La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

In una società tesa tra globalizzazione e individualismo, la Chiesa è chiamata ad offrire la testimonianza della koinonìa, della comunione. Benedetto XVI,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "In una società tesa tra globalizzazione e individualismo, la Chiesa è chiamata ad offrire la testimonianza della koinonìa, della comunione. Benedetto XVI,"— Transcript della presentazione:

1 In una società tesa tra globalizzazione e individualismo, la Chiesa è chiamata ad offrire la testimonianza della koinonìa, della comunione. Benedetto XVI, omelia SS. Trinità, 18 maggio 2008

2 Questa comunione non viene dal basso ma è un mistero che ha, per così dire, le radici in cielo: proprio in Dio uno e trino. Benedetto XVI, omelia SS. Trinità, 18 maggio 2008

3 E Dio, Uno e Trino in se stesso, leterno dialogo damore, che in Gesù Cristo si è comunicato a noi. E entrato nel tessuto dellumanità e della storia per condurle alla pienezza. Benedetto XVI, omelia SS. Trinità, 18 maggio 2008

4 Ed ecco allora la grande sintesi del Concilio Vaticano II: la Chiesa, mistero di comunione, è in Cristo come un sacramento, cioè segno e strumento dellintima unione con Dio e dellunità di tutto il genere umano (Cost. Lumen gentium, 1). Benedetto XVI, omelia SS. Trinità, 18 maggio 2008

5 Innanzitutto (Gesù) il dottore della pace e maestro dell'unità non volle che la preghiera fosse esclusivamente individuale e privata, cioè egoistica, come quando uno prega soltanto per sé. Non diciamo «Padre mio, che sei nei cieli», né: «Dammi oggi il mio pane», né ciascuno chiede che sia rimesso soltanto il suo debito, o implora per sé solo di non essere indotto in tentazione o di essere liberato dal male… Tascio Cecilio Cipriano (Cartagine, 210 – Sesti, 14 settembre 258); famoso oratore che possedeva una considerevole ricchezza. Prima pagano, diventò vescovo di Cartagine. Morì martire.

6 … Per noi la preghiera è pubblica e universale, «quando preghiamo, non imploriamo per uno solo, ma per tutto il popolo, poiché tutto il popolo forma una cosa sola. Il Dio della pace e maestro della concordia, che ha insegnato l'unità, volle che ciascuno pregasse per tutti, così come egli portò tutti nella persona di uno solo. Dal trattato «Sul Padre nostro» di san Cipriano, vescovo e martire (Nn. 8-9; CSEL 3, )

7 Abbiate cura della formazione spirituale e catechistica, una formazione sostanziosa, più che mai necessaria per vivere bene la vocazione cristiana nel mondo di oggi. Benedetto XVI, omelia SS. Trinità, 18 maggio 2008 Lo dico agli adulti e ai giovani: coltivate una fede pensata, capace di dialogare in profondità con tutti, con i fratelli non cattolici, con i non cristiani e i non credenti.

8 Questunità è da attribuirsi allazione dello Spirito Santo, non alla struttura ecclesiastica, allazione dei sacerdoti, ecc. Questo spiega come la risposta della Chiesa sia pienamente fedele e obbediente e superi tutte le prove e le difficoltà.

9 … ma, al contrario, riconoscendosi quale figlio, creatura aperta, protesa verso Dio e verso i fratelli, nei cui volti ritrova limmagine del Padre comune. Cfr. Benedetto XVI, omelia SS. Trinità, 18 maggio 2008 Luomo non si realizza in unautonomia assoluta, illudendosi di essere Dio

10 La fede del singolo cristiano dipende dalla fede della comunità ecclesiale: nessuno può credere da solo così come nessuno può vivere da solo; nessuno si è dato la fede da se stesso così come nessuno da sé stesso si è dato lesistenza.

11 Ogni credente è come un anello nella grande catena dei credenti: non posso credere senza essere sorretto dalla fede degli altri, e con la mia fede contribuisco a sostenere la fede degli altri.

