La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Letteratura e Sport. 2 M. Zaccarello MMX. Il Classicismo di G. Leopardi Come per Pindaro o Bacchilide, l'occasione per la composizione del canto è data.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Letteratura e Sport. 2 M. Zaccarello MMX. Il Classicismo di G. Leopardi Come per Pindaro o Bacchilide, l'occasione per la composizione del canto è data."— Transcript della presentazione:

1 Letteratura e Sport. 2 M. Zaccarello MMX

2 Il Classicismo di G. Leopardi Come per Pindaro o Bacchilide, l'occasione per la composizione del canto è data dalla celebrazione di un atleta vincente; La vittoria dell'atleta è inserita in un mito, che ha tre funzioni: dare solennità all'evento, rendere eterno quel momento e emettere una sentenza morale. L'evento particolare oltrepassa così i limiti temporali e si innalza a modello esemplare per tutti. La parte iniziale e finale degli epinici è invece rappresentata dalle lodi dell'atleta vincente, e anche della sua famiglia, della sua città e dei suoi dèi protettori.

3 Premesse filosofiche In Inghilterra John Locke ( ) affermò che il fanciullo deve svilupparsi attraverso il gioco senza essere plagiato da alcuno.Ne conseguì che lo sport divenne il tramite ideale per la formazione del cittadino. Più tardi, anche il ginevrino Jean Jacques Rosseau ( ) nel suo romanzo pedagogico Emile del 1762, sosteneva il valore formativo, civilizzante e socializzante degli esercizi corporei e dei giochi atletici. Sul finire del XVIII secolo trovarono piena accoglienza negli istituti scolastici tedeschi di Dessau (1744) e Schenepfenthal (1784) – i cosiddetti Filantropici- gli sport venicano praticati come parte integrante del programma educativo.

4 Illuminismo e attività fisica A Milano lilluminista Carlo Botta pubblicò nel 1797 Proposizione ai lombardi di una maniera di governo libero, dove auspicava che venissero indetti giochi olimpici per fortificare il corpo, tenendo desto lo spirito della nazione. La nazione Lombarda ne dovrebbe dare la prima lesempio, rinnovando quelle antiche feste consistenti in giuochi di diverse sorta, che dagli Antichi Greci erano sì fattamente ammirate. Esse dovranno rinnovarsi, siccome si rinnovano i giuochi olimpici (…). Carlo Botta con questa affermazione alludeva alle Feste della Libertà – indette dal Direttorio a Parigi lanno precedente (1796)- che la stampa francese aveva celebrato come la Prima Olimpiade della Repubblica(6).

5 G. Leopardi, ode A un vincitore nel pallone Questa canzone ultimata nel novembre del 1821, venne pubblicata per la prima volta nella raccolta bolognese del 1824 ed in seguito mantenuta nelle successive edizioni (Firenze 1831 e Napoli 1835). È dedicata a Carlo Didimi di Treia, nato il 6 maggio 1798, eccellente giocatore nel gioco del pallone col bracciale della prima metà dell'800. Carlo DidimiTreia6 maggio1798Carlo DidimiTreia6 maggio1798

6 Il gioco del pallone a bracciale

7 Cenni storici Evoluzione italiana del diffusissimo gioco rinascimentale della pallacorda; lo si poteva giocare con o senza rete, in presenza o meno di un muro di sponda. In Italia, se ne hanno esempi già nel Cinquecento e si distinguono a partire dal sec. XVIII il cosiddetto bracciale piccolo o piemontese dal bracciale grande o toscano (1 kg contro 2 kg); Dal bracciale piemontese deriva il gioco della pallapugno, storicamente radicato nel basso Piemonte e nella Liguria di ponente dove è praticata a livello professionistico.

8 Il pallone a bracciale oggi… (da

9 Analisi del testo leopardiano Temi principali: Temi principali: Valore del primato fisico per lonore della patria; Successo e favore della gente che acclama per dimenticare gli affanni; Futilità delle cose umane: Futilità delle cose umane: altro che gioco / Son l'opre de' mortali? ed è men vano / Della menzogna il vero?

