La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA SITUAZIONE ITALIANA NEL CONTESTO DEL RISCALDAMENTO GLOBALE Maurizio Maugeri Istituto di Fisica Generale Applicata – via Brera 28 – Milano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA SITUAZIONE ITALIANA NEL CONTESTO DEL RISCALDAMENTO GLOBALE Maurizio Maugeri Istituto di Fisica Generale Applicata – via Brera 28 – Milano"— Transcript della presentazione:

1 LA SITUAZIONE ITALIANA NEL CONTESTO DEL RISCALDAMENTO GLOBALE Maurizio Maugeri Istituto di Fisica Generale Applicata – via Brera 28 – Milano Bologna, 15 maggio 2006

2 Premessa Il forte interesse che la comunità scientifica sta riser- vando allo studio dei cambiamenti climatici è sostan- zialmente dovuto ai seguenti due fenomeni…. Levidenza di un concomitante e significativo incremento della temperatura dellaria (Global Warming); Lincremento delle concentrazioni atmosferiche di alcuni gas potenzialmente in grado di alterare il bilancio radiati- vo del sistema terra-atmosfera (gas-serra). ….. e al fatto che la fisica del bilancio energetico del nostro pianeta porta a ritenere che tra loro pos- sa esservi un legame causale.

3 Andamento della concentrazioni di CO2 in atmosfera negli ultimi 1000 anni: valori espressi in ppm Fonte: CDIAC, U.S. Dept.of Energy La crescita dei gas-serra

4 Il Global warming È ormai ampiamente provato come, nel corso dellultimo secolo, la temperatura media dellaria sia aumentata di oltre mezzo grado in prossimità della superficie terrestre. Questo riscaldamento, parallelo ad un analogo riscaldamento verificatosi sulla superficie degli oceani, non è stato uniforme né spazialmente né temporalmente, ma ha manifestato forti differenziazioni geografiche ed ha presentato un comportamento molto complesso, sia in termini di trend di lungo periodo, sia di modulazione stagionale. Nel corso degli anni 90 il fenomeno si è fatto ancor più evidente, al punto che questo decennio è probabilmente risultato il più caldo dellultimo millennio. Anche gli ultimi dati sembrano confer- mare questa tendenza, tanto che tutti gli anni del periodo si collocano tra i più caldi dellintero periodo coperto dalle osservazioni strumentali Fonte: University of East Anglia,

5 Fonte: IPCC WGI Third Assessment Report Radiative forcing of the climate system relative to 1750 by gases, aerosol particles, aviation, land use and solar variation Il possibile legame tra i due fenomeni

6 La complessità del sistema Il legame tra gas-serra e cambiamenti climatici è in realtà estremamente complesso e, anche se disponessimo di stime affidabili dei contributi di tutti i fattori in grado di influire sul bilancio energetico della Terra, le nostre valutazioni sarebbero comunque affette da significative incertezze in quanto non esiste ancora un completo sistema di modelli matematici in grado di descrivere efficacemente tutte le conseguenze di un eventuale disequilibrio tra radiazione entrante ed uscente. Ruolo cruciale delle osservazioni Ruolo delle serie storiche di dati meteorologici

7 In questo contesto, nella seconda metà degli anni 90, un gruppo di ricercatori dellIstituto di Fisica Generale Applicata, dellISAC – CNR, dellUCEA e dellOsservatorio Astronomico di Brera, ha avviato un ampio programma di ricerche per il recupero e lanalisi delle lunghe serie storiche italiane di dati meteorologici La presentazione si pone lobiettivo di mostrare i principali risultati raggiunti nellambito di questo programma

8 Struttura della presentazione Disponibilità dei dati Omogeneità dei dati Analisi dei dati

9 Sintesi situazione dati Serie secolari mensili Piogge: 111 Temperature: 67 Pressione: 30 Copertura nuvolosa: 30 Neve al suolo: in progress Umidità relativa: in progress per dettagli: PIOGGE TEMPERATURE

10 Metadata/schede stazioni Ricostruzione storia della rete meteo/climatica Italiana Schedatura contributi pubblicati (letteratura grigia) Schedatura corrispondenza tra osservatori ed Ufficio Centrale Coordinate Informazioni sulla provenienza dei dati Disponibilità dei dati Note Per maggiori informazioni:

11 Omogeneizzazione delle serie Segnali presenti nelle serie di dati Variazioni climaticheProblemi legati alla misura Rilocalizzazioni Errori strumentali (cambiamenti o ricalibrazioni degli strumenti) Metodologie di osservazione (orari, etc...) Caratteristiche delle schermature Modificazioni ambientali (microscala – intera città)

