La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRODUZIONE DI PROTEINE DA GENI CLONATI IN PROCARIOTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRODUZIONE DI PROTEINE DA GENI CLONATI IN PROCARIOTI."— Transcript della presentazione:

1 PRODUZIONE DI PROTEINE DA GENI CLONATI IN PROCARIOTI

2 fermentatore

3 Vettori a cassetta PRODUZIONE DI PROTEINE DA GENI CLONATI IN PROCARIOTI

4

5 Espressione di geni esogeni in procarioti PRODUZIONE DI PROTEINE A PARTIRE DA GENI CLONATI Riconosciuto dalla subunità sigma RNA pol E. coli

6 Sequenze promotore in procarioti e eucarioti riconosciute da RNA polimerasi specifiche

7

8 Monitoraggio della proteina esogena con possibili effetti dannosi sul procariote

9 Ceppo speciale di E. coli lisogeno per T7 (fago T7 integrato e alterato: gene per RNA pol T7 a valle del promotore lac, indotto dallIPTG ) promotore tac: ibrido tra trp e lac

10 SVANTAGGI PER LA PRODUZIONE DI PROTEINE ETEROLOGHE IN BATTERI - Non vengono rimossi eventuali introni - Possibile formazione di strutture secondarie della porzione iniziale trascritto (fig) - Possibile presenza di segnali di terminazione per il batterio (fig) - Propensione per alcuni codoni (fig) - Mancanza di modificazioni post-traduzionali (glicosilazioni, fosforilazioni, etc.) - Limite della lunghezza amminoacidica - Mancato ripiegamento della struttura terziaria e sovraespressione determinano i corpi di inclusione

11 Formazione di strutture secondarie allinizio del trascritto quali possibili conseguenze per inserimento sequenza esogena

12

13 Vettori a cassetta per la fusione di geni in E. coli Vantaggi di una proteina di fusione in frame: - presenza seq. nucleotidica di E. coli per legame ribosoma - peptide batterico iniziale stabilizzante - peptide batterico iniziale da utilizzare come segnale localizzazione cellulare (esportata nel mezzo di coltura o tra membrana esterna ed interna Fusione con parte iniziale di gene batterico Aumento resa e solubilità proteina eterologa

14 Fusione con la proteina di E. coli Glutatione-S-transferasi (GST) e purificazione con cromatografia per affinità al substrato (glutatione) Vettore: componente N-terminale della GST, componente C-terminale proteina da purificare. Promotore Lac inducibile Glutatione: tripeptide (cisteina, glicina, ac. glutammico) libero

15 Rimozione della proteina di fusione es: con bromuro di cianogeno (se alla giunzione cè metionina), con trombina (taglia adiacente a residui di arginina). Non deve essere tagliata allinterno la proteina di interesse!

16 Proteina priva di struttura terziaria precipita e forma corpi di inclusione. Aggregati recuperati in forti condizioni denaturanti che non permettono corretto ripiegamento in vitro della proteina che quindi sarà inattiva!

17 Screening cloni batterici trasformati con vettori di espressione

18

19 Produzione di proteina - studi biochimici e funzionali, cristallografici - produzione anticorpi specifici

20 SVANTAGGI PER LA PRODUZIONE DI PROTEINE ETEROLOGHE IN BATTERI - Non vengono rimossi eventuali introni - Possibile formazione di strutture secondarie della porzione iniziale del trascritto - Possibile presenza di segnali di terminazione per il batterio - Propensione per alcuni codoni Mancanza di modificazioni post-traduzionali (ponti disolfuro, glicosilazioni, fosforilazioni, acetilazione, carbossilazione, etc.) - Limite della lunghezza amminoacidica - Mancato ripiegamento della struttura terziaria e sovraespressione determinano i corpi di inclusione

