La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI 09/07/2007 INCONTRO CON MARCO DE MARCO LALTRA META DELLA STORIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI 09/07/2007 INCONTRO CON MARCO DE MARCO LALTRA META DELLA STORIA."— Transcript della presentazione:

1 1 UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI 09/07/2007 INCONTRO CON MARCO DE MARCO LALTRA META DELLA STORIA

2 2 Caro Direttore, complimenti sinceri, da parte della nostra Associazione, per il Suo libro, chiaro e che si fa leggere in un fiato. Penso che questo volume avrà, tra i suoi meriti, quello di contrastare eventuali processi di manipolazione della storia napoletana grazie a precise e oggettive analisi, libere da pregiudizi e preconcetti. Dalla lettura del libro abbiamo raccolto una serie di spunti per rivolgerLe alcune domande e per conoscere meglio il Suo pensiero su precise questioni. UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI

3 3 1.RESPONSABILITA Cominciamo da una parola impegnativa e scomoda: responsabilità. Siamo assolutamente in disaccordo con chi afferma che questo non è il momento giusto per individuare capri espiatori; lassoluta priorità invece è quella di mettere fine a un sistema che, purtroppo, ha portato la nostra regione nelle attuali condizioni. Napoli è come un atleta che, se vuole partecipare alla competizione del suo rilancio, deve immediatamente cominciare intensi allenamenti. Ma un atleta, se è malato, prima di avviare lattività agonistica deve curarsi, debellare la sua malattia. La malattia di Napoli, da curare immediatamente per non contagiare anche lauspicato rinnovamento della classe dirigente, è il sistema piramidale da Lei perfettamente trattato nell Altra metà della storia. Questa diagnosi non è partitica ma ormai è condivisa da autorevoli esponenti del centro sinistra (Villone, Salvi, Chiamparino, Cacciari) e da fasce sempre più ampie di cittadini. Abbiamo toccato il fondo etico nel significato della parolaresponsabilità quando il Presidente Bassolino ha giustificato se stesso attraverso lormai famoso io non leggo quello che firmo. Non cè alcun dubbio che la piramide delle responsabilità veda lo stesso vertice del sistema che, per una serie di motivi, ha bloccato il nostro territorio. A nostro avviso la priorità delle priorità è che con, un atto di grande coraggio, il Presidente della Regione Campania faccia un passo indietro che innescherebbe una fisiologica scossa di reazione in tutti i cittadini. Le responsabilità a cascata continuano e vedono, a livello decrescente, coinvolti lopposizione politica (mediocre, sfilacciata, poco autorevole) il sindacato (appiattito in modo eccessivo) la società civile ( il disimpegno e la scarsa cultura aggregativa dei napoletani sono reali, ma mi creda, ci sono tanti cittadini che da tempo provano a presentare proposte alle Istituzioni e non sono presi in alcuna considerazione). Tutto ciò aumenta la sensazione di impotenza per coloro che vogliono impegnarsi e rende sempre più complesso il riavvicinamento tra politica e cittadini ed infine i media. Ecco la domanda: non ritiene che per le motivazioni di cui sopra, i napoletani oltre i gap socio-economici che scontano per le note e concomitanti diseconomie territoriali, subiscano oggi di un doppio gap politico, aggiungendo alla crisi ormai esplosa a livello nazionale sulla disaffezione a questa politica anche la crisi dovuta a un sistema di gestione di potere locale che non riescono a modificare? UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI

4 4 2.CRIMINALITA A Suo avviso le nostre sollecitazioni rivolte alle Istituzioni locali e nazionali sulla possibilità di destinare parte del Tesoretto al principale diritto dei cittadini, la sicurezza, e sulla necessità di rimediare alla clamorosa dimenticanza dei governatori delle regioni meridionali e del governo che hanno individuato 4 priorità per il Sud (Fiscalità – Infrastrutture - Innovazione – Centri Urbani) ignorando la criminalità, non hanno avuto alcun riscontro perché il sistema locale tende ancora, come Lei riporta sul libro, a rimuovere la priorità sicurezza, temendo che lallarme camorra possa appannare limmagine della città? Vorremmo poi un Suo parere su queste nostre proposte. UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI

5 5 3.ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA Come valuta le recenti dichiarazioni del Presidente Lettieri che durante lassemblea dellUnione degli Industriali di Napoli senza arricchire la sua relazione di proposte e metodo ha indossato i panni del politico più che dellimprenditore chiedendo, senza stile, le dimissioni del Sindaco Iervolino e nello stesso tempo esortando con un imbarazzante Antonio vai avanti così il Presidente Bassolino a procedere lungo la strada delle emergenze? Un ossimoro vero e proprio. Non ritiene che tutto ciò, oltre a un evidente mancanza di ruolo autorevole che dovrebbe contraddistinguere Confindustria Napoli, può essere dovuto anche a un associazionismo i cui vertici, tutelando gli interessi di pochi eletti e ignorando la base che rappresentano, mantengono una saldatura di interessi con il centro del potere locale che è la Regione e non certo il Comune? Non ritiene che in questi anni la società civile napoletana non ha espresso il Suo ruolo anche a causa di questo vuoto associativo istituzionale? UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI

6 6 4.QUALE PERCORSO UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Se Lei fosse un cittadino medio napoletano di fronte a queste teoriche possibilità comportamentali quale opzione perseguirebbe? 1– lasciare le cose come stanno. 2 – dare forza allalternanza schierandosi con lattuale opposizione. 3 – seguire la strada dellinterruzione civica così come indicato dal Professor Masullo. 4 – scendere direttamente in campo cercando spazio nei partiti. 5 – impegnarsi per una diversa partecipazione della società civile nelle decisioni delle Istituzioni locali attraverso associazioni civiche. 6 – altro. Dica un numero!

