La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONFERENZA DI SERVIZIO DI MATEMATICA a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti Stefano Volpe Stefano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONFERENZA DI SERVIZIO DI MATEMATICA a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti Stefano Volpe Stefano."— Transcript della presentazione:

1 CONFERENZA DI SERVIZIO DI MATEMATICA a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti Stefano Volpe Stefano Volpe Roma 18 maggio 2009 Roma 18 maggio 2009

2 Organizzata dalle Scuole Polo: Ada Negri D.S. prof.ssa Rosalia Zene Ada Negri D.S. prof.ssa Rosalia Zene Leopoldo Pirelli D.S. prof.ssa Flavia De Vincenzi Leopoldo Pirelli D.S. prof.ssa Flavia De Vincenzi Docenti tutor : Michela Barsanti (SMS Toniolo) Docenti tutor : Michela Barsanti (SMS Toniolo) Paola Pieravanti (IIS Pirelli) Paola Pieravanti (IIS Pirelli) Stefano Volpe (LS Gullace) Stefano Volpe (LS Gullace)

3 : Indetta da : STRUTTURA TECNICA PER LA MATEMATICA

4 COMPOSIZIONE E FINALITA A LIVELLO NAZIONALE: DIRIGENTI TECNICI DI TUTTE LE REGIONI E PERSONALE SCOLASTICO COMANDATO A LIVELLO REGIONALE: DIRIGENTI TECNICI, DIRIGENTI SCOLASTICI DELLE SCUOLE POLO, PERSONALE DOCENTE E DIRIGENTE COMANDATO. UN REFERENTE REGIONALE (LISPETTORE PAOLA PUNTIERI NEL CASO DEL LAZIO) CHE MANTIENE I RAPPORTI CON LA STRUTTURA NAZIONALE LE ATTIVITA SONO DI TIPO PROGETTUALE ED ORGANIZZATIVO AL FINE DI MIGLIORARE I LIVELLI DI COMPETENZA IN MATEMATICA DEGLI ALUNNI IN TUTTI I GRADI E ORDINI SCOLASTICI, ATTRAVERSO LINCONTRO, IL CONFRONTO E LA RIFLESSIONE DEI DOCENTI DELLA DISCIPLINA SUGLI ASPETTI PIU SIGNIFICATIVI DELLINSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELLA STESSA a cura della struttura tecnica a cura della struttura tecnica

5 IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL LAZIO RICORSO A DOCENTI DI MATEMATICA, INDICATI DAI DIRIGENTI SCOLASTICI, CHE SVOLGANO IL RUOLO DI TUTOR IN INCONTRI IN PRESENZA CON GLI ALTRI DOCENTI DI MATEMATICA UTILIZZO DELLA STRUTTURA TERRITORIALE DELLE SCUOLE POLO PER LA REALIZZAZIONE DELLE CONFERENZE INCONTRI IN VERTICALE CON I DOCENTI DI MATEMATICA SIA DEL I CHE DEL II CILO DI ISTRUZIONE IN QUESTO ANNO SCOLASTICO, PREVISIONE DI UN INCONTRO CON PROSECUZIONE DELLATTIVITA NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO a cura della struttura tecnica a cura della struttura tecnica

6 I CONTENUTI DEI PRIMI INCONTRI INDIVIDUATI A LIVELLO NAZIONALE, IN UNA OPPORTUNA RIUNIONE, I SEGUENTI NODI DAI QUALI PARTIRE NEI PRIMI INCONTRI CON I DOCENTI: LA PROVA NAZIONALE DI MATEMATICA ALLESAME DI LICENZA MEDIA, ANALISI E RIFLESSIONE RISPETTO ALLE COMPETENZE RICHIESTE, RELAZIONE CON LORDINARIA ATTIVITA DIDATTICA DELLA DISCIPLINA LA PROVA SCRITTA DI MATEMATICA ALLESAME DI STATO DEL II CICLO, LA PROVA DI MATEMATICA PRESENTE NELLE TERZE PROVE DELLESAME DI STATO a cura della struttura tecnica

