La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Letteratura italiana Corso di riallineamento a.a. 2012/13 Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Università degli Studi di Cagliari Docente:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Letteratura italiana Corso di riallineamento a.a. 2012/13 Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Università degli Studi di Cagliari Docente:"— Transcript della presentazione:

1 Letteratura italiana Corso di riallineamento a.a. 2012/13 Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Università degli Studi di Cagliari Docente: M.Lucia Sancassano

2 Indice degli argomenti Test dingresso 1.Una visione diacronica dinsieme: tempi, luoghi e movimenti Test in itinere: chi è chi? 2.Letture dAutore: momenti dapprofondimento (focalizzazione linguistica) Test finale Correzione collettiva

3 Test dingresso (1) Chi è lautore del Filocolo e del Filostrato? a)Cecco Angiolieri b) Giovanni Boccaccio c) Niccolò Machiavelli d) Agnolo Poliziano

4 Test dingresso (2) Chi è lautore del Conte di Carmagnola? a)Alessandro Manzoni b) Vittorio Alfieri c) Niccolò Machiavelli d) Ippolito Nievo

5 Test dingresso (3) Il Rinascimento si caratterizza, tra gli altri aspetti, a)per laffermazione della superiorità della letteratura moderna su quella classica b) per il fatto di costituire unepoca di discontinuità culturale rispetto al Medio Evo c) per il culto dellirrazionale, del mostruoso e del deforme d) per il rifiuto delle discipline filologiche

6 Test dingresso (4) Indicare il corretto ordine cronologico: a)Barocco- Manierismo-Umanesimo- Rinascimento b) Manierismo-Barocco-Rinascimento- Umanesimo c) Barocco-Manierismo-Rinascimento- Umanesimo d) Umanesimo-Rinascimento-Manierismo- Barocco

7 Test dingresso (5) Indicare il corretto ordine cronologico: a)Scapigliatura-Crepuscolarismo- Romanticismo-Postmodernismo b) Romanticismo-Scapigliatura- Crepuscolarismo-Postmodernismo c) Crepuscolarismo-Romanticismo- Scapigliatura-Postmodernismo d) Postmodernismo-Crepuscolarismo- Romanticismo-Scapigliatura

8 Test dingresso (6) Indicare il corretto ordine cronologico: a)Guittone dArezzo-Francesco Petrarca- Torquato Tasso-Luigi Pulci b) Luigi Pulci-Francesco Petrarca-Guittone dArezzo-Torquato Tasso c) Guittone dArezzo-Francesco Petrarca- Luigi Pulci-Torquato Tasso d) Torquato Tasso-Luigi Pulci-Francesco Petrarca-Guittone dArezzo

9 Test dingresso (7) I versi dellAlighieri: Nel mezzo del cammin di nostra vita/ mi ritrovai per una selva oscura,/ ché la diritta via era smarrita./ Ahi quanto a dir qual era è cosa dura/ esta selva selvaggia e aspra e forte/ che nel pensier rinova la paura! sono costruiti secondo lo schema metrico a)dellottava b) delle terzine a rima incatenata c) delle terzine a rima incrociata d) delle terzine a rima baciata

10 Test dingresso (8) Lopera intitolata Le Grazie a)è un trattato rinascimentale sul canone classico della bellezza che si fonda sulle proporzioni b) è unode di Giuseppe Parini c) è un poemetto di Ugo Foscolo d) è un elegante poema di Gianbattista Marino

11 Test dingresso (9) A quale corrente letteraria appartiene Giovanni Verga? a)Neorealismo b) Scapigliatura c) Romanticismo d) Verismo

12 Test dingresso (10) Quale dei seguenti personaggi non compare ne I promessi sposi? a)Federigo Borromeo b) Fra Galdino c) Don Gesualdo d) Don Rodrigo

13 Test dingresso (11) Il capolavoro di Ludovico Ariosto è a)La Gerusalemme liberata b) Il Principe c)Orlando innamorato d) Orlando Furioso

