La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un caso emblematico. 4 Una telefonata al 113 Un caso emblematico 4 Una telefonata al 113 4 Lintervento della polizia e le prime sommarie informazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un caso emblematico. 4 Una telefonata al 113 Un caso emblematico 4 Una telefonata al 113 4 Lintervento della polizia e le prime sommarie informazioni."— Transcript della presentazione:

1 Un caso emblematico

2 4 Una telefonata al 113

3 Un caso emblematico 4 Una telefonata al Lintervento della polizia e le prime sommarie informazioni

4 Un caso emblematico 4 Una telefonata al Lintervento della polizia e le prime sommarie informazioni 4 Lindividuazione del presunto autore

5 Un caso emblematico 4 Una telefonata al Lintervento della polizia e le prime sommarie informazioni 4 Lindividuazione del presunto autore 4 Le determinazioni della polizia

6 Un caso emblematico (segue): 4 I provvedimenti del p.m.:

7 Un caso emblematico (segue): 4 I provvedimenti del p.m.: –liscrizione della donna nel registro delle notizie di reato (art. 335 c.p.p.)

8 Un caso emblematico (segue): 4 I provvedimenti del p.m.: –liscrizione della donna nel registro delle notizie di reato (art. 335 c.p.p.) –la richiesta di convalida dellarresto (art. 390 c.p.p.)

9 Un caso emblematico (segue): 4 I provvedimenti del p.m.: –liscrizione della donna nel registro delle notizie di reato (art. 335 c.p.p.) –la richiesta di convalida dellarresto (art. 390 c.p.p.) 4 I provvedimenti del g.i.p.:

10 Un caso emblematico (segue): 4 I provvedimenti del p.m.: –liscrizione della donna nel registro delle notizie di reato (art. 335 c.p.p.) –la richiesta di convalida dellarresto (art. 390 c.p.p.) 4 I provvedimenti del g.i.p.: –interrogatorio dellindagata e convalida dellarresto (art. 391 c.p.p.)

11 Un caso emblematico (segue): 4 I provvedimenti del p.m.: –liscrizione della donna nel registro delle notizie di reato (art. 335 c.p.p.) –la richiesta di convalida dellarresto (art. 390 c.p.p.) 4 I provvedimenti del g.i.p.: –interrogatorio dellindagata e convalida dellarresto (art. 391 c.p.p.) –ordinanza che dispone la custodia cautelare (art. 273 ss. c.p.p.)

12 Un caso emblematico (segue): 4 La morte della vittima

13 Un caso emblematico (segue): 4 La morte della vittima 4 La modifica delliscrizione sul registro delle notizie di reato (art. 335 co. 2 c.p.p.)

14 Un caso emblematico (segue): 4 La morte della vittima 4 La modifica delliscrizione sul registro delle notizie di reato (art. 335 co. 2 c.p.p.) 4 Verso il processo: le indagini successive del p.m. e la richiesta di rinvio a giudizio (art. 405 c.p.p.)

15 Un caso emblematico (segue): 4 La morte della vittima 4 La modifica delliscrizione sul registro delle notizie di reato (art. 335 co. 2 c.p.p.) 4 Verso il processo: le indagini successive del p.m. e la richiesta di rinvio a giudizio (art. 405 c.p.p.) 4 Le tesi contrapposte delle parti al momento del giudizio

16 Lordine di accertamento degli elementi del reato

17 4 La posizione della dottrina:

18 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 La posizione della dottrina: –Il fatto

19 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 La posizione della dottrina: –Il fatto –Lantigiuridicità

20 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 La posizione della dottrina: –Il fatto –Lantigiuridicità –La colpevolezza

21 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 La posizione della dottrina: –Il fatto –Lantigiuridicità –La colpevolezza –La punibilità

22 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza:

23 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza: –lindividuazione del titolo di reato per cui si procede (es.: art. 575 c.p.)

24 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza: –lindividuazione del titolo di reato per cui si procede (es.: art. 575 c.p.) –leventuale individuazione di norme di parte generale estensive della punibilità (artt. 40 cpv., 56, 110 c.p.)

