La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verifica del Percorso Sperimentale dei Provider Residenziali A cura di: R. DAri - M. Linetti - C. Mastrocola - S. Tartaro Verificatori: Bianco – Brizzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verifica del Percorso Sperimentale dei Provider Residenziali A cura di: R. DAri - M. Linetti - C. Mastrocola - S. Tartaro Verificatori: Bianco – Brizzi."— Transcript della presentazione:

1 Verifica del Percorso Sperimentale dei Provider Residenziali A cura di: R. DAri - M. Linetti - C. Mastrocola - S. Tartaro Verificatori: Bianco – Brizzi – Ciavatta – Dalponte – DAmbrosio Lettieri Gilardi – Messina – Palma – Ribaldone – Romano – Spano – Tartaro - Vimercati

2 LA VERIFICA E STATA SVOLTA CON INDICAZIONI UNIVOCHE SU VERIFICA CONGRUITA ATTRIBUZIONE PUNTEGGI VERIFICHE STRUTTURALI 1 2

3 TOTALE MAX 22 Si VERIFICA STRUTTURALE

4 A.6. Affidabilità economico finanziaria. Esistono i Bilanci economici relativi agli ultimi 3 anni classificati secondo la normativa vigente e un Conto economico per le attività di formazione. Si No A.7. Sede, strutture e attrezzature. Sono disponibili sede, strutture e attrezzature necessarie allo svolgimento delle attività amministrative e di quelle formative (aule, servizi di segreteria, servizi editoriali, sito web, etc.) con caratteristiche coerenti con i Piani formativi proposti. Sono in particolare disponibili (nel caso che siano previste) le condizioni e le attrezzature per organizzare e gestire iniziative di formazione a distanza, esercitazioni pratiche o attività di formazione sul campo. Si No A.8. Rispetto delle norme in tema di sicurezza e prevenzione incendi. E pienamente rispettata la normativa vigente sulla prevenzione degli infortuni e degli incendi per le strutture e le attrezzature utilizzate. Si No

5 REQUISITOLIVELLO DI SOGLIAVERIFICA B.1. Strategie per la formazione. Sono chiari gli obiettivi generali nel campo della formazione, gli indirizzi metodologici, limpegno dellorganizzazione e le responsabilità dei dirigenti. Si No B.2. Competenze in campo andragogico. Esiste un Responsabile didattico con elevate competenze andragogiche, in particolare relative alla formazione degli operatori sanitari e con almeno tre anni di esperienza in attività di direzione didattica. Si No B.3. Competenze scientifiche. Esiste un Comitato scientifico (o analogo organismo di indirizzo e valutazione) i cui componenti hanno riconosciute ed elevate competenze scientifiche in particolare sugli argomenti oggetto delle attività formative. Ogni programma formativo ha un Responsabile scientifico con riconosciute ed elevate competenze sugli argomenti trattati. Vi sono anche evidenze sulle competenze dei docenti e dei tutor. E auspicabile che siano definiti i criteri e i metodi adottati per le scelte delle figure sopraccitate Si No B.4. Relazioni con il mondo della sanità. Vi sono evidenze che esistono relazioni in particolare con le strutture sanitarie e le associazioni scientifiche a cui appartengono gli operatori a cui sono rivolte le iniziative. Si No B.5. Capacità di valutare i bisogni formativi. Sono chiare le modalità utilizzate per valutare le necessità di aggiornamento professionale, i bisogni segnalati dai responsabili delle strutture sanitarie e i reclami e i suggerimenti raccolti. Si No

6 B.6. Capacità di progettare e valutare attività formative. Sono evidenti i programmi annuali previsti e le loro caratteristiche, in particolare: - larchitettura delle iniziative programmate e i programmi operativi, - gli obiettivi di apprendimento e la loro corrispondenza con quelli nazionali, regionali e aziendali, - i metodi didattici scelti, - le strutture e le attrezzature utilizzate, - le modalità di valutazione dellapprendimento, - gli indicatori di processo e di risultato per valutare lattività di formazione realizzata. Si No B.9. Capacità di organizzare e gestire attività formative. Sono chiari i ruoli organizzativi e funzionali e le relative responsabilità per la gestione delle fasi del processo formativo. In particolare è richiesto che i docenti formulino per iscritto gli obiettivi di apprendimento, propongano e attuino metodologie didattiche coerenti, preparino le dispense o almeno liconografia in anticipo e forniscano domande a scelta multipla o altri strumenti per valutare lapprendimento individuale. Se sono previste attività di formazione a distanza o sul campo, sono chiare anche le modalità per il tutoraggio e lassistenza dei partecipanti. Sono descritte le modalità per autocertificare lassenza di conflitti di interessi dei docenti e per verificare le presenze e il gradimento dei partecipanti. Si No B.10. Accesso alla documentazion e scientifica I partecipanti alle iniziative formative ricevono unadeguata e obiettiva documentazione didattica e scientifica utile allapprendimento. Si No

