La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il regime dei dividendi PERCORSI FISCALI Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il regime dei dividendi PERCORSI FISCALI Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA."— Transcript della presentazione:

1 Il regime dei dividendi PERCORSI FISCALI Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

2 Le novità in sintesi nuove fattispecie: - assimilazione alle azioni - assimilazione ai dividendi nuovo regime impositivo - persone fisiche - imprese individuali - soggetti IRES - enti non commerciali - soggetti non residenti effetti sul regime delle ritenute Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

3 Norme di riferimento nuove fattispecie - art. 44 Tuir nuovo regime impositivo: – persone fisiche - art. 47 e art. 18 Tuir – imprese individuali - art. 59 Tuir – soggetti IRES - art. 89 T.U.I.R. – enti non commerciali - norma transitoria – soggetti non residenti - art. 23 Tuir nuove regole per le ritenute - artt. 27, 27 bis e 27 ter del DPR n. 600 del 1973 Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

4 Un approccio operativo le banche - oltre che emittenti - sono anche intermediarie la soluzione dei problemi operativi diventa fondamentale per i profili di responsabilità connessi al ruolo di sostituto dimposta lattenzione si focalizza pertanto su aspetti connessi alle ritenute e agli altri adempimenti Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

5 Problemi esaminati Collocazione di determinate fattispecie nellambito degli strumenti produttivi di utili (partecipazioni in senso proprio e titoli e strumenti assimilati alle azioni) Assimilazione ai dividendi della remunerazione dei finanziamenti eccedenti (thin capitalization) Trattamento di talune operazioni societarie (ripartizioni di riserve, recessi) Trattamento degli utili in capo a determinate categorie di investitori (società semplici, enti non commerciali) Modalità impositive per determinate tipologie (utili in natura, utili di fonte estera) Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

6 Problemi risolti LAgenzia delle entrate ha risolto i principali dubbi interpretativi con la circolare n. 26/E del 16 giugno 2004 Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

7 Le fattispecie: utili da partecipazioni in senso proprio Art lett. e): gli utili derivanti dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti allIRES, salvo il disposto della lett. d ) del comma 2 dellart. 53;... I chiarimenti della circolare: la diversa formulazione non ha carattere innovativo, ma interpretativo Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

8 Le fattispecie: nuovi strumenti finanziari I nuovi strumenti finanziari introdotti dalla riforma del diritto societario: non producono utili in senso proprio possono però produrre proventi che condividono lo stesso regime degli utili, se lo strumento è assimilato ai sensi dellart. 44, comma 2, lett. a) e b) Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

9 Le fattispecie: strumenti finanziari assimilati art. 44, comma 2, lett. a): a )... i titoli e gli strumenti finanziari la cui remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente (…) I chiarimenti della circolare: la disposizione: 1. va letta in parallelo con art. 109, comma 9, lett. a 2. è riferita a strumenti cartolarizzati 3. è riferita a strumenti produttivi di redditi di capitale ai sensi dellart non riguarda obbligazioni e titoli irredimibili delle banche Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

10 Le fattispecie: partecipazioni e strumenti finanziari assimilati (esteri) art. 44, comma 2, lett. b): le partecipazioni al capitale o al patrimonio delle società e degli enti non residenti (…) si considerano similari rispettivamente alle azioni o alle quote di srl nel caso in cui la relativa remunerazione se corrisposta da una società residente sarebbe stata totalmente indeducibile... I chiarimenti della circolare - Lassimilazione alle azioni degli strumenti finanziari esteri prevede la coesistenza di due requisiti: 1.che si tratti di partecipazione al capitale o patrimonio 2. che la remunerazione sia costituita totalmente dai risultati economici della società emittente Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

11 Le fattispecie non assimilate La nuova categoria dei titoli e strumenti assimilati alle azioni comporta la fuoriuscita di talune tipologie dalle vecchie categorie: obbligazioni e titoli similari titoli atipici Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

12 Remunerazione dei finanziamenti eccedenti Art. 44, comma 1, lett. e):... è ricompresa tra gli utili la remunerazione dei finanziamenti eccedenti di cui allart. 98 direttamente erogati dal socio o dalle sue parti correlate, anche in sede di accertamento. I chiarimenti della circolare: 1. momento in cui scatta equiparazione ad utili 2. criteri di applicazione delle ritenute/tassazione in dichiarazione 3. parti correlate e regime delle partecipazioni qualificate 4. coordinamento con la direttiva madre-figlia Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

13 Operazioni societarie: distribuzione di utili e di riserve di utili art. 47, comma 1, secondo periodo: Indipendentemente dalla delibera assembleare, si presumono prioritariamente distribuiti lutile dellesercizio e le riserve diverse da quelle del comma 5 per la quota di esse non accantonata in sospensione di imposta I chiarimenti della circolare: 1. decorrenza della presunzione 2. adempimenti della società emittente 3. deroga in caso di trasparenza Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

