La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MA LE MAESTRE… DANNO I NUMERI? Da una conversazione svolta in classi seconde: INS.: A CHE COSA SERVE IL VOTO? MATTIA: PER SAPERE QUANTI ERRORI HAI FATTO,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MA LE MAESTRE… DANNO I NUMERI? Da una conversazione svolta in classi seconde: INS.: A CHE COSA SERVE IL VOTO? MATTIA: PER SAPERE QUANTI ERRORI HAI FATTO,"— Transcript della presentazione:

1 MA LE MAESTRE… DANNO I NUMERI? Da una conversazione svolta in classi seconde: INS.: A CHE COSA SERVE IL VOTO? MATTIA: PER SAPERE QUANTI ERRORI HAI FATTO, COSI SAI QUANTO SEI BRAVO GIADA: LE VERIFICHE SERVONO A VOI MAESTRE PER POTER CAMBIARE LE COSE SBAGLIATE LORENZO: IL VOTO VI SERVE PERCHE SENNO SBAGLIO… IN UNALTRA VERIFICA POSSO FAR MEGLIO … INS.: QUESTANNO SAPETE CHE AVRETE I NUMERI… MA LE MAESTRE CHE COSA GUARDERANNO PER DECIDERE I NUMERI DA METTERE SULLA SCHEDA? GIORGIA AL.: GUARDANO LE VERIFICHE LUCA: IL COMPORTAMENTO FRANCESCO: PRENDONO TUTTE LE COSE FATTE BENE E MALE IN UN ANNO SOFIA: IL LAVORO SUL QUADERNO BARTOLOMEO: GUARDANO SE STAI ATTENTO LUCA: ANCHE LE PUNIZIONI? SOFIA: BOH! LORENZO: SI PERCHE CONTA TUTTO

2 LA VALUTAZIONE E UN PROCESSO SOGGETTIVO Un serio limite della valutazione educativa è rappresentato dalla difficoltà di assicurare ad essa un livello accettabile di validità e attendibilità… Se si chiede a un insegnante che cosa si propone di riscontrare attraverso una prova…si possono avere le risposte più diverse

3 Così se si interroga un allievo in matematica, è probabile che la valutazione finisca con assumere importanza decisiva non tanto il livello di abilità…ma il modo in cui presenta i suoi argomenti, la sua capacità di esprimersi in modo corretto, ecc E difficile che insegnanti giudichino in modo, se non uguale, almeno non troppo dissimile le stesse prove; avviene anche che lo stesso insegnante dia valutazioni diverse nel giudicare la stessa prova (per esempio una composizione) a distanza di tempo. (Vertecchi, Validità e attendibilità delle misurazioni)

4 Esercitazione sulla correzione di una prova di composizione scritta

5 LA SOGGETTIVITA E DATA ANCHE DALLA SCALA DEI VOTI I VOTI SCOLASTICI SONO UN ESEMPIO DI SCALA ORDINALE (consentono di stabilire delle graduatorie, cioè delle relazioni di maggioranza o di minoranza, che si riferiscono a una qualità osservata, Stabiliscono un ordine di successione in cui gli intervalli tra una posizione e laltra non sono uguali. Infatti non si può dire che lintervallo tra il 5 e il 6, sia uguale a quello che intercorre tra il 9 e il 10)

6 COME ATTRIBUIRE I VOTI? TIPI DI PROVE

7 PROVE DI VERIFICA STIMOLO CHIUSO STIMOLO APERTO RISPOSTA APERTA STIMOLO CHIUSO RISPOSTA CHIUSA PROVE OGGETTIVE STRUTTURATE STIMOLO CHIUSO RISPOSTA APERTA PROVE SEMISTRUTTURATE STIMOLO APERTO RISPOSTA CHIUSA PROVE SEMISTRUTTURATE STIMOLO APERTO RISPOSTA APERTA PROVE SOGGETTIVE NON STRUTTURATE RISPOSTA CHIUSA

