La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 1 POTERE E POLITICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 1 POTERE E POLITICA."— Transcript della presentazione:

1 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 1 POTERE E POLITICA

2 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Contenuti della lezione: I concetti di potere e politica; lo Stato-nazione I principali attori del sistema politico Movimenti sociali

3 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Parte I: i concetti di potere e politica; lo Stato-nazione

4 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 4 Il potere è la capacità di individui o gruppi di far valere la propria volontà, anche contro le resistenze altrui. Il potere così inteso può essere: - economico: esercitato da chi possiede beni materiali o risorse finanziarie; - ideologico:esercitato da chi è in grado di influenzare le opinioni altrui (es. intellettuali, predicatori, giornalisti); - politico: esercitato da chi detiene gli strumenti della forza fisica (nelle società moderne è lo Stato).

5 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Lautorità è una forma legittima di potere quanti sono soggetti allautorità acconsentono spontaneamente a essa. Lautorità conferisce forma e stabilità alla potenza. Max Weber (1922), secondo unimpostazione largamente utilizzata sino ad oggi, distingue tre tipi di potere legittimo (autorità): a)potere tradizionale; il potere è sempre esistito b)potere razional-legale; lautorità deriva dalla legittimità delle leggi c)potere carismatico. Limitato ai leader

6 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Il potere è dunque un relazione sociale asimmetrica; in base ai rapporti di forza presenti nella società tra i soggetti culturali, politici ed economici, si impone un certo ordine sociale e si determinano alcune possibilità di mutamento; chi esercita potere è definito élite o classe dirigente (economica, ideologica, politica): in ogni campo, è sempre una minoranza che si impone e governa la maggioranza

7 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica -In senso lato, con il termine politica ci si riferisce allattività decisionale che viene espletata in un qualunque ambito; -in senso specifico, la politica ha a che fare con il potere politico (=esercizio o possibilità dellesercizio della coercizione fisica). In questo senso la politica, che si gioca sempre sul sottile filo consenso\uso della forza, presenta due dimensioni: a)Politics: regole del gioco politico, relazione amico\nemico. Dinamiche attivate dai partiti o dai gruppi di pressione per ottenere il potere politico. b)Policy: amministrazione e governo. Leggi attuate dal potere politico per gestire la Cosa Pubblica.

8 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 8 Lo Stato consiste in un apparato politico che esercita su un determinato territorio il monopolio legittimo della forza fisica. Lo Stato-nazione è uno Stato in cui la grande maggioranza della popolazione è composta da cittadini che si considerano parte di una medesima nazione. La maggior parte delle società moderne sono Stati- nazione (forma dominante della politica contemporanea).

9 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 9 Le caratteristiche dello Stato-Nazione: - Sovranità: esercizio dellautorità su un territorio dai confini chiaramente definiti, allinterno dei quali chi la detiene ha il monopolio legittimo della forza fisica; - Cittadinanza: la maggior parte degli individui sono cittadini con eguali diritti e doveri, membri a pari titolo della stessa comunità politica. -Cittadino: colui che è soggetto alla sovranità di uno Stato. - Nazionalismo: insieme di simboli e credenze che danno un senso di appartenenza a una comunità nazionale. -Nazionalità: appartenenza ad uno Stato Nazione

10 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 10 Due forme fondamentali di regime (o sistema) politico DemocraziaAutoritarismo = governo del popolo- limitazioni o assenza della partecipazione popolare; direttarappresentativa decisioni prese insieme dai detentori dei diritti politici decisioni prese da rappresentanti eletti dai detentori dei diritti politici - precedenza degli interessi dello Stato su quelli del cittadino; - assenza di procedure sancite giuridicamente per lalternanza di governo.

11 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 11 Paradosso della democrazia Crescono linsoddisfazione e lindifferenza per la democrazia La democrazia si diffonde in tutto il mondo Daniel Bell i governi nazionali sono: - troppo grandi per affrontare le piccole questioni (problemi locali). - troppo piccoli per affrontare le grandi questioni (concorrenza economica mondiale, distruzione dellecosistema terrestre);

12 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Parte II: i principali attori del sistema politico

13 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica La modernità porta con sè lidea della reciproca autonomia tra società politica e società civile; tuttavia, società politica e società civile fanno parte del medesimo sistema e dunque sono interdipendenti; ne consegue che gli ATTORI POLITICI sono strettamente interdipendenti con i soggetti sociali (classi, gruppi economici, ecc.) e, in forme diverse, li rappresentano (formalmente o sostanzialmente)

14 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 14 Lattività politica si può esercitare in forme ortodosseeterodosse - partiti politici; - rivoluzioni; La rivoluzione consiste nel rovesciamento di un ordine politico attraverso unazione violenta di massa. - elezioni; - rappresentanza. - movimenti sociali.

