La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetti di digitalizzazione: realizzazioni, sfide, opportunità La progettualità in Italia Giuliana Sgambati Responsabile Laboratorio per il controllo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetti di digitalizzazione: realizzazioni, sfide, opportunità La progettualità in Italia Giuliana Sgambati Responsabile Laboratorio per il controllo."— Transcript della presentazione:

1 Progetti di digitalizzazione: realizzazioni, sfide, opportunità La progettualità in Italia Giuliana Sgambati Responsabile Laboratorio per il controllo bibliografico ICCU Torino, 8 ottobre, 2007

2 2 Le Istituzioni culturali Le Istituzioni culturali stanno affrontando trasformazioni molto rapide determinate da: tecnologie sempre più sofisticate; modifica della domanda da parte dellutente; utilizzo del web per la valorizzazione del patrimonio. Le tradizionali linee di demarcazione tra tipologie di Istituzioni diverse, tra competenze e professionalità differenti e tra la creazione e la gestione delle collezioni stanno scomparendo. Essere digitali, per molte biblioteche non è più una possibilità ma una realtà: le Istituzioni culturali si sono trasformate in ibridi che si prendono cura tanto delle risorse analogiche quanto di quelle digitali.

3 3 La cooperazione e il coordinamento Le Istituzioni stanno inaugurando nuove relazioni con lambiente circostante, con altre istituzioni, organizzazioni, aziende private e nuovi gruppi di utenza. I principali obiettivi di queste relazioni sono la collaborazione nella creazione di nuovi servizi in rete, il coordinamento dei progetti di digitalizzazione, la definizione di standard e strutture che permettano laccesso e la condivisione delle risorse.

4 4 Nuovi modelli: le biblioteche digitali La distribuzione del patrimonio culturale nel mondo reale in biblioteche, archivi e musei non può costituire il modello di riferimento per i nuovi archivi digitali. Digitalizzati i contenuti non ha più senso disporli in strutture distinte. Diventa possibile organizzare le informazioni secondo le loro relazioni concettuali, attribuibili anche dagli utenti che possono interferire con i contenuti consultati, apporre commenti, formare nuovi archivi, stabilire links tra i dati disseminati in rete.

5 5 Cosa richiede lutente? Una ricerca che, attraverso nuovi strumenti, permetta il reperimento di materiali eterogenei: dai manoscritti ai libri a stampa, dai documenti archivistici ai documenti iconografici o sonori. Laccesso, la visualizzazione e lo scarico in linea di testi, immagini, video, suoni.

6 6 Le Biblioteche Digitali Cosa sono? Collezioni di contenuti digitali di diverso formato provenienti da istituzioni culturali (biblioteche, archivi e musei)

7 7 i2010: Le Biblioteche digitali A novembre 2005 il Consiglio dei Ministri della Cultura dellUnione Europea approva il documento: i2010: le Biblioteche digitali in cui si riconosce limportanza strategica della scansione del patrimonio culturale e scientifico al fine di: A. fornire risorse digitali ricche e diversificate a supporto dellistruzione e della ricerca, del turismo e dellindustria creativa; B. consentire a tutti i cittadini un accesso al patrimonio nazionale, regionale e locale europeo; C. portare avanti le iniziative di creazione di biblioteche digitali europee. Principali attività: –Digitalizzazione –Accessibilità in linea –Conservazione dei contenuti digitali

8 8 Digitalizzare: perché ? per un più ampio uso dei contenuti e per assicurarne lutilizzo alle generazioni future. Sfide da affrontare –Economiche –Organizzative –Tecniche –Legali

9 9 Accessibilità in linea Diritti dautore Materiale di dominio pubblico Ci stiamo muovendo verso un mondo dei contenuti con un buco nero per il XX secolo? Accesso integrato ai dati Punto di accesso comune Descrizione dei contenuti strutturata e di buona qualità

10 10 Conservazione dei contenuti digitali La mancata conservazione dei contenuti digitali potrebbe causare perdita di tempo e risorse. Importante al di là delle biblioteche digitali. Nessuna politica.

11 11 La Biblioteca Digitale Italiana Definita nel 2001 per: Offrire un sistema integrato di accesso alle risorse tradizionali (SBN) con le nuove risorse digitali (BDI) Promuovere e valorizzare la conoscenza, rendere disponibile il patrimonio culturale italiano a livello nazionale e internazionale

12 12 Biblioteca Digitale Italiana Obiettivi definire norme e metadati per la descrizione e la conservazione delle collezioni digitali; indicare i programmi e le collezioni da digitalizzare; creare una rete online per il materiale culturale e per la conservazione digitale.

13 13 Programma coordinato di scansione, in formato immagine, dei cataloghi storici delle biblioteche pubbliche italiane. Programma di digitalizzazione dei documenti musicali manoscritti e a stampa. Programma di digitalizzazione delle pubblicazioni periodiche di particolare valore storico e culturale. Programma di digitalizzazione del materiale grafico e cartografico. Programmi promossi e finanziati

14 14 Standard e protocolli Unimarc (Universal Machine Readable Catalogue) per lo scambio delle informazioni bibliografiche Dublin Core – profilo MAG per la descrizione, gestione e conservazione delle risorse digitali OAIS (Open Archival Information System) per larchiviazione e la diffusione delle risorse digitali OAI-PMH (Open Archive Initiative Protocol for Metadata Harvesting) per linteroperabilità dei repositories

15 15 Internet Culturale Il portale della Biblioteca Digitale Italiana e del Network Turistico Culturale Accesso integrato alle risorse digitali e tradizionali di biblioteche, archivi e altre istituzioni culturali italiane Informazioni su attività, progetti, collezioni e contenuti digitalizzati Ricerche bibliografiche per canali specifici o su più banche dati conformi allo standard z39.50 Descrizione delle collezioni digitali e accesso ai singoli documenti digitalizzati Mostre virtuali, ipertesti, itinerari turistico culturali e percorsi 3D Un sistema sperimentale di e-commerce

