La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Piano Unitario di Valutazione della Regione Campania Federica Bertamino Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Regione Campania.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Piano Unitario di Valutazione della Regione Campania Federica Bertamino Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Regione Campania."— Transcript della presentazione:

1 Il Piano Unitario di Valutazione della Regione Campania Federica Bertamino Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Regione Campania 25 Marzo 2009 La valutazione delle politiche di sviluppo delle risorse umane nei Piani di Valutazione

2 Lapproccio alla valutazione del QSN: differenze con il passato Nel le attività di valutazione erano definite da stringenti disposizioni regolamentari e caratterizzate da scadenze prescrittive. Il QSN per il prevede: libera decisione delle Amministrazioni nella definizione delle attività di valutazione, della tempistica, del modo di condurle; che ciascuna amministrazione, in funzione delle proprie esigenze conoscitive, possa intraprendere contemporaneamente più valutazioni (ciascuna diversa per tipologia, oggetto, tempistica, metodo e destinatari), ognuna affidata ad un diverso team di valutatori, interni o esterni; la valutazione deve consentire di valutare gli effetti congiunti di diverse azioni, anche afferenti a diversi programmi.

3 Lapproccio alla valutazione del QSN: nuove sfide per le Amministrazioni Nuova organizzazione per la funzione di valutazione: la redazione del Piano di Valutazione e la sua attuazione. Nuova consapevolezza di quali valutazioni sono utili e necessarie per la programmazione e attuazione, individuazione degli aspetti critici dei programmi. Confronto tra i molteplici soggetti responsabili della programmazione e dellattuazione per la definizione di valutazioni unitarie, sugli effetti congiunti prodotti dalle politiche pubbliche, finanziate anche da fonti diverse (dunque anche nellambito di programmi diversi).

4 Il Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici ha avuto il compito di redigere il Piano di valutazione unitario Il direttore del Nucleo è il Responsabile del Piano. I principali soggetti coinvolti: Il Responsabile delle attività di valutazione Il Gruppo di Coordinamento Strategico per la programmazione unitaria Il Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Il Partenariato istituzionale, sociale ed economico Il Piano di valutazione della Regione Campania

5 Coerentemente con il QSN, il Nucleo ha utilizzato un metodo iterativo e partecipativo per lelaborazione del Piano, finalizzato ad assicurare la considerazione delle esigenze conoscitive: - dei programmatori e degli attuatori; - del partenariato istituzionale, sociale ed economico. Approccio partecipativo per la definizione delle attività valutative

6 Il processo per la definizione delle valutazioni unitarie del Piano della Regione Campania Il processo è stato organizzato in due fasi: la prima fase ha riguardato lascolto dei fabbisogni conoscitivi e la ricezione delle proposte provenienti dai soggetti che hanno un ruolo di rilievo nella programmazione e nellattuazione delle politiche di sviluppo: - per quanto riguarda la Regione: lAutorità di Gestione (FESR, FSE, FAS, PSR, FEP), lAutorità ambientale, lAutorità di genere, lEsperto in legalità e sicurezza; - il Partenariato economico e sociale La seconda fase è stata caratterizzata da unattività di istruttoria del Nucleo che ha riorganizzato le domande di valutazione, riconducendole a una lista di attività di valutazione unitarie, approvate poi dal Comitato Strategico per la programmazione unitaria.

7 Prima fase Il processo di ascolto dei Responsabili regionali Al fine di facilitare gli incontri e stimolare le domande di valutazione, il Nucleo ha definito delle matrici di pianificazione delle attività valutative relative ai Programmi FESR, FSE, PSR, FEP e FAS. Ciascuna matrice prevedeva informazioni su: - loggetto della valutazione e le relative domande; - una prima ipotesi di tipologia di valutatore (interno e/o esterno); - le risorse destinate e lanno in cui era necessario realizzare la valutazione.

