La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avventure urbane progettare la città con gli abitanti Dr. ssa Nunzia Borrelli Corso in Sociologia ambiente e territorio Laurea Magistrale in Architettura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avventure urbane progettare la città con gli abitanti Dr. ssa Nunzia Borrelli Corso in Sociologia ambiente e territorio Laurea Magistrale in Architettura."— Transcript della presentazione:

1 Avventure urbane progettare la città con gli abitanti Dr. ssa Nunzia Borrelli Corso in Sociologia ambiente e territorio Laurea Magistrale in Architettura

2 Che cosa è Avventura Urbana Avventura Urbana è un gruppo di esperti di diverse discipline: architetti, urbanisti, scienziati politici, comunicatori, facilitatori, web designer e operatori sociali.

3 Quando inizia la vicenda di Avventura Urbana? La storia dellAssociazione Avventura urbana, inizia nel 1992, quando due architetti decidono di attivarsi per portare in Italia e nella città di Torino, uno strumento fino ad allora non conosciuto, ma molto diffuso in altri paesi europei, Progettazione Partecipata.

4 I Fondatori e gli Attuali Soci Iolanda Romano, architetto Presidente e Fondatore Associazione Matteo Robiglio, Architetto Sergio Guercio, Architetto Andrea Pillon, Politologo Isabelle Toussaint, Architetto Marianella Sclavi, socia onoraria, Antropologa

5 Le ragioni della Nascita: Ispirazione al Modello Inglese La nascita di avventura urbana è legata allesperienza che la sua fondatrice, Iolanda Romano, vive a Londra nel In quelloccasione vede allopera una strumentazione capace di far partecipare gli abitanti al grande gioco di progettare il proprio territorio. Utilizzando strumenti di maggiore democrazia.

6 I Rapporti tra potere legislativo, potere esecutivo e società civile Tradizione RomanisticaTradizione Anglosassone Il potere legislativo sovrasta e imbriglia quello esecutivo Il potere legislativo fissa la cornice entro la quale lesecutivo opera autonomamente Lo Stato si fonda su separazione pubblici poteri e società e sulla unilateralità e autoritatività del potere pubblico Lo Stato si fonda sul pluralismo istituzionale, organizzativo, sociale. Non esiste un diritto amministrativo distinto da quello privato. La PA deve essere imparziale, il suo modo di operare è fondato sulla impersonalità e controlli procedurali La PA è garante di equità, il suo modo di operare è fondato sul contraddittorio, la ponderazione e la mediazione degli interessi Gli accordi fra attori sociali e PA sono esclusiGli accordi fra attori sociali e PA sono il modo normale di funzionare Gli accordi sono visti come il primo passo verso il cedimento e la corruzione Gli accordi sono indispensabili per stabilire i reciproci interessi e per il buon funzionamento della PA. Gli attori più deboli della società civile possono avere voce unicamente tramite la rappresentanza politica e la partecipazione alle attività politiche La PA è responsabile di garantire uguale accesso a tutti gli interessi anche a quelli degli attori più deboli.

7 Fatti storici che hanno contribuito alla nascita di Avventura Urbana. I cambiamenti degli anni 90: In Europa Continentale lAsse del governo del territorio si sposta sempre di più, specie a livello comunale, dallambito politico- rappresentativo a quello delloperare degli organi amministrativi. In Italia, introduzione dell elezione diretta dei Sindaci e il nuovo ruolo che essi assumono come manager di una giunta della cui efficacia operativa sono garanti personalmente senza la mediazione dei partiti politici. Tangentopoli : rottura vecchi schemi di articolazione e trasparenza dei processi Introduzione del Programma Urban : lassegnazione dei fondi è legata a forme di auto-organizzazione nel territorio.

8 Di che cosa si occupa? L'obiettivo è affrontare i problemi con un metodo incrementale e "polifonico". Analisi/Conoscenza e progetto vanno in parallelo, chiunque sia il destinatario di una trasformazione, il suo parere viene considerato prezioso per arricchire il quadro delle possibilità e per cercare una buona soluzione.

9 Di che cosa si occupa? I prodotti possibili sono molti : progetti integrati di rigenerazione urbana programmi di accompagnamento sociale negoziazione dei conflitti comunicazione e sostenibilità ambientale studi di fattibilità percorsi di inclusione sociale nei quartieri, nei luoghi di vita e di lavoro a misura di una committenza sociale, spazi pubblici per i cittadini.

