa e musica) > Reazione degli artisti al dibattito sul copyright --> frammentata (es. Madonna vs Radiohead) > Generale confusione sul futuro del mercato discografico (anche rispetto a quello cinematografico) > I cambiamenti però vanno riconosciuti ed accettati - cosa che tale mercato non riesce a fare (cosa dovrebbe dire la Kodak rispetto alla diffusione delle macchine fotografiche digitali?)

12 > Persone che scaricano: > Scaricano un CD invece di comprarlo al negozio > Cercano diversa musica per capire cosa comprare > Scaricano materiale non reperibile nei negozi > Scaricano materiale che si può condividere > Il mercato dei CD sta sprofondando: è colpa della pirateria?

13 > Uno dei motti della lotta contro la violazione del copyright: Ruberesti un oggetto materiale? (original) (parodia) (parodia2) E LA STESSA COSA RUBARE UN DVD E SCARICARE UN VIDEO?

14 > A parte la legge, le grandi multinazionali utilizzano anche la tecnologia stessa Lessig: Code is Law COSA VUOL DIRE?

15 > Le tecnologie computazionali vengono strumentalizzate a favore della protezione del copyright. > Non permessi, ma imposizioni. Il copyright diventa un concetto arbitrario imposto attraverso il mezzo tecnologico

16 > DRM - Digital Right Managemet > Encryption algorithms > Processo arbitrario, diversi tipi di tecnologia DRM, introdotta da diverse società a seconda delle esigenze. Esempio: Microsoft Zune --> le canzoni possono essere condivise, ma si possono ascoltare tre volte, dopodichè se non vengono comprate vengono automaticamente eliminate dal sistema (fake p2p) > Molti siti che vendono musica online (come eMusic), non usano DRM > Alcune società hanno deciso di eliminare il DRM (come la EMI) sostenendo che i costi della tecnologia non valgono i scarsi risultati? PERCHE?

17 > Perché le tecnologie computazionali hanno una proprietà fondamentale: sono facilmente manipolabili (assumendo un certo livello di competenze tecniche) > Tutte le forme di DRM ed encrypting possono essere modificate ed annullate > Tutti i sistemi p2p che vengono chiusi possono essere riprodotti in diverse forme > E un processo impossibile da fermare

18 > Necessità di accettare il continuo cambiamento del panorama mediale, velocizzato dal progresso tecnologico > Definizione di nuovi modelli di accesso e condivizione dei contenuti artistici, di protezione dei diritti dautore, e di compensazione degli artisti > Per quanto riguarda la musica, la compensazione avviene sempre meno (soprattutto per i musicisti emergenti) dalla vendita di dischi, e sempre di più dai ricavi di concerti, vendita gadget e così via. Tendenze: artists-bands-pirated-cds-free-downloads-songs-internet-piracy.htm (articolo) (Danger Mouse, Sparklehorse & David Lynch)

19 > Diversi movimenti a favore di una cultura libera, e contro le restrizioni del copyright > Tentativo: rendere più libero lo sviluppo della cultura, e più ricco il dominio culturale pubblico > Generale: Copyleft, Creative Commons, Electronic Frontier Foundation > Software: GNU

20 Richard Stallman – The GNU Manifesto (1984) Termine free software --> spesso incompreso. Non ha niente a che vedere con gratuito, ha a che fare invece con libertà. Questa è la definizione di free software: Un programma è free se l'utente: > Ha la libertà di usarlo per qualsiasi proposito > Ha la libertà di modificare il programma piegandolo ai suoi bisogni. (per questo deve avere accesso al codice sorgente del programma). > Ha la libertà di copiarlo e distribuirlo gratis o dietro compenso > Ha la libertà di far circolare copie da lui modificate di quel programma così che la comunità trae benefici dalle sue modifiche. Non c'è contraddizione nel vendere software libero.

21 > Open Source --> primo esempio di licenza Copyleft (all rights reversed), che si può applicare anche ad altri tipi di contenuti > Electronic Frontier Foundations --> associazione che protegge i diritti non solo degli artisti, ma anche dei consumatori nellera digitale. Obiettivo: sostenere la freedom of speech. Azioni sia legali, che educazionali (analisti, avvocati, attivisti, ingegneri etc). > Creative Commons --> sistema di licenze per cui sta allautore decidere i privilegi di accesso, condivisione e modifica che vuole cedere agli utenti. Lessig è uno dei fondatori e maggiori esponenti del movimento

22 Tipi di licenze: > Attribution (by) --> lautore deve essere citato quando il contenuto viene riprodotto > Share-alike (sa) --> copyleft: tutti i lavori derivati devono avere la stessa licenza > No derivatives (nd) --> il prodotto artistico non può essere modificato > Non-commercial (nc) --> il prodotto artistico non può essere venduto Tutte le lincenze hanno come dirtto di base quello di ridistribuire il prodotto artistico per scopi non commerciali, senza modifiche.

23 > Creative Commons --> movimento attivista Incoraggia a condividere i prodotti artistici, proteggendo gli autori Riconosce le caratteristiche delle tecnologie computazionali (novità musicali CC) (uno dei siti che usa musica CC) (incoraggia uso di CC per le foto personali) > La rivista Wired allegò qualche anno fa un CD con canzoni di musicisti famosi sotto licenza CC, per sostenere il movimento

24 MANIPOLAZIONE > Fenomeni di remix, cut&paste, mash-up --> non sono nuovi Musica: cover / remix / campionamento Cinema: adattamento di storie, romanzi, spettacoli teatrali Letteratura: citazione, cut up (William Burroghs) > Non è questione di sfruttare la creatività altrui, ma di prendere come punto di partenza tale creatività per generare un prodotto nuovo, diverso, ugualmente creativo > La creatività si manifesta in modi diversi (per esempio, bisogna ricordare che Walt Disney in termini di storie non ha inventato molto)

25 Esempi musicali: > 2 Many DJs : As Heard on Radio Soulwax Pt. 2 Record di remix di canzoni vecchie e nuove, ognuna di pochi secondi. Uno degli album di remix più famosi ed apprezzati > DJ Shadow: Endtroducing… Record fatto interamente di campionamenti di altri album. Ha ricevuto un successo mondiale > Girl Talk: sample-only music Crea album solo con campionamenti da altri album. (video)

26 > Cut&Paste --> può essere anche multimediale > Kutiman: ThruYOU Ha prodotto un album su YouTube, in versione video, fatto di campionamenti di altri video YouTube musicali, perlopiù sconosciuti Il progetto si è diffuso in forma virale. Lessig lo ha considerato un esempio delle potenzialità della free culture contemporanea > Fenomeno open-remix musicisti che lanciano competizioni per fare remix, o video, delle loro canzoni (radiohead, animations)

27 > Good Copy, Bad Copy Documentario interessante su questo fenomeno > Colbert Report law-with-lawrence-lessig/ > Remixing the Colbert Report > Indaba Colbert Report

28 Manipolazione, remix, cut&past --> può essere fatto non solo con prodotti artistici esistenti, o con materiale proprio, ma anche utizzando risorse di vario tipo Esempi > Sonic City > Sounds of the Underground

29 DOMANDE?


Scaricare ppt "LINGUAGGI ARTISTICI DIGITALI LEZIONE IV 18 MAGGIO 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google