La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Obbligo Scolastico Regolamento DM 323/99 attuazione della legge gennaio 1999 n.9 sullobbligo scolastico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Obbligo Scolastico Regolamento DM 323/99 attuazione della legge gennaio 1999 n.9 sullobbligo scolastico."— Transcript della presentazione:

1 Obbligo Scolastico Regolamento DM 323/99 attuazione della legge gennaio 1999 n.9 sullobbligo scolastico

2 Art.1 Adempimento dellobbligo Scolastico I fini: migliorare la qualità del livello di istruzione dei giovani adeguarlo agli standard europei prevenire e contrastare la dispersione scolastica: potenziando le capacità di scelta degli alunni I fini: migliorare la qualità del livello di istruzione dei giovani adeguarlo agli standard europei prevenire e contrastare la dispersione scolastica: potenziando le capacità di scelta degli alunni

3 Art.1 Adempimento dellobbligo Scolastico Lo strumento utilizzato : elevamento dellobbligo a 9 anni in prima applicazione frequenza del primo anno di scuola superiore – –è prosciolto dallobbligo chi dimostri, al compimento del 15 anno, di aver osservato per almeno 9 anni le norme sullobbligo Lo strumento utilizzato : elevamento dellobbligo a 9 anni in prima applicazione frequenza del primo anno di scuola superiore – –è prosciolto dallobbligo chi dimostri, al compimento del 15 anno, di aver osservato per almeno 9 anni le norme sullobbligo

4 Art.1 Adempimento dellobbligo Scolastico Chi è responsabile delladempimento: rispondono delladempimento dellobbligo i geni- tori o chiunque a qualsiasi titolo ne faccia le veci Chi è responsabile della vigilanza sulladempimento: è responsabile della vigilanza il sindaco che procede ai sensi dellart.331 C.P. in caso di inottemperanza Chi è responsabile delladempimento: rispondono delladempimento dellobbligo i geni- tori o chiunque a qualsiasi titolo ne faccia le veci Chi è responsabile della vigilanza sulladempimento: è responsabile della vigilanza il sindaco che procede ai sensi dellart.331 C.P. in caso di inottemperanza

5 Art.2 Adempimento dellobbligo Scolastico alunni H Fino a che età: è consentito il completamento dellobbligo anche fino al compimento del 18^ anno di età Come si attua lintegrazione: si applicano le disposizioni vigenti nella scuola dellobbligo Come si certifica: al termine dellassolvimento dellobbligo viene rilasciata la certificazione delle competenze acquisite in relazione al PEI Fino a che età: è consentito il completamento dellobbligo anche fino al compimento del 18^ anno di età Come si attua lintegrazione: si applicano le disposizioni vigenti nella scuola dellobbligo Come si certifica: al termine dellassolvimento dellobbligo viene rilasciata la certificazione delle competenze acquisite in relazione al PEI

6 Art.2 Adempimento dellobbligo Scolastico alunni H La programmazione : è realizzata anche tramite accordi con la formazione professionale (f.p.) è finalizzata a: motivare, guidare e sostenere la prosecuzione degli studi motivare, guidare e sostenere percorsi educativi individualizzati è attuata anche attraverso percorsi integrati tra le scuole ed i centri di f.p. si tiene conto delle specifiche esigenze formative La programmazione : è realizzata anche tramite accordi con la formazione professionale (f.p.) è finalizzata a: motivare, guidare e sostenere la prosecuzione degli studi motivare, guidare e sostenere percorsi educativi individualizzati è attuata anche attraverso percorsi integrati tra le scuole ed i centri di f.p. si tiene conto delle specifiche esigenze formative

7 Art.3 Iniziative nella scuola media La scuola media deve : potenziare le valenze orientative delle discipline potenziare le iniziative volte a consentire scelte confacenti: alla propria personalità e al proprio progetto di vita Nel terzo anno si deve: consolidare le conoscenze disciplinari di base rinforzare le capacità e le competenze favorire il successo formativo mettere lo studente in condizione di compiere scelte adeguate ai propri interessi e alle proprie potenzialità La scuola media deve : potenziare le valenze orientative delle discipline potenziare le iniziative volte a consentire scelte confacenti: alla propria personalità e al proprio progetto di vita Nel terzo anno si deve: consolidare le conoscenze disciplinari di base rinforzare le capacità e le competenze favorire il successo formativo mettere lo studente in condizione di compiere scelte adeguate ai propri interessi e alle proprie potenzialità

