La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 1 ETNIE E MIGRAZIONI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 1 ETNIE E MIGRAZIONI."— Transcript della presentazione:

1 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 1 ETNIE E MIGRAZIONI

2 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni Contenuti della lezione: I concetti principali Discriminazione e integrazione Le migrazioni Gli stranieri in Italia

3 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni Parte I: i concetti principali

4 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 4 Letnia si riferisce ai tratti culturali che contraddistinguono una determinata comunità di persone le differenze etniche sono completamente apprese (teoria primordialista vs teoria strumentalista). I principali fattori che distinguono un gruppo etnico sono: - la lingua; - la storia; - la stirpe (reale o immaginata); - la religione; - le usanze; - lalimentazione; - labbigliamento; - gli ornamenti.

5 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 5 Letnia è un attributo di tutti gli individui che compongono una popolazione, ma solitamente letnia è associata alle minoranze. I membri di una minoranza etnica (o di un gruppo minoritario) sono svantaggiati rispetto alla maggioranza della popolazione e condividono un senso di solidarietà e di appartenenza comune. Il termine minoranza ha un significato non solo quantitativo, ma anche e soprattutto qualitativo esso indica la posizione subordinata di un gruppo allinterno della società, piuttosto che la sua consistenza quantitativa.

6 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 6 I pregiudizi sono opinioni e atteggiamenti preconcetti dei membri di un dato gruppo verso gli appartenenti a un altro gruppo. - sono dettati dal sentito dire, piuttosto che dallesperienza diretta; - faticano a cambiare anche di fronte a nuovi elementi di informazione. I pregiudizi possono essere: negativipositivi

7 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 7 I pregiudizi spesso di fondano sugli stereotipi caratterizzazioni rigide e tendenzialmente immutabili di un gruppo. Gli stereotipi possono: - contenere un fondo di verità, condito di esagerazioni; - derivare da un meccanismo di dislocamento sentimenti di ostilità o di rabbia vengono diretti verso oggetti che non sono la reale fonte della tensione (capro espiatorio).

8 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 8 La discriminazione riguarda comportamenti effettivi verso i membri di un determinato gruppo, che li escludono da opportunità riservate ad altri. Il pregiudizio è spesso il presupposto della discriminazione, ma i due fenomeni possono anche verificarsi separatamente: ci può essere pregiudizio senza discriminazione ci può essere discriminazione senza pregiudizio

9 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 9 Il razzismo è la credenza che certi individui siano superiori ad altri sulla base di differenze razzializzate. Il razzismo può essere incorporato nella struttura e nel modo di funzionare di una società razzismo istituzionale. Il razzismo può essere di tipo: biologico culturale basato sulle differenze fisiche ormai raro nella società odierna sfrutta il concetto di diversità culturale per discriminare certi gruppi

10 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni Parte II: discriminazione e integrazione

11 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 11 Interpretazioni psicologiche del razzismo e della discriminazione etnica Individui e gruppi, ricorrendo a stereotipi, scaricano la loro conflittualità su un capro espiatorio, cui viene attribuita la colpa di ogni problema Alcune esperienze di socializzazione sollecitano gli individui a usare il meccanismo della proiezione: inconscia attribuzione ad altri di propri desideri o caratteristiche Studio sulla personalità autoritaria di T.W. Adorno

12 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 12 Interpretazioni sociologiche del razzismo e della discriminazione etnica Evidenziano i processi sociali che danno vita alle concrete forme di discriminazione e utilizzano i concetti di: - etnocentrismo: diffidenza verso i membri di altre culture, giudicate nei termini della propria e della sua presunta superiorità; - chiusura di gruppo: processi attraverso i quali un gruppo preserva i confini che lo separano da altri gruppi meccanismi di esclusione; - allocazione differenziale delle risorse: distribuzione diseguale dei beni materiali lintensità del conflitto etnico è massima.

13 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 13 I modelli di integrazione etnica prevalentemente adottati nelle società multietniche sono: - lassimiliazione: prevede labbandono di usi e costumi tradizionali da parte degli immigrati e la loro adesione ai valori e alle norme della maggioranza; - il crogiolo (o melting pot): si cerca di mescolare le diverse tradizioni in nuove forme capaci di rielaborare i modelli culturali esistenti; - il pluralismo culturale: promuove lo sviluppo di una società genuinamente pluralistica, nella quale è riconosciuta uguale dignità alle diverse subculture.

14 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 14 Leterogeneità etnica può costituire: una grande ricchezza sociale una grande fragilità sociale Oggi, molti dei conflitti che infestano il globo sono basati su divisioni etniche e nel corso di questi conflitti si verificano tentativi di: - pulizia etnica: creazione di aree etnicamente omogenee attraverso lespulsione forzata delle altre etnie; - genocidio: eliminazione sistematica di un gruppo etnico da parte di un altro.

15 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni Parte III: le migrazioni

16 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 16 Le migrazioni (o movimenti migratori) si compongono di due processi: ImmigrazioneEmigrazione Afflusso in un paese di persone che hanno abbandonato altri paesi. Luscita da un paese di persone che intendono stabilirsi in altri paesi. I movimenti migratori: - contribuiscono a determinare la dinamica demografica, economica e sociale. - accentuano la diversità etnica e culturale di una società;

17 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 17 Gli studiosi hanno identificato quattro modelli migratori: - modello classico: limmigrazione è largamente incoraggiata e la promessa della cittadinanza è estesa a tutti i nuovi venuti (es. Canada, Usa e Australia); - modello coloniale: favorisce limmigrazione dalle ex colonie (es. Francia e Gran Bretagna); - modello dei lavoratori ospiti: prevede limmigrazione su base temporanea, per rispondere a richieste del mercato del lavoro, ma non la concessione dei diritti di cittadinanza (es. Germania, Svizzera e Belgio); - modelli illegali: ingresso illegale di immigrati in un paese.