7 7 5.E GIUNTO IL MOMENTO DI VOLTARE PAGINA? UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Lei ha richiamato nel libro uno scrittore inarrivabile quale Victor Hugo nel suo splendido I lavoratori del mare. Il titanico Hugo ha scritto non cè esercito che potrebbe combattere contro unidea il cui momento è giunto. E giunto il momento dellidea di voltare pagina. Lesercito delle piramidi è ancora troppo forte?

8 8 6.AUTOREVOLEZZA UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Sicuramente cè un deficit di autorevolezza che Napoli sconta nei suoi uomini più rappresentativi. A Suo avviso, per il futuro, uomini troppo autorevoli possono riproporre il rischio piramide o questo attributo è fondamentale proprio per ricostruire, su basi diverse, la struttura istituzionale?

9 9 7.CLASSE DIRIGENTE E GIOVANI UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI A Suo avviso il sistema piramidale, non può, con il classico colpo di coda condizionare il rinnovamento della classe dirigente locale riproponendo schemi, rapporti, condizionamenti e gerarchie che vanno definitivamente abbonati?

10 10 8.COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Importantissima la pagina del Suo libro in cui Lei, riferendosi ai principali quotidiani napoletani, ha evidenziato lappiattimento delle maggiori testate su Bassolino portando a riprova il fatto che i rispettivi direttori del Mattino, della Repubblica, e del Corriere del Mezzogiorno provenivano dallesperienza dellUnità del PCI. Insomma, la comunicazione o gran parte di essa era interna alla piramide. Ritiene che se in queste settimane tutte queste testate sollecitassero la Fine del sistema piramidale non sarebbe probabile il raggiungimento dellobiettivo?

11 11 9.AVENTINO UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Qualche mese fa dal Suo giornale due sferzate di Antonio Fiore hanno lasciato il segno a chi cerca di dare un contributo attivo al rilancio di questa benedetta città. La prima è una vera e propria frustata,purtroppo da condividere in pieno: la coscienza civile e politica della città è cloroformizzata e regna lassuefazione al peggio La seconda sferzata di Antonio Fiore necessita di una replica o meglio di uninformazione. Non è vero che quel che resta della società civile,in silenzio,sinabissa.Ancora cè chi rifiuta di rimanere in silenzio. Ancora cè chi nuota disperatamente per non inabissarsi. La nostra associazione ne è un esempio concreto,strutturato sulla critica, sulla partecipazione, sulla proposta. Attività che svolgiamo quotidianamente ma che purtroppo sono poco note in quanto il circo mediatico dà la precedenza ai soggetti istituzionali come è comprensibile che sia. Continueremo fino allultima stilla denergia,supermotivati da non avere un secondo fine rispetto allobiettivo che ci prefiggiamo. Questa impostazione trova piena coerenza sul tema della lotta alla criminalità,assoluta priorità del territorio. Abbiamo,a tutte le istituzioni competenti, presentato precise proposte sia per spingere sullo sviluppo ( pre-condizione per debellare la criminalità) sia per individuare misure specifiche a favore della legalità( pre-condizione allo sviluppo). Nel primo caso ricordiamo ad esempio la richiesta puntuale fatta al sindaco di costruire la matrice dello sviluppo relativa ai 100 progetti consegnati al governo che individuasse,progetto per progetto,coefficiente di priorità,stato di avanzamento,risorse disponibili,problemi in corso,motivazioni di eventuali slittamenti,aggiornamento periodico. Il Comune tace. E ancora proposte quali il tavolo del pil urbano,la concentrazione dei fondi europei in 3 grandi mega-progetti,il confronto preventivo della finanziaria cittadina e tante altre. Silenzio. Nel secondo caso ricordiamo la nostra proposta di costituire il tavolo sulla criminalità tra governo e regioni meridionali,dopo la clamorosa dimenticanza di questo tema rispetto alle 4 priorità individuate per il mezzogiorno ( infrastrutture, innovazione,fiscalità di vantaggio,recupero aree urbane). Silenzio.

