La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RETI NON LOCALI Parte Terza RETI SATELLITARI Gianfranco Prini DSI - Università di Milano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RETI NON LOCALI Parte Terza RETI SATELLITARI Gianfranco Prini DSI - Università di Milano"— Transcript della presentazione:

1 RETI NON LOCALI Parte Terza RETI SATELLITARI Gianfranco Prini DSI - Università di Milano

2 NOTA DI COPYRIGHT Queste trasparenze (slide) sono protette dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e il copyright delle slide (ivi inclusi, ma non limitatamente, ogni immagine, fotografia, animazione, video, audio, musica, testo, tabella, disegno) sono di proprietà dell'autore. Le slide possono essere riprodotte e utilizzate liberamente dagli istituti di ricerca, scolastici e universitari italiani afferenti al Ministero della Pubblica Istruzione e al Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica per scopi istituzionali e comunque non a fini di lucro. In tal caso non è richiesta alcuna autorizzazione. Ogni altro utilizzo o riproduzione, completa o parziale (ivi incluse, ma non limitatamente, le riproduzioni su supporti magnetici, su reti di calcolatori e a stampa), sono vietati se non preventivamente autorizzati per iscritto dall'autore. L'informazione contenuta in queste slide è ritenuta essere accurata alla data riportata nel frontespizio. Essa è fornita per scopi meramente didattici e non per essere utilizzata in progetti di impianti, prodotti, reti, etc. In ogni caso essa è soggetta a cambiamenti senza preavviso. L'autore non assume alcuna responsabilità per il contenuto delle slide (ivi incluse, ma non limitatamente, la correttezza, la completezza, l'applicabilità, l'adeguatezza per uno scopo specifico e l'aggiornamento dell'informazione). In nessun caso possono essere rilasciate dichiarazioni di conformità all'informazione contenuta in queste slide. In ogni caso questa nota di copyright non deve mai essere rimossa e deve essere riportata fedelmente e integralmente anche per utilizzi parziali.

3 ARGOMENTI Telecom satellitari Costo della banda Sistemi di indirizzamento Satelliti e sviluppo

4 TIPI DI ORBITE Geostazionarie (GEO) –apogeo = perigeo = km, periodo = 23h 56m –inclinazione 0 gradi, effetto Doppler trascurabile o nullo Geosincrone –apogeo = perigeo = km, periodo = 23 h 56 m –inclinazione 0-90 gradi, effetto Doppler contenuto Molniya –apogeo = km, perigeo = km, periodo 11h 58m –inclinazione 62.9 gradi, effetto Doppler elevato Bassa quota (LEO) –apogeo 500 km, periodo h –inclinazione 0-90 gradi, effetto Doppler elevatissimo

5 ORBITE GEOSTAZIONARIE: RITARDI DI PROPAGAZIONE Ritardi di propagazione: – min =0.12 sec – max =0.14 sec d min = km r = km d max = km

6 ORBITE GEOSTAZIONARIE: ROUND-TRIP DELAY (Caso 1) A B S One-way path: ASB Round-trip path: ASBSA One-way delay = 0.28 secRound-trip delay = 0.56 sec

7 ORBITE GEOSTAZIONARIE: ROUND-TRIP DELAY (Caso 2a) A B S1S1 S2S2 One-way path: AS 1 MS 2 B M Round-trip path: AS 1 MS 2 BS 2 MS 1 A One-way delay = 0.51 secRound-trip delay = 1.02 sec verso S 3

8 ORBITE GEOSTAZIONARIE: ROUND-TRIP DELAY (Caso 2b) AB S1S1 S2S2 One-way path: AS 1 S 2 B Round-trip path: AS 1 S 2 BS 2 S 1 A One-way delay = 0.49 secRound-trip delay = 0.98 sec verso S 3

9 COSTELLAZIONI DI SATELLITI LEO: ROUND-TRIP DELAY AB One-way delay = 0.08 secRound-trip delay = 0.15 sec

10 COSTELLAZIONI DI SATELLITI: ALCUNI PROGETTI IN CORSO Narrowband Globalstar (Loral & Qualcomm ): $2.6 B –48 satelliti + 4 (8?) di scorta su 8 piani orbitali (1.414 km) Iridium (Motorola e consorziati ): $4.4 B –66 satelliti + 6 di scorta su 6 piani orbitali (780 km) Broadband SkyBridge (Alcatel & Loral ): $4.2 B –80 satelliti + ?? di scorta su ?? piani orbitali (1.469 km) Teledesic (W. Gates, C. McCaw ): $9 B –840 satelliti + 84 di scorta su 21 piani orbitali (700 km) –288 satelliti + ?? di scorta su 12 piani orbitali (1.375 km)