14 Test dingresso (12) Unanastrofe è a)linversione dellordine abituale di un gruppo di parole b) la ripetizione delle particelle congiuntive c)laffermazione di un concetto attraverso la negazione del suo contrario d) lunione di due parole che fanno riferimento a sfere sensoriali diverse

15 Test dingresso (13) La metonimia consiste a)nel trasferimento di significato da una parola a unaltra per contiguità logica b) nella distribuzione incrociata degli elementi sintattici c)nellestendere luso della parafrasi oltre i limiti del significato testuale d) nellaccostare in una locuzione due termini che esprimono significati opposti

16 Test dingresso (14) Lentrelacement a)è una tipica ballata provenzale con accompagnamento musicale b) si ha quando la frase non termina con il verso, ma si protrae in quello successivo c)è il corrispettivo dellottava nella poesia francese d) è la tecnica narrativa ad incastro tipica dellOrlando Furioso

17 Test dingresso (15) Che cosa indica il termine intertestualità? a)i significati più profondi, non semplicemente il significato letterale, di un testo b) un ciclo di opere affini di uno stesso autore c)linsieme delle relazioni che unopera intrattiene con altri testi d) una pratica letteraria che ha come fine lo studio filologico dei testi manoscritti

18 Una periodizzazione schematica Tempi, Autori e movimenti della letteratura italiana dalle Origini allOttocento

19 Il Medio Evo (dal XIII al XIV) Siciliani (// poesia religiosa – S. Francesco) Siculo-Toscani Stilnovisti Dante Petrarca Boccaccio Le tre Corone

20 LUmanesimo (XV) Umanesimo Civile: Giovanni Pico della Mirandola Marsilio Ficino Lorenzo Valla Leon Battista Arberti Coluccio Salutati…. Umanesimo volgare: Lorenzo deMedici Angelo Poliziano Jacopo Sannazaro…

21 Il Rinascimento (XVI) La trattatistica Linguistica: Pietro Bembo (Prose della volgar lingua 1525) Etico-cortigiana: Baldassarre Castiglione Politica: Niccolò Machiavelli, Francesco Guicciardini Il poema epico-cavalleresco: Ludovico Arioso Torquato Tasso La lirica: il petrarchismo LAntirinascimento: Pietro Aretino

22 Il Barocco (XVII) La lirica: Giovan Battista Marino Gabriello Chiabrera Il poema epico-cavalleresco: Alessandro Tassoni La trattatistica: Poetica: Emanuele Tesauro Scientifica: Galileo Galilei

23 Il primo Settecento (XVIII): Arcadia e Illuminismo La trattatistica: Ludovico Antonio Muratori Giambattista Vico La lirica e il melodramma: LArcadia > Pietro Metastasio Intorno al Caffè: Cesare Beccaria, Pietro e Alessandro Verri Goldoni Parini Alfieri

24 Il secondo Settecento (XVIII): Neoclassicismo e Preromanticismo Neoclassicismo: Vincenzo Monti Tra Neoclassicismo e Preromanticismo: Ippolito Pindemonte Ugo Foscolo

25 Il primo Ottocento (XIX): il Romanticismo Intorno al Conciliatore: Giovanni Berchet, Ludovico Di Breme, Pietro Borsieri, Silvio Pellico… Alessandro Manzoni Giacomo Leopardi Il romanzo post manzoniano: Ippolito Nievo

26 Il secondo Ottocento (XIX): Il Tardo Romanticismo e la Scapigliatura Il Tardo Romanticismo: Giovanni Prati Giovanni Aleardi Gli Scapigliati: Emilio Praga Arrigo e Camillo Boito Iginio Ugo Tarchetti

27 Il secondo Ottocento (XIX): letà del Positivismo Il Verismo: Giuseppe Verga Luigi Capuana Federigo de Roberto Matilde Serao Grazia Deledda Giosue Carducci

