La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lanalisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lanalisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale."— Transcript della presentazione:

1 Lanalisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale

2 Il punto di pareggio Tecnica di previsione dei costi Basata sulla distinzione tra CF e cv Utile per definire il P.U.Z. e livelli di profitto obiettivo Impiegata sia in momenti di definizione del business che di ordinaria programmazione

3 Classificazione dei Costi

4 Logica marginalistica: per ciascun livello di produzione (compreso entro una data capacità produttiva) il costo totale è costituito da una componente di costi fissi (legati alla capacità) e da una componente di costi variabili (legata dallutilizzo della capacità). CT = CV + CF = cv * Q + CF Costi fissi e variabili prodottoperiodo

5 …occorre definire: Driver di costo (la cui variazione determina variazioni nel costo) Area di rilevanza (intervallo entro cui le ipotesi di costanza e variabilità restano valide) Costi fissi e variabili

6 COSTI VARIABILICOSTI FISSI Materiale per allievi (in base al numero allievi) Ammortamento Attrezzature Contributi da versare (in base al numero allievi) Stipendi staff direzionale Catering (in base al numero di allievi) Pubblicità Docenti (in base alle ore di docenza) Affitto (in base alle ore di docenza)

7 …rispetto ad un COST DRIVER (es. numero allievi o ore di docenza) e nellambito di un definita AREA DI RILEVANZA, possiamo distinguere: Costi Fissi: CF = k Costi Variabili: CV = vQ k CF CV Q C Area di Rilevanza Costi fissi e variabili

8 La variabilità di un costo può assumere forme differenti: Q Area di Rilevanza Q Q Variabilità Proporzionale Variabilità più che Proporzionale Costi Progressivi Variabilità meno che Proporzionale Costi Degressivi

9 Il COSTO TOTALE è determinato attraverso la somma dei COSTI TOTALI FISSI E VARIABILI: Costi Fissi: CF = k Costi Variabili: CV = vQ Costi Totali: CT = CF + CV Costi Totali: CT = k + vQ k CF CV Q C Area di Rilevanza CT

10 Costi Totali: CT = k + vQ Costo Unitario: CT Q kQkQ + v= CVT CVU Costi VariabiliCosti Fissi Costi Totali CFT CT CTU CFU

11 Metodi di analisi del regime di variabilità dei costi: Metodo dei due punti Metodi statistici (regressione) Costi fissi e variabili

12 Esempio: MeseCosti in migliaiaOutput

13 Metodo dei due punti Si considera C come il livello più elevato di costi e Q il relativo driver; Si considera C come il livello più basso di costi e Q il relativo driver. Quindi… (C-C)/(Q-Q)=v coefficiente di variabilità C-Q*v=CF

14 Il punto di pareggio: unottica algebrica Dati: CT=CF + v*Q RT=p*Q Allora il punto di pareggio equivale al valore di Q che determina un uguaglianza tra RT e CT Q=CF/(p-v)

15 Il punto di pareggio: unottica grafica RT=p*Q CT=v*Q+CF Quantità vendute/prodotte Costi Ricavi PUZ 0 CF

16 Esercizio (1) Determinare il punto di pareggio, sia in termini di volumi che di fatturato sulla base dei dati seguenti: P v 4000 CF

17 Il punto di pareggio con lutile obiettivo Qo= (Uo+CF)/(p-v) RTo=(Uo+CF)/(1-B) Con B=v/p

18 Esercizio (2) Sulla base dei dati dellesercizio precedente calcolare il fatturato obiettivo per ottenere un reddito operativo al netto delle imposte di , con unaliquota fiscale del 40%

19 Lanalisi What if RT=p*Q CT=v*Q+CF Aumento del prezzo

20 Lanalisi What if Aumento cv RT=p*Q CT=v*Q+CF

21 Lanalisi What if RT=p*Q CT=v*Q+CF Aumento CF

22 Lanalisi What if RT=p*Q CT=v*Q+CF Aumento Q QQ

23 Il profittogramma: unottica algebrica Da: Qo= (Uo+CF)/(p-v) A: Uo=Q*(p-v)-CF Da: RTo=(Uo+CF)/(1-B) A: Uo=RT*(1-B)-CF

24 Il profittogramma: unottica grafica - CF Utile Quantità/Fatturato Uo=Q*(p-v)-CF 0


Scaricare ppt "Lanalisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale."

Presentazioni simili


Annunci Google