La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL FUTURO DELLA POLITICA DI COESIONE POST 2013 Cosa cambia dalle prime proposte A cura di Simonetta Fabris e Chiara RossettoGiugno 2012 Unità di Progetto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL FUTURO DELLA POLITICA DI COESIONE POST 2013 Cosa cambia dalle prime proposte A cura di Simonetta Fabris e Chiara RossettoGiugno 2012 Unità di Progetto."— Transcript della presentazione:

1 IL FUTURO DELLA POLITICA DI COESIONE POST 2013 Cosa cambia dalle prime proposte A cura di Simonetta Fabris e Chiara RossettoGiugno 2012 Unità di Progetto Cooperazione Transfrontaliera Palazzo ex ULSS Rio dei tre Ponti - Dorsoduro, 3494/A Venezia (VE) tel fax

2 2Contenuti Dove vogliamo andare? Struttura legislativa Approccio strategico COM(2011)615: Struttura semplificata Nuove regioni La nuova architettura Quadro strategico comune Contratto di partenariato Obiettivi tematici Principali novità Governance multilivello Comitato di sorveglianza Sistemi di gestione e controllo Riserva di efficacia&efficienza COM(2011)614: IFCO&FESR COM(2011)611: CTE&FESR COM(2011)610: GECT Prospettive finanziarie 2012 Quadro finanziario 2014 – 2020 Whats next?

3 3 Dove vogliamo andare? I 5 obiettivi quantitativi: 1. Occupazione 75% (fascia tra i 20 e i 64 anni) 2. R&S / innovazione investimenti in R&S ed innovazione al 3% del PIL dell'UE 3. Cambiamenti climatici /energia strategia 20/20/20 4. Istruzione abbandoni scolastici sotto il 10% 40% dei 30-34enni con un'istruzione universitaria 5. Povertà/emarginazione ridurre del 25% (20 milioni) il numero di persone che vive al di sottodelle soglie di povertà nazionali EUROPA 2020: Crescita INTELLIGENTE Crescita SOSTENIBILE Crescita INCLUSIVA

4 4 Struttura Legislativa Struttura Legislativa 1 REG generale: norme comuni per FESR, FSE, FC, FEASR, FEAMP + norme generali per FESR, FSE, FC [615] 3 REG specifici per: –FESR & IFCO [614] –FSE –FC 1 REG FESR & CTE [611] 1 REG GECT [610] Fondi del QSC

5 5 Rafforzamento della Programmazione Strategica Approccio strategico QSC Parnership agreement 11 obiettivi tematici Ottimizzazione dellimpatto Concentrazione su obiettivi coerenti con UE2020 Orientamento ai risultati (target ex-post) Condizionalità (macro, amministrativo, istituzionale, regolatorio…)

6 6 615_Struttura Semplificata DUE OBIETTIVI Art 81 Investimenti a Favore della Crescita e dellOccupazione Cooperazione Territoriale Europea Rispecchiano Europa2020 Tutte le regioni mirano allobiettivo generale di investire in crescita e occupazione Da ognuno secondo le proprie possibilità IFCO CTE

7 7 Programmi Operativi IFCO (=) artt _Nuove regioni NUOVE CATEGORIE DI REGIONI art 82: 1)regioni meno sviluppate, il cui PIL pro capite è superiore al 75% della media del PIL dell'UE-27; 2)regioni in transizione, il cui PIL pro capite è compreso tra il 75% e il 90% della media del PIL dell'UE-27; 3)regioni più sviluppate, il cui PIL pro capite è superiore al 90% della media del PIL dell'UE- 27. NB: rimane il PIL come parametro nonostante le critiche mosse da più parti per la problematicità del calcolo e il rischio di scarsa corrispondenza alla realtà.

8 A livello comunitario: Regolamenti comunitari Orientamenti strategici comunitari A livello nazionale: Quadro Strategico Nazionale (QSN) Programmi operativi A livello comunitario: Regolamenti comunitari Quadro strategico comune per FESR, FSE, FC, FEASR e FEAMP A livello nazionale: Contratto di partnership tra CE e SM (priorità/risorse/obiettivi) per la politica di coesione Programma operativi (idem) 615_La nuova architettura

9 9 615_Quadro Strategico Comune artt Presentato dalla CE il 14 marzo 2012 Definirà iniziative chiave per lattuazione delle priorità UE: traduce gli obiettivi generali e specifici della strategia dell'UE per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva in azioni chiave per i Fondi del QSC. Contenuti principali: Azioni chiave che ciascun Fondo del QSC deve sostenere; Le sfide territoriali; I principi orizzontali e gli obiettivi strategici; I settori prioritari nell'ambito di ciascun Fondo, tenendo conto, se del caso, delle strategie macroregionali; I meccanismi di coordinamento dei fondi; I meccanismi per garantire la coerenza della programmazione.