25 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza: –lindividuazione del titolo di reato per cui si procede (es.: art. 575 c.p.) –leventuale individuazione a norme di parte generale estensive della punibilità (artt. 40 cpv., 56, 110 c.p.) –leventuale individuazione di circostanze aggravanti o attenuanti (es.: art. 61 n. 1 c.p.)

26 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza (segue):

27 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza (segue): –lesclusione di:

28 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza (segue): –lesclusione di: cause di giustificazione (es. art. 52 c.p.)

29 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza (segue): –lesclusione di: cause di giustificazione (es.: art. 52 c.p.) cause di esclusione della colpevolezza (es.: art. 95 c.p.)

30 Lordine di accertamento degli elementi del reato 4 Il modus operandi della giurisprudenza (segue): –lesclusione di: cause di giustificazione (es.: art. 52 c.p.) cause di esclusione della colpevolezza (es.: art. 95 c.p.) cause di non punibilità in senso stretto

31 Lindividuazione del fatto di reato - I

32 4 La corrispondenza del fatto concreto alla fattispecie astratta descritta da una norma incriminatrice (la cd. sussunzione):

33 Lindividuazione del fatto di reato - I 4 La corrispondenza del fatto concreto alla fattispecie astratta descritta da una norma incriminatrice (la cd. sussunzione): –elemento oggettivo (o materiale)

34 Lindividuazione del fatto di reato - I 4 La corrispondenza del fatto concreto alla fattispecie astratta descritta da una norma incriminatrice (la cd. sussunzione): –elemento oggettivo (o materiale) –elemento soggettivo (o psicologico)

35 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto:

36 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo

37 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione)

38 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione) –presupposti della condotta

39 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione) –presupposti della condotta –oggetto materiale

40 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione) –presupposti della condotta –oggetto materiale –evento

41 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione) –presupposti della condotta –oggetto materiale –evento –nesso causale (nei reati di evento)

42 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione) –presupposti della condotta –oggetto materiale –evento –nesso causale (nei reati di evento) –offesa al bene giuridico?

43 Lindividuazione del fatto di reato - II 4 Lelemento oggettivo del fatto: –soggetto attivo –condotta (azione od omissione) –presupposti della condotta –oggetto materiale –evento –nesso causale (nei reati di evento) –offesa al bene giuridico? –condizioni obiettive di punibilità

44 Lindividuazione del fatto di reato - III

45 4 Lelemento soggettivo del fatto:

46 Lindividuazione del fatto di reato - III 4 Lelemento soggettivo del fatto: –dolo

47 Lindividuazione del fatto di reato - III 4 Lelemento soggettivo del fatto: –dolo –colpa

48 Lindividuazione del fatto di reato - III 4 Lelemento soggettivo del fatto: –dolo –colpa –le ipotesi di responsabilità oggettiva e la necessità di una loro rilettura costituzionalmente orientata

49 Eventuali norme estensive della punibilità

50 4 il tentativo di un delitto (art. 56 c.p.)

51 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il tentativo di un delitto (art. 56 c.p.) –elemento oggettivo:

52 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il tentativo di un delitto (art. 56 c.p.) –elemento oggettivo: la mancata consumazione del delitto

53 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il tentativo di un delitto (art. 56 c.p.) –elemento oggettivo: la mancata consumazione del delitto la direzione non equivoca degli atti

54 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il tentativo di un delitto (art. 56 c.p.) –elemento oggettivo: la mancata consumazione del delitto la direzione non equivoca degli atti lidoneità degli atti

55 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il tentativo di un delitto (art. 56 c.p.) –elemento oggettivo: la mancata consumazione del delitto la direzione non equivoca degli atti lidoneità degli atti –elemento soggettivo

56 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il reato omissivo improprio (art. 40 co. 2 c.p.)