15 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 15 Un PARTITO è unorganizzazione orientata alla conquista del potere politico. Sistema di partitico: insieme di partiti legati tra loro da una relazione logica. dipende da: - vicende storiche; - cultura politica; - tipo di sistema elettorale. -Sistema monopartitico: -Siatema Bipartitico: -Sistema multipartitico:

16 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Sistemi monopartitici. Sono distinti da Sartori in tre tipi: Partito unico. Un solo partito è legale. Cina – Corea del Nord Partito egemonico. Legalmente esistono altri partiti, ma non sono che satelliti di quello principale: sono creati per rappresentare alcune minoranze o interessi. È il caso del Messico e della Polonia comunista. Partito predominante. Esistono vari partiti, ma nei fatti a vincere le elezioni è sempre uno solo di essi. Per essere predominante, si assume che questo partito abbia ottenuto la maggioranza assoluta almeno 3 volte consecutive nelle competizioni elettorali. È il caso della Svezia e con l'Italia della Dc ci si è andati molto vicini. Il rischio è una degenerazione autoritaria del partito predominante. Sistemi Bipartitici: Due partiti principali che spingono verso il centro emarginando le posizioni radicali. Gran Bretagna - Usa

17 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica I sistemi multipartitici. Sono distinti da Sartori in tre tipi: Pluralismo moderato. I partiti che contano non sono superiori a cinque, e vi sono governi di coalizione. La struttura è bipolare; due coalizioni che competono l'una contro l'altra, tendendo a conquistare il sostegno dell'elettorato moderato di centro. La polarizzazione ideologica è scarsa. Pluralismo polarizzato. I partiti che contano sono superiori a cinque. 1) presenza di partiti antisistema, (partiti comunisti e fascisti); 2) presenza di due opposizioni bilaterali che non potrebbero mai allearsi tra loro; 3) il centro è occupato; 4) il sistema è ideologicamente polarizzato, con due poli (destra- sinistra) caratterizzati da posizioni estreme; I Repubblica Italiana Pluralismo atomizzato o segmentato. I partiti che contano sono nove o più, ma c'è bassa polarizzazione ideologica, alta frammentazione, presenza di coalizioni poco coese e dispersione del potere. È il caso delle giovani democrazie africane e latino- americane, nonché dell'India.

18 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica -Sistema bipartitico sistema elettorale maggioritario - Sistema multipartitico sistema elettorale proporzionale

19 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 19 Un movimento sociale è unazione collettiva tesa a perseguire un interesse o un obiettivo comune di trasformazione, attraverso iniziative esterne alle istituzioni. I MOVIMENTI SOCIALI Caratteristiche: - A differenze dei partiti sono composti da reticoli debolmente connessi di individui che si sentono parte di uno sforzo collettivo. -Elaborano di visioni del mondo e sistemi di valori alternativi rispetto a quelli dominanti -Avanzano rivendicazioni mediante unazione di sfida diretta, rivolta contro autorità politiche, determinati codici culturali o altri gruppi. -Adottano forme particolari di comportamento politico, in primis lutilizzo della protesta come modo di fare pressione politica

20 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica Movimenti sociali : si definiscono in base a - tipo di conflitto espresso (materialisti versus post- materialisti); -identità e progetto (ideologia politica e utopia sociale versus pragmatico); - modo di svolgimento dellazione collettiva o repertori di protesta (logica del numero, del danno, della testimonianza); - forme organizzative (verticali versus reticolari).

21 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica I movimenti sociali e i contro-movimenti si trasformano in base ad un ciclo: Blumer a)Stato nascente – Agitatore Fermento sociale - b)Mobilitazione – Profeta (Diffusione del messaggio, adesione) c)Consolidamento – Amministratore se i leader del movimento generano unorganizzazione più solida, si ha il Consolidamento, altrimenti si giunge alla Smobilitazione, in cui il movimento sociale ha cattiva amministrazione e dunque non riesce a consolidarsi; calano le adesioni ed aumenta il pericolo di nascita di gruppi minori o terroristici. d)Istituzionalizzazione – Uomo di Stato (il movimento si fa partito, rete associativa, innerva delle sue innovazioni il tessuto sociale)

22 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica I contro-movimenti si oppongono a quelli sorti per provocare un cambiamento (animati spesso dal contro-soggetto del conflitto); adottano il medisimo stile complessivo; inizialmente si dispiegano per difendere uno status quo; alcuni si trasformano promuovondo un contro-progetto (rielaborazione ideologico- utopica di una qualche tradizione)

23 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 23 Dopo lascesa e il consolidamento del movimento operaio (il principale movimento della società industriale) dalla seconda metà del XX secolo i movimenti sociali si sono diffusi in tutto il mondo: - movimenti femministi e per i diritti civili (anni 60 e 70); - movimenti antinucleare ed ecologico (anni 80); - movimenti per i diritti degli omosessuali (anni 90); - movimenti no global (inizio del XXI secolo). Essi sono definiti nuovi movimenti sociali prodotti della società tardo-moderna che differiscono dalle forme di azione collettiva precedenti per: obiettivi, metodi, orientamenti

24 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 24 Luso delle tecnologie informatiche da parte dei nuovi movimenti sociali consente di: - rispondere immediatamente agli eventi; - costruire reti internazionali diffuse in tutto il mondo; - la coalizzazione dei movimenti sociali di tutto il mondo in reti internazionali; - accedere a fonti di informazione; - premere su multinazionali, governi e organismi internazionali. Netwars: conflitti internazionali generalizzati, che hanno per oggetto linformazione e la capacità di richiamare lattenzione pubblica.


Scaricare ppt "Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005 Capitolo 11. Potere e politica 1 POTERE E POLITICA."

Presentazioni simili


Annunci Google