7 REPORT SULLE INDICAZIONI EMERGENTI NELLA PRIMA CONFERENZA DI SERVIZIO PREDISPOSTO UN SINTETICO MODELLO DI RILEVAZIONE DEGLI ARGOMENTI E DELLE PROBLEMATICHE DI RIFLESSIONE INDIVIDUATE NELLE PRIME CONFERENZE DI SERVIZIO DA COMPILARE A CURA DELLE SCUOLE POLO DEL LAZIO E DA RESTITUIRE ALLA STRUTTURA TECNICA REGIONALE AL FINE DI PIANIFICARE IN MODO UNITARIO LE AZIONI SUCCESSIVE a cura della struttura tecnica a cura della struttura tecnica

8 PERCHÉ È STATA ISTITUITA LA STRUTTURA TECNICA DELLA MATEMATICA?

9 PERCHÉ LE DIVERSE INDAGINI EFFETTUATE, SIA NAZIONALI CHE INTERNAZIONALI, HANNO EVIDENZIATO CHE I LIVELLI DI COMPETENZA IN MATEMATICA DEGLI ALUNNI ITALIANI NON SONO GENERALMENTE SODDISFACENTI

10 INDAGINI INTERNAZIONALI International Association for the Evaluation of IEA International Association for the Evaluation of Educational Achievement Educational Achievement OCSE Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo OCSE Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico Economico CIDREE Consortium of Institutions for Development CIDREE Consortium of Institutions for Development and Research in Education in Europe (di cui fa parte lInvalsi) and Research in Education in Europe (di cui fa parte lInvalsi)

11 OCSE- Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico raggruppa attualmente 30 paesi industrializzati e intrattiene relazioni con circa 70 paesi in tutto il mondo raggruppa attualmente 30 paesi industrializzati e intrattiene relazioni con circa 70 paesi in tutto il mondo Ricerche : PISA Ricerche : PISA

12 INTERNATIONAL ASSOCIATION FOR THE EVALUATION OF EDUCATIONAL ACHIEVEMENT IEA - INTERNATIONAL ASSOCIATION FOR THE EVALUATION OF EDUCATIONAL ACHIEVEMENT È UNA ASSOCIAZIONE DI CENTRI DI RICERCA EDUCATIVA ALLA QUALE ADERISCONO 53 PAESI … RICERCHE : TIMSS, PIRLS …

13 CIDREE CONSORTIUM OF INSTITUTIONS FOR DEVELOPMENT AND RESEARCH IN EDUCATION IN EUROPE è un consorzio di istituzioni per lo sviluppo e la ricerca nel campo educativo in Europa. è un consorzio di istituzioni per lo sviluppo e la ricerca nel campo educativo in Europa.

14 OCSE-PISA Programme for International Student Assessment

15 GLI OBIETTIVI PRINCIPALI DI PISA SONO: mettere a punto indicatori relativi al rendimento scolastico degli studenti quindicenni, in funzione della comparazione dei sistemi scolastici dei paesi membri dellorganizzazione ; individuare le caratteristiche dei sistemi scolastici dei paesi che hanno ottenuto i risultati migliori, in termini di livello medio delle prestazioni e di dispersione dei punteggi, in modo da trarre indicazioni relative all'efficacia delle politiche scolastiche nazionali;

16 fornire dati sui risultati dei sistemi di istruzione in modo regolare, in modo da consentire il loro monitoraggio e la costruzione di serie storiche di dati utilizzabili per orientare eventuali provvedimenti innovativi e di riforma.

17 L'indagine accerta il possesso di conoscenze e abilità nelle aree della lettura, della matematica e delle scienze e alcune competenze trasversali in gioco nel ragionamento analitico e nell'apprendimento. L'attenzione non si focalizza tanto sulla padronanza di determinati contenuti curricolari, ma piuttosto sulla misura in cui gli studenti sono in grado di utilizzare conoscenze e abilità apprese durante gli anni di scuola per affrontare e risolvere problemi e compiti che si incontrano nella vita quotidiana e per continuare ad apprendere. La popolazione di riferimento è costituita dai quindicenni scolarizzati.

