La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La riforma della rappresentatività e degli assetti contrattuali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La riforma della rappresentatività e degli assetti contrattuali."— Transcript della presentazione:

1 1 La riforma della rappresentatività e degli assetti contrattuali

2 2 LAccordo del 28 giugno 2011 E un accordo storico perché: 1. UNITARIETA – dopo lAccordo del 1993, fa registrare unintesa unitaria sulle regole di funzionamento delle relazioni sindacali. 2. AUTONOMIA – richiede lintervento del Legislatore solo ai fini dellincentivazione fiscale della contrattazione di secondo livello: su tutti gli altri aspetti regolamentati, le parti hanno espressamente convenuto di voler definire pattiziamente le regole, così dichiaratamente manifestando la volontà di non ritenere più necessario un intervento del legislatore. 3. EFFETTIVITA – prevede meccanismi che consentono alla contrattazione collettiva decentrata di assecondare in concreto le reali esigenze della specifica unità aziendale (per situazioni di crisi, per favorire lo sviluppo economico, etc.).

3 3 LAccordo del 28 giugno 2011 Le novità Misurazione della rappresentatività Misurazione della rappresentatività Efficacia dei contratti aziendali Efficacia dei contratti aziendali Esigibilità dei contratti collettivi aziendali Esigibilità dei contratti collettivi aziendali Intese modificative (cd. clausole di uscita) Intese modificative (cd. clausole di uscita) Misure fiscali e contributive di sostegno alla contrattazione decentrata Misure fiscali e contributive di sostegno alla contrattazione decentrata

4 4 LAccordo del 28 giugno 2011 Misurazione della rappresentatività (Punto 1 dellAccordo) Misurazione della rappresentatività (Punto 1 dellAccordo) Lintesa prevede un particolare sistema di misurazione della rappresentatività delle organizzazioni sindacali. La rappresentatività di una O.S. è la capacità del sindacato di essere rappresentativo dei lavoratori. La rappresentatività ha una funzione selettiva delle organizzazioni sindacali, nel senso che sono ammesse a svolgere determinate attività (quali, ad es., la contrattazione collettiva) solo quelle che abbiano un determinato indice di rappresentatività. La rappresentatività ha una funzione selettiva delle organizzazioni sindacali, nel senso che sono ammesse a svolgere determinate attività (quali, ad es., la contrattazione collettiva) solo quelle che abbiano un determinato indice di rappresentatività.

5 5 LAccordo del 28 giugno 2011 Misurazione della rappresentatività (Punto 1 dellAccordo) Misurazione della rappresentatività (Punto 1 dellAccordo) NellAccordo è finalmente previsto un criterio certo per la selezione delle OO.SS. ammesse alla contrattazione collettiva nazionale (rappresentatività negoziale). In particolare, è istituito un sistema di misurazione della rappresentatività delle organizzazioni sindacali che tiene conto: - del dato associativo, - e del dato elettorale. Il dato associativo viene certificato dallI.N.P.S. sulla base delle deleghe relative ai contributi sindacali conferite dai lavoratori. Il dato elettorale è calcolato in ragione dei consensi ottenuti nelle elezioni periodiche delle rappresentanze sindacali unitarie (da rinnovare ogni tre anni, e trasmessi dalle Confederazioni sindacali al CNEL).

6 LAccordo del 28 giugno 2011 Misurazione della rappresentatività (Punto 1 dellAccordo) Misurazione della rappresentatività (Punto 1 dellAccordo) La legittimazione a negoziare si raggiunge solo se la media fra il dato associativo ed il dato elettorale è superiore al 5% del totale dei lavoratori della categoria cui si applica il contratto collettivo nazionale di lavoro Oltre tale soglia lOrganizzazione sindacale ha la rappresentatività negoziale nella contrattazione collettiva nazionale di categoria. 6

7 La sentenza n del 27 novembre Corte di Appello di Torino Una società cooperativa, operante nel settore facchinaggio, in data aveva fatto ricorso al Tribunale di Alessandria, chiedendo lannullamento di una cartella notificata dalla EQUITALIA SPA, con la quale le era stato ingiunto di pagare all'INPS un importo a titolo di contributi e somme aggiuntive Tale cartella si basava su un verbale di accertamento con il quale gli ispettori di vigilanza avevano contestato alla cooperativa di avere calcolato la retribuzione imponibile a fini contributivi in base a quanto effettivamente erogato ai soci lavoratori in applicazione del CCNL UNCI/CONFSAL anziché sulla base delle retribuzioni di cui al CCNL facchinaggio siglato da CGIL/CISL/UIL con le altre Centrali Cooperative.

8 Per questo motivo erano state imputate alla cooperativa differenze contributive riscontrabili nellapplicazione dei due differenti CCNL. L'INPS, costituendosi in giudizio, chiedeva la conferma della cartella opposta, sostanzialmente sottolineando come ai sensi dell'art. 2, co. 25, della L n. 549/1995 dovesse trovare applicazione il CCNL stipulato "dalle organizzazioni maggiormente rappresentative" e quindi, secondo lIstituto, non il CCNL UNCI/CONFSAL poiché "raffrontando gli accordi... non v'è dubbio che siano i contratti conclusi con queste ultime associazioni (Cgil/Cisl e Uil) a godere della maggiore rappresentatività".

9 Il Tribunale di Torino, con sentenza del , accoglieva l'opposizione della cooperativa e annullava la cartella esattoriale, motivando la decisione sul fatto che la maggiore rappresentatività comparata (…) non può essere determinata a priori e consistere in una attribuzione stabile e irreversibile del sindacato, ma deve essere verificata nel tempo attraverso la comparazione con le diverse associazioni. Ne consegue che lINPS (…) è onerato della prova della maggiore rappresentatività delle organizzazioni sindacali che hanno sottoscritto laccordo invocato (cioè quello siglato da CGIL/CISL/UIL con le altre Centrali Cooperative), rispetto a quello applicato dal ricorrente (cioè il CCNL UNCI/CONFSAL).

