La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

11 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Roma, 7 Giugno 2013 3° CONVEGNO NAZIONALE SICUREZZA ED ESERCIZIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "11 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Roma, 7 Giugno 2013 3° CONVEGNO NAZIONALE SICUREZZA ED ESERCIZIO."— Transcript della presentazione:

1 11 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Roma, 7 Giugno ° CONVEGNO NAZIONALE SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: TECNOLOGIE E REGOLAMENTAZIONE PER LA COMPETIZIONE Federico Gherardi Letizia Vannelli

2 22 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria 4° Pacchetto Ferroviario proposta legislativa ufficializzata il Separazione della gestione delle reti ferroviarie e dei treni Istituzione dell Agenzia Ferroviaria Europea come unica responsabile del rilascio delle autorizzazioni per la messa sul mercato di nuovi veicoli e dei certificati di sicurezza per le Imprese Ferroviarie. Standard unici per la costruzione dei veicoli e semplificazione dei processi di autorizzazione Apertura dei servizi ferroviari nazionali a nuovi attori

3 33 Tempo medio per ottenere l Autorizzazione alla Messa in Servizio (AMIS) in EU: > 600 giorni Materiale rotabile immobilizzato in attesa AMIS: 1.4 Mld L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Fonte CER/UNIFE Proposta attualmente in discussione al Parlamento Europeo e al Consiglio dellUnione Europea Survey UNIFE 2011

4 44 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Semplificazione delle normative di riferimento per l autorizzazione Realizzazione del sistema ERTMS in tutto il mercato ferroviario Approcci comuni ai processi di verifica e di autorizzazione Azioni per ottimizzare la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria: il punto di vista dei Costruttori

5 55 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Semplificazione delle normative di riferimento per l Autorizzazione alla Messa in Servizio Specifiche Tecniche di Interoperabilità Sostituzione delle procedure nazionali Estensione del campo di applicazione all intero sistema ferroviario Chiusura dei rimanenti punti aperti

6 66 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria ERTMS (European Rail Traffic Management System) progettato per sostituire gradualmente i sistemi nazionali Entro il 2015, circa km di ferrovie dovranno essere equipaggiate con il sistema ERTMS e oltre km di ferrovie entro il Finalizzazione baseline 3 dell ETCS STI «Controllo-Comando e Segnalamento» (Decisioni 2012/88/CE e 2012/696/CE) si applica all intera rete TEN, con requisiti identici sia per la rete Alta Velocità che Convenzionale e con la separazione netta dei sottosistemi di terra e di bordo. Realizzazione del sistema ERTMS in tutto il mercato ferroviario

7 77 Agenzia Nazionale per la Sicurezza Organismo NotificatoOrganismo DesignatoRichiedenteImpresa FerroviariaGestore Infrastruttura Soggetto Responsabile della Manutenzione Organismo di Valutazione Reg. 352/2009 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Approcci comuni ai processi di verifica e di autorizzazione METODO COMUNE DI SICUREZZA REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 402/2013 DELLA COMMISSIONE del 30 aprile 2013 relativo al metodo comune di sicurezza per la determinazione e valutazione dei rischi e che abroga il regolamento (CE) n. 352/2009

8 88 Autorità Nazionali di Sicurezza Organismo Indipendente Operatori Gestori Infrastruttura L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria V250 - Servizio Commerciale denominato FYRA Amsterdam/Schipol/Rotterdam/Anversa/Bruxelles (con possibile futura estensione fino a Parigi) e direttrici secondarie verso le città de L Aja, Utrecht e Breda nei Paesi Bassi V250 - Servizio Commerciale denominato FYRA Amsterdam/Schipol/Rotterdam/Anversa/Bruxelles (con possibile futura estensione fino a Parigi) e direttrici secondarie verso le città de L Aja, Utrecht e Breda nei Paesi Bassi V250

9 99 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Sicurezza passiva V250 in accordo alla Specifica Tecnica di Interoperabilità STI/MR/2002 (prEN 15227) Il V250 è stato progettato in accordo alla prEN che prevedeva, come scenario di collisione peggiore, limpatto del treno a 110 km/h contro un autocarro completamente rigido da 15 tonnellate.

10 10 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Frecciarossa1000 Treno AV Interoperabile: destinato all esercizio sulla rete ferroviaria convenzionale e alta velocità italiana e sulle reti di Austria, Germania, Svizzera, Olanda, Belgio, Spagna e Francia. Autorità Nazionali di Sicurezza Organismo Indipendente Operatori Gestori Infrastruttura

11 11 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Sicurezza passiva Frecciarossa1000 in accordo alla Specifica Tecnica di Interoperabilità STI/MR/2008 (EN 15227) - Scenari di Crash Scenario 1: collisione frontale simmetrica a 36 km/h tra due treni identici con offset iniziale verticale di 40 mm Scenario 2: collisione a 36 km/h tra un treno e un vagone di 80 t equipaggiato di respingenti Scenario 3: collisione a 110 km/h tra un treno e un camion di 15 t

12 12 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Comportamento alla collisione - differenze tra i requisiti dello scenario 3 della STI AV del 2002 e quelli relativi alla STI AV 2008 V250 – TSI ° Scenario – Bilancio energetico V300ZEFIRO – TSI ° Scenario – Bilancio energetico

13 13 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria

14 14 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria

15 Grazie per l attenzione!


Scaricare ppt "11 L evoluzione del quadro normativo per la sicurezza e l interoperabilità ferroviaria Roma, 7 Giugno 2013 3° CONVEGNO NAZIONALE SICUREZZA ED ESERCIZIO."

Presentazioni simili


Annunci Google