La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dalla Scuola della Repubblica alla scuola delle Regioni Roma 20 marzo 2010 Lofferta scolastica nelle regioni è molto diversificata. Le differenze di finanziamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dalla Scuola della Repubblica alla scuola delle Regioni Roma 20 marzo 2010 Lofferta scolastica nelle regioni è molto diversificata. Le differenze di finanziamento."— Transcript della presentazione:

1 Dalla Scuola della Repubblica alla scuola delle Regioni Roma 20 marzo 2010 Lofferta scolastica nelle regioni è molto diversificata. Le differenze di finanziamento degli enti locali sono enormi soprattutto nellinfanzia e nel settore superiore. Le differenze nei risultati fra gli studenti nelle varie regioni sono rilevanti. Nelle regioni in cui il finanziamento locale è più alto i risultati degli studenti sono migliori. Ovviamente i fattori in gioco sono molteplici. Quelli di contesto culturale sono decisivi.

2 Le differenze nei risultati degli studenti 15enni nella ricerca PISA. I 68 punti di differenza fra gli studenti del nord e quelli del sud corrispondono a un anno e mezzo di scuola.

3 Le differenze nei finanziamenti Lo Stato è il principale finanziatore della scuola. Ne 2006 ha investito 47 miliardi di euro (82,5%). Seguono gli Enti locali con 8 miliardi (13,5%) e le Regioni con 2,2 (4%). Gli enti locali hanno speso mediamente un po meno di 1000 euro allanno per studente. Tale soglia è superata al nord e nel Lazio. In Emilia Romagna, Lombardia e Friuli i finanziamenti superano quelli medi del %. In Campania e Puglia i finanziamenti locali sono minori della media del %. Le differenze sono principalmente nellinfanzia e nelle superiori.

4 Finanziamenti regionali spesa per studente.

5 Corsi F.P. in Italia per regione

6 Emilia Romagna Legge regionale n. 12/2003. Approvata come modello anti Moratti dallassessore Bastico, dopo la crisi del 1999/2000 derivante dalla legge Rivola e dalla raccolta di firme per il referendum abrogativo. Manifesto ideologico della Regione. Art. 27 Biennio integrato nell'obbligo formativo 1. Ai fini dell'assolvimento dell'obbligo formativo, per consentire agli studenti che hanno concluso la scuola secondaria di primo grado il consolidamento dei saperi di base necessari al proseguimento di qualunque percorso formativo ed una scelta consapevole fra l'istruzione e la formazione professionale, la Regione e le Province, anche sulla base di intese con l'amministrazione scolastica, sostengono le istituzioni scolastiche autonome che, a norma del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275 (Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell'art. 21 della L. 15 marzo 1997, n. 59), partecipano ad accordi stipulati con gli organismi di formazione professionale accreditati per la definizione di curricoli biennali integrati e articolati in struttura modulare fra l'istruzione e la formazione professionale, destinati agli alunni che frequentano il primo e il secondo anno dell'istruzione secondaria superiore. In Emilia Romagna tutti i 14enni che escono dalle medie devono iscriversi a scuola.

7 Tre modelli di FP Tutto il triennio integrato a scuola Due anni a scuola + 1 in FP accreditata Un anno a scuola + 2 in FP

8 I Percorsi integrati triennali Gli Enti di formazione professionale accreditati entrano a scuola e svolgono un pacchetto di ore che va dalle 180 alle 300 allanno. Circa 7000 iscritti allanno in tre annualità (circa 4 % degli iscritti alla scuola superiore). Gran parte degli iscritti completa il percorso. Meno del 6% passa alla F.P.

9 Formazione professionale Nei bienni della FP vi sino mediamente 3000 studenti nei primi anni e 2500 nei secondi.Le ore di formazione sono circa 1000 allanno. E in atto un incremento di iscrizioni, soprattutto immigrati (ormai il 50%). I percorsi fanno riferimento alle 19 figure professionali nazionali correlate alle qualifiche regionali.

10 I Costi Percorsi integrati: 6 milioni lanno. 83 euro/h. Solo FP: 17 milioni lanno. 192 euro/h. I percorsi integrati costano meno perché una parte dei costi è sostenuto dalle scuole.

11 Conclusioni Costi altissimi. Difficile valutazione dei risultati. Biennio integrato: operazione ideologica, ma di dubbia resa.

12 Che farà lEmilia Romagna ? Regionalismo di facciata. Difesa formale delle competenze. Nessuna intenzione di farsi carico dellistruzione e formazione professionale in toto. Preoccupazione per leventuale scarico dei costi dal centro alle regioni. Nessun uso politico delle competenze.

13 Le Regioni di sinistra non contrastano la riforma Tremonti Gelmini. In questo momento si rifiutano di impugnare la CM 17 sulle iscrizioni alle superiori, emessa illecitamente in assenza della pubblicazione in G.U. dei regolamenti, con la quale il Ministero ha invaso pesantemente le loro competenze, imponendo il passaggio automatico ai nuovi indirizzi e impedendo la predisposizione del piano dellofferta territoriale. Probabilmente la scuola è stata venduta in cambio dei soldi per coprire il buco della sanità

14 Le scuole facciano ricorso: abbiamo tempo fino al 18 aprile Bisogna affiancare alla lotta contro il riordino della scuola liniziativa giuridica. Per difendere lautonomia della scuola. Alle scuole sono stati imposti i nuovi indirizzi in modo automatico senza aver potuto fare le loro proposte come pure prevede il regolamento in base alla L. 275/99. I genitori sono stati costretti alliscrizione figli al buio, senza neppure conoscere i programmi.

15 I materiali del convegno Pubblicheremo materiali sul sito dellassociazione Alle voci (a sinistra): Titolo V Associazione Per la scuola della Repubblica I dati della relazione si trovano alla voce: i numeri della scuola.


Scaricare ppt "Dalla Scuola della Repubblica alla scuola delle Regioni Roma 20 marzo 2010 Lofferta scolastica nelle regioni è molto diversificata. Le differenze di finanziamento."

Presentazioni simili


Annunci Google