28 Il secondo Ottocento (XIX): il Decadentismo La narrativa: Antonio Fogazzaro Grazia Deledda Gabriele dAnnunzio Giovanni Pascoli

29 Uno sguardo diacronico Le origini Esercizi di comprensione del testo e riscrittura

30 Le origini (brano tratto da G. Baldi, S. Giusso, M. Razzetti, G. Zaccaria 2003, 1° p. 2) I primi testi letterari in volgare compaiono in Italia agli inizi del Duecento: a questa data dunque si può far risalire linizio della letteratura italiana. Ma questa letteratura non si origina certo dal nulla, non ha il vuoto alle spalle; al contrario, quei testi scaturiscono da un terreno già ricchissimo di esperienze e modelli culturali. La letteratura italiana non nasce dunque in forme ingenue o primitive, come piacque immaginare alla storiografia romantica dellOttocento, ma in forme estremamente adulte e sofisticate.

31 Le origini (brano tratto da G. Baldi, S. Giusso, M. Razzetti, G. Zaccaria 2003, 1° p. 2) Alle spalle della nascente produzione in lingua volgare vi era innanzitutto la tradizione della cultura classica antica: il Medio Evo ne aveva conservata la memoria (anche se parzialmente e secondo prospettive molto diverse da quelle originarie). Il patrimonio classico faceva parte integrante del bagaglio culturale di chi componeva testi letterari, che era di necessità colto. Inoltre vi era tutto il ricchissimo patrimonio della cultura medievale elaborata nei secoli che corrono tra il VI e il XII secolo: questa cultura si era espressa anchessa in latino (latino medievale o mediolatino).

32 Le origini (brano tratto da G. Baldi, S. Giusso, M. Razzetti, G. Zaccaria 2003, 1° p. 2) Infine alle spalle della nascente letteratura italiana vi era la più recente tradizione delle letterature che, da più di un secolo, si erano sviluppate sul suolo francese, e che avevano già consacrato luso letterario dei linguaggi volgari: il provenzale (o lingua doc ), il francese antico (o lingua doïl ). Era una tradizione molto ricca, che aveva acquistato grande prestigio, diffondendosi in varie aree europee (tra cui lItalia), ed esercitando forti influenze.

33 Domande sul testo I primi testi letterari in italiano compaiono A) prima della nascita dellImpero Romano B) ex abrupto C) in unepoca successiva rispetto ad altre culture europee D) in forme semplici

34 Domande sul testo Gli autori dei primi testi in volgare A) appartengono agli strati più umili della popolazione B) sono incolti C) usufruiscono di un complesso bagaglio culturale D) non conservano memoria del passato

35 Domande sul testo La nascente letteratura italiana A) gode di grande prestigio B) si diffonde in tutta Europa C) subisce linflusso delle letterature in lingua doc e in lingua doïl D) si esprime in mediolatino

36 Uno sguardo diacronico: la lingua e i testi La poesia Dai Siciliani al Dolce Stil Novo

37 La mappa della letteratura: il Duecento i primi testi letterari in volgare Poesia (ca. 1225): Cantico delle Creature Lirica Siciliana Prosa (seconda metà del XIII): Exempla; libri di viaggi; cronache; novelle

38 Genere letterario: una definizione Cf. R. Saviano, E. Angioloni, L. Giustolisi, M.A. Mariani, G. Mueller Pozzebon, S. Panichi, Liberamente, vol. 1, Palumbo Palermo 2010) Insieme di opere che condividono determinati elementi espressivi (stile, lessico, metrica…) e di contenuto (temi, motivi, ideologia) aventi una funzione e un destinatario particolari. Le regole compositive di un genere letterario sono spesso codificate nei trattati di poetica, ma possono anche essere ricostruite a posteriori dagli studiosi.

