La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano ISS TERRA E UNIVERSO Percorso di ricerca-azione per un curricolo verticale di Scienze Tutor: Maria De Benedictis Presidio Territoriale Circolo Didattico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano ISS TERRA E UNIVERSO Percorso di ricerca-azione per un curricolo verticale di Scienze Tutor: Maria De Benedictis Presidio Territoriale Circolo Didattico."— Transcript della presentazione:

1 Piano ISS TERRA E UNIVERSO Percorso di ricerca-azione per un curricolo verticale di Scienze Tutor: Maria De Benedictis Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA)

2 Le scuole in rete Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Circolo Didattico Pascoli CastellanetaMilillo Patrizia Losito Anna Maria Mastrovito Anna Di Cillo Antonietta Benedetto Vita Scuola Secondaria di 1° grado Giovinazzi Castellaneta Nicolardi Cosimo IPS Perrone CastellanetaBongermino Maria Rosaria Circolo Didattico Diaz LaterzaNoia Anna Maria Paradiso Angela Tucci Filomena

3 Finalità Attivare un modello didattico in cui lalunno sia artefice delle proprie conoscenze attraverso le fasi di : Brain-storming Formulazione di ipotesi Osservazione-sperimentazione Verifica delle ipotesi Discussione Concettualizzazione Comunicazione Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA)

4 Lalunno protagonista del proprio processo di apprendimento Acquisisce conoscenze significative e durature Padroneggia i contenuti dellesperienza scolastica Vive un clima sociale positivo Impara divertendosi Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA)

5 Il laboratorio Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Non è necessariamente il luogo fisico dove si svolgono gli esperimenti Insieme delle opportunità, interne ed esterne alla scuola (musei, istituti di ricerca, enti per lambiente, industrie) utili per dare un contesto pratico alla osservazione, alla sperimentazione, alla verifica da parte degli studenti Luogo dove, con il metodo induttivo (dalla osservazione allastrazione, dagli effetti alle cause) si alimenta la curiosità per lanalisi, la ricerca, la conoscenza Ambiente idoneo a favorire consessi dialettici al fine di sviluppare responsabilità e coscienza nei giovani contribuendo, anche, al loro processo formativo

6 Il curricolo verticale Insieme di conoscenze dichiarative, di abilità procedurali e di atteggiamenti Si snodano lungo il percorso verticale (dalla scuola dellinfanzia al primo biennio della scuola secondaria di 2°grado) Connessioni trasversali e trasferibilità delle competenze Progressiva coerenze e connessione interna Scuola Primaria Scuola Secondaria 1° grado Scuola Secondaria 2° grado Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA)

7 Criteri operativi Ad ogni livello si apre la possibilità di sviluppare nuovi concetti Ciò che è uguale Proposta operativa Base di osservazione Concettualizzazione Ciò che è diverso Gradi di riflessione Individuazione delle relazioni e attivazione di reti di conoscenze uso di strumenti Raccolta, analisi e interpretazione dei dati

8 Osservo, sperimento, imparo … con il naso allinsù tra Terra e cielo Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Scuola Primaria

9 Osservo, sperimento, imparo … con il naso allinsù tra Terra e cielo Scuola Secondaria di 1° grado Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA)

10 Osservo, sperimento, imparo … con il naso allinsù tra Terra e cielo Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Scuola Secondaria di 2° grado

11 La mappa Ossevo, sperimento, imparo … con il naso allinsù tra Terra e cielo Scuola primaria Il cantiere delle attività Il sestante Lorientometro Il contastelle Serata sotto le stelle Scuola secondaria 1° grado Il cantiere delle attività -Cerchi Indu -La meridiana di carta Scuola secondaria 2° grado Il cantiere delle attività -Gnomone con le squadrette -Latitudine locale Giochiamo ad essere corpi celesti Le dinamiche della Terra I moti della Luna Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA)

12 Le risorse del territorio Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) LOsservatorio Astronomico Comunale di Acquaviva delle Fonti

13 Elementi di interdisciplinarità Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Matematica-geometria Concetto di angolo Misura in gradi Retta perpendicolare Mediana Trigonometria Geografia Orientamento Storia Come ci si orientava nel passato durante la navigazione (storia del sestante) Come luomo ha misurato il tempo nel corso della storia