57 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il reato omissivo improprio (art. 40 co. 2 c.p.) –elemento oggettivo:

58 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il reato omissivo improprio (art. 40 co. 2 c.p.) –elemento oggettivo: la verificazione dellevento tipico

59 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il reato omissivo improprio (art. 40 co. 2 c.p.) –elemento oggettivo: la verificazione dellevento tipico lobbligo giuridico di impedire levento (la c.d. posizione di garanzia)

60 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il reato omissivo improprio (art. 40 co. 2 c.p.) –elemento oggettivo: la verificazione dellevento tipico lobbligo giuridico di impedire levento (la c.d. posizione di garanzia) il nesso causale

61 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il reato omissivo improprio (art. 40 co. 2 c.p.) –elemento oggettivo: la verificazione dellevento tipico lobbligo giuridico di impedire levento (la c.d. posizione di garanzia) il nesso causale –elemento soggettivo

62 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il concorso di persone nel reato (art. 110)

63 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il concorso di persone nel reato (art. 110): –A) la realizzazione degli estremi oggettivi di un fatto di reato (consumato o tentato) da parte di almeno un concorrente (lautore)

64 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il concorso di persone nel reato (art. 110) (segue): –B) la responsabilità del partecipe (concorrente morale o materiale):

65 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il concorso di persone nel reato (art. 110) (segue): –B) la responsabilità del partecipe (concorrente morale o materiale): elemento oggettivo (contributo causalmente rilevante alla realizzazione del fatto)

66 Eventuali norme estensive della punibilità 4 il concorso di persone nel reato (art. 110) (segue): –B) la responsabilità del partecipe (concorrente morale o materiale): elemento oggettivo (contributo causalmente rilevante alla realizzazione del fatto) elemento soggettivo

67 Eventuali norme estensive della punibilità 4 la responsabilità dellente da reato ex d.lgs. 231/2001 –elemento oggettivo: la realizzazione di un reato previsto dagli artt. 24 ss. il rapporto tra autore ed ente (soggetti apicali e subordinati: art. 5 co. 1 lett. a e b) linteresse o il vantaggio dellente (art. 5)

68 Eventuali norme estensive della punibilità 4 la responsabilità dellente da reato ex d.lgs. 231/2001 –elemento soggettivo (la colpa dorganizzazione): i criteri di imputazione di cui agli artt. 6 e 7

69 Circostanze aggravanti e attenuanti

70 4 elemento oggettivo

71 Circostanze aggravanti e attenuanti 4 elemento oggettivo 4 limputazione soggettiva delle aggravanti (art. 59 co. 2 c.p.)

72 Assenza di cause di giustificazione

73 4 analisi dei singoli requisiti della causa di giustificazione

74 Assenza di cause di giustificazione 4 analisi dei singoli requisiti della causa di giustificazione 4 leccesso dai limiti della causa di giustificazione e le sue conseguenze

75 Assenza di cause di giustificazione 4 analisi dei singoli requisiti della causa di giustificazione 4 leccesso dai limiti della causa di giustificazione e le sue conseguenze 4 lerronea supposizione della sussistenza di una causa di giustificazione e le sue conseguenze

76 Assenza di cause di esclusione della colpevolezza

77 4 cause di esclusione dellimputabilità?

78 Assenza di cause di esclusione della colpevolezza 4 cause di esclusione dellimputabilità? 4 ignoranza inevitabile della legge penale?

79 Assenza di cause di esclusione della colpevolezza 4 cause di esclusione dellimputabilità? 4 ignoranza inevitabile della legge penale? 4 le cause scusanti

80 La punibilità

81 4 cause personali di n.p.

82 La punibilità 4 cause personali di n.p. 4 cause sopravvenute di n.p.

83 La punibilità 4 cause personali di n.p. 4 cause sopravvenute di n.p. 4 cause di estinzione della punibilità

84 Le formule assolutorie

85 4 il fatto non è previsto dalla legge come reato

86 Le formule assolutorie 4 il fatto non è previsto dalla legge come reato 4 il fatto non sussiste

87 Le formule assolutorie 4 il fatto non è previsto dalla legge come reato 4 il fatto non sussiste 4 limputato non ha commesso il fatto

88 Le formule assolutorie 4 il fatto non è previsto dalla legge come reato 4 il fatto non sussiste 4 limputato non ha commesso il fatto 4 il fatto non costituisce reato

89 Le formule assolutorie 4 il fatto non è previsto dalla legge come reato 4 il fatto non sussiste 4 limputato non ha commesso il fatto 4 il fatto non costituisce reato 4 altre formule assolutorie


Scaricare ppt "Un caso emblematico. 4 Una telefonata al 113 Un caso emblematico 4 Una telefonata al 113 4 Lintervento della polizia e le prime sommarie informazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google