8 Art.3 Iniziative nella scuola media Nella programmazione: moduli che presentano le caratteristiche delle scuole superiori – –svolti con compensazioni del 15% fra le discipline – –con il concorso dei docenti delle superiori iniziative di informazione sulle prospettive occupazionali nel territorio coinvolgimento nel processo di orientamento dei genitori anche attraverso il rapporto con gli organi competenti sul territorio Nella programmazione: moduli che presentano le caratteristiche delle scuole superiori – –svolti con compensazioni del 15% fra le discipline – –con il concorso dei docenti delle superiori iniziative di informazione sulle prospettive occupazionali nel territorio coinvolgimento nel processo di orientamento dei genitori anche attraverso il rapporto con gli organi competenti sul territorio

9 Art.4 Iniziative nella scuola superiore Gestione flessibile del curricolo Quali fini La programmazione e la realizzazione dellattività didattica sono finalizzate al successo formativo, da perseguire anche con iniziative di ri- orientamento verso percorsi formativi diversi da quelli scelti, compresi quelli offerti dalla F.P. Gestione flessibile del curricolo Quali fini La programmazione e la realizzazione dellattività didattica sono finalizzate al successo formativo, da perseguire anche con iniziative di ri- orientamento verso percorsi formativi diversi da quelli scelti, compresi quelli offerti dalla F.P.

10 Art.4 Iniziative nella scuola superiore Gestione flessibile del curricolo Quali obiettivi a ) motivare tutti gli allievi b) verificare la coerenza tra la scelta e le potenzialità e le attitudini individuali al fine di confermare o di individuare possibili percorsi alternativi c) sostenere sul piano didattico gli allievi orientati a passare ad altro indirizzo di scuola superiore d) promuovere condizioni favorevoli, e) realizzare percorsi mirati per gli allievi orientati a uscire dal sistema scolastico. Gestione flessibile del curricolo Quali obiettivi a ) motivare tutti gli allievi b) verificare la coerenza tra la scelta e le potenzialità e le attitudini individuali al fine di confermare o di individuare possibili percorsi alternativi c) sostenere sul piano didattico gli allievi orientati a passare ad altro indirizzo di scuola superiore d) promuovere condizioni favorevoli, e) realizzare percorsi mirati per gli allievi orientati a uscire dal sistema scolastico.

11 Art.4 Iniziative nella scuola superiore Gestione flessibile del curricolo Quali strumenti a) accoglienza, analisi delle competenze, consoli- damento delle scelte o riorientamento, da realiz- zare anche attraverso il ricorso a progetti e mate- riali strutturati adottati o prodotti dai docenti; b) agevolazione del passaggio ad altri indirizzi di scuola secondaria superiore attraverso specifiche attività didattiche, da realizzare anche in collabo- razione con le scuole destinatarie dei passaggi; Gestione flessibile del curricolo Quali strumenti a) accoglienza, analisi delle competenze, consoli- damento delle scelte o riorientamento, da realiz- zare anche attraverso il ricorso a progetti e mate- riali strutturati adottati o prodotti dai docenti; b) agevolazione del passaggio ad altri indirizzi di scuola secondaria superiore attraverso specifiche attività didattiche, da realizzare anche in collabo- razione con le scuole destinatarie dei passaggi;

12 Art.4 Iniziative nella scuola superiore Gestione flessibile del curricolo Quali strumenti c) predisposizione di percorsi integrati, ferma res- tando la competenza delle scuole in materia di certificazione delle attività svolte, da realizzare attraverso la stipula di convenzioni anche con enti di F.P.. Programmazione nella seconda parte dellanno scolastico di iniziative finalizzate al passaggio ad altro indirizzo, al sistema della F.P. e allo svolgimento dellattività di apprendistato. Gestione flessibile del curricolo Quali strumenti c) predisposizione di percorsi integrati, ferma res- tando la competenza delle scuole in materia di certificazione delle attività svolte, da realizzare attraverso la stipula di convenzioni anche con enti di F.P.. Programmazione nella seconda parte dellanno scolastico di iniziative finalizzate al passaggio ad altro indirizzo, al sistema della F.P. e allo svolgimento dellattività di apprendistato.