8 PROVE OGGETTIVE A SCELTA OBBLIGATA 1 - MAZZINI SOSTENEVA LA NECESSITA DI CREARE UNA FEDERAIONE DI STATI ITALIANI, PRESIEDUTA DAL PAPA V F 2-MAZZINI GIOBERTI SOSTENEVA LA NECESSITA… 3-GINEVRA E LA CAPITALE DELLA SVIZZERA ZURIGO 4-I GIANSENISTI ATTRIBUIVANO MOLTA IMPORTANZA ALLINSEGNAMENTO DEL LATINO CHE CONSIDERAVANO STRUMENTO DI FORMAZIONE LOGICA NECESSARIO PER LEGGERE I TESTI SACRI

9 DI COMPLETAMENTO Fenomeno caratteristico della situazione politica agli inizi della civiltà moderna è la formazione in Europa di stati …………………… la cui forma di governo è ……………………… Tutto ciò avvenne contemporaneamente allo sviluppo dei ………………italiani. Caratteristiche fondamentali di tali stati sono la tendenza alla ……………… dei poteri con la conseguente formazione di una numerosa …………………., il progressivo sviluppo delle classi ……………… che appoggiavano il ………………… In funzione ………….. e ai fini di accaparrarsi le migliori funzioni ……………., la progressiva eliminazione dei ……………… feudali, il tentativo di estendere ………………………… dello stato fino a che coincida con quello ………………. (1) Il territorio; (2) potere: (3) della Nazione; (4) principe; (5) feudali; (6) borghesi; (7) aristocrazia; (8) monarchici; (9) burocrazia; (10) nazionali; (11) comuni; (12) antifeudale;

10 DI CORRISPONDENZA Corporazione 1) Associazione che mira a difendere i diritti dei lavoratori salariati contro gli imprenditori Coniuratio 2) Lettera solenne di di sovrani o pontefici così chiamata perché fornita di sigilli cui cui era attaccato un bollo di piombo Podestà 3) Primo magistrato eletto nel comune Capitano del 4) Patto tra i ricchi popolo feudatari Bolla 5) Magistrato del comune fiorentino 6) Riforma fiorentina che aumentò il numero delle arti

11 LIMITI DELLE PROVE OGGETTIVE 1.Rilevano conoscenze e in parte abilità 2.Non rilevano i processi superiori di pensiero (senso critico, originalità, creatività, pensare sul pensato, ecc) 3.Non rilevano lapprendimento oltre 4.Non rilevano le competenze

12 LIMITI DELLE PROVE OGGETTIVE << Una prova standardizzata rappresenta una tesi educativa. Non è affatto una valutazione neutra. Non misura affatto. Noi accettiamo lidea del compilatore della prova Le prove formali, mentre a volte sono utili, possono rivelarsi un tranello e una delusione>> N. Postman, Ecologia dei media,

13 PROVE SOGGETTIVE NON STRUTTURATE 1- COLLOQUIO ORALE 2- INTERROGAZIONE ORALE 3- DIALOGO 4- DIBATTITO 5- DISCUSSIONE 6- CONVERSAZIONE 7- COMPOSIZIONE/ESPRESSIONE SCRITTA- ICONICA – MUSICALE - MOTORIA

14 PER LA VALUTAZIONE DI PROVE SOGGETTIVE POSSONO ESSERE UTILI LE RUBRICHE DI VALUTAZIONE

15 DEFINIZIONE DI RUBRICA (M. Comoglio) È una guida alla valutazione e allassegnazione del punteggio fondata su criteri. È un elenco di criteri che consente a chi valuta di esprimere giudizi affidabili sul lavoro dello studente e rappresenta per gli studenti uno strumento di autovalutazione. La rubrica risponde alla domanda: quali sono le caratteristiche di una comprensione o competenza relativa a un determinato obiettivo di risultato?

16 La rubrica risponde a questi interrogativi Con quali criteri sarà giudicato il compito? Qual è la differenza tra un buon lavoro e un lavoro ancora da migliorare? Come possono studenti e insegnante focalizzare la loro preparazione per un lavoro eccellente?

17 Una rubrica è una guida per raccogliere punteggi e cerca di valutare la prestazione di uno studente fondandosi sulla somma di un arco esteso di criteri piuttosto che su un punteggio numerico singolo. I criteri e la rubrica hanno lo scopo di rendere un processo essenzialmente soggettivo tanto più chiaro, coerente e difendibile quanto più possibile Una rubrica è uno strumento per assistere studenti e insegnanti nellesprimere giudizi sul successo conseguito dallo studente.

