La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza."— Transcript della presentazione:

1 Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza

2 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 2 INFORMAZIONI UTILI e pagine web docenti Prof. D. Vannoni: Prof. M. Piacenza: Orario lezioni: mercoledì e giovedì, ore Ricevimento studenti Prof. D. Vannoni: martedì , Facoltà (stanza 4.14) Prof. M. Piacenza: calendario indicato sul sito Klips del corso di Economia Pubblica C28 (http://www.klips.it/courses/e2210d), Facoltà (stanza 4.04)

3 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 3 PROGRAMMA DEL CORSO PARTE I – INTRODUZIONE: MERCATI E PREZZI Lez. 1: Le nozioni di base - Lez. 2: I fondamenti di domanda e offerta PARTE II – PRODUTTORI, CONSUMATORI E MERCATI CONCORRENZIALI Lez. 3: Il comportamento del consumatore - Lez. 4: Domanda individuale e di mercato - Esercitazione - Lez. 5: La produzione - Lez. 6: I costi di produzione - Esercitazione - Lez. 7: La massimizzazione del profitto e lofferta concorrenziale - Lez. 8: Lanalisi dei mercati concorrenziali - Esercitazione PARTE III – LA STRUTTURA DI MERCATO E LA STRATEGIA COMPETITIVA Lez. 9: Il potere di mercato: monopolio - Lez. 10: La concorrenza monopolistica e loligopolio - Esercitazione

4 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 4 MATERIALE PER LESAME Testo: Robert. S. PINDYCK e Daniel L. RUBINFELD MICROECONOMIA, Pearson, 7 a edizione, 2009 (capitoli 1, 2, 3, 4, 6, 7, 8, 9, 10, 12) Slides delle lezioni/esercitazioni: si possono scaricare dalla pagina web slidesnon bastano ATTENZIONE: le slides da sole non bastano per superare lesame per superare lesame! Non è un corso on-line…

5 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 5 MODALITA DESAME Esame scritto complessivamente di circa 2 ore tempo effettivo1 ora e 30 minuti (tempo effettivo per la prova 1 ora e 30 minuti) iscriversicancellarsi E necessario sempre iscriversi (cancellarsi in caso di impossibilità sopravvenuta a presentarsi) tramite il Sistema Informativo di Ateneo esito sufficientescritto Integrazione orale facoltativa solo se per chi consegue un esito sufficiente allo scritto (punteggio 18/30) punteggio indicato La prova è costituita da quattro esercizi, ciascuno con un diverso punteggio indicato sul testo dellesame

6 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 6 NORME PER LESAME massimo3 prove Numero massimo di 3 prove nellA.A. < 11/30 salto dappello Per i GRAVEMENTE insufficiente (voto < 11/30) è previsto il salto dappello storia Conta la storia… scoraggiata la tentazione di provare lesame senza studiare!

7 Lezione 1 Le nozioni di base (cap. 1 Pindyck-Rubinfeld)

8 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 8 Argomenti da analizzare I temi della Microeconomia Che cosè un mercato Prezzi reali e prezzi nominali Perché studiare Microeconomia?

9 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 9 Cenni preliminari iLa Microeconomia studia il individuali –comportamento di agenti economici individuali consumatoriin quanto consumatori quanto acquistare –come scegliamo quanto acquistare dei diversi beni e servizi disponibili sul mercato

10 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 10 Cenni preliminari iLa Microeconomia studia il individuali –comportamento di agenti economici individuali produttoriin quanto produttori quanto produrre –come scegliamo quanto produrre e a quale prezzo vendere

11 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 11 SISTEMA ECONOMICO Un insieme di soggetti Un insieme di soggetti Un insieme di relazioni economiche fra i soggetti Un insieme di relazioni economiche fra i soggetti Individui Famiglie Individui Famiglie SOGGETTI DI UN SISTEMA ECONOMICO SOGGETTI DI UN SISTEMA ECONOMICO Imprese Enti Produttori Imprese Enti Produttori Stato Organizzazione Pubblica Stato Organizzazione Pubblica Resto del Mondo RELAZIONI CHE LEGANO I SOGGETTI DI UN SISTEMA ECONOMICO RELAZIONI CHE LEGANO I SOGGETTI DI UN SISTEMA ECONOMICO a chi distribuire la produzione a chi distribuire la produzione di distribuzione cosa produrre come produrre cosa produrre come produrre di produzione

12 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 12 Cenni preliminari iLa Microeconomia studia i mercatiinterazione – mercati, cioè linterazione tra consumatori e produttori

13 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 13 Cenni preliminari aLa Macroeconomia studia le aggregate –grandezze economiche aggregate: crescita economica inflazione disoccupazione

14 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 14 Cenni preliminari iaIl legame tra Micro e Macroeconomia –I fondamenti microeconomici dellanalisi macroeconomica

15 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 15 I temi della Microeconomia Non si può avere tutto ciò che si desidera limitate –le risorse in natura sono limitate