10 Quali metodologie utilizza? Partecipazione, ascolto attivo, simulazione progettuale, comunicazione, gestione creativa dei conflitti. Si lavora con: abitanti, tecnici, commercianti, operatori dei servizi, politici, lavoratori, imprenditori, bambini, migranti, giovani, donne, ambientalisti, comitati, associazioni, imprese sociali e altri ancora. qualunque siano i loro interessi, possono essere coinvolti attraverso spazi di interazione efficaci.

11 Partecipazione La partecipazione (non solo come partecipazione dei cittadini, ma più in generale come strategie di coinvolgimento degli attori rilevanti - e di mobilitazione di nuovi attori nei processi decisionali), è un processo di progettazione collettiva. Questo si caratterizza come evento locale il cui obiettivo primario è la produzione e messa in gioco di conoscenza utilizzabile (di diverso tipo: scientifica, ordinaria, interattiva) e/o di sviluppo di processi di apprendimento da parte degli attori coinvolti, al fine di incrementare lefficacia e conseguentemente lefficienza del processo decisionale (Fareri, 2000).

12 La Progettazione Partecipata si basa su Public Action che deve produrre Public Learning: Progettisti, abitanti, e altri soggetti politici ed economici, coinvolti in un iniziativa di progettazione partecipata del territorio, accettano la sfida di ridefinire i problemi tramite lapprendimento reciproco e di inventare nuove opzioni, diverse dalle posizioni di partenza. Partecipazione

13 La progettazione partecipata in quanto Public action che produce Public learning rappresenta un processo di Pianificazione sociale che mira a rafforzare il capitale sociale, culturale e istituzionale di un territorio (Healey, 2007; Dick, 1960) Partecipazione

14 Partecipazione. Definizione di capitale sociale Il capitale sociale si trova nelle relazioni e costituisce la proprietà del collettivo e non dei singoli. non considera il capitale come pre-condizione data che rende possibile lazione del singolo, né come esito di unattività di pura manipolazione delle risorse informali, ma lo considera come effetto strutturale di dinamiche relazionali che si modificano nel tempo e nello spazio simbolico, e riguarda sostanzialmente la fiducia.

15 Partecipazione: Definizione di Capitale Culturale Il Capitale Culturale o capitale informativo, così come spiega Bourdieu (1992), indica linsieme di conoscenze sia presenti e pre- esistenti, sia definite nel corso dellazione e delle relazioni mediante processi dapprendimento.

16 Partecipazione: Definizione capitale istituzionale Il capitale istituzionale (Cars e Healey, 2002), infine, indica la capacità di una società di organizzarsi e darsi un progetto collettivo, ossia di definire un obiettivo di sviluppo ed una strategia dazione per il raggiungimento dellobiettivo stesso (Healey, 1999)

17 Al fine di sviluppare un percorso di progettazione partecipata/pianificazione sociale, è importante adottare un certo Savoir Faire che rende gli attori del territorio capaci di prendere decisioni di portata pubblica in un clima di collaborazione fra diversi e assenza di coercizione (Sclavi). Partecipazione Lo sviluppo del Savoir Faire

18 Lo sviluppo del Savoir Faire implica Adozione abitudine di pensiero complesso - (G. Bateson) Passaggio da Ascolto Passivo ad Ascolto Attivo Auto-consapevolezza delle emozioni Gestione creativa dei conflitti Le Sette Regole dellArte di Ascoltare

19 Le Due Abitudini di Pensiero: Sistemi Semplici e Sistemi Complessi Sistemi SempliciSistemi complessi Dove le stesse cose hanno lo stesso significato Dove le stesse cose hanno significati diversi Stesse premesse implicite. Ciò che diamo per scontato ci aiuta a comunicare Diverse premesse implicite. Ciò che diamo per scontato ci impedisce di comunicare. Io ho ragione, tu hai tortoTutti hanno ragione: anche chi dice che non possiamo aver ragione tutti Controllo di primo grado (saper prevedere larco di reazione possibili) Controllo di secondo grado (saper trasformare le reazioni inattese in conoscenza) Mondo mono-culturaleMondo pluriculturale Uni/versoPluri/verso

20 Azione sociale e pianificazione sociale nel pensiero complesso di Gregory Bateson ( Verso unecologia della mente) Nellazione sociale va riconsiderata la relazione mezzi-fini Lazione sociale non può essere un esercizio di ingegneria sociale Per raggiungere i fini non si può accettare di strumentalizzare le persone; lessere umano apprende molto di più di quanto gli venga insegnato MATURAZIONE ATTEGGIAMENTI DEGENERATIVI Gli obiettivi dellazione non possono essere pre-programmati, ma devono essere costruiti nel corso dellazione e sulla base delle relazioni sociali tra le persone. Lobiettivo non è pre- programmato e le persone non sono strumentalizzate Lingegnera sociale presuppone che il fine è pre- programmato e per raggiungerlo si utilizzano le persone