8 Le matrici sono state accompagnate da una nota esplicativa del processo di valutazione previsto dal QSN, nella quale venivano anche suggeriti alcuni criteri per lindividuazione dei temi oggetto di valutazione e delle relative domande di valutazione quali, ad esempio (cfr. Orientamenti del SNV): –evidente rischio di inefficienza e/o di scarsa efficacia della spesa (messi in luce, p.e., da evidenza pregressa), –necessità di assumere decisioni in alcuni campi, per cui bisogna disporre tempestivamente di dati ed informazioni; –interventi riproposti in modo analogo in più periodi di programmazione senza evidenti effetti positivi; –temi rilevanti per la strategia regionale (gli ambiti strategici del Documento Strategico Regionale, gli obiettivi di servizio); –temi trasversali rilevanti a livello nazionale e comunitario, in particolare quello relativo alle pari opportunità e non discriminazione e ai principi di sviluppo sostenibile. Prima fase Ruolo del Nucleo

9 Il Nucleo, per guidare il processo e supportare i referenti regionali nellesplicitazione delle domande di valutazione, ha fatto delle proposte di temi e di domande frutto di unattenta analisi dei programmi regionali e Programmazione : - ha analizzato i risultati della valutazione intermedia 2003 e dellaggiornamento della valutazione intermedia del 2005, traendone spunti per lindividuazione di possibili domande di valutazione da sottoporre alla discussione. Programmazione : - ha analizzato gli aspetti critici e di particolare rilevanza evidenziati dalle valutazioni ex ante dei programmi, con particolare riferimento agli interventi già oggetto dei programmi e nuovamente proposti nella nuova programmazione. Prima proposta di attività di valutazione e relative domande da discutere con il partenariato economico e sociale.

10 Prima fase Il processo di ascolto del Partenariato economico e sociale Con il partenariato economico e sociale ci sono stati due incontri. In tale processo il Nucleo ha fatto da tramite fra le esigenze espresse dal partenariato e quelle espresse dai responsabili regionali. Primo incontro: - sono state presentate al partenariato le attività valutative proposte dai referenti regionali. Il tavolo di partenariato regionale in questa occasione ha avuto la possibilità di interagire sulle proposte regionali, nonché di presentarne di proprie. Le proposte provenienti dagli organismi partenariali sono state esaminate, approfondite e tenute in adeguata considerazione. Secondo incontro: - sono state illustrate le tavole aggiornate del Piano di valutazione, nelle quali erano state incluse le proposte presentate dal tavolo di partenariato regionale. Coerentemente con quanto previsto dal QSN, il Piano prevede che venga coinvolto il partenariato economico e sociale, non solo nel processo di formulazione delle domande di valutazione, ma anche nella realizzazione delle valutazioni e nellutilizzo dei loro risultati.

11 Seconda fase Dai fabbisogni conoscitivi alle valutazioni unitarie A seguito degli incontri con i responsabili regionali e con il partenariato economico e sociale, il Nucleo ha avviato unattività istruttoria per ricondurre le molteplici domande di valutazione espresse a un numero limitato di attività di valutazione unitarie, su temi particolarmente rilevanti per la Regione. Listruttoria compiuta dal Nucleo ha avuto come obiettivo: –quello di coordinare le attività di valutazione proposte, sia nei contenuti che nella tempistica; –quello di suggerire, in alcuni casi, domande valutative più circoscritte da un punto di vista settoriale e territoriale; –quello di riunire le domande di valutazione provenienti dai diversi attori regionali e dal partenariato, aggregandole sotto un comune oggetto di valutazione unitaria. Definizione di una lista di attività di valutazione unitarie approvate dal Comitato Strategico per la programmazione unitaria.

12 Proposte di attività valutative relative al periodo di programmazione Politiche per la competitività delle imprese e del territorio Politiche per i servizi essenziali Sostenibilità ambientale Governance Occupazione Partenariato Pubblico - Privato Progetti Integrati Impatti macroeconomici