12 Mean TMaximum TMinimum TPrecipitation N. of years (excluding filled gaps) N. of breaks N. of break per series N. of break per year per series Mean homogeneous sub-period (years) Omogeneizzazione: alcuni risultati Brunetti M, Maugeri M, Monti F, Nanni T Temperature and precipitation variability in Italy in the last two centuries from homogenised instrumental time series. Int. J. Climatol. (submitted)

13 Alcuni risultati: le temperature REGIONALIZZAZIONE (Principal Component Analysis) ANDAMENTI: ANNO E STAGIONI Brunetti M, Maugeri M, Monti F, Nanni T Temperature and precipitation variability in Italy in the last two centuries from homogenised instrumental time series. Int. J. Climatol, 26, W Sp S A -2.2: : 2003

14 TmedTmaxTmin ALPPPIITAALPPPIITAALPPPIITA Y 1.0± ±0.11.1±0.10.7±0.10.9±0.11.2±0.10.9±0.11.3±0.11.1±0.1 W 1.2±0.21.0±0.31.0±0.21.1±0.21.2±0.21.2±0.30.8±0.21.0±0.21.4±0.21.1±0.31.2±0.2 Sp 1.0± ±0.21.2±0.20.7±0.20.9±0.21.2±0.10.9±0.21.2±0.11.0±0.1 S 1.0±0.21.1±0.21.2±0.21.1±0.20.4±0.21.1±0.20.7±0.20.9±0.21.2±0.20.9±0.21.6±0.21.2±0.2 A 0.8± ±0.20.8±0.20.6±0.20.9±0.20.6±0.20.8±0.21.0±0.20.8±0.21.1±0.20.9±0.2 TREND PROGRESSIVI (˚C/100y) TREND (˚C/100y) Alcuni risultati: le temperature Brunetti M, Maugeri M, Monti F, Nanni T Temperature and precipitation variability in Italy in the last two centuries from homogenised instrumental time series. Int. J. Climatol, 26,

15 Alcuni risultati: le precipitazioni ANDAMENTI ANNUALE E STAGIONALE REGIONALIZZAZIONE (Principal Component Analysis) Brunetti M, Maugeri M, Monti F, Nanni T Temperature and precipitation variability in Italy in the last two centuries from homogenised instrumental time series. Int. J. Climatol, 26, W Sp S A

16 NWNENPPCESESOITA Y----(10±3)-(8±5)+-(5±3) W Sp----(20±5)---(9±5) S--+-(13±8)--- A Alcuni risultati: le precipitazioni TREND (%/100y) TREND PROGRESSIVI (%/100y) Brunetti M, Maugeri M, Monti F, Nanni T Temperature and precipitation variability in Italy in the last two centuries from homogenised instrumental time series. Int. J. Climatol, 26,

17 Intensità delle Precipitazioni Giornaliere Bo Fe Ge Mn Mi Serie da analizzare: rapporti tra precipitazioni nelle varie classi e precipitazioni totali Anno/stagioni/mesi Scelta classi: esistono molte opzioni 0.0 – >50.0

18 GAMMA DISTRIBUTION CUMULATIVE DISTRIBUTION C1C2C5C4C3C6 C1 C1 0 th -50 th percentile C2 C2 50 th -75 th percentile C3 C3 75 th -90 th percentile C4 C4 90 th -95 th percentile C5 C5 95 th -99 th percentile C6 C6 >99 th percentile Classi di Precipitazioni

19 Brunetti M, Maugeri M, Monti F, Nanni T Changes in daily precipitation frequency and distribution in Italy over the last 120 years. Journal of Geophysical Research - Atmosphere, 109, D05, doi: /2003JD004296, Trend delle Classi di Precipitazioni (%/100y)

20 … e per il futuro … Comprendere gli andamenti evidenziati alla luce di modificazioni a scala più ampia Migliorare (quantità e qualità) le serie disponibili per (almeno) T, DTR, P (Tot, NGP), Pressione e Copertura Passare da anomalie a valori assoluti e spazializzare ad alta risoluzione Integrare maggiormente con osservazioni attuali Integrare con dati con maggior risoluzione spazio- temporale approccio lagrangiano vs euleriano Studiare il ruolo delle forzanti


Scaricare ppt "LA SITUAZIONE ITALIANA NEL CONTESTO DEL RISCALDAMENTO GLOBALE Maurizio Maugeri Istituto di Fisica Generale Applicata – via Brera 28 – Milano"

Presentazioni simili


Annunci Google