La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La gestione dei rifiuti tecnologici: apparecchiature elettriche, elettroniche e informatiche (Direttive RAEE 2002/96/CE e RHOS 2002/95/CE Decreto Legislativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La gestione dei rifiuti tecnologici: apparecchiature elettriche, elettroniche e informatiche (Direttive RAEE 2002/96/CE e RHOS 2002/95/CE Decreto Legislativo."— Transcript della presentazione:

1 La gestione dei rifiuti tecnologici: apparecchiature elettriche, elettroniche e informatiche (Direttive RAEE 2002/96/CE e RHOS 2002/95/CE Decreto Legislativo N° 151/05) PROGETTO per lo sviluppo di un Modello di Gestione dei RAEE

2 Modello di Gestione dei RAEE Contenuti Finalità del Progetto Contesto Legislativo Opportunità per le Associazioni Attività Richieste Modello Consigliato Conclusione

3 Modello di Gestione dei RAEE Finalita del Progetto Modello di Riferimento per gestire le attività connesse al Decreto Legislativo N° 151 del 25 Luglio 2005 per: –Definire ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti, Associazioni in particolare –Mappare le attività –Ottimizzare flussi e costi –Identificare la forma organizzativa ritenuta più idonea

4 Direttiva EU 2002/95/CE (ROHS) Direttiva EU 2002/96/CE (RAEE) Decreto Legislativo N° 151 del 25 Luglio 2005 che traspone le due precedenti Direttive Europee Decreto Legislativo N° 152 / 2006 Decreto Legislativo N° 196 del 30 Giugno 2003 Modello di Gestione dei RAEE Contesto Legislativo - Normativa

5 Supporto Informativo / Comunicativo / Formativo Accompagnamento verso la Soluzione Operativa ritenuta più idonea Promozione e Costituzione eventuale di una nuova Entità Modello di Gestione dei RAEE Opportunità per le Associazioni

6 Comprensione dei Flussi e delle Relazioni lungo tutta la Filiera Analisi delle Voci di Costo Definizione del Modello Definizione di forme di Informazione, Comunicazione e Marketing Modello di Gestione dei RAEE Attività Richieste

7 Modello di Gestione dei RAEE Flussi e Relazioni – Soggetti coinvolti Produttori (compresi Assemblatori/Importatori) Distributori Punti Vendita Utenti e Consumatori Broker Manutentori Aziende Utenti pubbliche e private Aziende pubbliche di Gestione Rifiuti Operatori della Logistica Trattatori / Pre-trattatori Organizzazioni no-profit

8 DISTRIBUZIONE SITO DI RACCOLTA PRODUZIONE ACQUISTO RACCOLTA Modello di Gestione dei RAEE MUNICIPALIZZATA DISTRIBUTORE SPECIALIZZATO PICCOLO DISTRIBUTORE VIA INTERNET E TELEVENDITA AZIENDA DI TRATTAMENTO DISTRIBUTORE GDO TRASPORTATORE MUNICIPALIZZATA UTENTE AZIENDA DI TRATTAMENTO AZIENDA DI SMALTIMENTO COMITATO DI VIGILANZA E CONTROLLO DISMISSIONE TRASPORTATORE DISTRIBUTORE UTENTE PRODUTTORE IMPORTATORE RIVENDITORE TRASPORTO TRATTAMENTO SMALTIMENTO MONITORAGGIO STOCCAGGIO PRETRATTAMENTO CONSORZIO

9 Modello di Gestione dei RAEE Flussi e Relazioni – Primo Ciclo Aziende utenti Produttori chi dismette chi intercetta Oper.trattamento/logistica Manutentori Distributori/Punti vendita Broker No profit Municipalizzate

10 Modello di Gestione dei RAEE Flussi e Relazioni – Secondo Ciclo Oper.trattamento/ logistica Manutentori Distributori/punti vendita Broker No-profit Municipalizzate

