La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Composizione grafica dott. Andrea Dezi - 2003 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci Unità 11 (Lezioni n.21/22) I SEMESTRE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Composizione grafica dott. Andrea Dezi - 2003 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci Unità 11 (Lezioni n.21/22) I SEMESTRE."— Transcript della presentazione:

1 Composizione grafica dott. Andrea Dezi CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci Unità 11 (Lezioni n.21/22) I SEMESTRE A.A

2 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.1 LO SPAZIO ISTITUZIONALE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

3 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.2 A. QUADRO NORMATIVO 1) Statuto Albertino Non contiene disposizioni relative al p.d.C

4 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.3 A. QUADRO NORMATIVO 2) normativa pre - statutaria non risulta abrogata rinvio al Consiglio di Conferenza (28.V.1834) (cfr. Un.20/8, quadro C) discussione definitivapreliminar disc. Regio Biglietto 9.X.1841 riunione settimanale alla presenza del re

5 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.4 A. QUADRO NORMATIVO 3) R.D. sulle attribuzioni del p.d.C voluto da Ricasoli abrogato successivamente N.B. Manuale ad uso dei deputati al Parlamento nazionaleXVIII legislatura Roma, Tipografia della Camera dei Dep., 1892 Menziona i Presidenti del CdM nella tabella sui Ministeri 1848 – 1892; pp

6 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.5 B. NOMINA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO a) lo Statuto tace 1- Monarchia liberale sardo-italiana 1848/1922 b) il re non ha vincoli nomina chi vuole con chi si consulta? pres. Senato Giolitti sostiene di aver suggerito dei nomi ma il C.d.M 6.VI.1861 indica Ricasoli

7 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.6 B. NOMINA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 2- Monarchia fascista il re nomina B. Mussolini (31.X.1922) lo revoca e lo fa arrestare (25.VII.1943) 3- Repubblica italiana a) lart. 92 cost. non pone limiti b) la prassi repubblicana ha reso il rituale bizantino

8 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.7 B. NOMINA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 3- Repubblica italianab) la prassi repubblicana ha reso il rituale bizantino 1- incarico di formare il governo 2- accettazione con riserva 3- scioglimento della riserva 4- sottoposizione al C d S lista ministri 5- DPR nomina ministri 6- giuramento ministri 7- voto di fiducia delle Camere

9 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.8 B. NOMINA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO N.B. tra le elezioni e la formazione del nuovo governo passano diverse settimane Stati europei entro 24/48 ore dalle elazioni politiche

10 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 21.9 C. USCITA DI SCENA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO a) morte b) dimissioni (ad esempio) Cavour (6.VI.1861) dAzeglio (3.XI.1852) Cavour (19.VII.1859) Giolitti 5 casi

11 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci C. USCITA DI SCENA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO c) il re sfiducia il pdC e impone le dimissioni almeno 5 volte Alfieri 19.X.1848 I Ricasoli 3.III.1862 III Ricasoli 10.IV.1867 I Rattazzi 7.XII.1862 I Minghetti 24.IX.1864 [M. lo apprende dai giornali]

12 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci D. PRASSI PRESIDENZIALE 1- p.d.C. defilatoM. dAzeglio (7.V.1849 / 3.XI.1852) B. Cairoli 24.III / 12.XII VII / 25.XI XI.1879 / 29.V.1881 (Depretis Interni) L. Facta 26.II / 1°.VIII °.VIII / 31.X.1922

13 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci D. PRASSI PRESIDENZIALE 2- p.d.C. meteore B. Ricasoli 12.VI.1861 / 3.III.1862 U. Rattazzi 3.III.1862 / 7.XII IV / 26.X.1867 Al. Fortis 28.III / 22.XII XII.1905 / 8.II.1906

14 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci D. PRASSI PRESIDENZIALE 3- p.d.C. effimeri L.C. Farini 8.XII.1862 / 21.III.1863 S. Sonnino 8.II / 27.V XII.1909 / 31.III.1910 uomini dei 100 gg. 4- dittatura parlamentare rinvio

15 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci E. DITTATURA PARLAMENTARE a- in cosa consiste il p.d.C. gestisce le elezioni politiche dalle urne schiacciante maggioranza governativa gestisce regime censitario (1848/1882) persuasione tramite prefetti suffragioallargato (1882/1913) universale (1913/1921) intimidazione (collegi meridionali) cfr. G.Salvemini, Il ministro della malavita

16 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci E. DITTATURA PARLAMENTARE b- chi la pratica Cavour 4.XI.1852 / 19.VII I.1860 / 6.VI.1861 Depretis 25.XII.1876 / 23.III XII.1878 / 14.VII V.1881 / 19.VII.1887 Crispi 7.VIII.1887 / 6.II XII.1893 / 9.III.1896

