La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

WG2: Cambiamenti climatici, siccità e gestione risorse idriche Strategie di adattamento al cambiamento climatico Carlo Cacciamani Direttore Servizio Idro-Meteo-Clima.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "WG2: Cambiamenti climatici, siccità e gestione risorse idriche Strategie di adattamento al cambiamento climatico Carlo Cacciamani Direttore Servizio Idro-Meteo-Clima."— Transcript della presentazione:

1 WG2: Cambiamenti climatici, siccità e gestione risorse idriche Strategie di adattamento al cambiamento climatico Carlo Cacciamani Direttore Servizio Idro-Meteo-Clima - ARPA Laboratorio "Temi strategici per la protezione dell'ambiente e la promozione di uno sviluppo territoriale sostenibile dello spazio MED" 26 novembre Sala Parlamentino - Viale Silvani, 6 - Bologna

2 Outline 1.Evidenza di Cambiamenti Climatici in area MED 2.Impatti sulla risorsa idrica e azioni di adattamento a livello trans-nazionale 3.Connessione con il Programma MED

3 1. Evidenza di Cambiamenti climatici in area MED Cambiamenti osservati Scenari futuri

4 1. Cambiamenti osservati

5

6

7

8

9

10 Precipitazioni sul bacino del PO : 20% riduzione

11 Dati CNR: la tropicalizzazione dei regimi pluviometrici in Italia

12

13

14 Portate medie annuali del Po a Pontelagoscuro % di riduzione

15 Portate medie solo periodo estivo Pontelagoscuro riduzione del 45-50%

16 Scenari futuri

17 Temperature and precipitation changes over Europe from the MMD-A1B simulations. Top row: Annual mean, DJF and JJA temperature change between 1980 to 1999 and 2080 to 2099, averaged over 21 models. Middle row: same as top, but for fractional change in precipitation. Bottom row: number of models out of 21 that project increases in precipitation. Temperature: AUMENTO 3-4 gradi sul Mediterraneo Precipitazioni: diminuzione del 20%

18

19 Tmax Tmax (JJA)- a1b ( ) Tmax (JJA)- a1b ( ) Coeff. di correlazione tra il valore downscalato ed osservato (periodo ) Pred. T850 ARPA-SIMC: Risultati progetti UE: STARDEX (FP5) e ENSEMBLE (FP6)

20 Cambiamenti in precip. per il periodo rispetto al (ottenuti usando modello SINTEX-G) A1B pav SON A1B pav JJA Nota: I pallini rossi indicano che il cambiamento e significativo al 95% mentre per quelli blu al 80% ARPA-SIMC: Risultati progetti UE: STARDEX (FP5) e ENSEMBLE (FP6)

21 Esiste un quasi unanime consenso che Temperature in aumento (medie e estremi) specialmente durante lestate Precipitazioni in calo. Maggior frequenza di eventi estremi e rapidi (tropicalizzazione)

22 Gli impatti Cibo

23 2. Impatti sulle risorse idriche. Necessità di strategie di adattamento

24 Il Mediterraneo sta soffrendo sempre più per problemi di siccità. La gestione delle risorse idriche è un problema molto complessoIl Mediterraneo sta soffrendo sempre più per problemi di siccità. La gestione delle risorse idriche è un problema molto complesso Gli effetti combinati di aumento termico, diminuzione delle piogge, più frequenti episodi siccitosi influenzeranno severamente lagricoltura e molte altre attività nonché la disponibilità ed uso delle risorse idricheGli effetti combinati di aumento termico, diminuzione delle piogge, più frequenti episodi siccitosi influenzeranno severamente lagricoltura e molte altre attività nonché la disponibilità ed uso delle risorse idriche Impatti sulla disponibilità di acqua Impatti sulla disponibilità di acqua Selezionati da diversi documenti EU ….

