La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRESENTAZIONE STAMPA ESTERA A cura di Toni Muzi Falconi - Alessandro Sattanino SISTEMA ROMA & 29 NOVEMBRE 1999.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRESENTAZIONE STAMPA ESTERA A cura di Toni Muzi Falconi - Alessandro Sattanino SISTEMA ROMA & 29 NOVEMBRE 1999."— Transcript della presentazione:

1 PRESENTAZIONE STAMPA ESTERA A cura di Toni Muzi Falconi - Alessandro Sattanino SISTEMA ROMA & 29 NOVEMBRE 1999

2 2 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Obiettivo del lavoro svolto Metodo di lavoro adottato Risultati raggiunti Conclusioni

3 3 Obiettivo del lavoro svolto Ridurre i rischi Y2K nella città di Roma per la notte di Capodanno e i primi giorni del 2000

4 4 Metodo di lavoro adottato

5 5 Si costituisce un Gruppo Tecnico con i responsabili Y2K delle municipalizzate e del Comune Si acquisiscono e si incorporano i Piani di Continuità* delle infrastrutture nazionali (Enel, Telecom, FS, Autostrade, Areoporti, Italgas) Metodo di lavoro adottato Il Sindaco e Commissario Straordinario del Governo per il Grande Giubileo incarica la Vice Direzione Generale del Comune e l'Agenzia per la preparazione del Giubileo di sviluppare un coordinamento delle attività delle aziende municipalizzate di servizio pubblico.

6 6 ulteriore garanzia di continuità del servizio; strumenti aggiuntivi rispetto alle procedure per assicurare la continuità dei servizi e sono specifici rispetto al Y2K procedure ridondate; procedure alternative (aggiramento); segnalazione anticipata e rapida di eventuali problemi. Metodo di lavoro adottato (2) *- Piani di continuità - vengono sviluppati in parallelo alladeguamento dei servizi informatici e sono: I loro criteri si basano su: I Piani sono confrontati per identificare le interconnessioni e aggiornati tenendo conto dei possibili effetti domino.

7 7 Si sensibilizzano i Vertici del Comune e delle altre organizzazioni, perché la questione Y2K sia vissuta (oltre che come 'tecnica') anche come organizzativa e comunicativa (all'interno, ai media, ai cittadini). Metodo di lavoro adottato (2) segue Si dà vita ad un secondo gruppo, parallelo, cui partecipano i comunicatori delle stesse organizzazioni.

8 8 Il Gruppo dei comunicatori concorda con il 'gruppo tecnico' una policy di comunicazione in tre fasi: –settembre/ottobre - basso profilo esterno e comunicazione interna; –novembre - medio profilo esterno solo verso i media; –dicembre - comunicazione diretta ai cittadini. Metodo di lavoro adottato (3) I due Gruppi acquisiscono il programma degli eventi di Capodanno e dintorni e iniziano la predisposizione di interventi ad hoc.

9 9 Risultati raggiunti

10 10 Per lenergia elettrica Per le telecomunicazioni Per lacqua Per il gas Per le ferrovie Per le autostrade Per gli aeroporti Per la Sanità Per lAtac Per i semafori Per lAma Per il Comune Per i Vigili Urbani

11 11 Risultati raggiunti (segue) Enel e Acea hanno armonizzato i rispettivi piani definendo un accordo di collaborazione per assicurare la continuità del servizio nella città di Roma. Il "Progetto Anno 2000" dell'Enel aderisce agli standard più accreditati ed alle direttive del North American Electric Reliability Council. Gli apparati legati allespletamento del servizio sono stati adeguati e certificati. Lazienda ha predisposto un Piano di continuità per garantire il servizio nel caso di eventi estemporanei che ottempera alle raccomandazioni dellUCTE (Union pour la Coordination du Trasport de lElectricitè); Per lenergia elettrica

12 12 Risultati raggiunti (segue) Acea ha utilizzato il supporto del CESI ed ha raggiunto il completo adeguamento in coerenza con le linee guida dellAutorità per lenergia elettrica e il gas e gli standard internazionali più accreditati (NorthAmerica Electric Reliability Council - NERC). Lattività di certificazione e di adeguamento è stata completata per tutti gli apparati ritenuti critici. Lazienda ha predisposto il suo piano di continuità. Per lenergia elettrica (segue) In conclusione, lo scenario più probabile prevede il rispetto degli abituali standard di continuità del servizio.

13 13 Risultati raggiunti (2) Telecom Italia ha concluso il programma di adeguamento dei sistemi/applicazioni e servizi mission critical ed ha realizzato il Piano di continuità a garanzia dei servizi essenziali. Lazienda è pronta a gestire i normali eventi legati alla transizione di fine anno e non prevede particolari disservizi causati direttamente dal Y2K. Per le telecomunicazioni

14 14 Risultati raggiunti (2) (segue) Il sistema gestito da Acea è prevalentemente a gravità. Roma ha una situazione particolarmente favorevole e quasi unica: esiste un back up delle fonti di approvvigionamento. Il sistema è ridondato dal bacino di Bracciano. Anche il sistema delle fognature è tipicamente a gravità e i depuratori della città sono stati verificati. Per lacqua

15 15 Italgas ha concluso positivamente i test riguardanti tutti i processi. Per prudenza, presso le Prefetture sono stati depositati specifici Piani di continuità con indicazione dettagliata degli interventi e delle procedure operative in caso di, sempre possibili, malfunzionamenti. Per il gas Risultati raggiunti (2) (segue)

16 16 FS Spa ha raggiunto piena compliance dei sistemi aziendali di maggiore importanza e criticità. Il piano predisposto ha seguito una metodologia concordata a livello internazionale (British Standards Institution) basata su: analisi; analisi delle compatibilità; raggiungimento delle compatibilità; collaudo e certificazioni di tutte le componenti interessate. Per le ferrovie Risultati raggiunti (3) Comunque, la notte del 31/12 i treni verranno cautelativamente fatti sostare nelle stazioni più vicine dalle alle 0.30.

