La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA DIMENSIONE INTERNAZIONALE DELLINDUSTRIA CHIMICA Caratteristiche e problematiche Dario Ilossi Femca- Cisl, 18 Dic. 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA DIMENSIONE INTERNAZIONALE DELLINDUSTRIA CHIMICA Caratteristiche e problematiche Dario Ilossi Femca- Cisl, 18 Dic. 2008."— Transcript della presentazione:

1 LA DIMENSIONE INTERNAZIONALE DELLINDUSTRIA CHIMICA Caratteristiche e problematiche Dario Ilossi Femca- Cisl, 18 Dic. 2008

2 Chimica: alcune peculiarità Elevata pervasività dei prodotti – Quota sensibile destinata ad altri settori – Sostituzione di altri materiali – Crescita più sostenuta Eguale formula, eguale prodotto – Mercato storicamente globale – Competitività su standard tecnici, costi, innovazione, e non per origine Struttura industriale distribuita – Grandi imprese storicamente multinazionali, dinamismo – Notevole presenza p.m.i – Elevata interdipendenza nelle filiere produttive

3 Pervasività dei prodotti chimici: un esempio

4 Pervasività dei prodotti chimici: destinazione dei consumi in UE (*)

5 Crescita dellindustria chimica: produzione per aree, media , %

6 Crescita dellindustria chimica: (2) Vendite di prodotti chimici, Media annua: +5.5%

7 Il mercato globale dei prodotti chimici: Import-export per aree, 2006

8 Struttura industriale: (1) Interconnessione e interdipendenza dei siti chimici

9 Struttura industriale: (2) le grandi imprese chimiche Presenza produttiva globale per mercato globale Storicamente internazionalizzate Elevata dinamica strutturale dagli anni 90 (cessioni, acquisizioni, fusioni,…)

10 Struttura industriale: (3) le 30 maggiori imprese chimiche (*) (*) including pharmaceuticals

11 BASF, occupati per aree, Dic.2006 %

12 DOW Chemical, occupati per aree Dic % 29 % 2 %8 % 9 % Totale occupati

13 DOW Chemical, vendite per aree, % 34 % 3 % 11 % 10 % Totale milioni $

14 BAYER, occupati per aree, Dic ,000 employees worldwide (as of December 31, 2006), including: 57,800 in Europe 17,200 in North America 17,300 in Asia/Pacific 13,700 in Latin America/Africa/Middle East 106,000 employees worldwide

15 BAYER, principali siti, 2006 Bayer - at Home Throughout the World The Bayer Group is a global enterprise with companies in almost every country. The map shows some of the principal sites.

16 Evoluzione delle grandi imprese chimiche – qualche esempio (1)

17 Evoluzione delle grandi imprese chimiche – qualche esempio (2)

18 Evoluzione delle grandi imprese chimiche – qualche esempio (3)

19 Le criticità nel settore chimico La competitività da costi – Protezione dellambiente, salute, sicurezza – Costi e disponibilità materie prime – Ostacoli agli investimenti – (costo e regole del lavoro) La dinamica differenziata per aree e Paesi – I Paesi di nuova industrializzazione – M.O. e gli impianti a bocca di pozzo – I rischi per la chimica europea

20 Crescita delle vendite di prodotti chimici di alcune aree e Paesi,

21 Crescita della produzione chimica per aree,

22 Crescita industria e industria chimica in UE,

23 Occupazione nellindustria chimica, EU e USA,

24 La chimica e lambiente: un esempio

25 Chimica e infortuni sul lavoro Italia, 2006

26 Il REACH Registration, Evaluation and Authorisation of Chemicals Principi: – Principio di precauzione – Onere della prova allimpresa – Sostituzione delle sostanze pericolose – No data no market – One substance one registration – Trasparenza informazione, accesso al pubblico – Riduzione tests su animali

27 Il REACH (2) Registration, Evaluation and Authorisation of Chemicals Regolamento in vigore Registrazione presso Agenzia: – > 1 t.:Dossier tecnico – < 10 t.: Rapporto su Sicurezza Chimica, Valutaz. Rischio Autorizzazione / Restrizione Produttore / Importatore: procedure di registrazione; scheda Dati di Sicurezza per utilizzatori Utilizzatore a valle: comunicazione al fornitore su usi e esposizione

28 Le sfide per il mondo del lavoro: (1) aspetti generali Molte exit-options per le imprese Pressione della concorrenza sulla regolazione del lavoro Rischio di competizione verso il basso Potenziali conflitti nel mondo del lavoro – (es. la cosiddetta Direttiva Bolkestein) Difficoltà nella rappresentanza collettiva – Affiliazione ai sindacati e associaz. Imprenditoriali – La copertura dei contratti collettivi

29 Le sfide per il mondo del lavoro: (2) aspetti particolari nella chimica Lo sbilanciamento delle prescrizioni su ambiente, salute, sicurezza – Il rischio dei costi di protezione come fattore sfavorevole Lattrattività per gli investimenti La percezione dellindustria chimica in alcuni Paesi industrializzati – I problemi di localizzazione Lalta qualificazione delle risorse umane e lattrattività delle discipline scientifiche

30 Le possibili risposte: (1) il livello macro Ruolo delle istituzioni nazionali e internazionali: dalla competizione alla cooperazione Regole internazionali per governare la globalizzazione (investimenti, condizioni di lavoro, protezione ambiente e salute, ecc.) Promozione dello sviluppo sostenibile Azione dei sindacati internazionali

31 Le possibili risposte: (2) il livello dimpresa / settore Le iniziative volontarie: RSI, Global Compact, Responsible Care Gli Accordi collettivi – A livello mondiale: gli Accordi Globali (International Framework Agreements) – A livello UE: i Comitati Aziendali Europei Il Dialogo Sociale settoriale

32 Gli Accordi Globali (IFA) con le imprese chimiche Rhodia,

33 I CAE nel settore chimico: (1) CAE potenziali e CAE istituiti, 2005

34 I CAE nel settore chimico: (2) distribuzione per dimensione, 2005

35 I CAE nel settore chimico: (3) lavoratori coinvolti, 2005

36 Back-up

37 Valore Aggiunto per addetto, industria manifatturiera UE, 2004

38 Le imprese chimiche estere in Italia


Scaricare ppt "LA DIMENSIONE INTERNAZIONALE DELLINDUSTRIA CHIMICA Caratteristiche e problematiche Dario Ilossi Femca- Cisl, 18 Dic. 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google