La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Belluno, 6.9.08 Solidarietà e reciprocità Luigino Bruni Università Milano Bicocca e Istituto Universitario Sophia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Belluno, 6.9.08 Solidarietà e reciprocità Luigino Bruni Università Milano Bicocca e Istituto Universitario Sophia."— Transcript della presentazione:

1 Belluno, Solidarietà e reciprocità Luigino Bruni Università Milano Bicocca e Istituto Universitario Sophia

2 Communitas Lambivalenza della vita in comune La comunità: luogo di vita e di morte Nel mondo greco: Aristotele. La vita felice è fragile. Se luomo felice ha bisogno di amici, allora la felicità dipende dalla reciprocità. Nel mondo biblico: la prima città la fonda Caino. Il combattimento di Giacobbe: laltro è insieme ferita e benedizione. Nel mondo latino: cum-munus, ma munus significa anche obbligo, non solo dono. Nel mondo anglosassone: gift dono e veleno

3 Le soluzioni alla fragilità della vita in comune 1. La prima soluzione: la comunità sacrale. Gli individui non esistono, c'è solo comunità come io gigante, e lo status non scelto ma subito. In una tale comunità non c'è dono, ma solo munus, perché non c'è l'individuo, non c'è libertà ma solo lo status imposto dalla comunità.

4 La comunità sacrale antica A B C D … RAPPRESENTANTE SACRALE COMUNITA A,B,C … sono i membri della comunità. Non cè alcun patto che li lega tra di loro, ma ciascuno è legato gerarchicamente al capo LA COMUNITA SACRALE ANTICA

5 La seconda soluzione: la philia L'amicizia (philia) di Aristotele è anche una seconda soluzione al dramma della communitas: l'amicizia tra uguali, dove non c'è alterità perché l'altro è un alter ego, scelto per evitare la ferita della diversità: Il comunitarismo di oggi è espressione di questa visione.

6 La terza soluzione: la solitudine È Platone all'origine di questa terza soluzione: la contemplazione del logos, di Dio, come via di felicità e di controllo sulla propria vita. Soluzione drastica: si rinuncia alla vita in comune per non esporsi alla vulnerabilità

7 La soluzione delleconomia moderna Leconomia moderna nasce con una promessa: una vita in comune senza ferita, senza il combattimento con laltro. Non si comprende leconomia moderna se non la leggiamo come una promessa di nuova vita in comune senza sacrificio, senza ferita

8 Ancora un mediatore Una nuova metafisica (Stato/Mercato) IOTU La metafisica del Mercato, dellImpresa e della Politica

9 Dal bene comune al bene immune Il mercato capitalistico, e limpresa gerarchica e burocratica, diventano i grandi Mediatori per immunizzarci luno dallaltro e dagli altri. Il bene comune diventa il bene immune. Ma ci può essere felicità senza incontro profondo con laltro? Senza cum-munus?

10 Il paradosso della felicità

11 Una spiegazione relazionale La mia spiegazione del paradosso della felicità si basa sulla diminuzione di beni relazionali nelle società di mercato conflitto tra beni relazionali e beni di mercato

12 Un modello Proviamo, in conclusione, ad abbozzare un semplice modello che lega la felicità direttamente ai beni relazionali e al reddito: F a = f(I a,R ab,X ) Dove I a= reddito R a,b = beni relazionali,soprattutto quelli primari X = beni liberi non di mercato (natura, preghiera, passioni)

13 Relazione Reddito/felicità Fa=F(Ia,Rab,X) Reddito Felicità (F a ) Zona critica I beni relazionali e i beni di gratuità sono nascosti

14 Perché ci inganniamo? Il mercato moderno vende merci che simulano rapporti umani, che ci vengono presentati come benedizione senza ferita: a)Televisione come mistificatrice di rapporti veri con gli altri b)Le nuove tecnologie c)... -Tutte forme di rapporto che si presentano come benedizioni senza ferita -CHE FARE?

15 La sfida educativa –Oggi il confine tra economico e civile è sempre più sfumato: è dunque inconcepibile un processo educativo che non sia anche, e da subito, economico –Leducazione è una: o ci si educa sempre, tutti e in tutti gli ambiti, o leducazione come processo fallisce –educazione come reciprocità

16 Consumo Che cosa vuol dire educare al consumo? –Il consumo va educato, poiché le scelte di consumo creano dipendenza, sono soggette a errori sistematici che ci portano spesso a scegliere ciò che non contribuisce alla nostra felicità. –Oggi dagli studi sulla felicità sappiamo che il consumo in beni di comfort è sottoposto a fenomeni di dipendenza e di adattamento, che portano i consumatori a investire molte energie nei beni sbagliati (ruolo della pubblicità) –ma soprattutto: educare alla gratuità, la cellula staminale dellumano e del civile.