11 COSTELLAZIONI DI SATELLITI LEO: ASPETTI ECONOMICI Globalstar –servizio fonia/dati al minuto (2.4/9.6 kbps): $ (*n) –download di un giornale (1 MB, 0.9 h): $ Iridium –servizio fonia al minuto (2.4 kbps): $2-5.5 –download di un giornale (1 MB, 3.5 h): $ Teledesic –servizio fonia/dati al minuto (16/64 kbps/Mbps): $0.04 (*n) –download di un giornale (1 MB, 4 s): $0.32 (32 cent) Kenia e Tanzania –servizio fonia al minuto: $ % tasse

12 TELEDESIC VERSIONE 1: MATERIALE IN ORBITA Numero di chip (GaAs, GHz): Numero di antenne (phased-array): Numero di batterie di alimentazione: Superficie totale delle celle solari: 1.3 kmq Potenza totale erogata (efficienza 4%): 10 MW Potenza di calcolo totale: MIPS Dimensioni totali memoria RAM: 1 TB

13 TELEDESIC VERSIONE 1: PRESTAZIONI PREVISTE Bit-rate (standard): da 16 kbps a 2 Mbps (E1) –Versione 2: fino a 2 Mbps uplink, fino a 64 Mbps downlink –SkyBridge: fino a 2 Mbps uplink, fino a 20 Mbps downlink Bit-rate (special): fino a 1.24 Gbps (OC-24) –Versione 2: nessuna informazione disponibile Bit-rate (intersatellite link): 155 Mbps (OC-3) Error rate: minore di 1.0e-9 a 155 Mbps Disponibilita' servizio: superiore a 99.9% Utenti simultanei (1:100 d, 16 kbps): 2 milioni Copertura: 95% superficie, 100% popolazione

14 COMUNICAZIONI TERRESTRI E SATELLITARI: CONFRONTI Trasmissioni terrestri –Distanze da coprire: km –Round-trip delay: sec Trasmissioni satellitari (LEO) –Distanze da coprire: km –Round-trip delay: sec Trasmissioni satellitari (GEO) –Distanze da coprire: km –Round-trip delay: sec OK per client-server, meno per NCing

15 APPLICAZIONE TIPO CON NC: TEMPI DI ESECUZIONE Ipotesi sulla applicazione tipica del futuro –Numero di chiamate di funzione per applicazione: –Percentuale di chiamate di funzione remote: 10% –Numero di chiamate di funzione per secondo: –Contributo delle chiamate in funzione della distanza »90.0% entro i 100 km - round-trip delay = 3 sec » 9.0% entro i 1000 km - round-trip delay = 3 sec » 0.9% entro i km - round-trip delay = 3 sec » 0.1% oltre i km - round-trip delay = 3 sec –Contrazione dei tempi per caching/interleaving: 70% Tempo di esecuzione asintotico per ciascuna applicazione tipo: 1.5 sec

16 COSTO DEGLI IMPIANTI FISSI (STIME A VALORI CORRENTI) Ultimo miglio: Lire una tantum –Ex-progetto Socrate: Lire per cablare 10 7 famiglie Switching locale: Lire a 10 Mbps –Recente impianto no. 1: Lire per 10 3 punti –Recente impianto no. 2: Lire per punti Long distance: Lire Mbit/sec km –SeaMeWe-3: $1.37 mld per km a 40 Gbit/sec –Altri progetti: costi comparabili per km a 160 Gbit/sec

17 COSTO DELLA BANDA (STIME A VALORI CORRENTI) Interconnessione locale: Lire al giorno –Lire 1.5 milioni totali ammortizzati su 5 anni (1825 giorni) Telecomunicazioni fisse: Lire al giorno –Assunzione: prodotto banda distanza rimane costante –Lire per banda entro i 100 km, Lire 1.6 milioni tot –Lire 1.6 milioni totali ammortizzati su 5 anni (1825 giorni) Telecomunicazioni satellitari: Lire al giorno (inclusive di interconnessione) –Lire mld ammortizzati su 5 anni (1825 giorni) –Ripartiti su 2 milioni di utenti simultanei supportati

