La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Gestione dellAcqua nei Territori Palestinesi. PROFILO MULTIDIMENSIONALE DELLA POVERTÀ E PROFILO GEOGRAFICO E UMANO DELLA POVERTÀ Il fenomeno della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Gestione dellAcqua nei Territori Palestinesi. PROFILO MULTIDIMENSIONALE DELLA POVERTÀ E PROFILO GEOGRAFICO E UMANO DELLA POVERTÀ Il fenomeno della."— Transcript della presentazione:

1 La Gestione dellAcqua nei Territori Palestinesi

2 PROFILO MULTIDIMENSIONALE DELLA POVERTÀ E PROFILO GEOGRAFICO E UMANO DELLA POVERTÀ Il fenomeno della povertà in Palestina è legato, da un punto di vista storico, a tre fattori fondamentali: 1.loccupazione straniera; 2.la mancanza di risorse naturali; 3.una gestione non soddisfacente, concretatesi nellassenza di adeguate visioni e programmi strategici, in aggiunta al fenomeno diffuso della corruzione. La povertà ha tre dimensioni: 1.Insufficienti entrate monetarie, che obbligano la popolazione a vivere consumando in media meno di 2$ al giorno per persona; 2.Mancanza di accesso ai servizi essenziali, quali istruzione, salute, acqua potabile, adeguate assistenza sanitaria e ambiente sano; 3.Mancanza di dignità, rispetto e libertà (concetto espresso nella definizione della povertà dallUNDP Report 1997 sullo Sviluppo Umano)

3

4 La fascia costiera di Gaza è caratterizzata da un territorio piatto fino alle ondulate pianure costiere coperte di sabbia e dune desertiche. Il clima è temperato, inverni moderati, estati secche, da calde a molto calde. La Striscia di Gaza ha una superficie di 370Km2 su cui vivono circa Palestinesi. Il 42% del territorio è sotto controllo militare Israeliano (per la protezione di coloni). Un milione circa degli abitanti della Striscia di Gaza è concentrato in: Gaza City, Khan Younis, Rafah. 8 campi profughi : Jabalia, Beach, Nuseirat, Bureij, Deir al-Balah, Maghazi, Khan Younis, Rafah), nei quali vive il 55% circa della popolazione. 46, 5% della popolazione ha meno di 15 anni, Mortalità infantile nella Striscia di Gaza è 33/1000; Tasso di fertilità nella Striscia di Gaza è del 7,41; A spettativa di vita alla nascita 71,8 anni. Il 63,7% dei profughi vive nella nella Striscia di Gaza. Tasso di alfabetizzazione è del 84,3% così suddiviso: - uomini 91,5% - donne 77%.

5 STRUMENTI E LINEE FINANZIARIE DI INTERESSE PER LIDEA PROGETTUALE BEI UNCTAD UNICEF UNDP/PAPP CE Decisione n. IP/05/549/ ,00 per aiuti umanitari per di Palestinesi nei Territori Occupati e nel Libano ITALIA - MINISTERO AFFARI ESTERI, REGIONI, ENTI LOCALI - Programma di Sostegno alle Municipalità Palestinesi – ,00 Stanziamenti 2005 Stanziamenti 2004Esecuzione 2003 ImpegniPagamentiImpegniPagamentiImpegniPagamenti , , REG. (CE) n. 669/ Stanziamento destinato a coprire le azioni finanziate nel quadro del programma comunitario di sostegno ai territori occupati della Cisgiordania e della Striscia di Gaza ( , e ) nell'ambito del processo di pace in Medio Oriente.

6 STRUMENTI E LINEE FINANZIARIE DI INTERESSE PER LIDEA PROGETTUALE INDIVIDUATE CE Decisione n. IP/05/549/ ,00 per Aiuti umanitari per di Palestinesi nei Territori Occupati e nel Libano REG. (CE) n. 669/2004 Stanziamento destinato a coprire le azioni finanziate nel quadro del Programma Comunitario di Sostegno ai territori occupati della Cisgiordania e della Striscia di Gaza ( , e ) nell'ambito del processo di pace in Medio Oriente ,00 ITALIA – Ministero degli Affari Esteri, Regioni, Enti Locali - Programma di Sostegno alle Municipalità Palestinesi ,00

7 Acqua non sempre potabile Condizioni domestiche insalubri Condizioni di contesto altamente critiche Alta densità abitativa nellarea Occupazione militare israeliana

8 1. Insufficiente copertura dei bisogni di acqua potabile a favore dei cittadini palestinesi della Striscia di Gaza (Palestina) 3. Corruzione amministrativa e cattiva gestione delle risorse a disposizione 3. Distruzione delle infrastrutture palestinesi 3. Sottrazione delle risorse idriche nella Striscia di Gaza da parte dello Stato di Israele 3. Presenza di insediamenti israeliani nellarea 2. Insufficienza della rete e delle infrastrutture idriche 2. Ineguale distribuzione dellacqua tra palestinesi e israeliani 2. Impossibilità della gestione delle risorse idriche da parte delle comunità palestinesi Albero dei problemi