16 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 16 I temi della Microeconomia iMicroeconomia allocazionerisorse scarsealternativa –Attribuzione (allocazione) delle risorse scarse e scelte in alternativa (trade-off ) pianificatain una economia pianificata di mercatoin una economia di mercato

17 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 17 I temi della Microeconomia itrade-offottimaliMicroeconomia e trade-off ottimali per: 1.Consumatori 2.Lavoratori 3.Imprese

18 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 18 I temi della Microeconomia iprezziMicroeconomia e prezzi –Il ruolo dei prezzi in una economia di mercato –Come si determinano i prezzi

19 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 19 Teorie e modelli Nellanalisi microecomica teorie –le teorie sono utilizzate per spiegare i fenomeni osservati sulla base di regole e di ipotesi fondamentali –per esempio dellimpresala teoria dellimpresa delle scelte del consumatorela teoria delle scelte del consumatore

20 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 20 Teorie e modelli Nellanalisi microecomica modelli –i modelli sono rappresentazione matematicala rappresentazione matematica di una teoria (allo scopo di formulare previsioni)

21 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 21 Teorie e modelli Nellanalisi microecomica –la verificazione di una teoria qualità delle previsionidipende dalla qualità delle previsioni che consente di formulare, date le ipotesi –levoluzione di una teoria perfezionamento sviluppo della scienza economicaderiva dalloperazione di verifica e perfezionamento (o rigetto) della stessa; si tratta dellattività sempre al centro dello sviluppo della scienza economica

22 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 22 Analisi positiva e analisi normativa lanalisi positiva comprendere effetti di un determinato fenomeno economico –è luso delle teorie o dei modelli per comprendere e valutare gli effetti di un determinato fenomeno economico, per esempio di una certa scelta effettuata da un consumatore o da unimpresa lanalisi normativa Che cosa è meglio determinato obiettivo –considera interrogativi del tipo Che cosa è meglio fare per raggiungere un determinato obiettivo (equità vs. efficienza economica)

23 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 23 Che cosa è un mercato MercatoMercato –unarea (delimitata geograficamente) in cui compratori e venditori interagiscono, determinando il prezzo di un prodotto o di un insieme di prodotti ArbitraggioArbitraggio –comprare un prodotto a prezzo più basso in un luogo e rivenderlo a prezzo più alto in un altro

24 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 24 Che cosa è un mercato Mercati concorrenziali e mercati non concorrenziali concorrenziali –mercati concorrenziali elevato numero di compratori venditoriper effetto dellelevato numero di compratori e di venditori, nessun operatore può influenzare il prezzo non concorrenziali –mercati non concorrenziali produttori possono influenzare il prezzoi produttori, individualmente o congiuntamente, possono influenzare il prezzo

25 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 25 Che cosa è un mercato Il prezzo di mercato unico prezzo –i mercati concorrenziali comportano un unico prezzo dei prodotti convivere più prezzi –in un mercato non concorrenziale possono convivere più prezzi per lo stesso prodotto

26 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 26 Che cosa è un mercato Definizione ed estensione del mercato: definizione – definizione del mercato quali venditori e compratori possono essere inclusi in un dato mercato estensione – estensione del mercato confini geografici gamma di prodotti offerti

27 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 27 Prezzo reale e prezzo nominale nominale assolutoIl prezzo nominale (in euro correnti) di un prodotto è il suo prezzo assoluto reale relativo misura aggregata di prezziIl prezzo reale (in euro costanti) di un prodotto è il suo prezzo relativo rispetto ad una misura aggregata di prezzi –lindice dei prezzi al consumo (CPI) è la misura aggregata usata più frequentemente

28 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 28 Prezzo reale e prezzo nominale realeCalcolo di un prezzo reale

29 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 29 Calcolo di prezzi reali 1998 ($1970) Prezzo reale dell istruzione universitaria 1998 ($1970)

30 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 30 Calcolo di prezzi reali CPI (1983 = 100) Prezzi nominali Uova$0.61$0.77$0.84$0.80$0.98$1.04 Istruzione universitaria$2,530$3,403$4,912$8,156$12,800$19,213 Prezzi reali ($1970) Uova$0.61$0.56$0.40$0.29$0.30$0.25 Istruzione universitaria$2,530$2,454$2,313$2,941$3,800$4,

31 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 31 nominali reali Un esempio di valori nominali e reali: il salario minimo Discutere gli aspetti positivi e normativi di un aumento del salario minimo

32 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 32 Perché studiare la microeconomia? I concetti della microeconomia stanno alla base delle decisioni concrete dei produttori e dei consumatori

33 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 33 Perché studiare la microeconomia? La produzione di un nuovo autoveicolo –domanda dei consumatori –costi di produzione –strategia di prezzo –analisi dei rischi –decisioni organizzative –regolamentazione pubblica

34 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 1 34 Perché studiare la microeconomia? Standard di emissione per gli autoveicoli –effetti sui consumatori –effetti sui produttori –come applicare gli standard –quali i benefici e i costi?


Scaricare ppt "Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza."

Presentazioni simili


Annunci Google