21 PRODUZIONE INDUSTRIALE DI PROTEINE DA COLTURE DI CELLULE EUCARIOTICHE (LIEVITI E FUNGHI) COMPOSTO MICRORGANISMO Antibiotici Penicilline Penicillium spp. Cefalosporine Cephalosporium spp Cloramfenicolo, streptomicina Streptomyces spp. Enzimi Proteasi, amilasi Bacillus ssp. (batterio), Aspergillus spp. Alcool S. cerevisiae Aceto S. cerevisiae ac. Acetico Acetone Clostridium ssp. BIOTECNOLOGIE: USO DEI PROCESSI BIOLOGICI NELLINDUSTRIA E NELLA TECNOLOGIA

22 VETTORI DI CLONAGGIO PER GLI EUCARIOTI Lieviti e funghi filamentosi: produzione di proteine eterologhe anche a scopi biotecnologici con sintesi di prodotti medicinali o alimentari Saccharomyces cerevisiae Fungo unicellulare Ruolo fondamentale per produzione di birra e pane Vantaggi: conoscenza genetica e biochimica, facilità di coltura, alta resa Possibile utilizzo per clonaggio del plasmide naturale 2 µm Svantaggi: iperglicosilazione, difficoltà di secrezione delle proteine prodotte nel terreno di coltura, propensione per un codone

23 Galattosio epimerasi PROMOTORI UTILIZZATI IN VETTORI DI ESPRESSIONE PER EUCARIOTI MICROBICI

24 Esempio di glicosilazione dellasparagina. Liperglicosilazione di alcuni funghi può provocare reazione antigenica se la proteina è iniettata

25 Saccharomyces cerevisiae 2 µm: plasmide naturale 6,3 kb, tra copie risiede nel nucleo, si replica autonomamente, segrega sia in meiosi che in mitosi REP1 e REP2 (per replicazione) FLP (proteina che riconosce siti specifici nel DNA del lievito: integrazione per ricombinazione ) Ori D = funzione ignota

26 Vettori basati sul plasmide 2 µm : plasmidi episomici di lievito = YEp Procedura - clonaggio in seq. di pBR322 -selezione dei ricombinanti in E. coli (resistenze antibiotici) - inserimento in lievito e selezione (LEU2) Saccharomyces cerevisiae

27 Vettori basati sul plasmide 2 µm : plasmidi episomici di lievito = YEp Saccharomyces cerevisiae

28 Vettori basati sul plasmide 2 µm : plasmidi episomici di lievito = YEp Solo una copia di LEU2 funziona Solo occasionalmente si integra Ricombinazione omologa tra geni LEU 2 Saccharomyces cerevisiae

29 Plasmide integrativo di lievito: YIp = plasmidi batterici (pBR322) con resistenza antibiotici per selezione in batteri + URA3 (gene di lievito per la selezione) Saccharomyces cerevisiae Non contiene i geni di 2 µm (REP e ori) e non si può replicare se non si integra nel DNA dei cromosomi di lievito, stesso meccanismo di YEp

30 Saccharomyces cerevisiae Criteri di scelta: efficienza di trasformazione, numero di copie, stabilità YIp: ideale per stabilità in coltura a lungo termine

31 Saccharomyces cerevisiae Caratteristiche del clonaggio in YEp: - Frequenza di trasformazione molto alta: da a cellule trasformate per microgrammo di DNA plasmidico - Alto numero di copie: tra 20 e 50 per cellula - Svantaggi: nel processo di gemmazione spesso copie YEp non segregano nella cellula figlia QUINDI ALTA PRODUZIONE PROTEINA DEL GENE CLONATO MA INSTABILITA DELLA TRASFORMAZIONE Caratteristiche del clonaggio in YIp: -Frequenza di trasformazione bassa: 1000 cellule trasformate per microgrammo di DNA plasmidico per bassa efficienza di integrazione cromosomica - E presente in una sola copia per cellula QUINDI BASSA PRODUZIONE PROTEINA DEL GENE CLONATO MA GRANDE STABILITA DELLA TRASFORMAZIONE PER LUNGHI PERIODI DI COLTURA


Scaricare ppt "PRODUZIONE DI PROTEINE DA GENI CLONATI IN PROCARIOTI."

Presentazioni simili


Annunci Google