21 Caratteristiche del pensiero complesso nella pianificazione sociale/progettazione partecipata (Bateson) La DIREZIONE e il VALORE dellazione sono parte dellATTO stesso e non sono definibili sulla base di un fine pre- programmato. Considerato che lazione sociale è lesito delle relazioni tra soggetti, allora DIREZIONE e VALORE si stabiliscono nel corso della relazione tra le parti coinvolte.

22 Sviluppare il savoir faire che aiuta ad adottare abitudini di pensiero complesso vuol dire: Superare Ascolto Passivo ed adottare Ascolto Attivo Auto-consapevolezza delle emozioni Gestione creativa dei conflitti

23 Ascolto Attivo e Ascolto Passivo Ascolto PassivoAscolto attivo Statico (ununica prospettiva è quella giusta) Passivo (rispecchiare la realtà) In controllo (incidenti di percorso e imbarazzi: negativi) Dinamico (una pluralità di prospettive) Attivo (costruzione della realtà) Goffo (incidenti di percorso e imbarazzi: positivi) Soggettivo: no / Oggettivo: si Né soggettivo, né oggettivo Esploratore di mondi possibili Neutralizzare le emozioniCentralità delle emozioni

24 Auto-consapevolezza delle emozioni Retorica del controllo tipica delle società occidentali: Le emozioni disturbano la conoscenza, sono pre-sociali vanno controllate e regolate dalla ragione- razionalità Pensiero complesso: Auto-consapevolezza emozionale ci invita a rapportarci al nostro corpo in un atteggiamento di ascolto e di dialogo e a considerare le emozioni espressioni di unintelligenza più complessiva e di una mente di cui siamo parte attiva, ma che non risiede unicamente né nella nostra mente, né nelle nostre viscere.

25 Antidoti al pensiero semplice per ladozione dellauto- consapevolezza delle emozioni Primo antidoto: prova a interpretare le tue emozioni non come cause di azioni future, ma come rivelatrice di azioni già in atto. Secondo antidoto: considera le tue emozioni degli strumenti preziosi per guardare non solo dentro di te, ma anche fuori. Terzo antidoto: meno spontaneità, più immaginazione (distacco necessario dalle emozioni per poterle utilizzare).

26 Gestione creativa dei conflitti Distinzione tra cambiare comportamenti allinterno di una cornice e cambiare la cornice. Azioni e reazioni si possono leggere come un modo per rinforzare o negare una data cornice: se uno dà intenzionalmente un pugno, sta proponendo uno scenario del tipo "si antagonista". Se l'altro reagisce con un pugno, con la sua azione intende opporsi, ma a livello del contesto relazionale sta collaborando, cioè si sta lasciando coinvolgere nella cornice (o "danza") che chi ha sferrato il pugno proponeva. Se invece non reagisce e si fa vittima, ugualmente accetta di far parte della stessa danza, in cui esistono contrapposti un vincitore e un vinto. L'unico modo vero per non collaborare è proporre una danza diversa e indurre l'altro a cambiare danza.

27 Adottare abitudini di pensiero relative a pensiero complesso vuol dire: Equazioni psico-antropologiche : Ascolto Attivo = autoconsapevolezza emozionale + gestione creativa dei conflitti Autoconsapevolezza emozionale = ascolto attivo + gestione creativa dei conflitti Gestione creativa dei conflitti = Ascolto attivo + autoconsapevolezza delle emozioni

28 Le Sette Regole dellArte di Ascoltare (Marianella Sclavi) 1. Non avere fretta di arrivare a delle conclusioni. Le conclusioni sono la parte più effimera della ricerca. 2. Quel che vedi dipende dal tuo punto di vista. Per riuscire a vedere il tuo punto di vista, devi cambiare punto di vista. 3. Se vuoi comprendere quel che un altro sta dicendo, devi assumere che ha ragione e chiedergli di aiutarti a vedere le cose e gli eventi dalla sua prospettiva 4. Le emozioni sono degli strumenti conoscitivi fondamentali se sai comprendere il loro linguaggio. Non ti informano su cosa vedi, ma su come guardi. Il loro codice è relazionale e analogico.