18 Generalmente la rubrica si basa su un continuum qualitativo della prestazione, costruito su una scala di diversi possibili punteggi, fino a 1 o a 0 per i punteggi più bassi. La rubrica identifica i tratti fondamentali o le dimensioni da prendere in esame e da valutare (per esempio, sintassi oppure comprensione del metodo scientifico). Essa fornisce caratteristiche chiare della prestazione per ciascun livello di punteggio, utilizzando descrittori che esprimono a che livello i criteri sono stati realizzati, consentendo in tal modo a chi valuta di assegnare un punteggio o voto appropriato.

19 OttimoDistintoBuono Appena sufficiente Inaccettab ile Sviluppo delle idee La tesi è presente ed esplicitam ente sostenuta nello sviluppo del saggio. La tesi è presente e la maggior parte dei punti sono argoment ati e sostenuti. La tesi è presente ma vaga. Le argomenta zioni si allontanan o dalla tesi da dimostrare. La tesi è vaga e poco persuasiv a. Gli argomenti a sostegno non sono molto attinenti. Manca la tesi o lorgani zzazion e delle idee. Elaborazione Ben scritto i punti pienament e elaborate affrontati con chiarezza e precisione, informazio ni precise a sostegno della tesi. Ben chiara la maggior parte dei punti elaborati con informazio ni chiare a sostegno della tesi; può contenere errori concettuali di importanz a marginale. Saggio adeguatam ente scritto; alcuni punti sono sviluppati; può contenere qualche errore concettuale o informazio ni irrilevanti. Stile di scrittura trascurato, i punti sono generali sono presenti errori concettuali, e si allontana dalla tesi che deve sostenere. Stile dello scritto povero e scadente, con pochi o nessuno dettaglio specifico, fuori argomen to e ed errori concettu ali. Organizzazione Ben organizzat o e chiarament e concentrat o sulla tesi da sostenere. Organizzazi one presente, ma trascurata; varie affermazio ni fuori posto, problemi senza introduzion e o una conclusion e, senza frasi che segnalino lidea principale. Lorganizz azione confonde chi legge; mancano paragrafi, frasi principali, non si segnalano transizioni, non chiari gli argomenti a favore. È presente poca o nessuna struttura. Il saggio divaga da un argomen to allaltro o è del tutto fuori tema. Forma Non sono presenti errori importanti che possono comprome ttere la comprensi one. Sono presenti 1- 2 errori importanti che possono comprome ttere la comprensi one. Sono presenti 3- 4 errori importanti che possono compromet tere la comprensi one. Sono presenti 5- 6 errori importanti che possono comprome ttere la comprensi one.

20 Risolvere problemi di Matematica EspertoDa miigliorareAgli inizi Concetti e procedure di matematica Comprende i concetti matematici e le relative procedure. Utilizza tutte le informazioni del problema necessarie. Esegue i calcoli in modo accurato o con qualche piccolo errore. Comprende parzialmente i concetti matematici e le relative procedure. Utilizza alcune delle informazioni del problema necessarie. Fa alcuni errori di calcolo. Dimostra di non comprendere i concetti matematici e le relative procedure. Non utilizza le informazioni fornite dal problema o usa informazioni irrilevanti. Non esegue calcoli o ne fa che non sono relazionati al problema. Soluzione del problema Lo studente traduce il problema in una forma matematica utile. Applica il piano e le strategie scelte fino al loro completamento. Nulla è tralasciato. Il piano o la strategia può incorporare molti approcci. Disegni, modelli, diagrammi e simboli se utilizzati, potenziano la strategia. La soluzione è ragionevole e coerente con il contesto del problema. Inquadrando il problema o nellesecuzione della strategia lo studente tralascia qualche elemento. La strategia può funzionare in alcune parti del problema, ma non in altre. La strategia è appropriata ma incompleta nello sviluppo o applicazione, i risultati del calcolo, anche se corretti possono non adattarsi al problema. Lo studente dimostra nessun tentativo di inquadrare il problema o traduce il problema in una forma non matematica. La strategia è inappropriata, disconnessa. Immagini, modelli, diagrammi e simboli, se utilizzati possono avere qualche relazione al problema. La soluzione non è giustificata e/o non si adatta al contesto del problema. Spiegazione matematica La soluzione è chiaramente spiegata e organizzato. La spiegazione è coerente e completa. Non è alcun salto nel ragionamento. Presenta argomenti logici per giustificare la strategia o la soluzione. La spiegazione include esempi e controesempi. Disegni, immagini, simboli e diagrammi, quando utilizzati, accrescono la comprensione. Il linguaggio matematico è corretto. Lo studente tenta di usare il linguaggio matematico, ma non ha usato tutti i termini in modo corretto. La spiegazione include alcuni elementi chiave. Lo studente spiega la risposta, ma non il ragionamento o spiega il processo ma non la soluzione. Disegni, immagini, simboli e diagrammi, se utilizzati, offrono una spiegazione degli elementi principali della soluzione del processo. Le figure, i simboli e i diagrammi quando sono utilizzati interferiscono con la comprensione di ciò che è fatto e perché è stato fatto. La spiegazione non è relazionata al problema. Il lettore non può seguire la spiegazione dello studente. Poca