18 TARIFFAZIONE DELLA BANDA (STIME A VALORI CORRENTI) Telefonia urbana: Lire al giorno –Lire 35 al minuto per 10 ore, Lire 17 al minuto per 14 ore Telefonia interurbana: Lire al giorno –Lire 340 al minuto per 10 ore, Lire 150 al min. per 14 ore Radiomobile urbano: Lire al giorno –Lire 280 al minuto per 24 ore (Telecom Italia, City) Tratte intercontinentali: Lire al giorno –Lire 100 al minuto al netto dell'interconnessione (Omnitel) –Lire 395 al minuto (Ita-US) meno Lire 295 al minuto (City) Telefonia satellitare: Lire al giorno – Lire 72 al minuto per 24 ore (Teledesic, dal 2002)

19 ERRORI DEL PASSATO E MANCANZA DI PROSPETTIVA Costruzione di Michelangelo e Raffaello Costruzione del Quinto Centro Siderurgico Scarico di sostanze inquinanti nelle acque Rappresentazione dell'anno a due cifre (Y2K) Implementazione di Unix a 7 bit per carattere Migrazione di Unix verso 8 bit per carattere Definizione di Unicode a 16 bit per carattere Rappresentazione indirizzi IPv4 a 32 bit Rappresentazione indirizzi Ethernet a 48 bit Problema: bastano 128 bit per gli indirizzi IPv6?

20 "COSI" CHE SI TOCCANO E "COSI" CHE NON SI TOCCANO "Cosi" che si toccano –Sistemi utente (desktop, laptop, handheld, wearable, etc.) –Sistemi condivisi (storage server, database server, code server, compute server, object server, cache server, etc.) –Sistemi di interconnessione (layer-n switch, router, etc.) –Le singole parti di quanto sopra (processori, memorie, porte, interfacce, periferiche, moduli ambientali, etc.) "Cosi" che non si toccano –Documenti in un sistema di archiviazione (file system) –Processi, thread e altri oggetti e/o dati attivi in un sistema multiprogrammato (eventualmente multiprocessore) –Oggetti e/o altri dati passivi creati "dentro" un sistema di programmazione con allocazione dinamica della memoria

21 QUANTI SONO I "COSI" Quelli che si toccano già oggi sono centinaia di milioni, e nell'arco di pochi anni potranno diventare decine/centinaia/migliaia di miliardi –700 milioni di linee telefoniche oggi installate nel mondo –metà dell'umanità si appresta a "subire" la sua prima fase di telefonizzazione con tecnologia cellulare digitale –miliardi di carte si apprestano a diventare intelligenti –miliardi di esseri umani e di altri animali si apprestano a essere "anellizzati" (cfr. JavaRing, JavaCard e simili) Quelli che non si toccano variano da alcune migliaia ad alcuni miliardi per ciascuno dei "cosi" che si toccano (e creazione dinamica) –Già un'agenda elettronica contiene migliaia di oggetti

22 INDIRIZZAMENTO DEI "COSI": LIMITI DEL MODELLO DI OGGI FIFOMON (Filename-in-folder-on-machine-on- network) è un modello che mostra la corda –Associazione tra contenuto e una sequenza di ben 4 nomi –Difficile da memorizzare e da ricordare nel lungo periodo –Creazione di dangling pointer (page not found on system) Meglio un indirizzo monolitico e univoco per ogni oggetto e un name server che risolva i nomi, assegnati dall'utente a suo piacimento –Oggetti che vivono fintantoché sono referenziati –Vita degli indirizzi identica a quella degli oggetti –Indirizzi generati al ritmo di generazione degli oggetti Necessario spazio di indirizzi inesauribile?

23 ARCHITETTURA DEGLI INDIRIZZI: IL CASO IPv6 IPv6 usa 128 bit per indirizzo (32 bit in IPv4) –Totale indirizzi possibili: ( addr/m 2 t.e.) Efficienza di assegnazione: circa 73% dei bit –Totale indirizzi assegnabili: ( addr/m 2 t.e.) Numero dei "cosi" hard pro capite (stima): 10 4 –Totale indirizzi assegnabili per "coso" hard: Numero dei "cosi" soft generabili per sec: 10 5 –Autonomia generativa per "coso" hard: sec, pari a giorni, pari a poco meno di 80 anni Adottando l'architettura degli indirizzi di IPv6 per il NCing avremo un nuovo anno 2000 in assenza di "IPv6 address garbage collection"


Scaricare ppt "RETI NON LOCALI Parte Terza RETI SATELLITARI Gianfranco Prini DSI - Università di Milano"

Presentazioni simili


Annunci Google