29 Le Sette Regole dellArte di Ascoltare 1. Un buon ascoltatore è un esploratore di mondi possibili. I segnali più importanti per lui sono quelli che si presentano alla coscienza come al tempo stesso trascurabili e fastidiosi, marginali e irritanti, perché incongruenti con le proprie certezze. 2. Un buon ascoltatore accoglie volentieri i paradossi del pensiero e della comunicazione interpersonale. Affronta i dissensi come occasioni per esercitarsi in un campo che lo appassiona: la gestione creativa dei conflitti. 3. Per divenire esperto nellarte di ascoltare devi adottare una metodologia umoristica. Ma quando hai imparato ad ascoltare lumorismo viene da se.

30 Come si fa ad apprendere il Savoir Faire: deutero-apprendimento – Apprendere ad apprendere Lapprendimento del Savoir Faire avviene mediante le azioni, le pratiche poiché, quanto più si compie una determinata azione, tanto più si è abili nello svolgerla (Bateson, 1977).

31 La dimostrazione di Bateson

32

33 Per sintetizzare Progettazione partecipata risposta del governo del territorio alla complessità della società contemporanea. Attori diversi sono coinvolti nel processo decisionale per cogliere tutti i punti di vista. Azione di partecipazione implica cambiamento nel sistema di pensiero oppure ladozione di un pensiero complesso. Deutero-apprendimento

34 Le tecniche Brainstorming, Outreach, Camminata di quartiere Focus Group Cantiere Evento Planning for Real Negoziazione Negoziazione 1 Negoziazione 2

35 Brainstorming, nato negli Stati Uniti, prevede il coinvolgimento di circa 15 persone, cè un facilitatore ed ai partecipanti è chiesto di mettere sul tavolo le idee più stravaganti, che dovranno poi essere rielaborate, così da essere proponibili ed utilizzabili. Outreach, andare fuori a incontrare gruppi di interesse locali e singole persone, nel proprio ambiente e secondo propri tempi, per discutere di varie questioni e ascoltare i loro suggerimenti. Strumenti, distribuzione materiale informativo, giornali locali, interventi informativi e scambi mirati, strutture mobili, attivazione di un punto di riferimento in loco.

36 Camminata di quartiere, incontri nel quartiere tra progettisti e abitanti, per essere efficace necessita di una fase di outreach, e permette la realizzazione di una prima Swot analisis. I gruppi possono svolgere passeggiate diverse che sono comunque decise dagli abitanti stessi. In ogni gruppo deve essere presente almeno una persona che registra le voci, oltre qualcuno che fa riprese fotografiche o video.

37 Focus group, è una tecnica di rilevazione per la ricerca sociale basata sulla discussione tra una gruppo di persone. La finalità principale del focus group è quella di studiare un fenomeno o di indagare uno specifico argomento in profondità, utilizzando come base per la rilevazione linterazione che si realizza tra i componenti del gruppo. Cantiere evento, attività di comunicazione che accompagni un cantiere in zona abitata per tutta la durata, con lobiettivo di contenere i disagi indotti dai lavori e di controbilanciarli con un contributo positivo in termini di partecipazione dei cittadini.

38 Planning for Real è un metodo di progettazione partecipata, sviluppato a partire dagli anni '60-'70 dalla Education for Neighborhood Change dell'Università di Nottingham. L'obiettivo è individuare bisogni e opzioni di intervento su uno specifico contesto territoriale a partire dall'esperienza della comunità locale, individuata come il soggetto che possiede la migliore conoscenza dei problemi del proprio territorio. In questo senso Planning for Real nasce come tecnica alternativa alla discussione pubblica e ad altri metodi che tendono a favorire la partecipazione delle persone più abituate o più preparate a sostenerli, consentendo invece ad ogni partecipante di esprimere le proprie idee e le proprie opinioni liberamente e in modo anonimo.

39 Negoziazione. I metodi della negoziazione possiedono tre requisiti: devono portare a un accordo ragionevole, se l'accordo è possibile; devono essere efficienti; dovrebbero migliorare, o almeno non danneggiare, i rapporti fra le parti.

40 Negoziazione 1 LA NEGOZIAZIONE POSIZIONALE: negoziazione semplice Una trattativa in cui ciascuna delle parti prende una posizione, la difende e fa concessioni per raggiungere un compromesso. Le parti in causa tendono ad attestarsi su delle posizioni e rivendicazioni e non si avventurano a esplorare gli interessi che stanno a monte. La negoziazione posizionale può essere efficace, ma solo nelle situazioni relativamente semplici, in cui la posta in gioco è una, ben definita, e la contrattazione consiste nel tentativo di avvicinare la posta alla propria posizione. E' il caso emblematico del commerciante e dell'acquirente.