17 risparmio Anche il risparmio è faccenda educativa: –Il risparmio richiede la capacità (educazione) di rinunciare ad un consumo immediato per un consumo, mio o degli altri, futuro –Il risparmio crea la catena di solidarietà tra le generazioni: anche risparmiare può essere un atto damore! –Crea inoltre solidarietà tra le varie componenti della società, famiglie e imprenditori. –Questa capacità va educata: a volte la povertà è frutto anche di questa mancata educazione al risparmio –Oggi la cultura economica porta a consumare troppo e a risparmiare poco (a ciò è anche legata lusura!), complici imprese e banche (e media)

18 Impresa Leconomia, oggi, ha bisogno di imprenditori e non solo di speculatori. La malattia delleconomia contemporanea è la progressiva trasformazione di imprenditori (progetto) in speculatori (profitto). A questo proposito, così scrive Luigi Einaudi:

19 Einaudi (1944) Limprenditore è un costruttore, che ha uno speciale istinto: fondare unimpresa. Il suo scopo non è il profitto, ma ambisce a far riconoscere la sua impresa come primaria tra le altre. Investire in una parte, spesso la più gran parte del reddito dellimpresa nellacquistare nuove macchina, nel costruire un nuovo padiglione, nellabbellire le vetrine del negozio, nel trasportarlo dai ristretti locali, dove ebbe inizio la sua fortuna, in altri più spaziosi e centrale e bene arredati; … Di solito codesti cosiddetti ricchi vivono vita modesta e parca di cibi e di godimenti materiali; prima ad arrivare sul luogo di lavoro ed ultimi ad abbandonarlo. Quelli che li osservano, pensano: perché tanto lavorare e faticare? Perché non gustare, come sarebbe ad essi possibile e lecito, qualcuna delle dolcezze della vita? Perché rimanere, talvolta, rozzi e poco coltivati, occasione di sorriso ironico per gli intellettuali? Ma fate che essi discorrano dellimpresa che han creato e diventano eloquenti ed inspirati al par del sacerdote e del poeta. Chi li ascolta si avvede di trovarsi dinnanzi a uomini sperimentati e sapienti, i quali hanno creato qualcosa che senza la loro opera non sarebbe esistito. (ib., pp ).

20 Innovazione e gratuità I luoghi dellinnovazione sociale ed economica sono sempre stati luoghi di eccedenza rispetto al dovuto e agli interessi: luoghi di gratuità Dai benedettini ai francescani, dal movimento cooperativo a Yunus, si è stati capaci di fare veramente economia quando si è andati oltre la pura economia Anche oggi, leconomia, la banca, sarà capace di innovare davvero se si apre alla gratuità, con tutta la carica di rischio e di ferita che questa porta con sé.

21 Cinque direzioni per una economia dellumano Indico cinque direzioni: A) superare la separazione tra non-profit e for profit: impresa civile/incivile B) rivalutare la gratuità C) rivalutare la povertà D) Sviluppo come reciprocità E) Valorizzare i carismi

22 DOMANDE (pag. 1) 1. Etica protestante e capitalismo 2. Comunità sacrale: comunità native, economie non basate sul sistema di comunità sacrale: economie tradizionali non-sacrali ma orizzontali e fraterne 3. Bill gates (gratuità?!!): gratuità e open source, mouse, software libero, medicinali terzo mondo, diritti per autori, fotocopie (?), tutto ciò blocca lo sviluppo; TV, pubblicità (fuorviante), speculazione, mercati finanziari, risparmio …, attacco alle cooperative, …, ecc, acqua …

23 Pag. 2 (continua): cambiamento di rotta? 4. Stefano (industriale): inflazione, costo della vita, che anno è?; zona critica, o zona opportunità, come chiesa, per intervenire 5. Luca, assistente sociale: economisti di destra e di sinistra; se il PIL (prodotto interno lordo) non cresce siamo in crisi: cè unalternativa? 6. Bruna: si è liberi di scegliere la quantità di I e di R? 7. Piergiorgio (ONG: Insieme si può): gratuità ed educazione. Dal gratis alla gratuità. Il Sud e la gratuità: ritorno di interessi e di reputazione? Cooperazione italiana: i macchinari vanno acquistati in Italia 8. Bruno, pensionato (?): questa economia consumista e basata sui beni superflui, dove non si vede la ferita: dopo la Cina, lIndia e lAfrica? E chi ha detto che il PIL debba sempre crescere?

24 pag Enrico (venditori di informatica): il PIL, come fattore di crescita: esiste una formula che indichi una felicità pubblica? 10. Ilaria, madre: come posso insegnare a mio figlio che cosè la gratuità, lamore/agape, il contratto, il do ut des, come si può insegnare la gratuità in un mondo di squali; posso garantire a mio figlio il mio stesso tenore di vita.