39 La poesia nel Duecento: generi e tradizioni Generi e tradizioni La poesia comico- parodica La poesia popolare e giullaresca La poesia didattica La poesia allegorica Poesia religiosa: La Lauda La lirica: Dai Siciliani agli Stilnovisti

40 La poesia nel Duecento: La Lauda Umbria S. Francesco: Il cantico delle creature Jacopone da Todi:Le laudi (Donna de Paradiso) Al filone religioso rimandano pure gli scritti di Santa Caterina da Siena, in cui ricorre il tema dellamore mistico, e le opere di S. Bernardino da Siena, Domenico Cavalca e Jacopo Passavanti

41 La poesia nel Duecento: Dalla lirica Siciliana… Tra i generi letterari che giungono in questo periodo a più alta maturazione si pone la lirica, il cui primo momento significativo è dato dalla cosiddetta Scuola Siciliana, formatasi nellItalia meridionale alla corte di Federico II nella prima metà del XIII secolo e ispirata ai modelli della lirica provenzale. Jacopo da Lentini, Pier della Vigna, Stefano Protonotaro, Guido delle Colonne, funzionari della Magna Curia fredericiana, sono poeti tra i più noti di tale scuola.

42 La poesia nel Duecento: …ai Siculo-Toscani… Il modello siciliano, di grande prestigio, si diffonde in altre zone dellItalia, in particolare in Toscana, dove viene ereditato e rielaborato dalla cosiddetta Scuola toscana di transizione, che, sullo sfondo di una realtà politico-sociale diversa dalloriginaria siciliana, introducono, accanto alla tematica amorosa, centrale nellesperienza della Magna Curia, temi di carattere morale e civile. Massimo esponente di tale scuola è Guittone dArezzo (Rime)

43 La poesia nel Duecento: …agli Stilnovisti Alla fine del XIII secolo, a Firenze, avanguardia economica, sociale e politica dellItalia duecentesca, si forma il Dolce stil novo, punto culminante – secondo il canone dantesco – di unesperienza poetica legata alla lirica amorosa di ispirazione cortese. Guido Cavalcanti, Dante Alighieri, Lapo Gianni, Dino Frescobaldi, Gianni Alfani, con Cino da Pistoia, prendono le distanze dalla generazione guittoniana ed individuano nel bolognese Guido Guinizzelli il modello del loro stesso poetare, caratterizzato da uno stile limpido e piano (dolce); da una visione più spiritualizzata della donna, vista come dispensatrice di salvezza; da unanalisi più approfondita degli effetti che lamore produce sullinteriorità dellamante. La canzone Al cor gentil rempaira sempre amore di G. Guinizzelli rappresenta il manifesto di questo movimento.

44 Incontro con un testo: un sonetto dantesco (vv. 1-8) 1Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia quandella altrui saluta, chogne lingua deven tremando muta, 4e li occhi no lardiscon di guardare. 5Ella si va, sentendosi laudare, benignamente dumiltà vestuta; e par che sia una cosa venuta 8da cielo in terra a miracol mostrare.

45 Incontro con un testo: un sonetto dantesco (vv. 9-14) 9Mostrasi sì piacente a chi la mira, che dà per li occhi una dolcezza al core, 11che ntender no la può chi no laprova: 12e par che da sua labbia si mova uno spirito soave pien damore, 14che va dicendo a lanima: Sospira.

46 La parafrasi di G. Contini Tale è levidenza della nobiltà e del decoro di colei chè mia signora, nel suo salutare, che ogni lingua trema tanto da ammutolirne, e gli occhi non osano guardarla. Essa procede, mentre sente le parole di lode, esternamente atteggiata alla sua interna benevolenza, e si fa evidente la sua natura di essere venuto di cielo in terra per rappresentare in concreto la potenza divina. Questa rappresentazione è, per chi la contempla, così carica di bellezza che per il canale degli occhi entra in cuore una dolcezza conoscibile solo per diretta esperienza. E dalla sua fisionomia muove, oggettivamente e fatta visibile, una soave ispirazione amorosa che non fa se non suggerire allanima di sospirare.