16 16 Bib. Marucelliana Firenze Bib. Naz. Marciana Venezia Bib.Naz.Centrale Firenze Bib. Naz. Univ Torino Bib. Estense Univ. Modena Bib. Naz. Centrale Roma Bib. Augusta Perugia Bib. Civica Angelo Mai. Bergamo Archivio Ricordi Archivio Museo Donizettiano. Bergamo Istituzioni Circa documenti digitali provenienti dalle seguenti Istituzioni: Ist. Italianistica Univ. Roma Ist. Museo di Storia della Scienza, Firenze Casa della Musica di Parma Conservatorio S.Pietro a Maiella - Napoli Conservatorio Cherubini - Firenze Accademia Filarmonica Romana Conservatorio Boccherini di Lucca Museo Bibliografico musicale. Bologna Biblioteca Archiginnasio. Bologna

17 17 Principali fondi digitalizzati 111 volumi del Mare Magnum: bibliografia per argomenti di opere edite dal XV alla metà del XVIII secolo conservati presso la Biblioteca Marucelliana di Firenze; 35 cataloghi manoscritti per un totale di più di sei milioni di immagini dei cataloghi manoscritti; 67 periodici italiani preunitari; la collana degli scrittori dItalia fondata da Benedetto Croce e pubblicata da Laterza; Raccolta di opuscoli scientifici e filologici curata da Angelo Calogerà nel settecento; documenti musicali di Vivaldi, Paisiello, Scarlatti,etc;

18 18 Tipologia di materiale Manoscritti e autografi Periodici Libri a stampa Fotografie Schede di catalogo, inventari Documenti digital born

19 19

20 20

21 21 Progetti in corso: Rete della musica italiana Realizzazione di una nuova architettura per la gestione e diffusione dei dati musicali, nata dalla collaborazione con il Laboratorio di informatica Musicale della Università degli studi di Milano che prevede: creazione e colloquio tra teche periferiche; consultazione multimediale (suono, video) dei documenti digitali fra cui quelli della Discoteca di Stato che sta digitalizzando il suo intero patrimonio: supporti fra cui cilindri di cera, dischi a 33, 78 gg, nastri, VHS, musicassette, etc.

22 22

23 23

24 24

25 25 Progetti in corso Il progetto della Biblioteca della Scienza italiana sarà costituito dai fondi già in parte presenti sul web della: Biblioteca digitale dei Lincei, Biblioteca Galileiana, Biblioteca della Scuola Galileiana. E coordinato dallIstituto di Storia della Scienza di Firenze e dallAccademia delle Scienze di Torino. Eprevisto anche un accordo con i progetti di digitalizzazione della Biblioteca europea di Milano.

26 26 Michael e Michael plus Creazione di un catalogo comune di collezioni di beni culturali comprendente 14 paesi Europei. Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe eTen

27 27 MichaelPLUS (14 paesi e 28 istituzioni) Malta Olanda Polonia Portogallo Spagna Svezia Inghiterra Republica Ceca Finlandia Francia Germania Grecia Italia Ungheria

28 28 Progetto Open-Source Applica le raccomandazioni e guidelines del progetto MINERVA Data model allinneato al Dublin Core metadata set e alla Dublin Core Collection Level Description Possibilità di scambio dei metadati in formato XML tramite il protocollo OAI-PMH Michael Standards

29 29 Sono state censite: Le collezioni degli Istituti del MiBAC Le collezioni delle Regioni Italiane Le collezioni delle biblioteche e dei musei di 77 università Sono rappresentati tutti i settori del patrimonio culturale. MICHAEL in Italia

30 30 La strategia: Sono stati definiti accordi bilaterali con le singole istituzioni coinvolte per definire condizioni, procedure e requisiti tecnici (Regioni, CRUI). II censimento relativo ad archivi di stato e biblioteche statali è stato svolto dai rispettivi Istituti Centrali. Primi risultati del censimento: Sono state catalogate: 2676 collezioni digitali 1444 istituzioni 1474 servizi MICHAEL in Italia

31 31

32 32 A breve: Il portale europeo di MICHAEL permetterà di condurre ricerche su tutti i data base nazionali allo stesso tempo. Le ricerche saranno di tipo full-text, geografico, per soggetto, cronologico, per istituzione responsabile e altro... Servizi europei

33 33 Portale della cultura Punto di accesso integrato al patrimonio culturale italiano di tutti i settori Stretta collaborazione fra tutti i settori del Ministero, Regioni, Università, e content, provider privati Interoperabilità attraverso luso degli standards Contenuti: 1. Catalogo di metadati 2. Contributi editoriali 3. Siti web culturali Standards: Harvesting: OAI (PMH) Trasporto: HTTP Rappr. dati: XML Metadati: Dublin core (profilo PICO)

34 34 MiBAC: Portale della Cultura Rafforzamento dellorganizzazione Coordinamento intersettoriale Costruzione di uninfrastruttura a banda larga Elaborazione di modelli e di dati Nuova gestione delle informazioni e delle descrizioni semantiche su web Digital Right Management

35 35 Risultati attesi Disponibilità e fruizione sulla rete di documenti sonori, immagini, testi; possibilità di acquistare oggetti, immagini, fotografie, documenti del patrimonio culturale e scientifico italiano; crescita del turismo culturale.


Scaricare ppt "Progetti di digitalizzazione: realizzazioni, sfide, opportunità La progettualità in Italia Giuliana Sgambati Responsabile Laboratorio per il controllo."

Presentazioni simili


Annunci Google