13 Oggetto della Valutazione Domanda di Valutazione Fonte domande di valutazione Politiche per la competitivi tà delle imprese e del territorio Quali sono stati i risultati degli incentivi alle imprese in termini di aumento della competitività delle stesse, con particolare riferimento ai settori strategici del tessuto produttivo regionale? Qual è stato il grado di concentrazione degli interventi? I tempi programmati per lespletamento dei bandi sono stati rispettati? Il rispetto o meno dei tempi previsti ha influito sullefficacia degli interventi? AdG FESR - PSR Nucleo Partenariato economico e sociale Quali sono stati i risultati raggiunti in termini di ampliamento, infrastrutturazione e razionalizzazione delle aree industriali? Gli interventi sui sistemi produttivi (es. ASI o distretti industriali) hanno previsto azioni di conciliazione ed ottimizzazione dei tempi? AdG FESR Partenariato economico e sociale Autorità di Genere Quali sono stati i risultati raggiunti dai centri di Competenza in termini di trasferimento tecnologico alle imprese? Quali sono stati i motivi della mancata interazione tra le numerose punte di eccellenza imprenditoriali presenti in Campania e i Centri di Competenza? AdG FESR- FSE Partenariato economico e sociale Quali sono i risultati dellintegrazione dellofferta scolastica e formativa con il tessuto produttivo, anche in termini di occupazione femminile e maschile? In particolare, quali sono stati i risultati degli strumenti per lAlta Formazione? Quali azioni hanno contribuito a ridurre il gender gap relativo alla formazione scientifico-tecnica? AdG FSE Nucleo Autorità di Genere Con riferimento allo sviluppo urbano quali sono stati i risultati in termini di rivitalizzazione delle attività economiche e della qualità della vita nelle città? Quali sono stati i risultati raggiunti in termini di servizi erogati in coerenza con i Piani di Zona Sociali? Gli interventi sui contesti urbani volti a incrementare luso del trasporto pubblico sono stati coerenti con il sistema di centralità delineato dal Piano Regionale Trasporti? Gli interventi sui sistemi produttivi e sulle aree urbane sono stati localizzati su greenfield o su brownfield? In altre parole: in che misura gli interventi finanziati non hanno incentivato il consumo di suolo non urbanizzato? Quali sono stati gli interventi finalizzati al miglioramento dei tempi delle città ed alladozione dei relativi piani? AdG FESR - FAS Nucleo Autorità di Genere Quali sono stati i risultati raggiunti con le prassi messe in campo dai protocolli di legalità? Quali interventi sono stati attuati sulla sicurezza e legalità e quali sono stati i risultati raggiunti sui territori nei quali gli interventi sono stati attuati? Quale impatto hanno avuto in termini di sicurezza e legalità sulle altre politiche di sviluppo del territorio(turismo, imprese, città etc.)? AdG FAS Nucleo Esperto in legalità e sicurezza Quali sono stati i motivi che non hanno consentito la creazione di nuove Organizzazioni di Produttori (OOPP) o laggiornamento del programma di valorizzazione delle produzioni nel settore della pesca? Analisi dei vincoli per ridurre i tempi e definire le aree di concessione a mare. AdG FEP Gli incentivi alle imprese agricole hanno contribuito ad abbassare letà media degli imprenditori e ad incrementare il numero delle aziende consorziate? Quali sono i motivi che non hanno consentito la diffusione della agricoltura biologica in Campania? Nucleo Piano delle attività valutative relative al periodo di programmazione

14 Politiche per i servizi essenziali Efficacia ed efficienza degli strumenti utilizzati per combattere la dispersione scolastica. AdG FESR-FAS-FSE-PSR Nucleo Quali sono i risultati raggiunti dalle politiche di conciliazione in termini di partecipazione delle donne al mercato del lavoro? Quali sono stati gli strumenti più efficaci per sollevare le donne dal carico di cura di bambini e anziani e aiutarle ad inserirsi nel mondo del lavoro, con particolare riguardo alle politiche sociali in ambito urbano? Quali sono stati gli interventi finalizzati alla ripartizione dei carichi domestici e che impatto hanno avuto? AdG FESR- FAS-FSE-PSR Nucleo Autorità di Genere Quali sono i risultati raggiunti dalle diverse politiche per la gestione dei rifiuti 2000/06 in termini di riduzione della produzione dei rifiuti, recupero di materia e energia? Quali sono i risultati raggiunti dalle politiche per la gestione delle risorse idriche 2000/06 in termini di contenimento della dispersione idrica ? AdG FESR- PSR Sostenibilità ambientale Come e con quali risultati è stata perseguita la sostenibilità ambientale in termini di: riduzione delle emissioni di CO2 nel settore dei trasporti, dellagricoltura e dellenergia; aumento delle zone a traffico limitato e delle aree verdi nelle città (capoluogo o città medie?); incremento delle certificazioni ambientali delle imprese nel periodo successivo ai cinque anni dallerogazione del finanziamento; diminuzione dei consumi di energia e della produzione dei rifiuti delle imprese beneficiarie di aiuti. AdG FESR Governance Quali sono stati i risultati raggiunti in termini di miglioramento della governance dovuti al decentramento delle funzioni e quali gli ostacoli incontrati? AdG FESR AdG PSR AdG FSE Quali sono stati gli ostacoli incontrati nella programmazione, nella gestione e nellattuazione degli APQ? AdG FAS Quali sono stati gli ostacoli incontrati in termini di governance che non hanno consentito il superamento delle emergenze ambientali, con particolare riferimento ai rifiuti e alle bonifiche? AdG FESR Quali procedure e meccanismi sono stati attivati per diffondere ed applicare il mainstreaming di genere? Che impatto hanno prodotto le procedure e i meccanismi di cui sopra? Valutare il rispetto e limpatto degli indicatori VISPO (I e II) nelle politiche pubbliche. Autorità di Genere Quali sono stati gli ostacoli in termini di governance (procedure amministrative complesse, ritardi nei tempi, ecc) che non hanno consentito lattuazione di progetti nuovi e innovativi nei tempi della programmazione comunitaria, sostituendoli quindi con progetti di più facile realizzazione o con vecchi progetti (progetti sponda)? In quali fasi della realizzazione dei progetti si sono presentati i maggiori ostacoli e quali sono le azioni correttive da mettere in campo per rimuoverli? Partenariato economico e sociale Oggetto della Valutazione Domanda di Valutazione Fonte domande di valutazione