21 VOTI NEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE -PER LE DISCIPLINE SI RICHIEDE UNA VALUTAZIONE SOMMATIVA DI CONOSCENZE E ABILITA -IL COMPORTAMENTO SOCIALE E DI LAVORO VIENE SINTETIZZATO NEL VOTO DI COMPORTAMENTO E DESCRITTO NEL GIUDIZIO SINTETICO

22 COME ATTRIBUIRE I VOTI ALLE DISCIPLINE? PER SUPERARE LA SOGGETTIVITA SI RICERCA LINTERSOGGETTIVITA: -Confronto e discussione tra le ins. di classi parallele in fase di progettazione di Circolo sulle abilità e conoscenze indispensabili alla fine del primo e del secondo quadrimestre (condivisione documento degli Averi, contenente gli obiettivi specifici di apprendimento di ogni disciplina) -Attribuzione ad ogni voto numerico (in una scala dal 5 al 10) di una serie di abilità e conoscenze che diventano parametri condivisi

23 ESEMPIO DI PARAMETRI ITALIANO 1 ascolto saper ascoltare e comprendere messaggi in contesti Voto 6 Sa ascoltare e comprendere semplici consegne. Voto 7 Sa cogliere lidea globale di un breve testo Voto 8 Sa cogliere gli elementi centrali di un testo (personaggi, luogo, tempo) Voto 9-10 Sa cogliere comunicazioni e consegne comunicativi diversi di tipo diverso per contenuto, mostrando di saper intervenire ed agire in modo pertinente al contesto. 2 lingua parlata parlare correttamente e comunicare, adattando il linguaggio a situazioni e contesti diversi Voto 6 È in grado di verbalizzare in modo comprensibile semplici esperienze personali Voto 7 È in grado di intervenire nelle conversazioni in modo ordinato e pertinente. Voto 8 È in grado di verbalizzare esperienze personali, selezionando le idee principali e utilizzando un lessico appropriato. Voto 9-10 Coglie relazioni logiche trasferendole in altri contesti, utilizzando un lessico adeguato al contesto.

24 3 lettura (comprensione) comprendere la lingua scritta nei suoi diversi generi testuali. amare la lettura come emozione immediata, piacere e arricchimento personale. sapersi documentare Voto 6 Individua il significato globale di un semplice testo letto, avvalendosi principalmente del supporto visivo. Voto 7 Individua il significato globale di un semplice testo letto, attraverso lanticipazione (contesto, titolo, immagini). Voto 8 Individua il significato globale di un testo letto, cogliendo informazioni esplicite. Voto Individua, allinterno di un testo letto, personaggi, luogo e tempo,cogliendo lidea centrale e semplici informazioni implicite. 3 lettura (tecnica) comprendere la lingua scritta nei suoi diversi generi testuali. amare la lettura come emozione immediata, piacere e arricchimento personale. sapersi documentare Voto 6 Sta automatizzando la lettura, aumentandone la rapidità. Voto 7 Legge a voce alta rapidamente e correttamente. Voto 8 Legge a voce alta in modo scorrevole ed espressivo. Voto 9-10 Utilizza la lettura silenziosa. Ha scoperto la lettura come momento di piacere personale.