7 B. 11. Eventi e programmi formativi privi di conflitti di interesse. E chiara lorigine dei fondi utilizzati per lorganizzazione di ogni evento o programma formativo e per leventuale retribuzione di docenti, autori, etc. Questa informazione è anche evidente in inviti, locandine, lettere, materiali, consuntivi, etc. al fine di renderne edotti i docenti e i partecipanti. Non vengono organizzati eventi o programmi formativi ECM che siano sponsorizzati, anche in modo indiretto, da parte di organizzazioni con interessi commerciali, profit o no profit, nel campo della sanità che potrebbero trarne vantaggio. Nè vengono utilizzate agenzie o altre organizzazioni per la gestione indiretta di sponsorizzazioni.. No B.12. Collaborazio-ni didattiche prive di conflitti di interesse. Sono noti gli eventuali rapporti attuali (finanziari, professionali o di altro tipo), o pregressi degli ultimi 3 anni, dei dirigenti, dei collaboratori del Provider e dei docenti con soggetti portatori di interessi commerciali in sanità che potrebbero trarre vantaggio dalle attività delle figure sopramenzionate nelle iniziative per lECM. Non vi sono soggetti con accertato conflitto di interessi che collaborano alla progettazione e/o alla realizzazione di attività ECM. No B. 13. Quantità e qualità delle attività formative realizzate. Sono note le iniziative realizzate dal Provider, gli operatori coinvolti, il grado di raggiungimento degli obiettivi previsti dal Piano formativo annuale, i costi sostenuti e anche i risultati delle valutazioni.No [1] [1] Non richiesto per l accreditamento provvisorio si

8 Si REQUISITOLIVELLO DI SOGLIAVERIFICA C.1. Competenze nella gestione del migliora- mento della qualità. Esiste un Responsabile della qualità con elevate competenze nel settore e con almeno tre anni di esperienza in strutture analoghe per la formazione. Sono chiari gli incarichi, le funzioni e i rispettivi ambiti di responsabilità per la valutazione e il miglioramento della qualità. No C.2. Strategie per il monitoraggio e il migliora- mento della qualità. C.3. Sistema informativo per il monitoraggio della qualità Sono chiare le strategie aziendali per la qualità, in particolare sugli obiettivi perseguiti, sui criteri, sugli indicatori, sulle modalità, sugli strumenti utilizzati per monitorare e valutare i processi, sui controlli da effettuare, sulla documentazione da organizzare e sulle modalità di conservazione. Sono evidenti le modalità e gli strumenti per il monitoraggio e la valutazione, tra laltro dei fornitori sia interni che esterni. Sono previste la raccolta dei reclami e dei suggerimenti e le modalità per esaminarli e attivare le eventuali azioni di correzione. E anche auspicabile che siano stati definiti indicatori di processo e di risultato per la valutazione della qualità. Il Provider raccoglie, organizza e archivia la documentazione e le informazioni con un sistema che permette il monitoraggio sulle attività formative svolte e, in particolare su: - analisi dei bisogni, - progetti sviluppati, - attività realizzate, - partecipanti, - valutazioni di gradimento, - valutazioni di apprendimento, - reclami, - distribuzione dei crediti. Questo sistema informativo è sempre accessibile per le verifiche esterne. Si No SI No