17 17 La Società Autostrade ha completato la revisione del proprio sistema informatico sostituendo tutti i computer e gli impianti che segnalavano problemi e aggiornando il software di base e applicativo. Tutti i test hanno dato esito positivo. Per le autostrade Risultati raggiunti (3) (segue)

18 18 Aeroporti di Roma ha completato ladeguamento e i test hanno dato risultati positivi. E stato inoltre predisposto il Piano di continuità ed è stata approntata una sala per la gestione degli eventi anomali, collegata con le sale situazioni capitolina e della Presidenza del Consiglio. Per gli aeroporti Risultati raggiunti (4)

19 19 Risultati raggiunti (4) (segue) In base a questi risultati, a loro volta, le organizzazioni regionali e romane possono aggiungere:

20 20 L'attenzione si è concentrata sulla rilevazione delle apparecchiature elettromedicali nelle aziende sanitarie, al fine della verifica della loro compatibilità. Per la Sanità Risultati raggiunti (4) (segue) Il Piano Regionale si è articolato in due fasi: Prima fase:

21 21 La seconda fase riguarda soprattutto la costruzione di una rete di presidi dell'emergenza in grado di essere perfettamente funzionante nella settimana che va dal al La rete sarà composta da quei presidi che, facenti parte del Sistema Emergenza 118, hanno soddisfatto le condizioni essenziali ai fini della compatibilità anno 2000, dal punto di vista degli impianti, della logistica, delle tecnologie e, non ultimo, del personale in servizio. L'analisi del possesso dei requisiti si conclude domani, 30 Novembre. Per la Sanità (segue) Risultati raggiunti (4) (segue) Seconda fase:

22 22 Risultati raggiunti (5) Per la Sanità (segue) La centrale operativa del servizio di emergenza sanitaria 118 ha programmato: la revisione e ladeguamento dei sistemi sensibili e dei punti di criticità (esempio: alimentazione elettrica); i piani di rafforzamento del sistema nella fase di ricezione e di erogazione del soccorso; i piani di continuità tarati su diverse ipotesi di rischio. Inoltre, il sistema sanitario regionale ha predisposto un servizio specifico per gli eventi religiosi e civili nella notte di Capodanno: due Presidi medici avanzati in Via della Conciliazione e quattro nellarea tra Piazza del Popolo e il Quirinale.

23 23 Risultati raggiunti (6) mobilità Rimane cruciale la questione della mobilità tenendo conto del fitto programma di eventi del Capodanno e del Primo Gennaio 2000

24 24 Per lAtac Nel Piano ATAC/Cotral emerge come il servizio di trasporto pubblico romano abbia, per le sue caratteristiche intrinseche, un basso livello di esposizione a malfunzionamenti diretti derivanti dal Y2K. Questo perché linformatica e la telematica non sono presenti in modo intensivo nel processo di erogazione del servizio di trasporto su gomma. Per il sistema della metropolitana, gli ultimi test saranno completati il 10 Dicembre. Risultati raggiunti (6) (segue)

25 25 Per i semafori La tecnologia degli apparati gestiti dalla società STA li rende in gran parte insensibili al problema della data. Sono in corso adeguamenti del software che verranno completati nei prossimi giorni. Risultati raggiunti (6) (segue)

26 26 Per lAma (Azienda Municipalizzata Ambiente) I sistemi informatici sono stati controllati, adeguati e testati con esito positivo. I Piani individuano le soluzioni necessarie per assicurare la continuità del servizio. Prudenzialmente sono state acquisiti gruppi elettrogeni e di continuità, scorte di carburante, sistemi di comunicazione radio alternativi. Gli operatori entreranno in servizio nella notte del 31 con tenuta di lavoro già indossata e verranno utilizzati circa 120 mezzi per il servizio degli eventi di fine danno. Risultati raggiunti (7)

27 27 Per il Comune Il Comune di Roma ha adeguato i propri sistemi informatici e li ha raggruppati secondo il livello di rischio. In coerenza, ha elaborato progetti di produttività per assicurare limpegno del personale necessario. Gli elaboratori verranno spenti alle ore 23 del 31/12 e la loro riattivazione è prevista per le ore 01 del 1 Gennaio Non si prevedono particolari disfunzioni. Risultati raggiunti (7) (segue)

28 28 Per i Vigili Urbani È stato già raggiunto con le organizzazioni sindacali un accordo che garantisce una loro presenza capillare sul territorio urbano la notte del 31 e la prima giornata dellanno nuovo. Risultati raggiunti (7) (segue)

29 29 Conclusioni

30 30 Cosa resta da fare: aggiornamento continuo dei Piani; avvio sala situazione romana e connessioni con sala situazione nazionale; avvio comunicazione ai cittadini; coordinamento dei Piani e delle squadre di supporto sul territorio. Conclusioni

31 31 saranno all'incirca 10 mila i romani che lavoreranno per il Y2K la notte di Capodanno l'insieme delle organizzazioni che hanno partecipato al lavoro ha investito all'incirca 100 miliardi per raggiungere l'obiettivo (software, hardware, risorse umane, altre spese). Conclusioni (segue) I Piani predisposti assicurano la continuità dellerogazione dei servizi pubblici essenziali nel momento della transizione al Comunque:


Scaricare ppt "PRESENTAZIONE STAMPA ESTERA A cura di Toni Muzi Falconi - Alessandro Sattanino SISTEMA ROMA & 29 NOVEMBRE 1999."

Presentazioni simili


Annunci Google