12 12 9.AVENTINO UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Oppure il recentissimo progetto che abbiamo trasmesso a tutte le istituzioni relativo al sistema integrato per la sicurezza e la lotta alla criminalità a Bagnoli,iniziativa che potrebbe consentire di proteggere e difendere questa zona strategica della città dalle mire della camorra e dal proliferare della micro-criminalità. Eppure a seconda di se,come e quando sarà affrontata la questione si ipotecherà il livello di sicurezza per la Bagnoli del futuro. Ancora silenzio. Non è quindi la società civile ad essere silenziosa,bensì sono le istituzioni a non rispondere impegnate nella polemica di turno o nella gestione dei loro equilibri. Ci piacerebbe che i politici locali non ci inseguissero per cercare di spingerci nel loro orticello ma si confrontassero con noi nel merito delle singole questioni. Naturalmente se questa assoluta disattenzione delle Istituzioni Locali a chi svolge un ruolo proposito concreto diviene regola, la conseguenza inevitabile, è quella di allontanare ulteriormente i cittadini dalle Associazioni, dallimpegno, dalla partecipazione. Si sviluppa la sindrome dellimpotenza con la gravissima vittoria della rassegnazione. Le Istituzioni devono rispondere a coloro che propongono, nella logica dell i care, cioè dare attenzione. Rispondere non significa necessariamente condividere ma dare un riscontro (un dovere istituzionale) a coloro che esercitano un diritto. Attenzione quindi a non generalizzare sulla mancanza di proposte e di impegno dei cittadini napoletani. Si commette un doppio errore. Il primo non riconoscendo lo sforzo di coloro che stanno reagendo, il secondo ostacolando il processo di crescita aggregativa. Le riporto alcune frasi di Paolo Macry, dopo aver ricevuto le proposte che ad oggi NAPOLI PUNTO A CAPO ha trasmesso alle Istituzioni su molti temi, le vostre sono idee concrete, pratiche, giustamente dettagliate. Ecco se proprio debbo fare lavvocato del diavolo, direi che sono troppe. E mi chiedo se leccessiva ricchezza di idee non finisca per impedire una loro adeguata valorizzazione: la comunicazione pubblica, piaccia o meno, è sempre molto schematica. E vero sono troppe proposte ma la verità è che sono state elaborate in un anno e ovviamente si accumulano… Tutto ciò fa sorgere un dubbio: ma non è che lAventino sia voluto da chi ci governa? Fa comodo denunciare ma fa molto più comodo lasciare i napoletani lontani dalle stanze dei botto.

13 13 10.RISORSE UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI Il Mezzogiorno dItalia è il luogo dove, più significativo e imperdonabile, risulta lo spreco di risorse. Dove in altre parole ogni fonte di finanziamento dovrebbe essere allocata e spesa come se fosse lultima e viene invece utilizzata come se fosse solo una parte di una serie mai terminata e che mai terminerà. Napoli è purtroppo mortificata da un elevatissimo gradiente fallimentare utilizzo risorse che è dato dal rapporto tra ciò di cui disponiamo (elenco infinito dei potenziali esogeni cui si sommano i Fondi Europei cumulati in due quadri di sostegno) e alcuni indicatori di sviluppo (massima disoccupazione giovanile europea, elevatissimo tasso di disoccupazione, qualità della vita, pil, export). La nostra città purtroppo soffre del non invidiabile primato di incapacità oggettiva dellutilizzo di ciò che dispone. Nessun rilancio può arrivare se non si è capaci o non si vuole utilizzare le risorse di cui disponiamo. Una domanda provocatoria. Lei sa che i 7 miliardi di euro dei Fondi Europei del quadro non hanno assolutamente inciso sui principali indicatori di sviluppo lasciando la Campania tra le regioni più povere dEuropa nonostante le straordinarie potenzialità di cui dispone. A Suo avviso sarebbe meglio individuare, per il futuro, un sistema diverso non soggetto a rischi piramide che gestisca i Fondi Europei? Se Lei dovesse esprimere un parere su un nome a cui affidare questo sistema diverso di utilizzo dei Fondi opterebbe per quali di questi nomi: ANTONIO DAMATO GIANNI LETTIERI GUIDO TROMBETTI CARDINALE CRESCENZIO SEPE GIORGIO NAPOLITANO ALDO MASULLO VINCENZO ONORATO ALTRI

14 14 UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI ELENCO DOCUMENTI DI PROPOSTE CONSEGNATE ALLE ISTITUZIONI NRDOCUEMNTODATA 1.Proposte ai Candidati Sindaco04//4/ Proposte al Sindaco di Napoli07/11/ Proposte ai Ministri durante il Consiglio dei Ministri a Caserta07/11/ Proposte al Presidente della Regione Campania07/11/ Proposte al Presidente della Bagnoli Futura03/03/ Proposte ai Capogruppo del Consiglio Comunale di Napoli03/02/ Proposte allAssessore Regionale alla Sanità31/03/ Proposte allAssessore Regionale alla Formazione04/01/ Proposte al Prefetto di Napoli16/06/ Proposte allUnità di Sviluppo per il rilancio di Napoli21/03/ Proposte allAssessore Comunale al Turismo26/11/ Lettere, Comunicati, , su vari temi a: Istituzioni Nazionali, Regionali Cittadine Anno 2007 Le trasmetteremo in redazione tutto il materiale!!


Scaricare ppt "1 UN LIBRO PER I CITTADINI UN LIBRO PER I CITTADINI 09/07/2007 INCONTRO CON MARCO DE MARCO LALTRA META DELLA STORIA."

Presentazioni simili


Annunci Google