9 Sperimentazione Residenziale ECM Provider ………………………… N. Provider Sperimentale ………….. N. Accreditamento …………………. Titolo del corso: ESEMPLIFICAZIONE DELLA METODOLOGIA DA ESEGUIRE NELLA VALUTAZIONE DELLATTRIBUZIONE DA PARTE DEL PROVIDER NELLAUTOATTRIBUZIONE DEI CREDITI INDICATI, SPERIMENTALMENTE Punteggio o azione 1 Valutazione organizzatore: Verificare se il Provider ECM è un soggetto pubblico o privato, anche tra loro consorziati che rientra nelle seguenti categorie : Università, Facoltà e Dipartimenti universitari; Aziende sanitarie; Istituti scientifici del S.S.N.; Istituti del C.N.R.; Enti e Agenzie regionali gestori di formazione in campo sanitario; Società scientifiche e Associazioni professionali in campo sanitario; Ordini e Collegi delle professioni sanitarie Fondazione a carattere scientifico;Case editrici scientifiche; Società, agenzie ed Enti pubblici o privati, purché operino nellambito della formazione continua. La valutazione si basa sul possesso o meno dei seguenti requisiti Il Provider è dotato di spazi didattici propri con adeguati mezzi audiovisivi La maggioranza dei docenti utilizzati sono dipendenti della stessa azienda L'Ufficio formazione è dotato di personale amministrativo che si occupa specificamente del settore formazione Nel bilancio annuale aziendale è previsto il budget dedicato alla formazione Le Segreterie Organizzative utilizzate sono in parte provenienti dall' esterno ed in parte dall'interno dell'Azienda stessa Il Sistema di Gestione per la Qualità dell' Ufficio formazione è stato certificato secondo il modello ISO 9001:2000 già dall'anno 2003 (facoltativo) Ogni Dipartimento ha nel proprio interno un Referente della Formazione La gestione della formazione è prevista anche tramite il portale aziendale: Documento ufficiale (delibera, stato sociale ecc.) Altre prerogative 0-4 ESEMPLIFICAZIONE DELLA METODOLOGIA DA ESEGUIRE NELLA VALUTAZIONE DELLATTRIBUZIONE DA PARTE DEL PROVIDER NELLAUTOATTRIBUZIONE DEI CREDITI INDICATI, SPERIMENTALMENTE Punteggio o azione 1 Valutazione organizzatore: Verificare se il Provider ECM è un soggetto pubblico o privato, anche tra loro consorziati che rientra nelle seguenti categorie : Università, Facoltà e Dipartimenti universitari; Aziende sanitarie; Istituti scientifici del S.S.N.; Istituti del C.N.R.; Enti e Agenzie regionali gestori di formazione in campo sanitario; Società scientifiche e Associazioni professionali in campo sanitario; Ordini e Collegi delle professioni sanitarie Fondazione a carattere scientifico;Case editrici scientifiche; Società, agenzie ed Enti pubblici o privati, purché operino nellambito della formazione continua. La valutazione si basa sul possesso o meno dei seguenti requisiti Il Provider è dotato di spazi didattici propri con adeguati mezzi audiovisivi La maggioranza dei docenti utilizzati sono dipendenti della stessa azienda L'Ufficio formazione è dotato di personale amministrativo che si occupa specificamente del settore formazione Nel bilancio annuale aziendale è previsto il budget dedicato alla formazione Le Segreterie Organizzative utilizzate sono in parte provenienti dall' esterno ed in parte dall'interno dell'Azienda stessa Il Sistema di Gestione per la Qualità dell' Ufficio formazione è stato certificato secondo il modello ISO 9001:2000 già dall'anno 2003 (facoltativo) Ogni Dipartimento ha nel proprio interno un Referente della Formazione La gestione della formazione è prevista anche tramite il portale aziendale: Documento ufficiale (delibera, stato sociale ecc.) Altre prerogative 0-4 MAX 35 VERIFICA CONGRUITA ATTRIBUZIONI PUNTEGGI

10 2 Valutazione attività formativa pregressa (operare nel campo della formazione continua in sanità) Verificare se L'attività formativa dei Provider degli ultimi tre anni è sta rilevante o non rilevante sia per il numero degli eventi e progetti realizzati, sia per il numero degli operatori sanitari di ruoli diversi coinvolti ma sicuramente deve essere implementata sia in quantità che in qualità Area territoriale in cui è attivo il promotore Verificare se L'area territoriale in cui è attivo il Provider è ……. % locale ……..% regionale …...% nazionale 0-1 4Durata effettiva della attività formative in oren. ore 5Numero partecipantin. partecipanti 6Tipologia didattica Corso pratico finalizzato allo sviluppo continuo professionale che è strutturato sia con relazioni su tema preordinato, che con esercitazioni mirate all'esecuzíone 0-3 7Metodi di insegnamento I discenti, seguiti step by step dai docenti hanno eseguito tutte le procedure. 0-5