10 10 615_Contratto di Partenariato artt Elaborato dagli SM in cooperazione con –autorità regionali, locali, cittadine –stakeholders (economici&sociali) Preparato in dialogo con la CE Si applica alla totalità del sostegno dato dai fondi Contenuti principali: L'allineamento con la strategia dell'Unione (dallanalisi SWOT alle valutazioni ex-ante/post) delle strategie dei singoli SM Valutazioni delle condizionalità ex ante (cfr all. III), azioni eventuali e loro calendario Un approccio integrato allo sviluppo territoriale sostenuto dai Fondi Impegni a riferire annualmente dei progressi conseguiti (RAE& Rapporto sullo stato dei lavori -2017, 2019-)

11 11 art 9, 615_Obiettivi Tematici 1.rafforzare R&S e innovazione; 2.migliorare accesso, impiego e qualità delle ICT; 3.promuovere la competitività delle PMI, il settore agricolo, della pesca e dell'acquacoltura; 4.sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio; 5.promuovere l'adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi; 6.tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse; 7.promuovere sistemi di trasporto sostenibili; 8.promuovere l'occupazione e sostenere la mobilità dei lavoratori; 9.promuovere l'inclusione sociale e combattere la povertà; 10.investire nelle competenze, nell'istruzione e nell'apprendimento; 11.rafforzare la capacità istituzionale e promuovere una PA efficiente. Perfetto allineamento alla strategia UE , art 5: ogni OT viene declinato in PRIORITA DI INVESTIMENTO

12 12 615_Principali novità 1 Concentrazione e integrazione: Obiettivi tematici allineati a UE2020 Priorità chiare e stringenti Risorse: quote minime vincolate su settori strategici (UE2020) Semplificazione: Armonizzazione delle norme che disciplinano i diversi fondi Coordinamento: QSC Procedure: Costi/oneri proporzionati allentità dei finanziamenti Norme comuni su spese ammissibili, diverse forme di sostegno finanziario, costi semplificati (importi forfettari e tabelle [art 57]) Principi comuni per gestione e controllo Procedure informatiche per invio&richiesta di documenti Tasso di Cofinanziamento art 110: Fissato dalla decisione della CE che adotta il PO A livello di ogni asse prioritario: Max 50% per ob. IFCO (già 45,93%) (Veneto e regioni 3° gruppo) Max 75% per ob. CTE

13 13 615_Principali novità 2 Flessibilità [art 22]: Possibilità di un aumento temporaneo del tasso di partecipazione dei fondi strutturali. +10% Obiettivo: laumento della capacità di assorbimento dei fondi strutturali NON si applica alla CTE Condizionalità [all. IV]: Prerequisiti che gli SM devono rispettare per poter accedere ai fondi strutturali. Tre livelli: Macroeconomici (p.e. criteri di convergenza) Gestionali (p.e. affidabile sistema di acquisti pubblici) Legislativi (p.e. recepimento di tutte le direttive – per settore-) Proposta molto specifica: all. III elenca dettagliatamente condizionalità e eventuali azioni da intraprendere per ogni OT Problema: il rispetto dipende (spesso) dallo SM, ma la sanzione è per le regioni (sospensione dei pagamenti)

14 14 615_Principali novità 3 Team work: Intervento congiunto [art 88]: (=) i fondi possono intervenire congiuntamente limite del 5% NON applicabile alla CTE Piano dazione comune [artt 93 – 98]: comprende un gruppo di progetti nellambito di uno o più programmi operativi beneficiario: organismo di diritto pubblico Sostegno pubblico: -min 10Mio o -min 20% del sostegno pubblico al/ai PO (se inf a 10Mio) i risultati sono: - convenuti tra SM e CE -contribuiscono al raggiungimento di obiettivi specifici dei PO -base per il sostegno dei fondi

