La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I sistemi elettorali PROF. TREVITO A.S. 2010/11. I sistemi elettorali I sistemi elettorali possono essere congegnati in due modi: Possono tenere conto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I sistemi elettorali PROF. TREVITO A.S. 2010/11. I sistemi elettorali I sistemi elettorali possono essere congegnati in due modi: Possono tenere conto."— Transcript della presentazione:

1 I sistemi elettorali PROF. TREVITO A.S. 2010/11

2 I sistemi elettorali I sistemi elettorali possono essere congegnati in due modi: Possono tenere conto solo delle aspirazioni della maggioranza degli elettori (sistemi maggioritari). Possono tenere conto anche delle aspirazioni delle minoranze (sistemi proporzionali).

3 sistema maggioritario Nel sistema maggioritario tutti i seggi disponibili (ogni seggio equivale ad un membro del Parlamento) vanno al partito o ai partiti che hanno raggiunto una certa percentuale di voti

4 sistema proporzionale Nel sistema proporzionale anche ai partiti di minoranza è riservato un certo numero di seggi.

5 sistema proporzionale con premio di maggioranza. In questo, il partito che ha raggiunto una certa percentuale di consensi fissata dalla legge fa scattare un premio di maggioranza che gli consente di godere di un numero di seggi superiore a quello ottenuto con le votazioni. In tal modo, il sistema proporzionale si trasforma in maggioritario.

6 sistema proporzionale vantaggi? Con il sistema proporzionale la coalizione tra i partiti è più difflicile, ma la rappresentanza delle forze politiche più ampia.

7 collegi uninominali e collegi plurinominali Il collegio uninominale è quello in cui si può eleggere un solo candidato, in quanto vi è un solo posto in palio. Il collegio uninominale è adottato nei sistemi maggioritari nei quali è un solo candidato a vincere e a godere di tutti i voti espressi nel collegio. Questa è la regola sintetizzata dalla formula: il vincitore prende tutto.

8 Il collegio uninominale Il collegio uninominale può essere a turno unico o a doppio turno (o ballottaggio). Con il turno unico si vota una volta sola e vince colui che ottiene il maggior numero di voti (maggioranza relativa), Con il ballottaggio, partecipano al secondo turno i due candidati che hanno avuto il maggior numero dei voti

9 collegio plurinominale collegio plurinominale, utilizzabile sia dai sistemi maggioritari che da quelli proporzionali, si possono eleggere diversi candidati

10 Il sistema elettorale italiano Si segue un sistema maggioritario a doppio turno in collegi uninominali. Vota circa il 2% della popolazione Si segue un sistema maggioritario a doppio turno in collegi plurinominali. Vota circa il 7% della popolazione

11 Il sistema elettorale italiano Si segue un sistema maggioritario a doppio turno in collegi uninominali. Nel 1912 viene introdotto il suffragio universale maschile Si segue un sistema proporzionale a liste concorrenti in collegi plurinominali Nel 1923 viene approvata la legge Acerbo che attribuisce i 2/3 dei seggi alla lista che ottiene il 25% dei voti (premio di maggioranza). Dopo il 1924 non si hanno più elezioni. Nel 1939 si sopprime la Camera dei deputati, elettiva, e si costituisce la Camera dei fasci e delle corporazioni, i cui componenti non sono più eletti ma scelti tra i titolari di cariche allinterno del partito fascista e delle corporazioni Si estende il suffragio universale alle donne. Si vota seguendo un sistema proporzionale a liste concorrenti. Questo sistema è stato considerato, per oltre quarantanni, un pilastro fondamentale dello Stato democratico. Il sistema è stato ridisegnato nel In quellanno, tramite re­ferendum, furono abrogate (con l82%dei consensi), alcune norme della legge elettorale che avevano impedito, per il passato, che il Senato fosse eletto con il sistema maggioritario.