12 La pienezza della risposta di fede della Chiesa è strettamente collegata alla sua perfezione: impossibilità di errare nelle cose di fede (infallibilità ); assenza di infedeltà lungo la storia benché suscettibile di una sempre più profonda comprensione e di una migliore formulazione da parte dei credenti (indefettibilità ).

13 nel senso che nessun altra collettività può essere il soggetto di una perfetta e piena risposta di fede a Dio rivelatosi nella storia, e anche nel senso che nessuna persona singola può compiere un atto di fede perfetto e pieno, se non nella Chiesa. Questa perfezione e pienezza sono patrimonio esclusivo della Chiesa,

14 Nella Chiesa il credente si unisce a Cristo e, in Cristo, con Dio. Per questo non può avere Dio per Padre chi non ha la Chiesa per Madre (S. Cipriano, De cattolica Ecclesiae unitate, 6).

15 Tale comunione significa sentire cum Ecclesia e richiede che il singolo conformi ad essa la sua risposta a Dio, ad esempio accogliendo –qualora si presentino- nuove definizioni dogmatiche, applicazioni dei criteri morali ai problemi che sorgono di continuo, orientamenti pastorali, ecc.

16 La Chiesa dice quel che dissero gli Apostoli e come loro lo hanno detto, pur nel progresso della comprensione e della formulazione. Se qualche volta nella storia sembra che alcuni testi dogmatici si oppongano ad altri precedenti, bisognerà studiare con attenzione il contesto storico dottrinale di ogni periodo e i cambiamenti terminologici o di significato che possano essere avvenuti (bolla Unam Sanctam di Bonifacio VIII sulla potestà del papa rispetto ai re)

17 Un aspetto importante riguarda il rapporto scienza-fede.

18 Sempre ci sono stati fedeli che non hanno dato testimonianza della fede con la propria vita. Malgrado questo tutta la comunità cristiana, la Chiesa Cattolica, rende testimonianza potente ed efficace a Cristo Gesù.

19 Da anni la Chiesa attesta unanimemente lo stesso contenuto lungo le generazioni; non ci sono altre simili testimonianze nella storia delluomo.

20 Pur appartenendo a popoli e a culture diverse, un infinità di uomini e donne di ogni età e condizione sono concordi nellaffermare con la parola e con la vita che Gesù di Nazareth ha patito, fu crocifisso e risorse il terzo giorno. E una testimonianza resa non una volta o due, in un momento o in una determinata epoca, ma ripetuta numerosissime volte, senza ritrattazioni né cambiamenti.

21 Questa unità di fede e di speranza di una moltitudine veramente universale, percepibile e constatabile nella storia, è un segno di quella perfetta concordia, armonia e unità a cui tutto il genere umano aspira, e a cui spera di giungere un giorno.

22 La mancanza di santità e di virtù di alcuni suoi membri può oscurare la santità della Chiesa e diminuire la credibilità, ma non possono cancellarla. Nella Chiesa sempre si potranno osservare tantissime realtà virtuose e sante del dogma, della morale, del culto e delle istituzioni, e di moltissimi suoi figli fedeli. Anche questo fa vedere la Chiesa come realtà divina e umana, e per il fatto che è anche umana condivide in pieno lattuale condizione della nostra natura.

23 La Chiesa, sebbene diffusa in tutto il mondo fino allestremità della terra, avendo ricevuto dagli Apostoli e dai loro discepoli la fede (…) crede in uno stesso identico modo, come se avesse una sola anima ed un cuore solo, e predica le verità della fede, le insegna e le trasmette con voce unanime, come se avesse una sola bocca (S. Ireneo, Adversus haereses, 1, 10, 1-2). IN RIFERIMENTO A QUESTO SI PUO VEDERE IL FILMATO ALLEGATO La Chiesa


Scaricare ppt "In una società tesa tra globalizzazione e individualismo, la Chiesa è chiamata ad offrire la testimonianza della koinonìa, della comunione. Benedetto XVI,"

Presentazioni simili


Annunci Google