11 8Obiettivi didattico-formativi generali dellattività Gli obiettivi formativi sono stati sia quelli di fare acquisire conoscenze teoriche che abilità manuali tecniche e pratiche 0-4 9Nome, qualifica e competenze professionali del/dei responsabile/i del programma Formativo Verificare se i Componenti del Comitato scientifico, dei responsabili scientifici, hanno riconosciute ed elevate competenze scientifiche in particolare sugli argomenti oggetto delle attività formative. CURRICULUM Rilevanza dei docenti/relatori come desumibile dai brevi curricula riportati nel programma Verificare se i Docenti e tutor, sono di rilevanza nazionale ed esperti della disciplina specifica dei corso Sistema di traduzione simultanea in caso di utilizzo di lingua straniera E necessaria solo nei casi di partecipanti stranieri. Utilizzata Non utilizzata Consegna di materiale didattico ai partecipanti Verificare se il materiale didattico consegnato è sufficiente e consiste in dispense cartacee delle relazioni svolte che sono state anche registrate su CD ROM o altro Modalità di verifica della presenza Con rilevamento elettronico o con altro mezzo Valutare lefficacia Strumenti per la verifica dell'apprendimento strumenti di verifica utilizzati: esame pratico altro Fonti di finanziamento:le fonti di finanziamento configurano incompatibilità o conflitto di interessi? Verificare se Il punteggio assegnato segue le regole previste per lincompatibilità del conflitto di interessi che qualora fosse presente porterebbe allannullamento totale della procedura. Le fonti di finanziamento creano incompatibilità o meno (Si o No) 0-1

12 RIEPILOGO NAZIONALE GENERALE ORE TOTALI DI FORMAZIONE 2357 NUMERO TOTALE DISCENTI 4303 NUMERO TOTALE EVENTI 109 NUMERO TOTALE PROVIDER SPERIMENTALI RESIDENZIALI 38

13 ABRUZZO VERIFICATORE: CIAVATTA Verifica eventi : 1°evento =32 ore, 32 partec., punti : 28/35 2°evento =8 ore, 95 partec., punti : 28/35 3°evento =8 ore, 108 partec., punti : 28/35 4°evento =4 ore, 90 partec., punti : 28/35 5°evento =12 ore, 36 partec., punti : 28/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

14 Verifica per strutture ed eventi per accreditamento di provider per lECM ABRUZZO VERIFICATORE: CIAVATTA Verifica eventi : 1°evento=7 ore, 19 partec., punti : 28/35 2°evento=7 ore, 25 partec., punti : 28/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

15 BASILICATA VERIFICATORE: CIAVATTA-ROMANO Verifica eventi : 1°evento=40 ore, 19 partec., punti : 22/35 2°evento=24 ore, 20 partec., punti : 22/35 3°evento=20 ore, 30 partec., punti : 22/35 4°evento=28 ore, 40 partec., punti : 24/35 5°evento=6 ore, 29 partec., punti : 24/35 6°evento=7 ore, 114 partec., punti : 22/35 7°evento=9 ore, 37 partec., punti : 21/35 8°evento=8 ore, 15 partec., punti : 22/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

16 CALABRIA VERIFICATORE: CIAVATTA-DALPONTE Verifica eventi : 1°evento=12 ore, 64 partec., punti : 20/35 2°evento=48 ore, 16 partec., punti : 24/35 3°evento=12 ore, 50 partec., punti : 23/35 4°evento=30 ore, 25 partec., punti : 24/35 5°evento=12 ore, 22 partec., punti : 25/35 6°evento=21 ore, 18 partec., punti : 26/35 *C.1=Competenze nella gestione del miglioramento della qualità. *C.2=Strategie per il monitoraggio e il miglioramento della qualità. *C.3=Sistema informativo per il monitoraggio della qualità Verifica strutturale= 19 sì su 22 Assenti requisiti (*C1,C2,C3)

17 CAMPANIA VERIFICATORE: Verifica eventi : 1°evento=72 ore, 64 partec., punti : 35/35 2°evento=36 ore, 16 partec., punti : 35/35 GILARDI-TARTARO Verifica strutturale= 22 sì su 22