14 Operazioni societarie: ripartizione di riserve Persone fisiche: art. 47, comma 5: Non costituiscono utili le somme e i beni ricevuti dai soci delle società soggette allIRES a titolo di ripartizione di riserve (…); tuttavia le somme o il valore normale dei beni ricevuti riducono il costo fiscalmente riconosciuto delle azioni o quote possedute. Soggetti IRES : art. 87, comma 6: Nei casi di cui allart. 47, comma 5, alle somme ed al valore normale dei beni ricevuti a titolo di ripartizione delle riserve ivi previste per la parte che eccede il valore fiscalmente riconosciuto della partecipazione si applica quanto previsto nei precedenti commi. I chiarimenti della circolare: Trattamento della somma (eventualmente) erogata in più rispetto al costo della partecipazione Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

15 Operazioni societarie: recesso, ecc. Persone fisiche: art. 47, comma 7: Le somme o il valore normale dei beni ricevuti dai soci in caso di recesso … delle società ed enti costituiscono utile per la parte che eccede il prezzo pagato per lacquisto o la sottoscrizione delle azioni o quote annullate. Soggetti IRES : 1. art. 87, comma 7: Nei casi di cui allart. 47, comma 7, lesenzione di cui al presente articolo si applica, … alla differenza tra le somme o il valore normale dei beni ricevuti a titolo di ripartizione del capitale e delle riserve di cui allart. 47, co. 5, e il valore fiscalmente riconosciuto della partecipazione. 2. art. 89, comma 2: Gli utili distribuiti, … anche nei casi di cui allart. 47, comma 7, … non concorrono a formare il reddito dellesercizio in cui sono percepiti in quanto esclusi … per il 95% del loro ammontare. I chiarimenti della circolare: 1. Trattamento della somma (eventualmente) erogata in più rispetto al costo della partecipazione 2. Distinzione tra recesso tipico e altre forme Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

16 Gli investitori: società semplici, enti non commerciali I chiarimenti della circolare: 1. Partecipazione dei dividendi alla base imponibile delle società semplici 2. Ambito di applicazione della norma transitoria per gli enti non commerciali e modalità di applicazione della ritenuta Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

17 Utili in natura art. 47, comma 3: Nel caso di distribuzione di utili in natura, il valore imponibile è determinato in relazione al valore normale degli stessi alla data individuata dalla lettera a) del comma 2 dell'articolo 109 art. 27/600, comma 2:... i singoli soci... sono tenuti a versare alle società... limporto corrispondente allammontare della ritenuta di cui al comma 1, determinato in relazione al valore normale dei beni ad essi attribuiti, quale risulta dalla valutazione operata dalla società emittente alla data individuata dalla lett. a) del comma 2 dellart I chiarimenti della circolare: 1. Effetti della mancata provvista 2. Ruolo della società emittente nella definizione del valore normale Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

18 Utili esteri Art. 47, comma 4: Nonostante quanto previsto dai commi precedenti, concorrono integralmente alla formazione del reddito imponibile gli utili provenienti da società residenti in paesi o territori a regime fiscale privilegiato... o se ivi residenti sia avvenuta dimostrazione, a seguito dellesercizio dellinterpello.... Art. 27/600 comma 4: Sugli utili (esteri) corrisposti …a persone fisiche residenti in relazione a partecipazioni e agli associati dei contratti... non qualificate...non relative allimpresa... è operata una ritenuta del 12,50% a titolo dimposta.... La ritenuta operata sulla quota imponibile degli utili corrisposti è a titolo dacconto in relazione a partecipazioni...e ai contratti di cui alla lett. c) del comma 1 dellarticolo non relative allimpresa.... La ritenuta dei periodi precedenti è operata al netto delle ritenute applicate dallo Stato estero. In caso di distribuzione di utili in natura si applicano le disposizioni di cui al comma 2. Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

19 (segue) Utili esteri I chiarimenti della circolare: (per le persone fisiche non imprese): 1. Utili su partecipazioni qualificate/non qualificate distribuiti da soggetti residenti in paradisi fiscali 2. Modalità di applicazione della ritenuta sul netto frontiera 3. Valutazione degli utili in natura di fonte estera Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

20 (segue) Utili esteri I chiarimenti della circolare (in tema di esercizio dellinterpello al fine di usufruire dei regimi di tassazione parziale per utili provenienti da paradisi fiscali): 1. Possibilità di invocare lesimente per i redditi prodotti dalle imprese estere diversi dagli utili 2. Necessità di dimostrare che i redditi esteri sono stati assoggettati a tassazione in un Paese a fiscalità ordinaria a decorrere dallinizio del periodo di possesso della partecipazione Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

21 Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

22 Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA


Scaricare ppt "Il regime dei dividendi PERCORSI FISCALI Roma, 24 giugno 2004 Laura Zaccaria ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA."

Presentazioni simili


Annunci Google