25 4 scrittura produrre e rielaborare testi scritti rispettando la correttezza ortografica e comunicativa. riconoscere le principali strutture sintattico-grammaticali e saperle usare correttamente. usare un lessico completo e competente Voto 6 Ha consolidato la corrispondenza fonema-grafema. Riflette sul funzionamento del codice linguistico, allinterno delle parole. Voto 7 Produce semplici enunciati in cui utilizza le principali concordanze morfo-sintattiche. Voto 8 Produce insiemi di più enunciati relativi ad un argomento dato, utilizzando le principali concordanze morfo-sintattiche. Voto 9-10 Produce semplici testi utilizzando le idee raccolte per la scrittura e i principali segni di interpunzione. 4 scrittura (creativa) produrre e rielaborare testi scritti rispettando la correttezza ortografica e comunicativa. riconoscere le principali strutture sintattico-grammaticali e saperle usare correttamente. usare un lessico completo e competente Voto 6 Coglie semplici rime e individua concordanze e differenze tra parole, a livello semantico. Riordina le parole per formare semplici frasi. Voto 7 Riconosce ed inventa semplici rime e individua concordanze e differenze tra parole, a livello fonetico e semantico. Riordina le parole per formare frasi. Data una frase minima riconosce soggetto e predicato Voto 8-9 Produce rime in modo autonomo e individua concordanze e differenze tra parole, a livello fonetico e semantico. Manipola parole e frasi in modo autonomo, rispettando regole date. Voto 10 Individua la funzione delle parole allinterno della frase ( soggetto, predicato verbale – nomi, articoli, verbi, aggettivi qualificativi – genere e numero). Riutilizza schemi, ritmi, regole, vocaboli,… in modo creativo.

26 SCIENZE 6: Sa osservare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale e individuarne una caratteristica 7: Sa osservare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale e individuarne una caratteristica Sa ordinare e classificare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale secondo uno o più attributi 8 : Sa osservare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale e individuarne una caratteristica Sa ordinare e classificare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale secondo uno o più attributi Sa formulare unipotesi coerente relativamente ad un fenomeno 9 : Sa osservare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale e individuarne una caratteristica Sa ordinare e classificare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale secondo uno o più attributi Sa formulare unipotesi coerente relativamente ad un fenomeno Sa effettuare esperimenti per verificare quanto ipotizzato 10: Sa osservare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale e individuarne una caratteristica Sa ordinare e classificare un elemento del mondo fisico, animale o vegetale secondo uno o più attributi Sa formulare unipotesi coerente relativamente ad un fenomeno Sa effettuare esperimenti per verificare quanto ipotizzato Sa descrivere esperimenti utilizzando strumenti noti (disegno, sequenze, semplici diagrammi)

27 MOMENTO ERMENEUTICO E necessario evitare: EFFETTO STEREOTIPIA Tendenza allinalterabilità del giudizio – Conferma dellopinione originaria EFFETTO DI CONTRASTO Confronto con prestazioni degli alunni migliori EFFETTO ALONE Influenza della prestazione precedente su quella successiva RISCHI DEL MOMENTO MOMENTO ERMENEUTICO

28 EFFETTO DI DISTRIBUZIONE I risultati si distribuiscono secondo la curva di Gauss EFFETTO EDIPICO DI PREDIZIONE Effetto Pigmalione Profezia autoavverantesi

29 QUESTO STRUMENTO NON ELIMINA LA SOGGETTIVITA, NELLA VALUTAZIONE, MA PUO AIUTARE A CONTENERLA


Scaricare ppt "MA LE MAESTRE… DANNO I NUMERI? Da una conversazione svolta in classi seconde: INS.: A CHE COSA SERVE IL VOTO? MATTIA: PER SAPERE QUANTI ERRORI HAI FATTO,"

Presentazioni simili


Annunci Google