25 A) Oltre la separazione non/for profit Qual è lo scopo dellimpresa? La vera distinzione è tra impresa civile e incivile Se lo scopo è infatti il profitto allora tutto diventa strumentale e si crea un conflitto di interessi tra azioni, lavoratori, clienti, cittadini … Conflitto tra banche, imprese e famiglie

26 B) Il valore della gratuità La grande carestia che oggi affligge le nostre società di mercato è carestia di gratuità: Si confonde la gratuità con gratis, con prezzo zero. Invece la gratuità è la prima risorsa di qualunque comunità e società Una società che non apprezza la gratuità non ha futuro sostenibile, perché non ha più vocazioni, non ha più artisti, non ha più anime grandi! Darei un patrimonio per un attimo di gratuità

27 C) La bella povertà Solo chi ama la gratuità può capire e amare la povertà Non tutte le povertà sono maledizioni Rivalutare la povertà significa oggi affermare il primato della persona sulle cose, dei beni sulle merci Non cè dono e festa senza amore per la povertà (pensiamo ai bambini di oggi)

28 D) Sviluppo come reciprocità e comunione Solo chi sa vedere nella povertà anche un valore, può davvero aiutare un povero, i paesi più poveri. Occorre guardare ad ogni popolo come portatore di un dono per gli altri, e non come dei bisognosi dei nostri aiuti (altrimenti ogni aiuto sarà paternalistico, e inefficace). Lo sviluppo è reciprocità.

29 E) carismi Siamo destinati inesorabilmente a questo tipo di rapporti nelleconomia di domani? Credo di no, a condizione che siano allopera nella società civile i carismi, che io intendo in modo ampio e laico come dono di occhi diversi.

30 Chi può incontrare laltro oltre la sua ferita (e la ferita che io faccio a lui)? La storia ci ha mostrato che quando sono allopera i carismi si riesce a vedere la benedizione oltre la ferita. Un carisma, che qui lo definisco come un dono di occhi diversi capaci di vedere cose che altri non vedono, sa infatti vedere labbraccio nascosto nel combattimento. Oggi arriva la salvezza nella nostra parrocchia: una famiglia con sei bambini, tutti handicappati (Don Milani)

31 Economia carismatica La storia dellumanità, anche quella economica e sociale, è anche il frutto di questi carismi; Senza carismi non cè progresso civile e umano: perché? Sono questi doni che spostano in là i paletti dellumano; poi listituzione segue. La società civile è il luogo dei pallini

32 Carismi e povertà Un ambito dove i carismi svolgono un ruolo decisivo è quello della cosiddetta lotta alla povertà (unespressione che non amo!).

33 Cura della povertà Nessuna forma di povertà può essere risolta senza amarla: solo chi sa vedere in quella forma di povertà qualcosa di bello riesce a redimerla i carismi redimono le povertà perché vedono nel povero, nel malato, nel carcerato, un valore. Un carisma è un dono che dà occhi per vedere un tesoro in una cosa che per gli altri è solo un problema Non chiamateli problemi, chiamateli doni (Teresa di Calcutta).

34 Il mondo è popolato da carismi Anche in questi anni si assiste ad una fioritura di carismi, per le mille battaglie di civiltà e di libertà, da Gandhi a Don Benzi …. Ci sono migliaia di carismi allopera nelleconomia sociale e civile di oggi, persone capaci di non fuggire di fronte ad un problema, ma restarne attratti, amarlo, e trasformare così la ferita dellaltro in benedizione.

35 Artisti Il carismatico assomiglia molto allartista, e lartista è certamente un portatore di un carisma. Mi raccontava un artista che lavora col legno: ogni tanto trovo un pezzo di legno nel bosco, o nella catasta della mia baracca, e vi vedo dentro la scultura. I carismatici sono così: in persone e situazioni che tutti gli altri scartano essi sanno vedere il capolavoro, sanno vedere la rosa con la spina, il risorto assieme al crocifisso. Chi non credesse alla presenza dei carismi nellumanità dovrebbe spiegare la presenza e lazione degli artisti.

36 Innovazione Non cè sviluppo pienamente umano, e non cè innovazione sociale senza i carismi. Il carisma innova, vede bisogni insoddisfatti, individua nuovi poveri, apre nuove strade alla solidarietà, spinge avanti i paletti dellumano e della civiltà. Poi arriva listituzione che imita linnovatore. Gli innovatori, quindi, sono presto raggiunti dalla istituzione (e per fortuna!), e se non sono capaci di nuove innovazioni, presto saranno indistinguibili dagli imitatori. Linnovazione continua è la sola via di sopravvivenza di realtà carismatiche.

37 Conclusione La grande sfida delleconomia e della società globalizzata di oggi è recuperare il valore del rapporto umano, con tutta la sua carica di sofferenza Se il mercato diventa il Nuovo Mediatore che ci impedisce di incontrarci, per non soffrire, ci impedisce alla lunga di vivere In ogni combattimento si nasconde un abbraccio

38 Conclusione: verso il noi dell'agape Il Cristianesimo vive ancora il tempo dell'aurora! Il noi della comunità non-fraterna doveva necessariamente tramontare: non era ancora il noi della comunità agapica L'umanità oggi attende dai cristiani una nuova comunità fraterna, il noi dell'agape: non indietro, ma avanti. In ogni combattimento si nasconde un abbraccio: ma occorrono occhi nuovi per vederlo, occhi nuovi donati dall'agape

39 Dedicato a tutti coloro che sanno amare le ferite degli altri, trasformandole in benedizioni Labbraccio dellaltro


Scaricare ppt "Belluno, 6.9.08 Solidarietà e reciprocità Luigino Bruni Università Milano Bicocca e Istituto Universitario Sophia."

Presentazioni simili


Annunci Google