25 Climate Change Impacts on water runoff

26

27 LIBRO VERDE della Commissione Europea: L'adattamento ai cambiamenti climatici in Europa, quali possibilità di intervento (2007) Acqua …….Alcune regioni dell'Europa meridionale, dove le risorse di acqua dolce già scarseggiano, saranno particolarmente colpite. La siccità potrebbe essere sempre più frequente in tutta l'UE e in tal caso la qualità dell'acqua andrà deteriorandosi. In tutta l'UE diventa fondamentale applicare una gestione sostenibile della domanda…. …. una pianificazione poco coerente dell'uso del suolo e una distribuzione inadeguata dell'acqua sono tutti fattori che portano automaticamente ad un uso eccessivo…. ….. la strategia di elevare il risparmio idrico a priorità e il miglioramento dell'efficienza in tutti i settori sono già elementi essenziali della strategia adottata dall'UE….

28 E necessario definire azioni e strategie per mitigare gli impatti negativi dei Cambiamenti Climatici sulle risorse idriche a livello trans- nazionale KEY ISSUE: azioni di Adattamento

29 Cosa è ladattamento ? Insieme di azioni necessarie a gestire/attenuare gli impatti dei cambiamenti climatici: temperature più alte, meno risorsa idrica, più frequenti eventi estremi... Le azioni di adattamento possono essere indirizzate a gestire problemi già presenti e anticipare effetti futuri, per ridurre il rischio e i danni e investigando i benefici potenziali delle azioni… Le politiche di adattamento devono essere pensate e proposte a scala transnazionale /nazionale/regionale

30 The European strategy. In coherence with: the Water Framework Directive (WFD) Green paper on Climate Change Adaptation (2007) WFD GREEN PAPER

31 Le azioni mitigazione & adattamento CAUSE ridurre le emissioni gas climalteranti CAUSE ridurre le emissioni gas climalteranti migliorare lefficienza energetica utilizzare fonti rinnovabili risparmio energetico ri-forestazione

32 Le forme di adattamento di tipo infrastrutturale e tecnologico tempi di realizzazion e spesso lunghi investimenti ingenti (sostenibili? ) dimensiona mento degli impatti (priorità) di tipo non-strutturale o soft tempi di realizzazion e brevi Costi trascurabili ed inclusi nei costi dello sviluppo socio- economico applicabili anche in condizioni di conoscenza con margini di incertezza

33 ….some examples of hard actions adapting building to future climate conditions and extreme weather events building flood defenses and raising the levels of dykes developing more drought-tolerant crops choosing tree species and forestry practices less vulnerable to storms and fires setting aside land corridors to help species migrate.

34 Ladattamento soft Educazione Ottimizzazione dei sistemi di gestione delle risorse Sistemi di prevenzione dei rischi Azioni di protezione dellambiente del territorio e del benessere socio economico e sanitario della popolazione Creazione di strumenti tra cui servizi operativi e continuativi di previsione e monitoraggio ambientale specifici per settore Creazione di consapevolezza per attutire le barriere ambientali, economiche, di informazione, sociali, attitudinali e comportamentali che spesso si pongono allattuazione delladattamento applicabili efficaci imparziali accessibili contestualizzati preparazione istituzionale apprendimento sociale coinvolgimento dei portatori di interesse capacità di governance coordinata informazione del pubblico interessato

35 ADATTAMENTO SOFT: MONITORAGGIO !

36

37

38 3. LINK con il programma Med

39 Adattamento e il Programma Med

40 Priority axis 2: Protection of the environment And promotion of a sustainable territorial development Principali argomenti interni all Asse 2 dove possono individuarsi azioni di adattamento: Protection of biodiversity, maritime habitat, water resources, sea (ob. 2.1). Major risks: fire, floods, droughts, reduction of water resources, landslides (ob. 2.4) Necessario tener conto degli effetti del climate change come un ulteriore forcing allambiente

