La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 1 Competenza emotiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 1 Competenza emotiva."— Transcript della presentazione:

1 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 1 Competenza emotiva

2 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 2 La dimostrazione dellautoefficacia (self-efficacy) nelle transazioni sociali che suscitano emozioni (Emotion- eliciting social transactions) COMPETENZA EMOTIVA (Carolyn Saarni,1999)

3 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 3 Capacità e abilità dellindividuo di raggiungere un risultato desiderato. Self-efficacy:

4 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 4 Emotion- eliciting social transactions: comprendere come le persone possono rispondere emotivamente e, contemporaneamente e strategicamente, applicare la propria conoscenza sulle emozioni e sulla loro espressività, alle situazioni di relazione interpersonale.

5 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 5 AUTOREGOLAZIONE (SELF-REGULATION) Labilità di gestire le proprie azioni, pensieri e sentimenti in modo adattativo e flessibile in base alle diverse varietà di contesto, sia sociale sia fisico. Unautoregolazione ottimale contribuisce al benessere, al senso di autoefficacia e fiducia e ad un senso di coinvolgimento con gli altri.

6 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 6 Competenza emotiva e autocoscienza (self-awarness) Sé soggettivoSé oggettivo

7 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 7 Lattaccamento sicuro è caratterizzato da un atteggiamento materno di accoglienza e sensibilità ai segnali emotivi dei bambini, anche e soprattutto a quelli negativi, così che il bambino percepisce la madre come un porto sicuro dal quale il bambino può avventurarsi nellesplorazione dellambiente. Autoregolazione e attaccamento

8 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 8 Sul piano della regolazione emotiva, si mette il bambino nella condizione di tollerare le emozioni negative per un lasso di tempo sufficiente perché possa dare significato alla situazione frustrante o conflittuale di fronte alla quale si trova e perché provi ad escogitare una qualche risposta. 1. Percezione, valutazione (appraisal), ed espressione delle emozioni

9 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 9 La consapevolezza del proprio stato emozionale, compresa la possibilità che si stiano esperendo emozioni multiple e, ad un più alto livello di maturazione, la consapevolezza che si possa non avere coscienza di quello che si sta provando a causa di dinamiche inconsce o di disattenzione selettiva. LE 8 ABILITÀ DELLA COMPETENZA EMOTIVA 1

10 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 10 Labilità di discernere le emozioni degli altri è basata su schemi situazionali ed espressivi il cui significato trova un qualche grado di consenso allinterno di uno specifico contesto culturale. 2

11 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 11 Labilità di usare un vocabolario delle emozioni e termini per indicare le espressioni che sono comunemente disponibili nella propria cultura (o sottocultura) e, ad un più alto livello di maturazione, labilità di acquisire copioni (scripts) culturali che legano lemozione ai ruoli sociali. 3

12 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 12 Capacità di coinvolgimento empatico e simpatetico nelle esperienze emozionali degli altri. 4

13 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 13 Labilità di realizzare che uno stato emozionale interno non necessariamente corrisponde con lespressione esibita e, ad un più alto livello di maturazione, la capacità di comprendere che il comportamento emozionale- espressivo può avere un certo impatto sugli altri e tenerne conto nelle proprie strategie di auto- presentazione. 5

14 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 14 il conoscere quando esprimere le proprie emozioni in modo spontaneo e quando modificare o addirittura sopprimere la loro espressione, sulla base delle circostanze di tipo sociale e come sia importante per se stessi controllare o esprimere ciò che si prova (una delle tante strategie di gestione delle emozioni). Regolazione o controllo????? Per gestione delle emozioni (emotion management) intendo

15 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 15 La capacità, nellaffrontare adattivamente emozioni avverse o stressanti, di usare strategie di autoregolazione che migliorano lintensità o la durata temporale di un qualche stato emotivo (come ad esempio la resistenza fisica allo stress). 6

16 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 16 Strategie di problem-solving Strategie focalizzate sullevento Da moderato ad elevato controllo sulla situazione Strategie di problem-solving Ricerca di supporto (aiuto o conforto) Strategie di distanza (distacco) Strategie di internalizzazione (autobiasimo, ansia, comportamenti di preoccupazione) Strategie di esternalizzazione (biasimare gli altri, attacchi aggressivi)

17 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 17 Poco o nessun controllo sulla situazione Sostituzione o distrazione dal contesto o dallo stato emotivo Riorganizzazione o ridefinizione del contesto o dellemozione negativo/a Smussamento cognitivo o strategie di ricerca di informazioni Evitamento del contesto o dellemozione negativo/a Diniego o negazione del contesto o dellemozione Dissociazione di sé dalla situazione Strategie focalizzate sullemozione (emotion-focused strategies) Strategie di problem-solving

18 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 18 Consapevolezza che la struttura o la natura dei rapporti interpersonali è in parte determinata dalla qualità della comunicazione emotiva allinterno della relazione. si agisce in modo autoefficace se si è consapevoli di come vengono comunicate le proprie emozioni agli altri e se si riconosce che la scelta del livello di comunicazione emotiva dipende dalla natura della relazione. 7

19 Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 19 La capacità di essere emotivamente autoefficaci: avere un punto di vista individuale su se stessi e sul proprio modo di sentire e, soprattutto, del modo in cui si intende provare emozioni. (essere autoefficaci a livello emotivo significa non essere sopraffatti dallintensità e la complessità dellesperienza emotiva come pure non sentire lesigenza di inibire o negare alcun tipo di emozione) 8


Scaricare ppt "Barbara Sini - Dipartimento di Psicologia - Università di Torino 1 Competenza emotiva."

Presentazioni simili


Annunci Google