41 Negoziazione 1 Nel caso di situazioni complesse: N egoziato sui principi o sul merito Una risposta possibile la troviamo nei metodi elaborati dall'Harvard Negotiation Project, un'unità della Harvard Law School, costituita nel 1979 come parte del Program on negotiation Consortium, per migliorare sia l'insegnamento teorico che la pratica della negoziazione e risoluzione dei conflitti, affinché la gente possa trattare sia i conflitti interpersonali sia quelli internazionali in modo costruttivo. Nell'ambito di quel contesto di ricerca, Roger Fisher, direttore del dipartimento, e William Ury, docente di antropologia, hanno elaborato, a partire dallo studio di casi negoziali di successo, un approccio innovativo di gestione creativa dei conflitti: l' "Alternative Dispute Resolution", traducibile in italiano con "negoziato sui principi o sul merito".

42 Alternative Dispute Resolution: I quattro principi fondamentali Scindere le persone dal problema Concentrarsi sugli interessi non sulle persone Inventare soluzioni vantaggiose per ambo le parti: Giochi a somma positiva Insistere su criteri oggettivi

43 Negoziazione 2: Il ruolo delle emozioni nella gestione dei conflitti Negli ultimi vent'anni nelle scienze sociali e specialmente nel campo delle ricerche antropologiche e etnografiche è emersa una concezione delle emozioni non più come eventi contrapposti al pensiero, ma come "pensieri incorporati", appresi nella cultura di appartenenza, e relativi a un tipo di apprendimento che coinvolge direttamente la propria identità.

44 Negoziazione 2 In sintesi: l'idea più generale è che le emozioni sono l'emergere alla coscienza del nostro agire "come parte di una cornice" e quindi ci offrono delle informazioni fondamentali per comprendere il tipo di cornice che siamo impegnati a tenere in scena.

45 Le politiche Urbane integrate che chiedono luso di questi tecniche: Strumenti promossi e finanziati dallUE: PPU, finanziamento ad azioni sperimentali per fronteggiare la disoccupazione, il degrado urbano e sociale, il deterioramento ambientale, la disgregazione sociale. Condizione essenziale per il finanziamento è la costruzione di un partenariato locale tra settori pubblico e privato Urban, promuovere un miglioramento durevole delle condizioni di vita delle città, in particolare dei quartieri più poveri e socialmente degradati, mediante lattivazione integrata di progetti innovativi. Primo finanziamento 1994, Secondo finanziamento 2000 (doc. di riferimento, Commissione europea, comunicazione Urban). Condizione essenziale per il finanziamento è la costruzione di un partenariato locale tra settori pubblico e privato

46 Strumenti promossi a livello Nazionale PRU (Programmi di Recupero Urbano), riprendono i contenuti dei programmi integrati con la sola differenza che questi riguardano esclusivamente ambiti urbani che comprendono quartieri di proprietà pubblica o costruiti con il contributo pubblico e non possono riguardare qualunque zone urbana che il comune intende qualificare.

47 Contratto di Quartiere: Integra allinterno di una stessa politica, contenuti di carattere urbanistico – edilizio e contenuti sociali. Richiede la costruzione di accordi tra diversi soggetti pubblici e tra pubblico e privato. Si chiarisce inoltre la differenza tra il concetto di comunicazione e partecipazione. Comunicazione implica consultazione su progetti elaborati in forma definitiva, che limitandosi alla sola informazione non può beneficiare dei suggerimenti provenienti dalla comunità locale. Partecipazione, fase iniziale del progetto implica il coinvolgimento di tutti i soggetti nella definizione della azioni.

48 Strumenti promossi a livello Regionale PAS (Piano di Accompagnamento Sociale), strumento definito dal Consiglio regionale del Piemonte e deve accompagnare la realizzazione dei PRU. Questo indirizzo comporta da parte dei comuni e di tutti i soggetti che partecipano al programma limpegno a contrastare il disagio sociale rilevato nei quartieri popolari e a individuare le azioni e le opere necessarie a ottenere il recupero sociale, oltre che edilizio, urbanistico e ambientale


Scaricare ppt "Avventure urbane progettare la città con gli abitanti Dr. ssa Nunzia Borrelli Corso in Sociologia ambiente e territorio Laurea Magistrale in Architettura."

Presentazioni simili


Annunci Google