18 CAMPANIA VERIFICATORE: Verifica eventi : 1°evento=30 ore, 24 partec., punti : 35/35 2°evento=29 ore, 33 partec., punti : 35/35 GILARDI - TARTARO Verifica strutturale= 22 sì su 22

19 CAMPANIA VERIFICATORE Verifica eventi : 1°evento=50 ore, 120 partec., punti : 35/35 2°evento=41 ore, 84 partec., punti : 35/35 GILARDI-TARTARO Verifica strutturale= 22 sì su 22

20 CAMPANIA VERIFICATORE: Verifica eventi : 1°evento=45 ore, 103 partec., punti : 35/35 2°evento=30 ore, 89 partec., punti : 35/35 TARTARO-GILARDI Verifica strutturale= 22 sì su 22

21 LAZIO VERIFICATORE: GILARDI-SPANO Verifica eventi : 1°evento=6 ore, 53 partec., punti : 31/35 2°evento=18 ore, 16 partec., punti : 33/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

22 LAZIO VERIFICATORE: GILARDI-SPANO Verifica eventi : 1°evento=8 ore, 38 partec., punti : 26/35 2°evento=15 ore, 60 partec., punti : 26/35 3°evento=32 ore, 20 partec., punti : 27/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

23 LAZIO VERIFICATORE: GILARDI-SPANO Verifica eventi : 1°evento=5 ore, 45 partec., punti : 21/35 2°evento=8 ore, 30 partec., punti : 27/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

24 LAZIO VERIFICATORE: GILARDI-SPANO Verifica eventi : 1°evento=25 ore, 11 partec., punti : 32/35 2°evento=64 ore, 46 partec., punti : 29/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

25 LAZIO VERIFICATORE: GILARDI-SPANO Verifica eventi : 1°evento=9 ore, 53 partec., punti : 27/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

26 EMILIA ROMAGNA VERIFICATORE: MESSINA-SPANO Verifica strutturale= 22 sì su 22 Eventiorepartecipantipunti Verifica eventi : 1°evento=70 ore, 30 partec., punti 27/35 2°evento=6 ore, 50 partec., punti 25/35 3°evento=26 ore, 6 partec., punti 32/35 4°evento=18 ore, 20 partec., punti 32/35 5°evento=13 ore, 50 partec., punti 27/35 6°evento=56 ore, 25 partec., punti 33/35 7°evento=32 ore, 15 partec., punti 27/35

27 FRIULI VENEZIA GIULIA VERIFICATORE: DALPONTE Verifica eventi : 1°evento=20 ore, 40 partec., punti 25/35 2°evento=35 ore, 25 partec., punti 26/35 3°evento=35 ore, 35 partec., punti 28/35 4°evento=35 ore, 25 partec., punti 22/35 5°evento=21 ore, 25 partec., punti 30/35 6°evento=35 ore, 35 partec., punti 31/35 7°evento=18 ore, 35 partec., punti 29/35 Verifica strutturale= 21 sì su 22 ASSENTE REQUISITO C1

28 LIGURIA VERIFICATORE: Verifica eventi : 1°evento=22 ore, 14 partec., punti : 31/35 2°evento=8 ore, 5 partec., punti : 32/35 MESSINA-RIBALDONE Verifica strutturale= 22 sì su 22

29 LIGURIA VERIFICATORE: MESSINA-RIBALDONE Verifica eventi : 1°evento=11 ore, 91 partec., punti : 31/35 2°evento=9 ore, 50 partec., punti : 29/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

30 LIGURIA VERIFICATORE: MESSINA-RIBALDONE Verifica eventi : 1°evento=15 ore, 114 partec., punti : 34/35 2°evento=6 ore, 22 partec., punti : 29/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

31 LOMBARDIA VERIFICATORE: RIBALDONE-VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=21 ore, 20 partec., punti : 33/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22 *

32 LOMBARDIA VERIFICATORE: RIBALDONE-VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=26 ore, 25 partec., punti : 32/35 2°evento=27 ore, 25 partec., punti : 34/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

33 LOMBARDIA VERIFICATORE: RIBALDONE-VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=8 ore, 38 partec., punti : 29/35 2°evento=8 ore, 31 partec., punti : 33/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

34 LOMBARDIA VERIFICATORE: RIBALDONE-VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=8 ore, 22 partec., punti 29/35 2°evento=12 ore, 91 partec., punti 32/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

