La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METTERSI IN GIOCO? È UNA PAROLA! LABORATORIO DIDATTICO – 6 APRILE 2012 MANUELA LO PREJATO E PAOLA VECCHIO PLIDA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METTERSI IN GIOCO? È UNA PAROLA! LABORATORIO DIDATTICO – 6 APRILE 2012 MANUELA LO PREJATO E PAOLA VECCHIO PLIDA."— Transcript della presentazione:

1 METTERSI IN GIOCO? È UNA PAROLA! LABORATORIO DIDATTICO – 6 APRILE 2012 MANUELA LO PREJATO E PAOLA VECCHIO PLIDA

2 IL TITOLO, PRIMA DI TUTTO Mettersi in gioco 1)Giochiamo su di noi 2)Locuzione 3)Misuriamoci e mettiamoci in discussione

3 ROMPIAMO IL GHIACCIO Mettersi in gioco 1)Giochiamo su di noi: giochiamo con i nostri nomi giochiamo con le nostre caratteristiche

4 ROMPIAMO IL GHIACCIO Giochiamo con i nostri nomi: il logogrifo (Zamponi, I draghi locopei, p. 12)

5 ROMPIAMO IL GHIACCIO Giochiamo con le nostre caratteristiche: gli aggettivi nascosti (Facebook)

6 Gli aggettivi nascosti

7 GIOCHIAMO Mettersi in gioco 2) Locuzione: usiamo le locuzioni: il gioco del plagio

8 Alessandro Baricco, Novecento: «Succedeva sempre che a un certo punto uno alzava la testa… e… la vedeva». Gianrico Carofiglio, Il silenzio dellonda: «Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma… non avrebbe saputo dire dove né quando». Niccolò Ammaniti, Io non ho paura: «Stavo per superare Salvatore quando ho sentito mia sorella che urlava. Mi sono girato e… lho vista sparire inghiottita dal grano che copriva la collina». Il gioco del plagio: completate gli incipit

9 Intanto i due vecchietti ricominciarono a suonare, dalle loro corde malinconiche traevano una canzone franchista, ma Pereira, nonostante il disagio, a quel punto capì che_______________. E stranamente capì che era in grado di farlo, che aveva in mano la situazione, perché lui era il dottor Pereira del Lisboa e il giovanotto che gli stava di fronte pendeva dalle sue labbra (Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira, Milano, Feltrinelli, 1994, p. 22). Il gioco del plagio: completate il testo usando una polirematica

10 Intanto i due vecchietti ricominciarono a suonare, dalle loro corde malinconiche traevano una canzone franchista, ma Pereira, nonostante il disagio, a quel punto capì che era in gioco e che doveva giocare. E stranamente capì che era in grado di farlo, che aveva in mano la situazione, perché lui era il dottor Pereira del Lisboa e il giovanotto che gli stava di fronte pendeva dalle sue labbra (Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira, Milano, Feltrinelli, 1994, p. 22). Il gioco del plagio: completate il testo usando una polirematica

11 FATE IL VOSTRO GIOCO Mettersi in gioco 3) Misuriamoci e mettiamoci in discussione: elaboriamo e confrontiamo

12 FATE IL VOSTRO GIOCO Elaboriamo e confrontiamo: i falsi amici

13 GRAZIE PER AVER GIOCATO CON NOI!

14


Scaricare ppt "METTERSI IN GIOCO? È UNA PAROLA! LABORATORIO DIDATTICO – 6 APRILE 2012 MANUELA LO PREJATO E PAOLA VECCHIO PLIDA."

Presentazioni simili


Annunci Google