10 LINPS ha fatto ricorso in appello chiedendo di riformare la sentenza di primo grado e confermare la cartella esattoriale. Le motivazioni addotte dallIstituto, sostanzialmente, erano basate sul concetto che per comune esperienza, le predette tre OO.SS. firmatarie (CGIL/CISL/UIL) del CCNL di categoria sono notoriamente quelle dotate di maggiore organizzazione e strutture, capacità negoziale e contrattuale ecc. e quindi quelle comparativamente più rappresentative. La Corte di Appello di Torino ha rigettato il ricorso, confermando e rafforzando le motivazioni del giudice di primo grado.

11 I giudici di Torino, nella loro ricostruzione giuridica e giurisprudenziale, hanno citato le numerose sentenze nelle quali la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo cui è onere dellINPS, in materia di determinazione della base imponibile per il calcolo dei contributi, fornire la prova della dedotta maggiore rappresentatività di un sindacato firmatario di un contratto collettivo del quale si invochi l'applicazione. Tra queste, la sentenza n del ha testualmente sottolineato: "...l'Istituto ricorrente ha omesso di indicare sin dal ricorso introduttivo di primo grado i fatti precisi dai quali riteneva si potesse desumere la qualità di organizzazione sindacale più rappresentativa su base nazionale dei sindacati in esame (ovvero la maggiore rappresentatività degli stessi sindacati confederali nell'ambito della categoria alberghiera), venendo meno anzitutto all'onere di allegazione, che pure gli incombeva in quanto attore in senso sostanziale in sede di opposizione a decreto ingiuntivo.

12 Infatti, lINPS avrebbe dovuto allegare (e quindi poi dimostrare nel caso di eventuale contestazione della Cooperativa) in base a quali precise circostanze di fatto le organizzazioni CGIL-CISL e UIL erano da ritenersi maggiormente rappresentative nella categoria rispetto alla CONFSAL e non limitarsi ad affermare che "raffrontando gli accordi stipulati con la Confsal e con le rappresentanze sindacali CGIL, CISL e UIL, non v'è dubbio che siano i contratti conclusi con queste ultime associazioni a godere della maggiore rappresentatività"

13 giacché, a prescindere dal dato evidente che la maggiore rappresentatività è da riferire non ai contratti ma alle oo.ss. contrapposte dei lavoratori e dei datori di lavoro, non è certo dal confronto fra le previsioni dei diversi CCNL (e tantomeno dalla previsione dì "minimali" retributivi maggiori o minori) che è possibile desumere la maggiore o minore rappresentatività, nell'ambito della medesima categoria, delle oo.ss. stipulanti.

14 Per i motivi sopra esposti la Corte di Appello di Torino ha respinto lappello, ha confermato lannullamento della cartella esattoriale e ha condannato lINPS al pagamento delle spese.

15 i criteri giurisprudenziali su cui si è basato in passato il concetto di maggiore rappresentatività ed adesso quello di maggiore rappresentatività comparata sono numero di iscritti, presenza significativa sull'intero territorio nazionale, pluricategorialità, intercategorialità, effettiva attività di autotutela condotta con continuità, sistematicità ed equilibrata diffusione

16 Cass. 28 ottobre 1981, n. 5664; 18 febbraio 1985, n e 27 ottobre 1990, n – importanza del criterio territoriale, settoriale ed intercategoriale per valutare la rappresentatività sindacale Cass. 28 ottobre 1981, n – carattere non decisivo del numero di iscritti nel valutare la rappresentatività sindacale Cass. 18 luglio 1984, n. 4218; 1 marzo 1986, n. 1320; 20 aprile 2002, n e 2 dicembre 2005, n – limportanza delleffettività dellazione sindacale (partecipazione a trattative sindacali, vertenze, stipula di contratti collettivi) Pluralismo contrattuale ed efficacia soggettiva del CCNL Cassazione, 7 giugno 2004, n ; 9 agosto 1996, n e 28 agosto 2004, n il contratto collettivo stipulato dalle attuali organizzazioni sindacali è un contratto di diritto comune, dunque, in forza dellart. 1322, comma 2 del codice civile, con conseguente applicazione non di una disciplina speciale, ma di quella, appunto, di diritto comune, dettata dal codice civile per i contratti in generale.

17 Il legislatore Lart. 7 del DL 248/2007 garantisce ai soci di cooperativa i trattamenti economici complessivi non inferiori a quelli dettati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni datoriali e sindacali comparativamente piu' rappresentative a livello nazionale nella categoria;

18 la disposizione adotta lo stesso parametro di riferimento al fine di favorire la piena occupazione e di garantire linvarianza del trattamento economico complessivo dei lavoratori e di garantire lacquisizione del personale già impiegato nel medesimo appalto a parità di condizioni economiche e normative previste dai contratti collettivi nazionali di settore stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative o a seguito di accordi collettivi stipulati con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative.

19 Inoltre è opinione consolidata in giurisprudenza (Cass. SS.UU. 7157/03 e Cass 2525/87) come i contratti collettivi di diritto comune hanno efficacia vincolante limitatamente agli iscritti alle associazioni stipulanti e a coloro che esplicitamente o implicitamente al contratto abbiano dato adesione.


Scaricare ppt "1 La riforma della rappresentatività e degli assetti contrattuali."

Presentazioni simili


Annunci Google