47 Note linguistiche v. 1, gentile = nobile v. 3, tremando = a causa, per il suo tremare v. 5, si va = moto euritmico v. 6, benignamente…. = manifestazione esteriore dellinterna gentilezza vv > enclisi (cf. legge di Toebler- Mussafia) – qui si spiega la Entstehung dellamore (Cf. Ovidio + Chrétien de Troyes) v. 12, labbia = volto

48 Note metriche Rime incrociate nelle quartine (ABBA, ABBA) e invertite nelle terzine (CDE, EDC). A e C sono consonanti (pare/.. mira/Sospira). Gli enjambements sono tutti riferiti a Beatrice e creano un effetto di attesa. Le allitterazioni mirano a rafforzare legami semantici tra parole e a crearne di nuovi (t > saluto (saluta)> qualità (tanto gentile…) > effetti (tremando muta). Il nesso mo (mova amore) rafforza lidea dellamore come forza motrice delluniverso (cf. Par. XXXIII, 145: Lamor che move il cielo e le altre stelle)

49 Incontro con unaltra tradizione lirica duecentesca: Cecco Angiolieri, Si fosse fuoco… 1Si fosse fuoco, arderei l mondo; si fosse vento, lo tempesterei; si fosse acqua, i lannegherei; 4si fosse Dio, mandereil en profondo; 5si fosse papa, sare allor giocondo, ché tutti cristiani imbrigherei; si fosse mperator, sa che farei? 8a tutti mozzarei lo capo a tondo.

50 Incontro con un testo: Cecco Angiolieri, Si fosse fuoco… 9Si fosse morte, andarei da mio padre; si fosse vita, fuggirei da lui; 11similmente faria da mi madre. 12Si fosse Cecco, comi sono e fui, torrei le donne giovani e leggiadre: 14e vecchie e laide lasserei altrui.

51 Esercizi su Si fosse fuoco… Parafrasare il testo Quali temi vi vengono trattati? Che tono lo caratterizza? Come si presenta il testo da un punto di vista formale? A quale tradizione rimanda?

52 La parafrasi Se io fossi fuoco, brucerei il mondo; se io fossi vento, lo tormenterei con le tempeste; se io fossi acqua, lo annegherei; se io fossi Dio, lo farei sprofondare; se io fossi papa, allora sarei allegro, perché metterei tutti i cristiani nei guai; sio fossi imperatore, sai che farei? Taglierei la testa a tutti di netto. Se io fossi morte, andrei da mio padre; se fossi la vita, non starei con lui; mi comporterei nello stesso modo con mia madre. Se io fossi Cecco, come sono e fui, prenderei le donne giovani e piacenti; lascerei ad altri quelle vecchie e brutte.

53 Temi, toni, tradizione Poesia comico realistica sviluppatasi a partire dal 1260 in varie città toscane. Nonostante lapparente semplicità dei contenuti, la poesia comico-realistica è erudita e colta, che intenzionalmente rovescia le strutture e i valori della poesia stilnovista. Il sonetto richiama il plazer provenzale dedicato allelenco delle cose piacevoli. Daltra parte, si elencano qui sogni e desideri di distruzione rivolti contro il mondo lumanità, la famiglia. La poesia comico-realistica prosegue la pratica di un filone letterario di origine giullaresca, parallelo a quello alto e riconosciuto, che contrappone ciò che è basso e materiale alla dimensione idealizzata e spirituale della letteratura ufficiale.