15 Occupazione Efficacia ed efficienza dei Patti formativi locali Quanto sono state efficaci le misure a supporto delloccupazione nel colmare il gap occupazionale di genere? Valutazione dellapplicazione dei criteri di premialità collegati alle Pari Opportunità. AdG FSE Nucleo Autorità di Genere Partenariato Pubblico Privato Quali sono state le ragioni alla base dello scarso coinvolgimento dei privati nel programma ? In particolare, perché non ha funzionato il project financing? Perché non si è riusciti a coinvolgere i privati attraverso lutilizzo di strumenti innovativi a sostegno delle città (Società di Trasformazione Urbana, Società Miste)? Nucleo Progetti Integrati territoriali Analisi delle criticità incontrate dai PIT per una migliore definizione e attuazione degli strumenti delle politiche integrate previste per il , con particolare riferimento ai Programmi Integrati Urbani, agli Accordi di reciprocità, ai PIRAP e ai PIF. Partenariato economico e sociale Impatti macroeconomici (raggiungimento degli obiettivi del Programma) Impatto del POR sullandamento degli indicatori di impatto /variabili di rottura AdG FESR-FSE Oggetto della Valutazione Domanda di Valutazione Fonte domande di valutazione

16 Gli aggiornamenti e/o le modifiche al Piano Il Piano è uno strumento flessibile. È un documento da aggiornare in fase di attuazione, al fine di tener conto dei mutamenti che avvengono e dei nuovi fabbisogni conoscitivi. Nel momento in cui si dà avvio ad una singola valutazione, è opportuno ripetere il processo partecipativo al fine di considerare adeguatamente i nuovi elementi emersi dalla conclusione della programmazione e dallavvio dellattuazione dei programmi

17 Alcune considerazioni sul nuovo approccio alla valutazione Il processo per la definizione delle valutazioni unitarie è un processo complesso che ha bisogno di essere guidato (ad esempio stimolando la domanda di valutazione e rendendo espliciti i fabbisogni conoscitivi, ecc); È utile che vi sia un soggetto terzo (nucleo, steering group, responsabile della programmazione unitaria) a guidare il processo, per poter condurre a unitarietà la visione parziale dei singoli attori, riferita al loro specifico campo di attività, rileggendo le singole domande di valutazione in unottica unitaria (ad esempio, alcune domande di valutazione espresse dalle AdG FSE e FESR sono state rilette dal Nucleo e ricondotte a temi unitari di valutazione; tale processo è stato applicato a tutte le domande di valutazione); Il processo di ascolto fornisce i migliori risultati quanto più sono ampi e articolati i gruppi coinvolti (ad esempio, lAutorità di genere ha una buona struttura di supporto che ha dato rilevati contributi); E importante che tutte le valutazioni siano incluse nel Piano, affinché esso sia uno strumento efficace, che rende visibili le scelte sia ai soggetti esterni, sia alle componenti interne dellamministrazione; che evita duplicazioni e anzi crea sinergie.