10 Dallo Zibaldone di pensieri… Aggiungo poi questo ancora. Nego che la mortalità negli stati antichi fosse maggiore altro che in apparenza. Lascio i tiranni, lascio i capricci, le passioni, le voglie de' principi, e non cerco se queste costino alla umanità più sangue, che non i disordini e le turbolenze di un popolo libero. Dico che la vitalità negli stati antichi era tanto maggiore che nei presenti, non solo da compensare abbondantemente ogni cagione o principio di mortalità, ma da preponderare, e far pendere la bilancia dalla parte della vita: brevemente, dico che la somma della vita negli stati antichi era maggiore che nei presenti; e questo non già per cause accidentali, o in maniera che potesse non essere: ma per cause essenziali, e inerenti alla natura di quegli stati; anzi tali, che tolti quegli stati, o simili a quelli, la somma della vita non può essere se non molto minore; la vitalità fuori di quelli o simili stati, non può esser tanta.

11 Dallo Zibaldone di pensieri… 2 lo spettacolo della vita occupata, laboriosa e domestica, sembr[a] lo spettacolo della felicità, come i piccoli fini della giornata che consistono nel provvedere ai propri bisogni quotidiani; tali manifestazioni di vitalità e operosità che luomo si distragga dallamarezza e vanità della vita e non soffra di quel male oscuro che tormenta luomo riflessivo e contemplativo.

12 Analisi del testo leopardiano. 1 Di gloria il viso e la gioconda voce, Garzon bennato, apprendi, E quanto al femminile ozio sovrasti La sudata virtude. Attendi attendi, Magnanimo campion (s'alla veloce Piena degli anni il tuo valor contrasti La spoglia di tuo nome), attendi e il core Movi ad alto desio. Te l'echeggiante Arena e il circo, e te fremendo appella Ai fatti illustri il popolar favore; Te rigoglioso dell'età novella Oggi la patria cara Gli antichi esempi a rinnovar prepara.

13 Analisi del testo leopardiano. 2 Del barbarico sangue in Maratona Non colorò la destra Quei che gli atleti ignudi e il campo eleo, Che stupido mirò l'ardua palestra, Né la palma beata e la corona D'emula brama il punse. E nell'Alfeo Forse le chiome polverose e i fianchi Delle cavalle vincitrici asterse Tal che le greche insegne e il greco acciaro Guidò de' Medi fuggitivi e stanchi Nelle pallide torme; onde sonaro Di sconsolato grido L'alto sen dell'Eufrate e il servo lido.

14 Analisi del testo leopardiano. 3 Vano dirai quel che disserra e scote Della virtù nativa Le riposte faville? e che del fioco Spirto vital negli egri petti avviva Il caduco fervor? Le meste rote Da poi che Febo instiga, altro che gioco Son l'opre de' mortali? ed è men vano Della menzogna il vero? A noi di lieti Inganni e di felici ombre soccorse Natura stessa: e là dove l'insano Costume ai forti errori esca non porse, Negli ozi oscuri e nudi Mutò la gente i gloriosi studi.

15 Analisi del testo leopardiano. 4 Tempo forse verrà ch'alle ruine Delle italiche moli Insultino gli armenti, e che l'aratro Sentano i sette colli; e pochi Soli Forse fien volti, e le città latine Abiterà la cauta volpe, e l'atro Bosco mormorerà fra le alte mura; Se la funesta delle patrie cose Obblivion dalle perverse menti Non isgombrano i fati, e la matura Clade non torce dalle abbiette genti Il ciel fatto cortese Dal rimembrar delle passate imprese. Alla patria infelice, o buon garzone, Sopravviver ti doglia.

16 Analisi del testo leopardiano. 5 Chiaro per lei stato saresti allora Che del serto fulgea, di ch'ella è spoglia, Nostra colpa e fatal. Passò stagione; Che nullo di tal madre oggi s'onora: Ma per te stesso al polo ergi la mente. Nostra vita a che val? solo a spregiarla: Beata allor che ne' perigli avvolta, Se stessa obblia, né delle putri e lente Ore il danno misura e il flutto ascolta; Beata allor che il piede Spinto al varco leteo, più grata riede.


Scaricare ppt "Letteratura e Sport. 2 M. Zaccarello MMX. Il Classicismo di G. Leopardi Come per Pindaro o Bacchilide, l'occasione per la composizione del canto è data."

Presentazioni simili


Annunci Google