54 Uno sguardo diacronico La lingua delle tre corone Dante, Petrarca e Boccaccio

55 La metrica e la lingua di Dante Un dato statistico: risale al Duecento il 56% del lessico italiano attualmente in uso, laddove il 15% rimanda a Dante, lautore della Divina Commedia. Lopera è formata da endecasillabi riuniti in terzine a rima incatenata, molto spesso formate da un unico periodo in sé concluso. Tale scelta strofica valorizza il momento logico-argomentativo e al tempo stesso mantiene in equilibrio la narrativa romanzesca e il rigore narrativo su cui poggia limpianto di fondo dellopera. La rima, collegando tra loro parole lontane, accresce lo spessore semantico del testo e ne forza la carica espressiva (sperimentalismo). Anche sul piano linguistico Dante cerca sempre nuovi registri espressivi > ricorso a tutti i dialetti italiani del tempo, in primis il fiorentino (allargamento in senso sincronico); > ricorso ad arcaismi, latinismi, provenzalismi (allargamento in sensodiacronico); > formazione di neologismi. Se la lingua dantesca è sintetizzabile nellespressione PLULINGUISMO DANTESCO, lo stile di Dante, analogamente caratterizzato dalla molteplicità, si definisce PLURISTILISMO.

56 Lincipit della Divina Commedia: la selva oscura 1Nel mezzo del cammin di nostra vitaA mi ritrovai per una selva oscura,B ché la diritta via era smarrita.A 4Ahi quanto a dir qual era è cosa duraB esta selva selvaggia e aspra e forteC che nel pensier rinova la paura!B 7Tantè amara che poco è più morte:C ma per trattar del ben chi vi trovai,D 9dirò de laltre cose chi vho scorte.C

57 Inferno, XIII 1-9: il bosco di là dal Flegetonte 1Non era ancor di là Nesso arrivato quando noi ci mettemmo per un bosco che da neun sentiero era segnato. 4Non fronda verde, ma di color fosco; non rami schietti, ma nodosi e nvolti; non pomi veran ma stecchi con tosco. 7Non han sì aspri sterpi né sì folti quelle fiere selvagge ch odio hanno 9tra Cecina e Corneto i luoghi colti.

58 Il mondo linguistico di Petrarca Il mondo linguistico di Francesco Petrarca si differenzia in maniera profonda da quello dantesco. Petrarca, ad esempio, non avrebbe mai adottato le rime aspre e chiocce scelte da Dante, secondo lideale stilistico della convenientia, per esprimere fedelmente la atrocità dellInferno. Litaliano del Petrarca è lingua ricordata, pensata, non legata ad eventi quotidiani: la scelta del poeta è a favore di un rigoroso monolinguismo. Nei suoi testi permangono sicilianismi (core, novo, foco senza il dittongo tipico invece del toscano); passati remoti del toscano arcaico in –ìo (morio, fuggio); ave accanto ad ha per la terza singolare del presente indicativo di avere; condizionali desueti in –ia (poria, faria, perderia) accanto ad altri correnti (sarei, avrei); parole colte e latineggianti (desvia; fenestra; mesuratamente, occide) o provenzalismi (dolzore, distruggitore, rimembranza,temenza). Il volgare è per Petrarca una lingua fissata in una condizione remota e astratta, mentre il latino classico, cui normalmente spetta tale condizione, è per lui lingua viva, realtà vicina e consueta.

59 U. Foscolo, Parallel between Dante and Petrarch Questi due fondatori della lingua italiana ebbero doti di genialità assai diverse, per cui perseguirono scopi diversi, posero le basi di due lingue diverse e di due diverse scuole di poesia, esercitando sino ai giorni nostri opposte influenze. Invece di scegliere, come fa il Petrarca, le parole e le frasi più eleganti e armoniose, Dante crea sovente una nuova lingua, e chiama quanti dialetti ha lItalia a raccolta onde dalle loro combinazioni sorga non solo la rappresentazione del sublime e del meraviglioso, ma quella altresì dei più comuni aspetti della natura, degli arditi concepimenti della sua fantasia, delle più astratte teorie filosofiche e dei più astrusi misteri religiosi.