18 Che cosa viene valutato in PISA 2006 Definizioni La literacy matematica ha a che fare con un uso ampio e funzionale della matematica. Confrontarsi con la matematica significa anche capacità di riconoscere problemi matematici allinterno di varie situazioni Conoscenze Raggruppamenti di aree e concetti matematici rilevanti: quantità spazio e forma cambiamento e relazioni incertezza

19 Competenze richieste raggruppamenti per competenze definiscono le abilità matematiche necessarie: raggruppamento della riproduzione raggruppamento delle connessioni raggruppamento della riflessione Contesto e situazioni aree di applicazione della matematica, soprattutto in relazione allutilizzo in situazioni personali, sociali e globali quali: personale scolastica/occupazionale pubblica scientifica

20 Hanno partecipato a PISA 2006 circa studenti appartenenti a 57 paesi. Paesi OCSE Australia, Austria, Belgio, Canada, Corea, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda,Italia, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Rep. Ceca,Rep. Slovacca, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria. Paesi partner Argentina, Azerbaijan, Brasile, Bulgaria, Cile, Colombia, Croazia, Estonia, Giordania, Hong Kong-Cina, Indonesia, Israele, Kyrghizistan, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Macao-Cina, Montenegro, Qatar, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Taiwan-Cina,Thailandia,Tunisia, Uruguay.

21 LItalia ha partecipato a PISA 2006 con un campione di studenti, in 806 scuole stratificato per macroaree geografiche (Nord Ovest, Nord Est, Centro, Sud, Sud Isole) e per indirizzi di studio. Gli indirizzi di studio sono i licei, gli istituti tecnici, gli istituti professionali, le scuole medie, la formazione professionale

22 I RISULTATI Il punteggio medio degli studenti italiani nella scala complessiva di matematica è pari a 462 (DS 96), contro una media OCSE pari a 498 (DS 92). La differenza tra il punteggio degli studenti maschi (470; ES 2,9) e il punteggio delle studentesse (453; ES 2,7) è statisticamente significativa a vantaggio degli studenti maschi.

23 I paesi che raggiungono punteggi medi significativamente più alti della media OCSE sono lAustralia (520; DS 88), il Belgio (520; DS 106), il Canada (527; DS 86), la Corea (547; DS 93), la Finlandia (548; DS 81), il Giappone (523; DS 91), la Nuova Zelanda (522; DS 93), i Paesi Bassi (531; DS 89), la Svizzera (530; DS 97).

24 Tra i paesi partner i punteggi medi più elevati sono raggiunti da Hong Kong (547; DS 93), Liechtenstein (525; DS 93), Macao (525; DS 84), Taiwan (549; DS 103). In tutti questi paesi, ad eccezione di Belgio, Corea e Liechtenstein, la differenza tra il punteggio medio degli studenti maschi e delle studentesse è statisticamente significativa a vantaggio degli studenti maschi

25 I livelli di competenza sulla scala di matematica sono 6. Il primo livello rappresenta quello più basso, mentre il sesto livello quello più alto.

26 Per quanto riguarda lItalia: il 13,5% degli studenti si colloca sotto il livello 1 (media OCSE 7,7); il 19,3% degli studenti si colloca al livello 1 (media OCSE 13,6); il 25,5% degli studenti si colloca al livello 2 (media OCSE 21,9); il 22,1% degli studenti si colloca al livello 3 (media OCSE 24,3); il 13,3% degli studenti si colloca al livello 4 (media OCSE 19,1); il 5,0% degli studenti si colloca al livello 5 (media OCSE 10,0); lo 1,3% degli studenti si colloca al livello 6 (media OCSE 3,3).

27 Percentuale di studenti a ciascun livello della scala complessiva di literacy matematica per area geografica

28 TIMSS 2007 TIMSS: TIMSS: è il più ampio studio internazionale in corso sugli apprendimenti in matematica e scienze; è il più ampio studio internazionale in corso sugli apprendimenti in matematica e scienze; testa gli studenti della quarta primaria (quarto anno di scolarità) e della terza secondaria di I grado (ottavo anno di scolarità) in più di 60 diversi paesi; testa gli studenti della quarta primaria (quarto anno di scolarità) e della terza secondaria di I grado (ottavo anno di scolarità) in più di 60 diversi paesi; esamina l'apprendimento degli studenti considerando differenti curricola, metodi di insegnamento e contesti sociali; esamina l'apprendimento degli studenti considerando differenti curricola, metodi di insegnamento e contesti sociali; fornisce risultati che sono utilizzati dai governi dei paesi partecipanti per migliorare l'insegnamento della matematica e delle scienze in tutto il mondo. fornisce risultati che sono utilizzati dai governi dei paesi partecipanti per migliorare l'insegnamento della matematica e delle scienze in tutto il mondo.