11 Modello di Gestione dei RAEE Flussi e Relazioni – Un Esempio Gestori Fine Vita 66 % Vendor / Assemblatori 6 % Canale – 5 % Broker 14 % Donazioni – 0 % Municipalizzate / In Discarica – 7 % Fonte Sirmi: % espresse sul totale PC dismesse dalle Aziende pubbliche e private ( ) 13% 7% 13% 9% 4% 29% 4% 20% 11% 23% 22% 1% N.B.: vita media del prodotto da definire

12 Costi Finanziari: Accantonamenti in Bilancio, Garanzie Finanziarie Costi Organizzativi: interni e/o di gestione del Sistema Collettivo Costi del Sistema di Gestione e Controllo a livello nazionale Costi per la Logistica ed il Trattamento dei RAEE storici e non Modello di Gestione dei RAEE Voci di Costo

13 Costi Finanziari e per la Logistica ed il Trattamento –Definizione delle quote di mercato per la contribuzione dei RAEE Storici dal segmento Consumer –Analisi installato del segmento Business –Determinazione della Vita Media per tipologia di prodotto Costi Organizzativi: Punti Vendita in aree metropolitane –Superficie dedicata –Frequenti prelevementi degli AEE ritirati Costi del Sistema di Gestione e Controllo a livello nazionale: in attesa dei Decreti Attuativi Modello di Gestione dei RAEE Voci di Costo

14 Analisi e Dimensionamento Analisi della Reverse Supply Chain Riscontro operativo ed identificazione dei Costi Definizione di Scenari Alternativi Modello di Gestione dei RAEE Modello

15 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Analisi e Dimensionamento Classificazione Prodotti Quantità vendute per anno x tipologia Valori approssimati venduti per anno x tipologia Vita media prodotto x tipologia Peso medio prodotto x tipologia Trend di ritorno per i prossimi 5 anni Costi trattamento (prove per tipologia) % quantità di dismesso per i vari attori al 1°ciclo % quantità di dismesso per i vari attori al 2°ciclo Definizione dei flussi

16 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Analisi e Dimensionamento Prodotti ICT (categoria 3 – peso): Personal Computer, Server e notebook Monitor Stampanti/Scanner/ Fotocopiatrici/ Fax Altre periferiche (router, modem,...) Registratori di cassa (categoria 2 – peso; categoria 9 – pezzi) Bilance elettroniche (categoria 2 – peso; categoria 9 – pezzi) Telefonini (categoria 3 – peso)

17 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Reverse Supply Chain Raccolta Selezione Trasporto - Logistica Peso Medio Prodotto x tipologia Pre-trattamento e Trattamento: –Selezione (Disassemblaggio) –Reimpiego –Riciclaggio –Recupero –Redistribuzione –Smaltimento

18 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Reverse Supply Chain

19 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Riscontro ed Identificazione Interviste mirate agli Attori della Reverse Supply Chain Tools di Calcolo eventuali Scelta dei Partners adeguati

20 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Scenari Alternativi Collettivo di soli Produttori Collettivo di Produttori / Distributori / Punti Vendita Collettivo di tutti gli Attori della filiera, compreso Logistica e Trattamento Individuale

21 Modello di Gestione dei RAEE Modello – Scenari Alternativi RaccoltaLogisticaRicicloReporting

22 Modello di Gestione dei RAEE Scenari Alternativi – Alternativa Uno Caratteristiche –Adesione ad un Consorzio –Business e Consumer –Adempimento a tutti gli Obblighi di Legge Ruolo Associazioni –Contributo alla Scelta –Fasatura e Coordinamento con gli altri Attori –Analisi di Marketing Opportunità / Rischi –Attori omogenei –Coordinamento problematico con gli altri Attori