60 Lettura e analisi del sonetto I,I del Canzoniere

61 Boccaccio, il mediatore La lingua usata da Giovanni Boccaccio presenta un valore esemplare, in quanto concilia due realtà linguistiche, quella dantesca e quella petrarchesca, di per sé incompatibili. Nella Introduzione alla IV giornata Boccaccio scrive che le sue novelle sono scritte in fiorentin volgare e in prosa, con uno istilo umilissimo e rimesso quanto il più si possono, ma tali espressioni di modestia sono da intendere come topoi caratteristici della letteratura, in particolare medievale. Nonostante la dichiarata insufficienza del proprio ingegno, il Decameron costituisce un capolavoro.

62 Il Decameron: rifondare il mondo con la parola Alla dissoluzione del mondo sociale e civile, al declino di ogni istituzione fino alla ristretta cerchia familiare nellopera boccacciana fa riscontro, per rovesciamento, la fiducia e la perfetta letizia di una brigata laica di giovani cortesi, che decidono di rifondare il mondo con la parola e con la lingua delle loro 100 novelle. Alla lingua fiorentina umile e in stile leggero essi affidano il compito di opporre alle forze di disgregazione rappresentate dalla pestilenza una umanità nuova, pacifica, tollerante, lieta e cortese senza trapassare in atto il limite della ragione (intr. 65). Dal Proemio alla Conclusione è questo fluire incessante delle cose verso la morte a suscitare in Boccaccio, in luogo del cupio dissolvi di Petrarca, il carattere lieto e vitale della lingua del Decameron.

63 Una lingua variegata Il Decameron presenta una natura bifronte e variegata: dal popolare e vernacolare fino a una prosa classicheggiante. Modi espressivi caratteristici della prosa di Boccaccio: misure di versi inserite nel ritmo della prosa; posposizione del verbo in fine di proposizione; anticipazione dellattributo con intonazione aulica; forme verbali apocopate; uso di participi e gerundi con effetto latineggiante. Tra venature popolari e tono classicheggiante, la prosa del Boccacio esprime unintera e variegata concezione della vita e della cultura, dello stile che talora dialoga con la storia e la società, talora ne rifugge.

64 Dal Decameron, Introduzione alla IV giornata Lettura e analisi della Novelletta delle papere (vd. fotocopia) La novelletta si inserisce nella cosiddetta autodifesa dello scrittore, posta nellintroduzione alla IV giornata, dove lautore interrompe lazione della cornice per rispondere in prima persona alle critiche mossegli dai morditori, ovvero i detrattori della sua opera. Qui Boccaccio illustra le caratteristiche del genere praticato nel Decameron. Come nel Proemio e nella Conclusione dellopera, le interlocutrici del discorso sono le donne, dedicatarie dellopera, di cui si sottolineano le qualità e le virtù.

65 I caratteri del genere novella Novellette In lingua volgare: fiorentin volgare In prosa: in prosa scritte Prive di titolo: senza titolo = per V. Branca allusione allestrema varietà della materia che non consente un titolo unitario o anche alla diffusione dei testi singoli prima dellopera integrale completa In stile basso: in istilo umilissimo e rimesso quanto il più si possono

66 Le critiche dei morditori 1.L e donne piacciono troppo allautore, che si impegna troppo a compiacerle, consolarle e persino elogiarle (par. 5); 2.ciò è disdicevole alla sua età (par. 6); 3.e al suo ruolo cui meglio si addice la frequentazione delle Muse in Parnaso (par. 6); 4.egli farebbe meglio ad evitare questi temi sciocchi e inconsistenti (frasche), per dedicarsi a qualcosa di più serio e proficuo (procacciarsi il pane- par. 7); 5.inoltre, le storie narrate nellopera si sono svolte in modo diverso da come vengono raccontate (par. 7).