14 Scuola Primaria Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Finalità Favorire la comprensione dei fenomeni celesti partendo da unesperienza diretta di osservazione. Sviluppare capacità di osservazione e interpretazione di fenomeni osservati. Sviluppare senso critico e capacità di astrazione Obiettivi Acquisire il concetto di moto apparente del Sole Comprendere i concetti relativi ai moti della Terra e della Luna Riflettere sul sistema Sole – Terra – Luna Costruire e utilizzare strumentazioni Risultati attesi Comprensione dei moti di rotazione e rivoluzione della Terra e correlazione con il moto apparente del Sole Comprensione delle conseguenze dellinclinazione dellasse terrestre Comprensione della periodicità delle fasi lunari Acquisizione del concetto di posizione relativa Abilità manuale nella costruzione di semplici strumenti di osservazione e misura e acquisizione del metodo duso

15 Scuola Secondaria di 1° Grado Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Finalità Acquisire concetti fondamentali da un punto di vista astronomico. Sviluppare capacità di osservazione e interpretazione di fenomeni osservati. Sviluppare senso critico e capacità di astrazione Saper scegliere gli elementi fondamentali di un fenomeno per la costruzione di un modello Obiettivi Comprendere i concetti relativi ai moti della Terra e della Luna Riflettere sul sistema Sole – Terra – Luna Costruire e utilizzare una meridiana di carta Saper ricavare la direzione Nord-Sud per orientare un orologio solare orizzontale Risultati attesi Comprensione dei moti di rotazione e rivoluzione della Terra e correlazione con il moto apparente del Sole Comprensione del fenomeno dellalternarsi delle stagioni, le cause, le conseguenze Comprensione della periodicità delle fasi lunari Individuazione della direzione Nord-Sud

16 Scuola Secondaria di 2° Grado Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Finalità Favorire la comprensione dei fenomeni celesti partendo da esperienze dirette di osservazione. Sviluppare la capacità di osservazione e interpretazione dei fenomeni osservati. Sviluppare senso critico e capacità di astrazione. Obiettivi Consolidare i concetti relativi ai movimenti della terra. Consolidare la consapevolezza che il moto del cielo dipende dal sistema di riferimento in cui ci poniamo. Introdurre limportanza della posizione dei tre corpi in esame. Costruire ed utilizzare uno gnomone con le squadrette per misurare laltezza del Sole Calcolare la latitudine locale Risultati attesi Comprensione dei moti di sole-terra-luna e relative conseguenze Determinazione della latitudine locale Sviluppo delle capacità di interazione e di collaborazione allinterno di un gruppo di lavoro Correlazione di conoscenze ed elaborazione di informazioni

17 Verifica e valutazione Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Attenzione allintero processo di apprendimento Osservazione continua degli studenti per cogliere i loro progressi Uso di linguaggi specifici Osservazione degli interventi durante le discussione collettive Prove strutturate in ingresso e finali

18 Punti di forza Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Cambiamento nel modo di condurre lattività didattica nelle classi Studenti più attenti e concentrati Realizzazione di laboratori didattici innovativi Collaborazione fra insegnanti di diversi ordini di scuola Messa in comune di pratiche professionali diverse riguardo alla progettazione dellattività didattica, alle tecniche di insegnamento, alle modalità di verifica e di valutazione Costruzione di relazioni tra gli insegnanti, che può favorire un rapporto più stretto di continuità verticale tra le scuole

19 Punti di criticità Presidio Territoriale Circolo Didattico G. Pascoli Castellaneta (TA) Tempi ristretti a causa del periodo in cui si è realizzata la formazione Attrezzature troppo essenziali presenti nei laboratori di scienze Problema del riconoscimento economico per i docenti corsisti Maggiore pubblicizzazione del Piano sul territorio


Scaricare ppt "Piano ISS TERRA E UNIVERSO Percorso di ricerca-azione per un curricolo verticale di Scienze Tutor: Maria De Benedictis Presidio Territoriale Circolo Didattico."

Presentazioni simili


Annunci Google