29 I Risultati dei diversi Paesi sono misurati I Risultati dei diversi Paesi sono misurati su una scala che ha media 500 e deviazione standard 100, entrambi i parametri sono tenuti fissi nel tempo per confronti diacronici su una scala che ha media 500 e deviazione standard 100, entrambi i parametri sono tenuti fissi nel tempo per confronti diacronici

30 Distribuzione dei livelli di apprendimento in Matematica 8° anno di scolarità StatoPunteggio Cina Taipei 598 Repubblica di Corea597 Singapore593 Hong Kong SAR572 Giappone570 Ungheria517 Inghilterra513 Federazione Russa 508 Stati Uniti 506

31 Distribuzione dei livelli di apprendimento in Matematica 8° anno di scolarità Lituania506 Rep. Ceca 504 Slovenia501 Media TIMSS500 Armenia499 Australia496 Svezia491 Malta488

32 Distribuzione dei livelli di apprendimento in Matematica 8° anno di scolarità Scozia487 Serbia486 Italia480 Malesia474 Norvegia469 Cipro465 Bulgaria464 Israele463

33 Distribuzione dei livelli di apprendimento in Matematica 4° anno di scolarità Singapore587 Cina Taipei557 Hong Kong, SAR554 Giappone548 Federazione Russa546 Lettonia542 Inghilterra542 Stati Uniti539

34 Distribuzione dei livelli di apprendimento in Matematica 4° anno di scolarità Ungheria536 Italia535 Kazakistan533 Germania528 Australia527 Repubblica Slovacca526 Austria526 Svezia525

35 INVALSI Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione

36 INVALSI LInvalsi, al suo decimo anno di attività, è un ente di ricerca dotato di personalità giuridica di diritto pubblico che ha raccolto leredità del CEDE (Centro Europeo dellEducazione) LInvalsi, al suo decimo anno di attività, è un ente di ricerca dotato di personalità giuridica di diritto pubblico che ha raccolto leredità del CEDE (Centro Europeo dellEducazione) A seguito di numerosi interventi legislativi orientati alla valutazione del sistema educativo le attività dellInvalsi A seguito di numerosi interventi legislativi orientati alla valutazione del sistema educativo le attività dellInvalsi si sono via via ampliate si sono via via ampliate

37 Attualmente lInvalsi si occupa di: Valutazione di sistema Valutazione di sistema Valutazione delle Scuole Valutazione delle Scuole Valutazione del personale della scuola Valutazione del personale della scuola Diffusione della cultura della valutazione Diffusione della cultura della valutazione

38 Valutazione (Rilevazione) degli apprendimenti degli studenti : Valutazione (Rilevazione) degli apprendimenti degli studenti : 1. La rilevazione degli apprendimenti per la 1. La rilevazione degli apprendimenti per la valutazione delle scuole (SNV valutazione delle scuole (SNV) 2. Esami di Stato 3. Indagini Internazionali

39 Sistema Nazionale di Valutazione Istituito con D.L. 19 novembre 2004 n ° 286 obiettivo: valutare l'efficienza e l'efficacia del sistema educativo di istruzione e di formazione, inquadrando la valutazione nel contesto internazionale obiettivo: valutare l'efficienza e l'efficacia del sistema educativo di istruzione e di formazione, inquadrando la valutazione nel contesto internazionale

40 Direttiva n° settembre 2008 IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Deve rilevare gli apprendimenti degli studenti in ingresso ed uscita dei diversi livelli scolastici Deve rilevare gli apprendimenti degli studenti in ingresso ed uscita dei diversi livelli scolastici Rilevazioni in Rilevazioni in o Seconda e quinta classe scuola primaria o Prima e terza classe scuola secondaria 1° grado o Seconda e quinta classe scuola secondaria 2°grado

41 La rilevazione sarà messa a regime nel corso di tre anni : Anno scuola primaria Anno scuola primaria Anno scuola secondaria primo grado Anno scuola secondaria primo grado Anno scuola secondaria secondo grado Anno scuola secondaria secondo grado

42 Aree disciplinari oggetto della valutazione: ITALIANO E MATEMATICA In seconda istanza Scienze In seconda istanza Scienze