18 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 18 Quali forze stanno dietro ai movimenti migratori globali? Le prime teorie delle migrazioni si sono concentrate su: - fattori di push (spinta): problemi interni al paese dorigine (es. guerre, carestie, oppressione politica) che spingono le persone allemigrazione; - fattori di pull (attrazione): caratteristiche dei paesi di destinazione (es. lavoro, libertà) che attirano gli immigrati. Oggi gli studiosi delle migrazioni adottano un approccio sistemico i modelli migratori globali sono considerati sistemi prodotti da interazioni tra processi macro e micro.

19 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 19 Le principali tendenze capaci di caratterizzare i modelli migratori dei prossimi anni sono: - accelerazione: aumenta il numero di migranti da un paese allaltro; - diversificazione: molti paesi sono destinatari di unimmigrazione più diversificata che in passato; - globalizzazione: le migrazioni assumono un carattere sempre più globale; - femminilizzazione: aumento dellemigrazione femminile legata ai cambiamenti del mercato del lavoro globale.

20 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 20 Diaspora processo per cui unetnia abbandona il luogo di insediamento originario per disperdersi in altri paesi, spesso sotto costrizione o a causa di circostanze traumatiche. A seconda delle forze propulsive che determinano la dispersione di una popolazione, Cohen distingue cinque categorie di diaspore: - diaspora di vittime (africani, ebrei e armeni); - diaspora imperiale (britannici); - diaspora di lavoratori (indiani); - diaspora di commercianti (cinesi); - diaspora culturale (caraibici).

21 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 21 Qualsiasi tipo di diaspora deve soddisfare i seguenti criteri: - trasferimento, forzato o volontario, da una patria di origine a uno o più nuovi paesi; - ricordo comune della patria di origine, impegno per la sua preservazione e speranza di tornarvi; - senso di identità etnica più forte del tempo e delle distanze; - senso di solidarietà verso i membri dello stesso gruppo etnico che vivono nellarea della diaspora; - tensione nei confronti delle società ospiti; - capacità di apportare un contributo creativo al pluralismo delle società ospiti.

22 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 22 Le migrazioni del XX secolo hanno trasformato il volto di molti paesi europei e si possono distinguere alcune fasi: - primi due decenni del secondo dopoguerra: i paesi mediterranei prestavano a quelli nord-occidentali manodopera a buon mercato; - esaurimento del boom economico: rallentamento dellimmigrazione di lavoratori verso lEuropa occidentale; - caduta del muro di Berlino (1989): nuove migrazioni a seguito dellapertura delle frontiere fra est e ovest; - guerra nella ex Jugoslavia: esodo di 5 milioni di rifugiati verso altri paesi europei.

23 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 23 Limmigrazione da paesi extra-Ue è oggi una delle questioni più pressanti dellagenda politica di molti Stati dellUnione europea. I paesi che hanno aderito agli accordi di Schengen consentono il libero ingresso dagli altri paesi firmatari gli immigrati irregolari che riescono a entrare in uno qualsiasi dei paesi aderenti possono poi muoversi senza impedimenti in tutto lo spazio di Schengen. Oggi la maggior parte dei paesi dellUe limita fortemente limmigrazione legale gli episodi di immigrazione irregolare tendono a moltiplicarsi.

24 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni Parte IV: gli stranieri in Italia

25 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni Le principali fonti statistiche sullimmigrazione in Italia sono: lISTAT e la CARITAS\MIGRANTES; al I gennaio 2009, gli stranieri residenti in Italia erano quasi (6,5% della popolazione) (più che raddoppiati tra il 2001 e il 2008); di questi, più del 13% sono nati in Italia (seconda generazione). Circa la metà degli stranieri in Italia ha unetà compresa tra i 25 e i 44 anni; il 42% vive in famiglie monopersonali nel complesso, gli stranieri residenti in Italia sono il 5,8% della popolazione complessiva (dato in linea con quello di paesi di più antica immigrazione, come Francia e Regno Unito); Più della metà dei residenti stranieri provengono dallEuropa centro- orientale; nellordine, i principali paesi di provenienza degli immigrati sono: 1) Romania 2) Albania 3) Marocco 4) Cina 5) Ucraina; oltre il 60% degli stranieri residenti nel nostro paese, vive nel nord Italia. Dal punto di vista dellistruzione, il 38,4% ha un diploma di scuola media superiore ed il 10,5% una laurea.

26 Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

27 Nel 2008 le forze di lavoro straniere rappresentano il 7,6 per cento del totale; il tasso di attività della popolazione straniera supera di oltre dieci punti percentuali quello della popolazione italiana. Risultano più elevati anche il tasso di occupazione degli stranieri (67,1 a fronte di 58,7) e il tasso di disoccupazione (8,5 per gli stranieri e 6,7 per gli italiani); gli stranieri in Italia sono spesso sotto-occupati.


Scaricare ppt "Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006 Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni 1 ETNIE E MIGRAZIONI."

Presentazioni simili


Annunci Google