La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LE ORIGINI nasce nel 1941, ad opera della contrattazione collettiva, con lo scopo di attenuare gli effetti negativi della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LE ORIGINI nasce nel 1941, ad opera della contrattazione collettiva, con lo scopo di attenuare gli effetti negativi della."— Transcript della presentazione:

1 LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LE ORIGINI nasce nel 1941, ad opera della contrattazione collettiva, con lo scopo di attenuare gli effetti negativi della guerra Nel 1945 si ha la prima regolamentazione legale: la CIG ha la sua prima espansione in connessione con il primo blocco dei licenziamenti Consiste nellerogazione di unerogazione salariale ai lavoratori sospesi o il cui orario di lavoro sia ridotto REQUISITO FONDAMENTALE E CHE LA RIDUZIONE NON SIA DOVUTA A CAUSE NON IMPUTABILI NE AL DATORE DI LAVORO NE AI LAVORATORI

2 Evoluzione normativa Crescita della CIG: –estensione ai settori agricolo e edile – concessione per situazioni di lunga durata L. 1115/1968: –NASCE LA CIGS: per processi di ristrutturazione e conversione e per crisi aziendale – strumento di politica economica –Si introduce una procedura di consultazione sindacale L. 164/75 – primo tentativo di razionalizzazione normativa, a cui segue una fase di crescita aselettiva e priva di limiti temporali L: 675/1977: si introduce la mobilità guidata L. 223/91: riordino della materia L. 236/93: segue immediatamente la riforma, sotto forma di dilatazione dellambito di applicazione e di proroghe Attualmente è concesso il potere di proroga con d.m. al Ministro del lavoro –

3 SCHEMA AMBITO DI APPLICAZIONE CAUSE INTEGRABILI SOGGETTI BENEFICIARI DURATA PROCEDURE TRATTAMENTO FINANZIAMENTO

4 LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA : AMBITO DI APPLICAZIONE – IMPRESE INDUSTRIALI, EDILIZIA E AGRICOLTURA –LA LEGGE NON STABILISCE ESPRESSAMENTE LIMITI DIMENSIONALI CAUSE INTEGRABILI: –SITUAZIONI AZIENDALI DOVUTE AD EVENTI TRANSITORI E NON IMPUTABILI ALLIMPRENDITORE O AGLI OPERAI –SITUAZIONI AZIENDALI DETERMINATE DA SITUAZIONI TEMPORANEE DI MERCATO

5 CIG ORDINARIA SOGGETTI BENEFICIARI: –SOLO PER GLI OPERAI FINO AL 1991, POI A OPERAI, IMPIEGATI E QUADRI –SONO ESCLUSI GLI APPRENDISTI DURATA:può essere concessa per un massimo di 13 settimane, più eventuali proroghe fino a 12 mesi. In determinate aree territoriali il limite è elevato a 24 mesi Complessivamente gli interventi ordinari e straordinari non possono superare i 36 mesi in un quinquennio.

6 FINANZIAMENTO FINANZIAMENTO DELLO STATO CONTRIBUTI DEI DATORI DI LAVORO (1,90) SONO PREVISTI CONTRIBUTI ADDZIONALI (PER LE IMPRESE CHE SI AVVALGONO DELLA CASSA)

7 CIG ORDINARIA PROCEDURA E CONCESSA SU DOMANDA DELLIMPRESA ENTRO 25 GIORNI DALLA FINE DEL PERIODO DI PAGA IN CORSO AL TERMINE DELLA SETTIMANA IN CUI HA AVUTO INIZIO LA SOSPENSIONE OCCORRE ESPERIRE PREVENTIVAMENTE UNA PROCEDURA DI CONSULTAZIONE SINDACALE – E CONDIZIONE DI LEGITTIMITA DELLA CONCESSIONE –HA PER OGGETTO LA SITUAZIONE DELLIMPRESA, I CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEI LAVORATORI DA SOSPENDERE, LEVENTUALE ROTAZIONE LA DOMANDA VA PRESENTATA ALLA SEDE LOCALE DELLINPS LINTERVENTO E DELIBERATO DA UNAPPOSITA COMMISSIONE PROVINCIALE

8 CIG ORDINARIA PRESTAZIONE: -e unerogazione all'80% della retribuzione che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate tra le 0 e lorario contrattuale (max 40) -MASSIMALE: L'importo non può però superare un limite massimo mensile stabilito di anno in anno (per il 2006 è di 803,77 ed è elevato a 998,50 in caso di retribuzione mensile superiore a 1.797,31). -EQUIPARAZIONE AI PERIODI DI LAVORO: -CONTRIBUZIONE FIGURATIVA