23 Modello di Gestione dei RAEE Scenari Alternativi – Alternativa Due Caratteristiche –Adesione ad un Consorzio –Business e Consumer –Adempimento a tutti gli Obblighi di Legge Ruolo Associazioni –Ruolo aggregante –Promotore / Fondatore di una nuova Entità o Sotto-Entità Opportunità / Rischi –Soluzione equilibrata –Ottimizzazione della Filiera –Negoziazione per Sotto-Entità

24 Modello di Gestione dei RAEE Scenari Alternativi – Alternativa Tre Caratteristiche –Costituzione di una nuova Entità Giuridica –Business e Consumer –Adempimento a tutti gli Obblighi di Legge Ruolo Associazioni –Ruolo aggregante –Coordinamento con gli altri Aderenti Opportunità / Rischi –Rilevante massa critica –Eterogeneità degli Aderenti –Rigidità possibile nelle scelte delle Soluzioni Operative

25 Modello di Gestione dei RAEE Scenari Alternativi – Alternativa Quattro Caratteristiche –Gestione autonoma –Solo Business per lo Storico (no Consumer) Ruolo Associazioni –Fornitura di servizi di informazione per gli Adempimenti a tutti gli Obblighi di Legge –Supporto e Coordinamento per Accordi e Convenzioni con operatori della Logistica e del Trattamento Opportunità / Rischi –Rischio Economico, consigliate forme in outsourcing –Raccolta e Logistica non ottimizzate –Salvaguardia la protezione delle caratteristiche produttive (Brevetti)

26 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato Contesto Obiettivi Soluzione Servizi Prospettive

27 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato - Contesto Eterogeneità del Mercato Dimensioni differenti per gli Associati Dislocazione Geografica Tipologia di Attività

28 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato - Obiettivi Libertà di Scelta per la Forma Organizzativa più idonea per gli Associati Garanzia del Risultato con minimizzazione dei Rischi Flessibilità e Scalabilità ad ogni livello Concentrazione sul proprio Core Business per ogni Associato

29 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato - Soluzione Costituzione di una nuova Entità: –Centro Servizi –Associazione Ruolo centrale con lobiettivo di: –Gestire i rapporti tra i diversi sistemi collettivi e/o Individuali –Erogare i Servizi necessari

30 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato - Soluzione. Distributori Dealers System Integrators / Fleet Managers Produttori Logistica Altri Servizi Trattamento Mercato Medium & Low End Markets Financial Institutions CentroServizi/Associazion e Public Government Organizations Associati High End Markets ConsorziAssociazioniAltri servizi

31 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato – Servizi 1/2 Sovraintendere e Gestire i Rapporti con i diversi Sistemi Collettivi e/o Individuali Identificare, Qualificare, Negoziare e Stipulare Contratti per la gestione dei RAEE Definire le Linee Guida per indirizzare la scelta degli Operatori Gestire ed Ottimizzare la fase di Raccolta Gestire il Sistema Informatico a supporto del Modello

32 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato – Servizi 2/2 Fornire consulenza sugli Adempimenti Legislativi e sugli Aggiornamenti Normativi Erogare servizi complementari: –Marketing –Analisi di Mercato –Call Center, Help Desk, Contact Center su Web –Simulazioni periodiche sullandamento del Sistema di Gestione –Simulazioni per la valutazione dei Costi del singolo Associato Rappresentare gli Associati verso le Istituzioni e le Organizzazioni del mercato dei RAEE

33 Modello di Gestione dei RAEE Modello Consigliato – Prospettive Entità che si propone verso altre Organizzazioni Fornitura dei servizi anche ad altri Attori del contesto RAEE Ritorni attesi: –Benefici Economici –Sinergie –Immagine –Vantaggi per gli Associati

34 Modello di Gestione dei RAEE Conclusione Grazie dellattenzione Eventuali domande?


Scaricare ppt "La gestione dei rifiuti tecnologici: apparecchiature elettriche, elettroniche e informatiche (Direttive RAEE 2002/96/CE e RHOS 2002/95/CE Decreto Legislativo."

Presentazioni simili


Annunci Google