15 15 615_Governance multilivello () Art 5 Partenariato e governance a più livelli 1. Ogni Stato membro organizza, rispettivamente per il contratto di partenariato e per ciascun programma, un partenariato con i seguenti partner: a) le autorità regionali, locali, cittadine e le altre autorità pubbliche competenti; b) le parti economiche e sociali; e c) gli organismi che rappresentano la società civile, compresi i partner ambientali, le organizzazioni non governative e gli organismi di promozione della parità e della non discriminazione. 2. Conformemente al sistema della governance a più livelli, gli Stati membri associano i partner alle attività di preparazione dei contratti di partenariato e delle relazioni sullo stato di attuazione, nonché alle attività di preparazione, attuazione, sorveglianza e valutazione dei programmi. I partner partecipano ai comitati di sorveglianza dei programmi.

16 16 615_Comitato di Sorveglianza (=) Compiti già art 65 Reg. 1083/2006 – sarà artt 41-43: Composto da rappresentanti dellADG e degli organismi intermedi e da rappresentanti dei partner Valutare l'attuazione del programma e i progressi compiuti Il comitato di sorveglianza è consultato ed emette un parere sulle eventuali modifiche del programma proposte dall'autorità di gestione.

17 17 615_Sistemi di gestione e controllo 1 Art 112 e ss: Ogni Stato membro designa: ADG ADC ADA funzionalmente indipendente Possono coincidere Principi generali dei SI.GE.CO. (art. 62) (=) Contenuti: Funzioni organismi gestione e controllo e ripartizione funzioni Ripartizione funzioni tra organismi e loro interno Procedure per garantire correttezza e regolarità della spesa dichiarate e una pista di controllo adeguata Sistemi informatizzati per registrazione e invio dati Disposizioni per laudit dei SI.GE.CO. Procedure gestione irregolarità, frodi e recuperi Per i PO con sostegno >250Mio NON può appartenere alla stessa autorità pubblica dellADG attività di certificazione più celere minori oneri amm.vi scambio di dati facilitato

18 18 615_Sistemi di gestione e controllo 2 Accreditamento degli organismi di gestione e controllo (art 64) Ogni organismo di gestione e controllo della spesa su Fondi del QSC è ACCREDITATO in base al rispetto di alcuni criteri predefiniti (ambiente interno, attività di controllo, monitoraggio, informazione e comunicazione previste per ogni fondo) Lorganismo di accreditamento a.è unautorità a livello ministeriale designata dallo SM b.si occuperà anche di SUPERVISIONARE loperato degli organi di Programma e potrà revocare laccreditamento se una o più condizioni verranno meno salvo azioni correttive concesse entro un termine e alla luce della gravità del problema c.determinerà una maggiore RESPONSABILIZZAZIONE delle AdP Da accreditare: per FESR, FSE, FC: ADG e, se del caso, ADC Per FEASR e FEAMP: ORGANISMI PAGATORI

19 19 Proporzionalità nei controlli dei PO (art 140) (Approccio basato sul rischio) La frequenza e la portata dei controlli sono commisurati a: Lammontare del sostegno pubblico dellintervento Al livello di rischio individuato a seguito di precedenti verifiche => riduzione costi amm.vi di controllo su programmi di modesta entità e sulle amm.ni affidabili e impiego delle risorse verso settori a rischio più elevato 615_Sistemi di gestione e controllo 3 Spesa tot ammissibile < Max 1 audit di ADA o CE prima della chiusura modulata (*) Spesa tot ammissibile > Max 1 audit di ADA o CE per periodo contabile prima della chiusura modulata (*) Assenza di carenze significative Audit in loco CE limitati a operato ADA Riduzione livello di controllo in base a rischio ex ultimo parere audit ADA affidabili

20 20 Per rafforzare laffidabilità del sistema di gestione finanziaria introdotti: Nuovo sistema di bilanci annuali redatti e certificati dallADC Dichiarazione annuale di affidabilità di gestione dellADG su corretto funzionamento SIGECO, regolarità operazioni, rispetto sana gestione finanziaria… (*)Procedura di liquidazione annuale dei conti da parte della Commissione (non più onere conservazione doc. per i tre anni successivi alla chiusura del Programma) _Sistemi di gestione e controllo 4 art 112 c 3 Scambio dati tra beneficiari, ADG, ADC, ADA e organismi intermedi esclusivamente per via elettronica e per una sola volta: => Riduzione oneri e maggior controllabilità dei progetti e della spesa 4.