13 Art.5 Passaggi fra indirizzi della scuola superiore Quali strumenti Per agevolare il passaggio da un indirizzo allaltro, anche di ordine diverso: nel corso del 1^ e/o 2^ anno I.D.I. - coprogettati e svolti nel corso frequentato moduli di raccordo - sulle discipline non previste certificazione attestante lacquisizione delle conoscenze e delle competenze necessarie al passaggio. Quali strumenti Per agevolare il passaggio da un indirizzo allaltro, anche di ordine diverso: nel corso del 1^ e/o 2^ anno I.D.I. - coprogettati e svolti nel corso frequentato moduli di raccordo - sulle discipline non previste certificazione attestante lacquisizione delle conoscenze e delle competenze necessarie al passaggio.

14 Art.5 Passaggi fra indirizzi della scuola superiore Quali strumenti Il C.d.C. dello studente che chiede il passaggio individua: a) le discipline da seguire, sulle quali sarà espressa una valutazione in sede di scrutinio finale, con eventuale progettazione di moduli formativi coerenti con il nuovo percorso; b) le discipline che non sono oggetto di valutazione nello scrutinio finale; c) i moduli di raccordo per le discipline presenti soltanto nellindirizzo di destinazione; tali discipline sono oggetto di valutazione con partecipazione, a pieno titolo, dei docenti che hanno svolto i moduli. Quali strumenti Il C.d.C. dello studente che chiede il passaggio individua: a) le discipline da seguire, sulle quali sarà espressa una valutazione in sede di scrutinio finale, con eventuale progettazione di moduli formativi coerenti con il nuovo percorso; b) le discipline che non sono oggetto di valutazione nello scrutinio finale; c) i moduli di raccordo per le discipline presenti soltanto nellindirizzo di destinazione; tali discipline sono oggetto di valutazione con partecipazione, a pieno titolo, dei docenti che hanno svolto i moduli.

15 Art.5 Passaggi fra indirizzi della scuola superiore Quali strumenti Lo studente che, a conclusione del primo anno della scuola secondaria superiore, sia stato pro- mosso e che richiede il passaggio ad altro indiriz- zo di studi è iscritto alla classe successiva previo un colloquio presso la scuola ricevente, diretto ad accertare gli eventuali debiti formativi da colmarsi mediante specifici interventi realizzabili allinizio dellanno scolastico successivo. Il colloquio sostituisce le prove integrative. Quali strumenti Lo studente che, a conclusione del primo anno della scuola secondaria superiore, sia stato pro- mosso e che richiede il passaggio ad altro indiriz- zo di studi è iscritto alla classe successiva previo un colloquio presso la scuola ricevente, diretto ad accertare gli eventuali debiti formativi da colmarsi mediante specifici interventi realizzabili allinizio dellanno scolastico successivo. Il colloquio sostituisce le prove integrative.

16 Art.6 Interazione fra istruzione e formazione Quali fini Le scuole, titolari dellassolvimento dellobbligo e della sua certificazione, operano al fine di: potenziare le capacità di scelta dello studente consentire, a conclusione dellobbligo, eventuali passaggi degli studenti dal sistema di istruzione a quello della F.P. Quali fini Le scuole, titolari dellassolvimento dellobbligo e della sua certificazione, operano al fine di: potenziare le capacità di scelta dello studente consentire, a conclusione dellobbligo, eventuali passaggi degli studenti dal sistema di istruzione a quello della F.P.

