La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE PRIVATIZZAZIONI IN ITALIA. Il caso Enel Relatore: Chiar.ma Prof. Donatella Porrini TESI DI LAUREA IN POLITICA ECONOMICA Laureando: Santoro Ciro Francesco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE PRIVATIZZAZIONI IN ITALIA. Il caso Enel Relatore: Chiar.ma Prof. Donatella Porrini TESI DI LAUREA IN POLITICA ECONOMICA Laureando: Santoro Ciro Francesco."— Transcript della presentazione:

1 LE PRIVATIZZAZIONI IN ITALIA. Il caso Enel Relatore: Chiar.ma Prof. Donatella Porrini TESI DI LAUREA IN POLITICA ECONOMICA Laureando: Santoro Ciro Francesco

2 Privatizzazione: trasformazione degli enti pubblici economici in società per azioni e successiva vendita delle azioni ai privati.

3 Obiettivi: stimolare la concorrenza stimolare la concorrenza migliorare lallocazione delle risorse e, di conseguenza, aumentare lefficienza delle imprese e del sistema economico. migliorare lallocazione delle risorse e, di conseguenza, aumentare lefficienza delle imprese e del sistema economico. ridurre il coinvolgimento politico del governo nelle decisioni strategiche e gestionali delle imprese e i condizionamenti politici verso il management. ridurre il coinvolgimento politico del governo nelle decisioni strategiche e gestionali delle imprese e i condizionamenti politici verso il management.

4 Obiettivi: accrescere le entrate statali e migliorare la situazione finanziaria del debito pubblico; accrescere le entrate statali e migliorare la situazione finanziaria del debito pubblico; diffondere lazionariato presso il pubblico dei singoli risparmiatori e sviluppare il mercato dei capitali; diffondere lazionariato presso il pubblico dei singoli risparmiatori e sviluppare il mercato dei capitali; ridistribuire il reddito e la ricchezza; ridistribuire il reddito e la ricchezza;

5 Forme di privatizzazione: La privatizzazione sostanziale: La privatizzazione sostanziale: vero e proprio trasferimento della proprietà dallazienda pubblica al settore privato. Limitando il ruolo dello Stato a semplice regolatore delle prestazioni offerte dalloperatore privato.

6 Privatizzazione formale: Metodo che consente alle imprese di operare secondo le regole del diritto privato pur avendo come principale azionista lo Stato, in modo da poter sfruttare la migliore flessibilità funzionale dellassetto privato.

7 Le privatizzazioni in Italia I motivi: Diffidenza nei confronti dello Stato per i diffusi fenomeni di corruzione (Tangentopoli); Diffidenza nei confronti dello Stato per i diffusi fenomeni di corruzione (Tangentopoli); Risanamento della finanza pubblica; Risanamento della finanza pubblica; Spinta della normativa comunitaria verso procedure di liberalizzazione dei mercati; Spinta della normativa comunitaria verso procedure di liberalizzazione dei mercati;

8 Effetti sul bilancio dello Stato: Dimensione dei ricavi: 96 Miliardi di euro Dimensione dei ricavi: 96 Miliardi di euro Incidenza sul PIL: 12 % circa al netto dellindebitamento trasferito (1,3 %). Incidenza sul PIL: 12 % circa al netto dellindebitamento trasferito (1,3 %). Risorse pari a circa 1,4 % del PIL per anno. Risorse pari a circa 1,4 % del PIL per anno. FONTE: Bankitalia, Relazione annuale del 2005.