67 Le risposte dellautore 1.Amare le donne è naturale, come dimostra la vicenda del figlio di Filippo Balducci (parr ); 2.Non è vergognoso voler compiacere per tutta la vita coloro a cui si dedicarono, anche da vecchi, grandi poeti quali Cino da Pistoia, Cavalcante e Dante insieme a molti uomini antichi e valorosi (parr ); 3.Le donne non sono poi così diverse dalle Muse e più di queste sono state fonte di ispirazione poetica, senza contare che, quanto Boccaccio scrive – seppur appartenente al genere basso (quantunque sieno umilissime) – non è estraneo al magistero delle Muse e non è tanto lontano dal Parnaso (par. 35s.); 4.Chi si occupa di favole sa, in genere, anche procurarsi il pane e vive a lungo, cosa che spesso non accade a chi è avido e comunque lautore saprà sopportare con dignità ogni eventuale privazione (par. 37s.); 5.Laccusa di falsità appare inconsistente e indegna di replica, a meno che i critici non siano in grado di esibire gli originali narrativi e dimostrare la loro discordanza con i testi del Decameron.

68 La novelletta di Filippo Balducci (parr ) La risposta più ampia riguarda la prima accusa, che Boccaccio non respinge; egli confessa infatti il proprio amore per le donne e il suo desiderio di essere da loro ricambiato. Largomentazione non è volta a negare la critica, bensì a confutarne il fondamento morale. A questo scopo lautore narra in prima persona una novella INCOMPLETA (non una novella intera) che vuol dimostrare come la forza della natura sia incoercibile, come le ragioni dellistinto prevalgano su ogni innaturale progetto educativo.

69 Esercizio di comprensione del testo (V o F) Nellintroduzione alla IV giornata lautore sostiene che: 1.Amore è un istinto innaturale V F 2.È impossibile resistere alle sue forze V F 3.Le donne sono assimilabili alle Muse V F 4.Le Muse ispirano la poesia assai più delle donne V F 5.Si scrive grazie allispirazione religiosa V F 6.È disdicevole amare da vecchi V F 7.Filippo Balducci è rappresentato come un padre saggio e avveduto V F 8.Il suo progetto educativo, approvato dallautore, fallisce per lavversità della sorte V F 9.Lappellativo papere riferito alle donne evidenzia la misoginia dellautore V F 10.Alla fine di questa introduzione Boccaccio accetta le critiche dei morditori e si pente V F

70 Gli antecedenti della novelletta (Cf. C. Riccardi, M. Bricchi, T. Giorgi, L. Milite, La memoria letteraria, 1 Le Monnier Firenze p. 568) Ne è quasi certa lorigine orientale: lantichissimo poema epico indiano Ramayana contiene già una storia simile di un eremita e di suo figlio. Nel romanzo Vita di Barlaam e Josafat (una vita di Buddha del VI secolo tradotta dal sanscrito in ebraico e poi in arabo) si narra di un giovane principe che, tornato nel mondo dopo un lungo isolamento, mostra di desiderare e apprezzare sopra ogni cosa le donne, anche se gli è stato spiegato che esse sono demoni seduttori. Lapologo indiano ha avuto larga diffusione in Occidente attraverso le sue varie traduzioni e le raccolte di exempla (Exempla di Jacques da Vitry, Legenda Aurea di Jacopo da Varazze, Speculum di Vincenzo di Beauvais) e si ritrova con qualche variante nel Novellino e nel Fiore di virtù. Daltra parte, mentre nelle versioni precedenti si cerca di dimostrare la pericolosità del fascino femminile, Boccaccio rovescia il significato della storia e ne alleggerisce la gravità morale con una battuta conclusiva estranea alle fonti: Io non voglio; tu non sai donde elle simbeccano!.


Scaricare ppt "Letteratura italiana Corso di riallineamento a.a. 2012/13 Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Università degli Studi di Cagliari Docente:"

Presentazioni simili


Annunci Google