12 Il Mattarellum, il sistema in vigore dal 1993 al 2005 In concomitanza dello scandalo di Tangententopoli, che stava travolgendo il sistema partitico in Italia, ebbe successo il referendum elettorale sulla preferenza unica e successivamente il referendum sul sistema elettorale del Senato. Tali fattori spinsero il Parlamento a riformare la legge elettorale, anche per rispondere allo spirito antipartitocratico sorto nell'opinione pubblica. Il passaggio dal proporzionale al maggioritario rappresentò, peraltro, una fase cruciale per l'Italia: il passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica. Tale momento fu caricato di enormi attese e speranze, legate ad un rinnovamento della politica italiana.

13 Per la Camera dei Deputati venne realizzato un sistema alquanto complesso, che accoglieva le istanze del maggioritario, salvaguardando tuttavia una quota di proporzionale. 475 seggi, infatti, venivano attribuiti nei collegi uninominali: il candidato (affiancato da uno o più simboli) che otteneva la maggioranza relativa dei voti conquistava il seggio. I restanti 155 seggi erano ripartiti con una complicata architettura proporzionale. Il dato inequivocabile era la clausola d'esclusione (o anche soglia di sbarramento) al 4% dei partiti per partecipare al recupero del proporzionale.

14 Attraverso l'intricato meccanismo dello scorporo, poi, i candidati sconfitti nei collegi uninominali potevano accedere in Parlamento con il paracadute del proporzionale, poiché le candidature plurime erano consentite dalla legge. Ragion per cui, per le elezioni alla Camera, l'elettore si trovava di fronte a due diverse schede: una per il collegio uninominale, l'altra per la quota proporzionale. Questo ritocco fu visto da molti esperti, tra cui il politologo Giovanni Sartori, come il mezzo utilizzato dai partiti per non perdere totalmente il proprio potere nella formazione delle liste.

15 Così la riforma fu soprannominata Mattarellum, perché il relatore delle legge fu Sergio Mattarella. Per il Senato della Repubblica, invece, la formula adottata è più diretta e di conseguenza meno complessa. Il candidato, in primo luogo, poteva presentarsi anche senza l'appoggio di un partito. Il 75% dei seggi veniva assegnato con le elezioni nei collegi uninominali, mentre il restante 25% su base proporzionale non prevedeva lo scorporo, bensì venivano sottratti i voti necessari all'elezione nei collegi uninominali e si provvedeva al conteggio su base proporzionale.

16 2 SISTEMI CONVIVONO ? Il 75% dei componenti è eletto in base ad un sistema maggioritario in collegi uninominali. Il residuo 25% è eletto con un sistema proporzionale corretto

17 Elezioni suppletive Qualora nel corso della legislatura, per qualsiasi causa, risulti vacante un seggio, si procede ad elezioni suppletive nel collegio interessato. Il candidato così eletto cessa dalla carica con il termine della legislatura.

18 Lesercizio del diritto di voto Lart. 48 della Costituzione fissa cinque principi che riguardano i modi di esercizio e i caratteri del diritto di voto: luniversalità; la personalità; luguaglianza; la libertà; la segretezza.

19 Dalle Memorie di Giovanni Giolitti: perché fu introdotto il suffragio universale Quando io misi nel mio programma, come punto fondamentale, la riforma elettorale, con un allargamento del suffragio universale, vi fu chi mi ricordò con rimprovero che io altre volte mi ero dichiarato contrario a tale estensione del diritto politico fondamentale. E la cosa era vera per se stessa;…. Tutta la condotta politica da me seguita nel passato, intesa alla elevazione delle classi popolati, ed allallargamento della influenza dei loro interessi nella vita pubblica, smentiva nettamente quellaccusa. La verità era che, proponendomi come programma capitale della mia azione politica lelevazione delle classi popolari, io avevo dovuto anzitutto considerare le loro condizioni materiali, e restituendo loro quel pieno esercizio delle libertà statutarie, che era stato posto in forse da quasi dieci anni di politica reazionaria, rimetterle nelle condizioni necessarie per lottare pel proprio miglioramento economico


Scaricare ppt "I sistemi elettorali PROF. TREVITO A.S. 2010/11. I sistemi elettorali I sistemi elettorali possono essere congegnati in due modi: Possono tenere conto."

Presentazioni simili


Annunci Google