21 21 615_Riserva di efficacia&efficienza Artt. 18–20, 84: Pari al 5% di quanto assegnato a ciascun fondo e a ciascuno SM Checkpoint: Se non conseguite tappe fondamentali (ex CP) WARNING! CE invia raccomandazioni allo SM 1.CE: stabilisce, per fondo e per SM, programmi e priorità che hanno raggiunto le tappe 2.SM: propone lattribuzione della riserva a programmi e priorità di cui 3.CE: approva la modifica ai PO => Riserva non prevista per la CTE!! In caso di mancato raggiungimento degli obiettivi: Raccomandazioni della Commissione Possibile revoca o sospensione dei finanziamenti

22 22 CONCENTRAZIONE TEMATICA degli investimenti art 4: R&S – ITC [pto 1) art9_615] Competitività PMI [pto 3)] Low carbon economy [pto 4)] 614_IFCO&FESR 1 Flessibilità: regioni diverse, bisogni diversi Coerenza con UE2020 Regioni più sviluppate e in transizione Regioni meno sviluppate 20% 80%

23 23614_IFCO&FESR Sviluppo urbano sostenibile artt 7÷9: 1.Destinare almeno il 5% del FESR 2.Azioni delegate alle città: ogni SM indica nel proprio CP un elenco di città ove implementare le azioni integrate per lo sviluppo urbano sostenibile 3.Creazione di una piattaforma per lo sviluppo urbano per lo sviluppo di capacità, creazione di reti tra città e scambio di esperienze Regioni ultraperiferiche art 11: Dotazione specifica aggiuntiva vincolata: Obiettivi tematici ex 9_615 Servizi di trasporto merci (NON persone!) Operazioni per ovviare a deficit della struttura produttiva Almeno il 50% per diversificare e modernizzare le economie

24 24 611_CTE&FESR 1 Risorse in tot: 3,48% pari a 11,7 MLD Transfrontaliera: 73,24% 8,6Mld Transnazionale: 20,78% 2,4Mld Interregionale: 5,98% 0,7Mld Rimangono la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale 11,7

25 25 611_CTE&FESR 2 Concentrazione tematica: tra gli 11 obiettivi tematici Transfrontaliera: PO ne seleziona fino a 4 + priorità dinvestimento: integrazione dei mkt del lavoro uguaglianza di genere formazione congiunta cooperazione giuridica e amministrativa Transnazionale: PO ne seleziona fino a 4 + sviluppo e attuazione di strategie macroregionali Interregionale: tutti gli 11 obiettivi tematici possono essere scelti Semplificazione gestionale art 20 e ss: Gli SM che partecipano ad un programma di cooperazione nominano: ADG unica che funge da vecchia ADG E ADC ADA indipendente ADC

26 26 610_GECT 1 In continuità con il precedente regolamento: - Resta una formula per agevolare e promuovere la cooperazione territoriale tra le autorità di almeno 2 SM al fine di rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale (art. 1 c.2); - Ha personalità e capacità giuridica (art. 1 c. 3 e 4); - Non è associato a benefici giuridici o finanziari (3° considerando); Limitato numero di modifiche al Reg. 1082/2006 per: - Facilitarne la creazione e il funzionamento (2° considerando); - Chiarire le norme vigenti (2° considerando); - Cogliere lopportunità di estenderne lo scopo alla pianificazione strategica e alla gestione di problematiche regionali e locali, contribuendo alla strategia Europa 2020 o all'attuazione di strategie macroregionali (19° considerando). Non applicabilità delle nuove norme sulla procedura per la costituzione dei GECT nei casi in cui la stessa sia stata avviata più di 6 mesi prima della data di applicazione delle modifiche al Reg. 1082/2006