18 Essendo previste valutazioni che riguardano più programmi, ogni Autorità di Gestione si impegna ad attuare, attraverso i propri uffici amministrativi, valutazioni che riguardano i diversi programmi, in unottica di programmazione unitaria. Ipotesi di una struttura di supporto allAdG responsabile di una valutazione unitaria, composta anche da funzionari che lavorano sugli altri programmi oggetto della valutazione. Gestione delle valutazioni unitarie

19 Il Piano di valutazione della Regione Campania prevede che le attività valutative possano essere condotte anche a livello locale, coinvolgendo, ad esempio, i soggetti intermedi che beneficiano di una delega nella programmazione e/o nellattuazione, quali ad esempio, le Province, i soggetti attuatori dei Piani Integrati di sviluppo Urbano, dei Piani di Zona Sociali, dei Parchi, i soggetti gestori degli Accordi di Reciprocità, ecc. Tali soggetti potranno svolgere, anche con il sostegno del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della Regione Campania, le seguenti attività: - valutazioni su un territorio/tema di particolare interesse in vista dellattuazione; - esercizi di autovalutazione per la programmazione e attuazione dei piani di sviluppo. Valutazioni a livello locale

20 Proposte di attività valutative relative al periodo di programmazione Le valutazioni riferite alla programmazione saranno realizzate nei prossimi tre anni e le domande di valutazione relative ai temi individuati potranno essere approfondite in seguito, anche grazie a successivi incontri con il Partenariato istituzionale, sociale ed economico

21 Tipologia di valutazioneOggetto della valutazione Domanda di valutazione Fonte domande di valutazione Anno Valutazione ex ante Programma FAS Verificare: -La coerenza interna dell impianto programmatico e degli obiettivi; -La congruenza degli indicatori e dei targets e ladeguatezza del sistema di monitoraggio; -La coerenza esterna e leffettiva esistenza di complementarietà sinergiche tra i vari programmi di intervento; -Lefficienza degli elementi di governance e dei meccanismi di attuazione. AdG FAS2008 Valutazione ex ante dei Grandi Programmi Accordi di Reciprocità; DOS-Progetti Integrati Urbani Valutazione strategica dei programmi (con particolare riferimento alla coerenza interna ed esterna) AdG FESR-FSE- FAS 2009 Valutazione in itinere Verifica della performance del Programma rispetto al core della strategia Come contribuisce il POR FESR al raggiungimento dei target sul PIL, sull occupazione, sulla riduzione delle emissioni di gas serra e sulla qualificazione e riequilibrio territoriale ? Come contribuiscono i Programmi al raggiungimento degli obiettivi di Lisbona in termini di occupazione femminile? AdG FESR Autorità di Genere Analisi e valutazione degli effetti prodotti dai nuovi strumenti di attuazione: azioni di sistema, azioni cardine, accordi di reciprocit à Quali sono gli effetti prodotti dai nuovi strumenti di attuazione? Come si è tenuto conto delle buone prassi della precedente programmazione in tema di Pari Opportunità e in che modo ne viene garantita la continuità? AdG FAS Autorità di Genere Valutazione dei processi Cluster di misura (previsti nel PSR al capitolo ) Misura del reale impatto in termini di snellimento amministrativo e qualità dei progetti di investimento realizzati tramite cluster vs progetti singoli AdG PSR2013 Controlli e verifiche Quali sono le esperienze in cui la struttura di controllo e verifica si è dimostrata più efficace? Quali sono le lezioni da tener presente nella organizzazione e gestione dei controlli e delle verifiche dei programmi ? Quali sono i sistemi di controllo e verifica utilizzati per la valutazione dimpatto rispetto al genere? I sistemi di monitoraggio fisico e finanziario impiegati soddisfano pienamente le esigenze di controllo e verifica e sono coerenti con la tipologia di azioni attuate? Lorganizzazione dei processi consente un presidio efficace di tutte le fasi di esecuzione? AdG FESR-FSE AdG FESR Autorità di Genere Piano delle attività valutative relative al periodo di programmazione