17 Art.6 Interazione fra istruzione e formazione Quali strumenti interventi formativi da svolgersi anche in convenzione con i centri di F.P. nel corso del 1^ anno finalizzati a offrire allo studente, i cui genitori ne facciano richiesta, strumenti di conoscenza e di orientamento tra le diverse opportunità formative, incluse quelle del sistema F.P. progettati non oltre i primi due mesi dellanno scolastico dai consigli di classe dintesa con gli operatori degli enti coinvolti costituenti parte integrante del curricolo del 1^anno e della valutazione conclusiva Quali strumenti interventi formativi da svolgersi anche in convenzione con i centri di F.P. nel corso del 1^ anno finalizzati a offrire allo studente, i cui genitori ne facciano richiesta, strumenti di conoscenza e di orientamento tra le diverse opportunità formative, incluse quelle del sistema F.P. progettati non oltre i primi due mesi dellanno scolastico dai consigli di classe dintesa con gli operatori degli enti coinvolti costituenti parte integrante del curricolo del 1^anno e della valutazione conclusiva

18 Art.6 Interazione fra istruzione e formazione Quali compiti degli altri soggetti Lamministrazione scolastica periferica din- tesa con la regione, promuove con le province appositi incontri tra le scuole e i centri di F.P., coinvolti nella progettazione, per: individuare i soggetti interessati definire le condizioni organizzative necessarie allat- tuazione dei percorsi formativi integrati avviare con le scuole e i centri di F.P. un piano coordinato territoriale di intervento. Quali compiti degli altri soggetti Lamministrazione scolastica periferica din- tesa con la regione, promuove con le province appositi incontri tra le scuole e i centri di F.P., coinvolti nella progettazione, per: individuare i soggetti interessati definire le condizioni organizzative necessarie allat- tuazione dei percorsi formativi integrati avviare con le scuole e i centri di F.P. un piano coordinato territoriale di intervento.

19 Art.6 Interazione fra istruzione e formazione Le convenzioni Apposite convenzioni tra le istituzioni scolastiche e i centri di formazione professionale, stabiliscono: le sedi i tempi le modalità di realizzazione degli interventi le modalità di valutazione degli esiti i conseguenti impegni da assumere. Le convenzioni Apposite convenzioni tra le istituzioni scolastiche e i centri di formazione professionale, stabiliscono: le sedi i tempi le modalità di realizzazione degli interventi le modalità di valutazione degli esiti i conseguenti impegni da assumere.

20 Art.8 Flessibilità organizzativa e curricolare nella fase di transizione al riconoscimento dellautonomia Gli spazi orari utilizzabili nella superiore Le scuole superiori possono realizzare compensazioni fra le discipline e le attività previste dagli attuali programmi. Il decremento orario di ciascuna disciplina e attività è possibile entro il 15% del relativo monte orario annuale. Negli istituti professionali di stato possono essere utilizzate, in tutte o in parte, in aggiunta a tale monte orario anche le ore destinate allarea di approfondimento. Gli spazi orari utilizzabili nella superiore Le scuole superiori possono realizzare compensazioni fra le discipline e le attività previste dagli attuali programmi. Il decremento orario di ciascuna disciplina e attività è possibile entro il 15% del relativo monte orario annuale. Negli istituti professionali di stato possono essere utilizzate, in tutte o in parte, in aggiunta a tale monte orario anche le ore destinate allarea di approfondimento.

21 Art.9 La Certificazione è rilasciata dalla scuola a ciascun allievo che, a conclusione dellanno scolastico, è prosciolto dallobbligo o vi abbia adempiuto senza iscriversi alla classe successiva. attesta il percorso didattico ed educativo svolto indica le conoscenze, le capacità e le competenze acquisite mediante idonei descrittori riferiti ai risultati conseguiti: a) nel curricolo ordinario b) nelle attività modulari c) nelle esperienze, anche personalizzate, realizzate in sede di orientamento, riorientamento, arricchimento e diversificazione dellofferta educativa e formativa. è rilasciata dalla scuola a ciascun allievo che, a conclusione dellanno scolastico, è prosciolto dallobbligo o vi abbia adempiuto senza iscriversi alla classe successiva. attesta il percorso didattico ed educativo svolto indica le conoscenze, le capacità e le competenze acquisite mediante idonei descrittori riferiti ai risultati conseguiti: a) nel curricolo ordinario b) nelle attività modulari c) nelle esperienze, anche personalizzate, realizzate in sede di orientamento, riorientamento, arricchimento e diversificazione dellofferta educativa e formativa.


Scaricare ppt "Obbligo Scolastico Regolamento DM 323/99 attuazione della legge gennaio 1999 n.9 sullobbligo scolastico."

Presentazioni simili


Annunci Google