27 27 610_GECT 2: Chiarimenti & Novità SEDE SOCIALE: in uno SM (art. 1 c.5) DIRITTO APPLICABILE (art. 2) 1.Regolamento e, se del caso, altre norme UE relative alla sua attività 2.Convezione 3.Se materie non disciplinate o disciplinate parzialmente: Regolamento e diritto dello SM in cui il GECT ha la sede sociale (=) ovvero diritto dello SM in cui gli organi statutari esercitano i propri poteri o in cui il GECT svolge la propria attività COMPOSIZIONE (art. 3): SM;(almeno 2 membri) (=) autorità regionali o locali; (=) organismi di diritto pubblico; (=) Autorità a livello naz.le e imprese pubbliche; In deroga:GECT composto da membri di uno solo SM e di un solo paese terzo o doltremare se tale SM considera tale GECT coerente per la sua cooperazione terr.le o per le sue relazioni bilaterali; - art. 3 bis c. 2 COSTITUZIONE La procedura di approvazione da parte dello SM è limitata alla sola convezione (no statuto) che specifica le competenze del membro potenziale. Se lo SM nega lapprovazione deve motivare il rifiuto o proporre le modifiche da apportare. => esteso il periodo esame convenzione da 3 a 6 mesi trascorsi i quali la convenzione si considera approvata per tacito accordo (art. 4 c. 3) PERSONALE si applicano:(art. 8, lett i)) 1.le norme dello Stato membro in cui il GECT ha la sede sociale 2.le norme della Stato membro in cui il personale del GECT effettivamente lavora o 3.le norme dello Stato membro di cui il membro del personale è cittadino 4.le norme aggiuntive del GECT per garantire la parità di trattamento

28 28 611_sul GECT 3 Inoltre sulle funzioni ex COM 2011/611, art. 11, c. 3 … un GECT o un'altra entità giuridica secondo il diritto di uno dei paesi partecipanti può presentare la propria candidatura come beneficiario unico di un'operazione, purché esso sia istituito dalle autorità ed enti pubblici di almeno due paesi partecipanti, per la cooperazione transfrontaliera e transnazionale e di almeno tre paesi partecipanti per la cooperazione interregionale ex COM 2011/611, art. 21 Gli Stati membri che partecipano a un programma di cooperazione possono ricorrere a un GECT affidandogli la responsabilità della gestione del programma di cooperazione o di parte di esso, in particolare conferendogli le responsabilità di un'autorità di gestione

29 29 Prospettive finanziarie 2012 Budget Budget 2011: mld

30 30 Confronto quadro finanziario PLURIENNALE & Miliardi in prezzi 2011 Differenza in % Crescita intelligente ed inclusiva % Di cui: Politica di coesione sociale economica territoriale % Di cui: Infrastrutture (Connecting Europe Facility) % Di cui: Competitività % 2. Crescita sostenibile: risorse naturali % Di cui: Mercato e pagamenti diretti % 3. Sicurezza e cittadinanza % Di cui: Libertà sicurezza e giustizia % Di cui: Cittadinanza % 4. Ruolo mondiale dellEuropa % 5. Amministrazione % 6. Compensazioni0.9 Impegni totali % Quadro finanziario

31 31 Quadro finanziario POLITICA DI COESIONEMLD Fondo di Coesione (FC)68.7 Regioni meno sviluppate162.6 Regioni in transizione39.0 Regioni più sviluppate53.1 Cooperazione11.7 Stanziamento supplementare per le regioni ultraperiferiche e a bassa densità di popolazione 0.9 TOTALE336.0 Connecting Europe Facility40.0 (+10 dal FC) TOTALE376.0 Σ=376,0 MLD

32 32 19 Ottobre 2010: Budget Review 10 Novembre 2010: 5th Cohesion Report 11 Nov/21 Genn 2011: Consultazione pubblica 31 Genn/1 Febb 2011: 5th Cohesion Forum 2011 (presidenza I semestre: Ungherese, II semestre: Polacca): Entro giugno 2011: proposta di quadro finanziario pluriennale (QFP) Tra 06 ottobre 2011: proposta di nuovo pacchetto legislativo per la politica di coesione 2012 (presidenza Danese/Cipriota): Tra ottobre 2011 e gennaio 2012: al via il negoziato formale sul QFP e sui nuovi Regolamenti 14 Marzo 2012: prima bozza nuovo Quadro Strategico Comune Corrigendum del pacchetto legislativo del 6 ottobre 2011 Entro fine anno: approvazione definitiva QFP e Regolamenti 2013 (presidenza Irlanda/Lituania): preparazione Contratto di partenariato e dei nuovi Programmi operativi 1 gennaio 2014 (presidenza Grecia/Italia): inizio nuovo periodo programmazione Whats next?


Scaricare ppt "IL FUTURO DELLA POLITICA DI COESIONE POST 2013 Cosa cambia dalle prime proposte A cura di Simonetta Fabris e Chiara RossettoGiugno 2012 Unità di Progetto."

Presentazioni simili


Annunci Google