22 Auto valutazione Valutazioni connesse alla sorveglianza dei Programmi (in particolare laddove la loro realizzazione si allontani in maniera significativa rispetto agli obiettivi inizialmente fissati) Perché il Programma non sta conseguendo gli obiettivi fissati? Come modificare il programma su specifici temi alla luce degli scostamenti emersi nel corso dell attuazione? AdG FESR-FSE-FAS Quando Opportuno (FESR) Verifica della rilevanza e pertinenza del sistema degli indicatori del Programma e dei relativi target (eventuale ridefinizione di indicatori – earmarking? Alla luce della ripartizione finanziaria per obiettivo operativo e della definizione delle azioni previste, il sistema degli indicatori del Programma (e i relativi target) risulta adeguato? Il sistema degli indicatori è funzionale ad una lettura di genere dei fenomeni e degli impatti attesi? AdG FESR-FSE Autorità di Genere2008 Analisi della rispondenza dei criteri di selezione agli obiettivi di programma (operativi e specifici) I criteri e le modalità di selezione dei programmi messi in atto hanno garantito il perseguimento degli obiettivi delle misure adottate? Come si supera la rigidità della programmazione a fronte delle esigenze di trasversalità del mainstreaming? AdG FESR-FSE Autorità di Genere Quando Opportuno Analisi delle performance del Programma rispetto agli obiettivi dello stesso anche attraverso il monitoraggio delle road map Le procedure, le attività, le azioni messe in campo dal Programma risultano coerenti con i suoi obiettivi? AdG FESR-FSE Ogni Anno (FESR) Il Responsabile della Programmazione Unitaria ha suggerito lutilizzo delle road map Misura delle performance organizzative del PSR basata su modelli e metodologie riconosciute in ambito europeo (es. CAF, EFQM) AdG PSR Entro il 2010 Valutazione degli effetti Valutazione dei Grandi Progetti: Polo florovivaismo, banda larga e sviluppo digitale Valutazione dellaccresciuta competitività del settore agro-alimentare conseguente alla realizzazione nello specifico dei GP. Valutazione dellintegrazione e della coerenza con le azioni del FESR AdG PSR2015 Azioni collettive del PSR (capitolo ) Valutazione dellimpatto dei progetti collettivi su base locale in relazione agli obiettivi del PSR. Analisi delleffettiva integrazione tra PSR e Fondi strutturali nelle politiche di sviluppo degli interventi per lagroalimentare, le aree rurali e le aree protette. AdG PSR2013 Territorializzazione Valutazione per singola macroarea del conseguimento degli obiettivi previsti dal PSR Valutazione della rispondenza delle politiche al fabbisogno territoriale. AdG PSR Autorità di Genere 2010 Questa attività di valutazione dovrebbe riguardare anche gli altri programmi Tipologia di valutazione Oggetto della valutazioneDomanda di valutazione Fonte domande di valutazione AnnoOsservazioni

23 Valutazioni relative a Priorit à strategiche definite a livello europeo e/o nazionale e/o regionale Sostenibilit à Ambientale Per garantire limplementazione del principio orizzontale di sostenibilità ambientale sono state previste nei Programmi procedure e un sistema di gestione (inclusi indicatori, target e monitoraggio) adeguati? AdG FESR-FAS- FSE L AdG del FESR proporr à in seguito altre domande valutative Valutazione delleffettiva sinergia/integrazione dei fondi per lo sviluppo dellattrattività delle aree naturali protette, per la prevenzione dei rischi naturali (in particolare rischio idrogeologico). AdG PSR Valutare leffettiva sinergia/integrazione del PSR con il FESR per il raggiungimento degli obiettivi relativi alla conservazione e riqualificazione del paesaggio AdG PSR Pari opportunit à e non discriminazione Valutazione del potenziale impatto sulle Pari Opportunità connesso allattuazione del PSR, Cap. 15, su due livelli: - una valutazione dellimpatto di genere riferibile al PSR nel suo complesso; - una valutazione degli impatti - attesi e/o possibili - sulla condizione della popolazione femminile riconducibili ai singoli interventi inseriti nelle Misure. Valutazione dellefficacia e coerenza delle politiche per il raggiungimento dellobiettivo di Lisbona. Valutazione della capacità delle politiche di incrementare il PIL regionale e il valore aggiunto creato dalla nuova occupazione femminile e maschile. Valutazione dellefficacia delle politiche per lacquisizione della piena dignità sociale e dei diritti da parte degli immigrati. AdG PSR Autorità di Genere Innovazione e trasferimento tecnologico Valutazione dell effettiva sinergia in materia di ricerca, tra l azione del FESR e del PSR al fine del raggiungimento della priorità e delle ricadute effettive sull accrescimento delle innovazioni specifiche per il settore agro-alimentare Valutazione della capacità innovativa delle imprese con particolare riferimento ai settori ecologici (energia, riciclo rifiuti, biologico, ecc.) AdG PSR Nucleo L AdG del FESR proporr à in seguito altre domande valutative Tipologia di valutazione Oggetto della valutazione Domanda di valutazione Fonte domande di valutazione AnnoOsservazioni