9 LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA : AMBITO DI APPLICAZIONE – IMPRESE INDUSTRIALI CHE HANNO NEL SEMESTRE PRECEDENTE IN MEDIA Più DI 15 DIPENDENTI, INCLUSI GLI APPRENDISTI –COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORO –IMPRESE COMMERCIALI CON Più DI 200 ADDETTI (MA TEMPORANEAMENTE RIDOTTI A 50) –AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO > 50 –IMPRESE DI VIGILANZA –IMPRESE APPALTATRICI DI MENSA RISTORAZIONE PULIZIA DI IMPRESE CON CIGS –IMPRESE ARTIGIANE CON INFLUSSO GESTIONALE PREVALENTE DI IMPRESE INDUSTRIALI AMMESSE ALLA CIGS CAUSE INTEGRABILI: –RISTRUTTURAZIONE, RIORGANIZZAZIONE O CONVERSIONE AZIENDALE –CRISI AZIENDALE (FALLIMENTO, AMMNISTRAZIONE STRAORDINARIA, CONCORDATO PREVENTIVO ECC.) –CONTRATTI DI SOLIDARIETA DIFENSIVI

10 CIGS SOGGETTI BENEFICIARI: –OPERAI, IMPIEGATI E QUADRI –SOCI DI COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORO DURATA: –Fino al 91 si consentiva la durata illimitata –Attualmente è concessa al massimo per –12 mesi in caso di crisi aziendale –18 mesi in caso di procedure esecutive concorsuali –24 mesi in caso di riorganizzazione, ristrutturazione e riconversione aziendale. –Complessivamente gli interventi ordinari e straordinari non possono superare i 36 mesi in un quinquennio.

11 CIGS- FINANZIAMENTO IN LINEA DI MASSIMA E A CARICO DELLO STATO SONO PREVISTI ANCHE CONTRIBUTI DEI DATORI DILAVORO E DEI LAVORATORI (1,90 E 0,30) SONO PREVISTI CONTRIBUTI ADDZIONALI (PER LE IMPRESE CHE SI AVVALGONO DELLA CASSA)

12 CIGS PROCEDURA OCCORRE ESPERIRE PREVENTIVAMENTE UNA PROCEDURA DI CONSULTAZIONE SINDACALE – E CONDIZIONE DI LEGITTIMITA DELLA CONCESSIONE –HA PER OGGETTO LA SITUAZIONE DELLIMPREESA, I CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEI LAVORATORI DA SOSPENDERE, I CRITERI DELLA ROTAZIONE LA DOMANDA VA PRESENTATA ALLA DIREZIONE REGIONALE DELLAVORO IL DATORE DILAVORO DEVE PRESENTARE UN PROGRAMMA FINALIZZATO ALLA RIPRESA DEL LAVORO E CONCESSA CON D.M. SULLA BASE DI UNA VALUTAZIONE DISCREZIONALE

13 CIGS - TRATTAMENTO PRESTAZIONE: -e unerogazione all'80% della retribuzione che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate tra le 0 e lorario contrattuale (maz 40) -MASSIMALE: L'importo non può però superare un limite massimo mensile stabilito di anno in anno (per il 2006 è di 803,77 ed è elevato a 998,50 in caso di retribuzione mensile superiore a 1.797,31). -EQUIPARAZIONE AI PERIODI DI LAVORO: -CONTRIBUZIONE FIGURATIVA

14 OBBLIGHI DEI LAVORATORI IN CIG IL CASSAINTEGRATO E TENUTO A: – FREQUENTARE I CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO –SVOLGERE I LAVORI SOCUIALMENTE UTILI PER TUTTE QUESTE ATTIVITA CON IL LIMITE DI DISTANZA: non più di 50 chilometri dalla residenza del lavoratore o comunque raggiungibile in ottanta minuti con i mezzi di trasporto pubblico LA SANZIONE E LA DECADENZA DAL TRATTAMENTO LO SVOLGIMENTO DI ALTRO LAVORO COMPORTA LA PERDITA DEL TRATTAMENTO IN CORRIPSONDENZA DEI GIORNI IN CUI HA LAVORATO (NON SI TIENE CONTO DELLENTITA DEL GUADAGNO) NON Può RIFIUTARE OCCASIONI DI LAVORO PER IL CASSAINTEGRATO CHE TROVI UNA OCCUPAZIONE CON RETRIBUZIONE INFERIORE O CHE INTRAPRENDA ATTIVITà DI LAVORO AUTONOMO E PREVISTA UNA LIQUIDAIZONE IN CONTO CAPITALE


Scaricare ppt "LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LE ORIGINI nasce nel 1941, ad opera della contrattazione collettiva, con lo scopo di attenuare gli effetti negativi della."

Presentazioni simili


Annunci Google