17 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci E. DITTATURA PARLAMENTARE b- chi la pratica Giolitti 15.V.1892 / 28.XI XI.1903 / 12.III V.1906 / 10.XII XI.1911 / 19.III VI.1920 / 4.VII.1921

18 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci F. ANALOGIE E DIFFERENZE TRA I 4 DITTATORI PARLAMENTARI 1- analogiei 4 statisti esercitano un controllo ferreo sulla maggioranza parlamentare politica ambiziosaCavour Crispi 2- differenze a- prevalenza della politica estera Cavour

19 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci F. ANALOGIE E DIFFERENZE TRA I 4 DITTATORI PARLAMENTARI 2- differenze b- galleggiamento ministeriale Depretis c- rischio d- routine di governo calcolato Cavour avventura militare Crispi disagio Cavour Crispi a proprio Depretis agio Giolitti

20 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci F. ANALOGIE E DIFFERENZE TRA I 4 DITTATORI PARLAMENTARI 2- differenze e- crisi Cavour giganteggia Giolitti si ritrae indica al re avversario Sonnino (crisi grave) ascaro Facta (crisi lieve)

21 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.1 SUFFRAGIO 1848/1924 A- SISTEMI ELETTORALI a- finalità consentono di regolare la legittimazione delle Camere elettive (trasformazione dei voti in seggi parlamentari

22 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.2 A- SISTEMI ELETTORALI b- tipi e regimi 1- Antico Regime (Francia) 1450/ corpi elettorali Nobiltà Terzo stato Clero N.B. non esiste il soggetto unico di diritti e dimposta

23 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.3 A- SISTEMI ELETTORALI 2- Regime rappresentativo a) esercizio della rappresentanza suffragio maschilesuffragio universale (M + F) censitario allargato universale b- tipi e regimi

24 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.4 A- SISTEMI ELETTORALI b) modalità1- maggioritario 2- proporzionale uninominale secco doppio turno 2- Regime rappresentativo b- tipi e regimi

25 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.5 B- UOMINI E DONNE a- Dal XVIII secolo al XX votano solo gli uomini b- quando democratici, radicali e socialisti chiedono il suffragio universale lo chiedono solo per gli uomini c- il Movimento delle Suffragette si sviluppa per chiedere lestensione del suffragio alle donne U.S.A. Gran Bretagna (fine 800/ anni 20 del 900)

26 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.6 B- UOMINI E DONNE d- in sede di ricostruzione storica quando ci si riferisce al Sette/Ottocento bisogna sempre specificare che si tratta di suffragio maschile censitario universale allargato

27 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.7 B- UOMINI E DONNE N.B. a- le donne sono escluse dai diritti politici perché incluse nella famiglia b- in società di deferenza basate su gerarchie sociali e familiari cristallizzate da secoli, se le donne votassero il capo-famiglia come rappresentante naturale voterebbero seguendo le indicazioni del capo-famiglia

28 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.8 B- UOMINI E DONNE N.B. c- lesclusione delle donne non ha motivazioni di tipo anti-femminile Comunità dei Pirenei dAntico regime successione matrilineare alle elezioni del Terzo Stato per gli Stati Generali del Regno di Francia, votano le madri di famiglia

29 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci 22.9 B- UOMINI E DONNE N.B. d- il filosofo Condorcet è lunico a teorizzare il diritto di voto per le donne che egli definisce « la metà dellUniverso»

30 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci C- SUFFRAGIO MASCHILE 1- suffragio maschile censitario (1848/1881) maggioritario a doppio turno con ballottaggio Regno di Sardegna 1848/60 Regno dItalia 1861/1924 a- R° di Sardegna b- R°di Sardegna (Alta Italia) 1860 c- Regno dItalia 1861/1881

31 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci C- SUFFRAGIO MASCHILE 2- suffragio allargato (1882/1911) proporzionale x poco tempo maggioritario doppio turno con ballottaggio a- Depretis ritarda 6 anni b- legge Zanardelli c- corpo elettorale quadruplicato d- estensione diritto di voto artigiani fittavoli mezzadrimassari e- ambiguitàart. 100rinvio

32 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci C- SUFFRAGIO MASCHILE 3- suffragio larghissimo (1912/1913) legge Giolitti maggioritario a doppio turno con ballottaggio premio di maggioranza 25% voti = 2/3 seggi collegio unico nazionale 4- suffragio universale maschile (1919/1924) legge Nitti (proporzionale) 5- legge Acerbo


Scaricare ppt "Composizione grafica dott. Andrea Dezi - 2003 CORSO DI STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE Docente Prof. Martucci Unità 11 (Lezioni n.21/22) I SEMESTRE."

Presentazioni simili


Annunci Google