24 Valutazioni relative a Priorit à strategiche definite a livello europeo e/o nazionale e/o regionale Politiche per la competitivit à Valutazione delleffettiva sinergia/integrazione in materia di logistica, trasporti e reti ICT, tra lazione del FESR e del PSR e ricadute effettive sullaccrescimento della competitività del settore agro-alimentare. La diffusione delle tecnologie ha contribuito allo sviluppo di un modello di partecipazione attiva e di e-democracy? AdG PSR Autorità di Genere L AdG del FESR e del FAS proporranno in seguito altre domande valutative,, con riferimento alla legalit à e sicurezza e allo sviluppo urbano Analisi delle problematiche relative alla capacità di integrazione delle diverse fasi della filiera del tonno rosso nel bacino del mediterraneo AdG FEP2011 Quale dovrebbe essere il livello di adeguamento dei porti alle esigenze delloperatività delle imprese di pesca? AdG FEP 2011 Qual è il numero di nuove imprese nei settori dellacquacoltura e della trasformazione (nonché il numero di imprese che hanno adeguato impianti già esistenti)? Qual è la composizione e la tipologia delle produzioni e dei mercati di riferimento? AdG FEP 2011 Valutazione dellimpatto delle politiche della legalità e sicurezza sulle PMI e sulle attività turistiche Nucleo Valutazione del ruolo delle città come attori nel mercato globale (città delle turismo, della finanza, dei media) Nucleo Le politiche per la competitività assicurano quella concentrazione (massa critica) necessaria per il rafforzamento/creazione di nuovi poli regionali di crescita (distretti urbani e industriali, poli di eccellenza, sistemi turistici locali)? Partenariato economico e sociale In che misura le politiche per loccupazione e le risorse umane favoriscono il cambiamento e la crescita del sistema produttivo? Partenariato economico e sociale Tipologia di valutazione Oggetto della valutazione Domanda di valutazione Fonte domande di valutazione AnnoOsservazioni

25 Il ruolo del Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Il Nucleo: - sostiene lAmministrazione nella redazione, aggiornamento ed attuazione del Piano Unico di Valutazione; - partecipa al processo di ascolto delle esigenze conoscitive, allinterno e allesterno dellamministrazione; - propone temi e domande di valutazione; - istruisce le attività partenariali e di selezione delle valutazioni. Il ruolo del Nucleo prosegue anche nellattuazione del Piano: - esso svolge un ruolo di rilievo nel sostenere i responsabili dellattuazione nei processi di autovalutazione e nel coordinamento della impostazione tecnico- metodologica di valutazioni esterne, dei processi di selezione dei valutatori. - partecipa formalmente ad eventuali Steering Group delle singole valutazioni. - Il Nucleo può condurre direttamente alcune valutazioni interne. Infine, il Nucleo partecipa alle attività a sostegno della qualità dei processi di valutazione e della costruzione di capacità di valutazione condotte dal Sistema Nazionale di Valutazione (SNV).

26 Seconda fase Listruttoria del Nucleo per la definizione delle attività di valutazione Lattività di istruttoria si è basata su due criteri principali: quello della rilevanza per le politiche di sviluppo : data la limitatezza delle risorse disponibili per le attività di valutazione, sono state considerate prioritarie, ad esempio, le valutazioni ex post dei programmi su temi/strumenti/territori strategici per il ; quello della coerenza dei tempi e dei costi previsti con le attività da svolgere: ad esempio, si è data priorità a quelle attività di valutazione relative al , che si è ritenuto potessero produrre risultati in tempi utili per il loro utilizzo concreto nellattuazione della programmazione unitaria Definizione di una lista di attività di valutazione unitarie approvate dal Comitato Strategico per la programmazione unitaria.


Scaricare ppt "Il Piano Unitario di Valutazione della Regione Campania Federica Bertamino Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Regione Campania."

Presentazioni simili


Annunci Google