35 LOMBARDIA VERIFICATORE: RIBALDONE-VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=7 ore, 23 partec., punti : 31/35 2°evento=4 ore, 82 partec., punti : 28/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

36 MOLISE VERIFICATORE : GILARDI-PALMA Verifica eventi : 1°evento=20 ore, 66 partec., punti : 18/35 Verifica strutturale= 21 sì su 22 ASSENTE REQUISITO B11

37 PIEMONTE VERIFICATORE: VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=14 ore, n.p. partec., punti : 32/35 2°evento=12 ore, n.p. partec., punti : 24/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

38 PIEMONTE VERIFICATORE: VIMERCATI Verifica eventi: 1°evento=9 ore, 130 partec., punti : 22/35 2°evento=7 ore, 20 partec., punti : 20/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

39 PUGLIA VERIFICATORE : DAMBROSIO LETTIERI-PALMA Verifica eventi : 1°evento=10 ore, 50 partec., punti : 20/35 Verifica strutturale= 21 sì su 22 ASSENTE REQUISITO A6

40 PUGLIA VERIFICATORE: PALMA-DAMBROSIO LETTIERI Verifica eventi : 1°evento=21 ore, 36 partec., punti : 18/35 2°evento=24 ore, 54 partec., punti : 18/35 3°evento=26 ore, 83 partec., punti : 17/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

41 SICILIA VERIFICATORE: BRIZZI-DAMBROSIO LETTIERI Verifica strutturale= 22 sì su 22 Verifica eventi : NON SONO PERVENUTI EVENTI!

42 SICILIA VERIFICATORE: BRIZZI-DAMBROSIO LETTIERI Il Verificatore non ha inviato alcuna documentazione

43 SICILIA Il Verificatore non ha inviato alcuna documentazione VERIFICATORE: BRIZZI-DAMBROSIO LETTIERI

44 TOSCANA VERIFICATORE: RIBALDONE Verifica eventi : 1°evento=6 ore, 73 partec., punti : 31/35 2°evento=7 ore, 70 partec., punti : 27/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

45 TOSCANA VERIFICATORE: RIBALDONE Verifica eventi : 1°evento=8 ore, partec., punti : 29/35 2°evento=98 ore, 12 partec., punti : 32/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

46 TRENTINO ALTO ADIGE VERIFICATORE: RIBALDONE Verifica eventi : 1°evento=35 ore, 35 partec., punti : 35/35 2°evento=20 ore, 40 partec., punti : 28/35 3°evento=35 ore, 35 partec., punti : 27/35 4°evento=35 ore, 25 partec., punti : 28/35 5°evento=18 ore, 35 partec., punti : 23/35 6°evento=28 ore, 25 partec., punti : 29/35 7°evento=21 ore, 25 partec., punti : 30/35 8°evento=14 ore, 35 partec., punti : 27/35 Verifica strutturale= 21 sì su 22 ASSENTE REQUISITO C1

47 UMBRIA VERIFICATORE: VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=ore n.p., 7 partec., punti : 27/35 2°evento=ore n.p., 12 partec., punti : 27/35 3°evento=ore n.p., 40 partec., punti : 27/35 4°evento=ore n.p., 19 partec., punti : 27/35 5°evento=ore n.p., 9 partec., punti : 27/35 Verifica strutturale= 21 sì su 22 ASSENTE REQUISITO A6

48 UMBRIA VERIFICATORE: VIMERCATI Verifica eventi : 1°evento=10 ore, 35 partec., punti : 29/35 2°evento=62 ore, 62 partec., punti : 32/35 3°evento=9 ore, 55 partec., punti : 27/35 4°evento=15 ore, 25 partec., punti : 32/35 5°evento=16 ore, 35 partec., punti : 28/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

49 SARDEGNA VERIFICATORE: TARTARO Verifica eventi : 1°evento=6 ore, 20 partec., punti : 26/35 2°evento=6 ore, 20 partec., punti : 26/35 3°evento=6 ore, 21 partec., punti : 26/35 Verifica strutturale= 22 sì su 22

50 VENETO VERIFICATORE: Il Verificatore non ha inviato alcuna documentazione BIANCO


Scaricare ppt "Verifica del Percorso Sperimentale dei Provider Residenziali A cura di: R. DAri - M. Linetti - C. Mastrocola - S. Tartaro Verificatori: Bianco – Brizzi."

Presentazioni simili


Annunci Google