41 Idea progettuale focalizzata su: 1. setup, nellarea MED di azioni pilota di adattamento da realizzare in un contesto di cooperazione transnazionale 2. miglioramento, in relazione alle water resources: 1. conoscenze specifiche, 2. monitoraggio comune e 3. sviluppo di sistemi di comunicazione 3. definizione di strategie di adattamento, metodi e tecnologie, caratterizzate da a) sostenibilità ambientale ed economica

42 Ipotesi progettuale

43 Climate change scenarios Meteorological scenarios temp prec Discharge scenarios Water allocation scenarios Adaptation strategies Changing coltures towards low water-demanding crops Reducing domestic water use Saving water in industrial processes Hydrologic / Hydraulic models... RIBASIM

44 Fasi del progetto 1.Meteo-climate: Definizione di scenari di temperatura e precipitazione in aree selezionate (capitalizzare risultati disponibili) 2.Uso di modelli idrologici-idraulici in aree pilota e creazione di scenari di portata (capitalizzare risultati già disponibili) 3.Definizione della disponibilità di acqua nelle aree pilota 4.Planning della gestione delle crisi idriche 5.Planning di strategie di adattamento da applicarsi in aree selezionate, in differenti settori (economia, agricultura etc..) 6.Comunicazione e disseminazione dei risultati

45 Fine Grazie per lattenzione

46 P1. Meteo-clima: Definizione di scenari di temperatura e precipitazione in aree pilota selezionate (capitalizzazione di risultati) Produzione di scenari di precipitazione e temperatura alla scala di bacino (ex: fiume Po) usando Statistical Downscaling of AOGCM e di Regional Climate Model già disponibili (i.e.Prudence-projext, UE-FP5) Uso di modelli stocastici (ex: weather generator) per produrre valori giornalieri di grandezze meteo rilevanti per studi di impatto Approccio probabilistico per valutare la frequenza di eventi particolarmente siccitosi che creano difficoltà nella gestione delle acque.

47 P2. Uso di modelli idrologici in aree pilota per proporre scenari di portata (capitalizzazione di rislutati già disponibili) Implementazione di modelli idrologici- idraulici per simulare cambiamenti in bacini idrologici che tengano conto dei cambiamenti di scenario climatici Obiettivo: pianificazione a medio e lungo termine

48 P3. Definizione di disponibilità idrica nelle aree pilota Applicazione di modelli di uso della risorsa idrica (ex: RIBASIM, ARPA-SIM) per creare diversi scenari di disponibilità della risorsa, al variare di scenari di domanda e di priorità nella sua distribuzione: agricultura, richiesta industriale, idropotabile…

49 P4. Planning della gestione delle crisi idriche -Proposizione di piani per la gestione delle crisi idriche -Definizione di strategie di adattamento per la gestione di situazione di water scarcity, connesse ai cambiamenti climatici

50 P5: Planning di strategie di adattamento da applicarsi in aree pilota in differenti settori (economia, agricultura etc..) Agricultura: Colture meno idroesigenti Economia Uso domestico idropotabile Processi industriali

51 P6: Comunicazione e disseminazione dei risultati Setup di un internal plan for information and publicity activities per garantire una utile disseminazione delle informazioni verso le autorità interessate in Europa e per il pubblico generico – Organizzazione di meetings con stakeholders, water managing authorities e pubblico – Setup di un WEB site con I risultati di progetto

52 Risultati attesi Definizione di differenti scenari di water availability and use, sotto il forcing di un clima modificato Setup di catene modellistiche usabili per la gestione e luso delle risorse idriche Setup of procedure per la gestione di più frequenti situazioni di crisi idrica Proposte concrete di strategie di adattamento finalizzate a ridurre gli impatti negativi del Climate Change sulle risorse idriche e, di conseguenza, su diversi settori di attività umane (economia, agricoltura, uso industriale) e lambiente


Scaricare ppt "WG2: Cambiamenti climatici, siccità e gestione risorse idriche Strategie di adattamento al cambiamento climatico Carlo Cacciamani Direttore Servizio Idro-Meteo-Clima."

Presentazioni simili


Annunci Google