43 Esami di Stato Predisposizione quarta prova Esami di Stato Primo Ciclo Predisposizione quarta prova Esami di Stato Primo Ciclo Raccolta prove scritte Esami di Stato Secondo Ciclo Raccolta prove scritte Esami di Stato Secondo Ciclo

44 INDAGINI INTERNAZIONALI Progetto OCSE PISA 2006 Progetto OCSE PISA 2009 (Programme for International Student Assessment), rappresenta il nuovo ciclo PISA che prevede il main study nel 2009 centrato sulle competenze nella lettura dei quindicenni ENSI 2007 (Environment and Schools Initiatives), partecipazione alla rete internazionale di scuole sullEducazione Ambientale e sullEducazione allo Sviluppo Sostenibile per la quale lINVALSI ha costruito e costruisce strumenti di valutazione. IEA PIRLS 2006 (Progress in International Reading Literacy Study 2006), è unindagine comparativa, promossa dalla IEA, sulla comprensione della lettura dei bambini di nove anni. IEA SITES 2006 (Second Information on Technology in Education Study 2006). Consiste in una valutazione comparativa delluso delle Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione nellIstruzione (ICT) nella scuola secondaria di I grado.

45 IEA TEDS–M 2008 (Teacher Education and Development Study – Mathematics), promossa dalla IEA, è unindagin comparativa sulla prima formazione in matematica degli insegnanti della scuola primaria e dei docenti della scuola secondaria di I grado; IEA TIMSS 2007 (the Trend in International Mathematics and Science Study). È unindagine periodica sugli apprendiment degli studenti al quarto e allottavo anno di scolarità (per lItalia la IV classe della scuola primaria e la III classe della scuola secondaria di I grado) in Matematica e Scienze per costruire lo stato dellarte della valutazione in tali discipline e in tali livelli. IEA ICCS 2009 (International Civic and Citizenship Education Study), promossa dalla IEA, ha per obiettivo generale indagare in che modo i giovani, in vari paesi del mondo, sono preparati per svolgere in modo attivo il proprio ruolo di cittadini LINVALSI partecipa allastesura dello Yearbook 2007 su Education of children from 4 to 8 years of age, con un contributo scritto e ad un gruppo di ricerca composto da vari Paesi (Belgio, Austria, Inghilterra, Italia, ecc) per avviare una riflessione comune su questioni connesse con il curricolo.

46 INVALSI INVALSI Villa Falconieri, via Borromini 5 - Frascati

47 La nostra discussione verterà prevalentemente La nostra discussione verterà prevalentemente sulla prova scritta di terza media a carattere nazionale, introdotta dalla legge del sulla prova scritta di terza media a carattere nazionale, introdotta dalla legge del 25 ottobre 2007 n. 176, 25 ottobre 2007 n. 176, che si è svolta il giorno 17 giugno 2008

48 LEGGE 25 ottobre 2007 n. 176, Art. 4 ter: L'esame di Stato comprende anche una prova scritta, a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti.

49 I testi relativi alla suddetta prova sono scelti dal Ministro della pubblica istruzione tra quelli predisposti annualmente dall'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (INVALSI), conformemente alla direttiva periodicamente emanata dal Ministro stesso

50 In una discussione che coinvolge tutti gli insegnanti di matematica sia del primo che del secondo ciclo la prova nazionale INVALSI dellEsame di Stato di Terza Media sembra quella che meglio raccorda il lavoro di tutti noi In una discussione che coinvolge tutti gli insegnanti di matematica sia del primo che del secondo ciclo la prova nazionale INVALSI dellEsame di Stato di Terza Media sembra quella che meglio raccorda il lavoro di tutti noi

51 La prova deve verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti e per lo scorso anno, come per il corrente anno scolastico, ha riguardato e riguarderà le discipline Italiano e Matematica La prova deve verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti e per lo scorso anno, come per il corrente anno scolastico, ha riguardato e riguarderà le discipline Italiano e Matematica

52 La prova è articolata in due fascicoli, concernenti rispettivamente la valutazione in Italiano e Matematica


Scaricare ppt "CONFERENZA DI SERVIZIO DI MATEMATICA a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti a cura di : Michela Barsanti Paola Pieravanti Stefano Volpe Stefano."

Presentazioni simili


Annunci Google