9 1. Copertura dei bisogni di acqua potabile a favore dei cittadini palestinesi della Striscia di Gaza (Palestina) 3. Maggiore responsabilità politica (azioni per favorire buone pratiche amministrative) 3. Ricostruzione delle infrastrutture idriche 3. Equa distribuzione dellacqua 3. Ritiro delle truppe israeliane nellarea 2. Miglioramento della rete e delle infrastrutture idriche 2. Migliore politica distributiva delle acque 2. Partecipazione palestinese nella politica di gestione dellacqua Albero degli obiettivi Strategia progettuale

10 Quadro logico 1. STRATEGIA3. INDICATORI 4. FONTI DI VERIFICA 5. CONDIZIONI ESTERNE Obiettivo generale Miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini palestinesi presenti nella striscia di Gaza Innalzamento del tenore di vita della popolazione palestinese Statistiche ufficiali nazionali e internazionali Obiettivo specifico Migliore distribuzione dellacqua potabile in Palestina (Gaza) Aumento dellattuale disponibilità di acqua potabile Statistiche delle Autorità Palestinesi e israeliane Stabilità politica e efficienza amministrativa Risultati attesi Realizzazione di una più estesa rete idrica e di un sistema di drenaggio per lacqua Maggiore sensibilità presso le autorità israeliane verso il problema palestinese a) N° persone che hanno accesso allacqua potabile sul totale della popolazione presente nella striscia di Gaza b) N Dati contenuti nel rapporto di monitoraggio e nel rapporto di valutazione delle istituzioni locali Condivisione e partecipazione alle attività programmatiche e condivisione degli obiettivi da parte dei destinatari

11 Attività 1.Costruzione di una rete idrica 2. Formazione del personale 3. Realizzazione di sistemi di drenaggio 4. Campagne di informazione 5. Monitoraggio e valutazione 6. Studio di fattibilità RISORSE/MEZZI COSTI (euro) Partecipazione dei cittadini locali alle campagne di sensibilizzazione e impiego degli stessi nella messa appunto delle infrastrutture idriche RISORSE/MEZZICOSTI (euro) a) Acquisto di materiali da costruzione b) Manodopera e servizi c) Utilizzo di personale specializzato d) Utilizzo di canali radio, di materiali e personale per la redazione di opuscoli, utilizzo di personale e materiali per seminari con autorità locali e) Utilizzo di personale amministrativo, acquisto di energia, spese generali, manutenzione f) Utilizzo di personale specializzato sia per la fase di monitoraggio e valutazione che per lo studio di fattibilità

12 Presenza di insediamenti Israeliani nellarea Frammentazione e fragilità del sistema imprenditoriale locale, assenza di sinergie strutturali tra i sistemi locali Instabilità politica e conseguente rischio di ritardo nellimplementazione dei progetti MINACCE Lancio di programmi e progetti per un migliore utilizzo delle infrastrutture Ingenti risorse economiche (finanziamenti) provenienti dalla cooperazione internazionale OPPORTUNITÁ Imposisbilità della gestione delle risorse idriche da parte delle comunità palestinesi Insufficienza della rete idrica esistente Scarsa capacità da parte delle amministrazion i deputate alla gestione delle risorse idriche a definire strategicamente piani per il medio lungo periodo PUNTI DI DEBOLEZZA Esistenza di una classe dirigente, di un gruppo di funzionari e professionisti motivati Abilità a progettare e programmare da parte della classe dirigente degli enti deputati alla gestione delle risorse idriche PUNTI DI FORZA Popolazione israeliana Infrastrutture idriche palestinesi Amministrazione e gestione delle risorse idriche VARIABILI DI ROTTURA Analisi SWOT

13 Sottrazione delle scarse risorse idriche a disposizione della popolazione Palestinese della striscia di Gaza da parte dello Stato di Israele MINACCE Fiducia nel dialogo di pace e nella possibilità di sviluppare partnership locali, nazionali e internazionali OPPORTUNITÁ Resistenza all innovazione PUNTI DI DEBOLEZZA Presenza di risorse idriche nella Striscia di Gaza PUNTI DI FORZA Risorse idriche nella striscia di Gaza VARIABILI DI ROTTURA

14 Componenti del Gruppo: Componenti del Gruppo: Massimo Alone, Rosaria Di Micco, Angelo Sciaudone, Massimo Alone, Rosaria Di Micco, Angelo Sciaudone, Francesca Nardi, Barbara Togna, Anna Franca Di Fazio, Massimiliano Bruno, Francesca Nardi, Barbara Togna, Anna Franca Di Fazio, Massimiliano Bruno, Milena Di Francesco, Eliana Spagnoli, Daniela Fanini, Rossana Preus, Giuseppe Longobardi Milena Di Francesco, Eliana Spagnoli, Daniela Fanini, Rossana Preus, Giuseppe Longobardi


Scaricare ppt "La Gestione dellAcqua nei Territori Palestinesi. PROFILO MULTIDIMENSIONALE DELLA POVERTÀ E PROFILO GEOGRAFICO E UMANO DELLA POVERTÀ Il fenomeno della."

Presentazioni simili


Annunci Google