9 FONTE: Relazione al Parlamento sulle privatizzazioni, Ministero dell Economia e delle Finanze, Dicembre 2005.

10 era una scelta subita sotto lurgere del dissesto della finanza pubblica e percepita dagli italiani più come una dolorosa necessità che come opportunità di miglioramento economico (Galli, 1998)

11 Effetti sull efficienza delle imprese: sensibile rialzo degli indici di produttività e di redditività sensibile rialzo degli indici di produttività e di redditività valore aggiunto per addetto: + 49 % valore aggiunto per addetto: + 49 % intensità di capitale per addetto: + 35 % intensità di capitale per addetto: + 35 % margine operativo sul fatturato: + 5 % margine operativo sul fatturato: + 5 % vendite sui mercati esteri: + 5% vendite sui mercati esteri: + 5% immobilizzazioni tecniche: + 26 % immobilizzazioni tecniche: + 26 % riduzione dei dipendenti: - 2 % riduzione dei dipendenti: - 2 % Fonte: Ufficio Studi Mediobanca. (Dati cumulativi di 1828 società italiane) e R&S

12 Effetti sul mercato azionario Capitalizzazione di borsa tra il 1992 e il 2001: % Capitalizzazione di borsa tra il 1992 e il 2001: % Capitalizzazione pari al 72 % del PIL Capitalizzazione pari al 72 % del PIL Incidenza sul Mib 30 era pari al 52 % al giugno 2001 (32,5 % nel dicembre 1992). Incidenza sul Mib 30 era pari al 52 % al giugno 2001 (32,5 % nel dicembre 1992). Sviluppo dellazionariato popolare: 20 milioni di richiedenti. Sviluppo dellazionariato popolare: 20 milioni di richiedenti. Espansione e diversificazione del risparmio finanziario delle famiglie: azioni e fondi comuni pari al 45,6 % nel 1999 (contro 18,4 % nel 1995) Espansione e diversificazione del risparmio finanziario delle famiglie: azioni e fondi comuni pari al 45,6 % nel 1999 (contro 18,4 % nel 1995) FONTE: Rapporto IRS sul mercato azionario 2002

13 Il caso Enel Trasformata in S.p.A. e quotata in Borsa nel Trasformata in S.p.A. e quotata in Borsa nel Società con 2,5 milioni di azionisti individuali Società con 2,5 milioni di azionisti individuali Centinaia di investitori istituzionali Centinaia di investitori istituzionali Capitalizzazione di borsa: 41 Mld di euro Capitalizzazione di borsa: 41 Mld di euro FONTE: Enel

14 Il caso Enel FONTE: Enel

15 Public Company con una base di investitori globale Public Company con una base di investitori globale 75% degli investitori istituzionali non italiani. 75% degli investitori istituzionali non italiani.

16 Partecipazioni dirette del MEF Fonte: MEF

17 OCSE: Regulatory Reform in Italy Uscita dello Stato dalle principali imprese ancora sotto il controllo pubblico. Uscita dello Stato dalle principali imprese ancora sotto il controllo pubblico. Rinuncia ai poteri speciali attribuiti al Ministero del tesoro (Golden share). Rinuncia ai poteri speciali attribuiti al Ministero del tesoro (Golden share). Programmi di privatizzazione a livello locale. Programmi di privatizzazione a livello locale. Impiego del project financing e di forme di Public-Private Partnership. Impiego del project financing e di forme di Public-Private Partnership. Completamento di un quadro regolamentare certo. Completamento di un quadro regolamentare certo.

18 Conclusioni Sono venute meno le barriere ideologiche, sociali e strutturali. Sono venute meno le barriere ideologiche, sociali e strutturali. E venuta meno la forte spinta esterna E venuta meno la forte spinta esterna Rimane la pressione indiretta del processo di apertura dei nostri mercati che spinge a ricercare maggiore efficienza e competitività. Rimane la pressione indiretta del processo di apertura dei nostri mercati che spinge a ricercare maggiore efficienza e competitività. Esigenza di uno Stato meno ingerente e regole semplici e trasparenti. Esigenza di uno Stato meno ingerente e regole semplici e trasparenti.


Scaricare ppt "LE PRIVATIZZAZIONI IN ITALIA. Il caso Enel Relatore: Chiar.ma Prof. Donatella Porrini TESI DI LAUREA IN POLITICA ECONOMICA Laureando: Santoro Ciro Francesco."

Presentazioni simili


Annunci Google