La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA FARE RICERCA NELLA BIBLIOTECA SCOLASTICA DONATELLA LOMBELLO A.A.2012-13.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA FARE RICERCA NELLA BIBLIOTECA SCOLASTICA DONATELLA LOMBELLO A.A.2012-13."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA FARE RICERCA NELLA BIBLIOTECA SCOLASTICA DONATELLA LOMBELLO A.A

2 LE 8 COMPETENZE CHIAVE PER LAPPRENDIMENTO PERMANENTE RACCOMANDAZIONE DEL 18 DICEMBRE 2006 (PARLAMENTO E CONSIGLIO EUROPEO) RACCOMANDAZIONE 1. Comunicazione nella madrelingua; 2. Comunicazione nelle lingue straniere; 3. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; 4. Competenza digitale; 5. Imparare ad imparare; 6. Competenze sociali e civiche; 7. Spirito di iniziativa e imprenditorialità; 8. Consapevolezza ed espressione culturale.

3 Le Information Skills secondo la letteratura anglosassone comprendono: - le abilità di studio (Study Skills) - le abilità di apprendimento autonomo (Learning Skills) - le abilità di comunicazione (Communication Skills) - le abilità di uso della biblioteca (Library Skills) - le abilità di uso dei media (Media Literacy)

4 FARE RICERCA NELLA BS È SEMPRE UN LAVORO COOPERATIVO DI CO-COSTRUZIONE DEI SIGNIFICATI

5 L INFORMATION LITERACY perché insegnare le abilità di ricerca e uso dellinformazione? come insegnare le abilità di ricerca e uso dellinformazione? perché realizzare percorsi di ricerca a scuola? come realizzare percorsi di ricerca a scuola?

6 COME DORMONO LE GIRAFFE?

7 SOLUZIONI?

8 COME DORMONO LE GIRAFFE? Domanda a Seymour Papert discepolo di Jean Piaget e inventore del linguaggio di programmazione Logo durante una sua visita in una scuola materna, Jennifer, una bambina di quattro anni gli chiese se sapeva come dormissero le giraffe avendo saputo che Papert era cresciuto in Africa Papert coinvolse nella discussione altri bambini raccogliendo una ricca messe di teorie

9 IPOTESI DI SOLUZIONE linsegnante può : attivarsi per fornire ai bambini una spiegazione completa ed esaustiva «Controllerò sullenciclopedia e domani ve lo dirò» sollecitare nuove domande e ipotesi per indirizzare progressivamente i bambini alla risoluzione del problema chiedere ai bambini di scegliere le ipotesi a loro avviso più verosimili e di formalizzarle, disegnandole su alcuni cartelloni per poi confrontarle fra loro Sulla carta si materializzerà limmagine della giraffa che dorme in piedi col collo penzoloni, accanto a quella che dorme sdraiata, con la testa appoggiata per terra, dopo aver fatto una spaccata con le zampe insieme allaltra, che reclina la testa sul ramo più alto di un albero…

10 QUALI STRATEGIE? Confrontate tra loro le diverse ipotesi di soluzione, ladulto potrà invitare i bambini ad immaginare possibili vie e strumenti per verificarle: Dove possiamo cercare per sapere come dormono le giraffe? In biblioteca per guardare le figure di qualche libro sugli animali? Nella videoteca per vedere se esistono documentari sulle giraffe? Nel laboratorio dinformatica per consultare qualche ipertesto o qualche sito telematico dedicato alla vita degli animali? Allo zoo più vicino, per chiederlo a qualche esperto o per aspettare che qualche giraffa si addormenti? In Africa per un safari fotografico?

11 PROCESSO DI RICERCA Linsegnante potrà: sollecitare la riflessione degli allievi sulle strade effettivamente percorribili guidarli alla scoperta della soluzione accompagnarli nel luogo scelto aiutarli nella selezione e consultazione dei documenti pertinenti Risultati Porre i bambini nella condizione di : impadronirsi in modo attivo di contenuti concettuali consentire loro di utilizzare le proprie risorse consentire loro di sviluppare il proprio potenziale intellettivo

12 Metodo CriticoMateriale informativo IL PROCESSO DI RICERCA IMPLICA:

13 elementi strutturali 1.carattere problematico 2.aspetto intenzionale 3.approccio metodologico o sistematico (Braga) elementi variabili scopo campo di applicazione strumenti livello metodologico RICERCA: CARATTERI

14 PERCHÉ SEGUIRE UN METODO DI RICERCA per ottenere: un effetto rassicurante un percorso di risoluzione del problema efficienza (risparmio di tempo) efficacia (raggiungimento dellobiettivo) orientamento fra assenza ed eccesso di informazioni controllo e verifica del percorso compiuto

15 UN METODO È UNO STRUMENTO DA METTERE ALLA PROVA evitare facili semplificazioni : complessità del processo di ricerca e di acquisizione di nuova conoscenza solo raramente la ricerca e lacquisizione di nuovo sapere avvengono con la linearità e sistematicità che i vari modelli metodologici presuppongono

16 LA DIFFICOLTÀ DI INDICARE UN METODO In situazione di difficoltà nella ricerca dellinformazione la persona che vi è implicata può assumere vari atteggiamenti. Può tirarsi da parte, abbandonando l'attività che l ha condotta fino a quel punto, e volgersi a qualcosa d'altro. Può indulgere ad una serie di fantasticherie […] Oppure può guardare in faccia la situazione. In questo caso, essa comincia a riflettere. (J. Dewey, Come pensiamo) Un atteggiamento riflessivo e un approccio metodologico – inteso nel senso etimologico (hodos=strada) di «seguire una via» – sono fondamentali ai fini della corretta impostazione di una strategia di ricerca (Braga)

17 SECONDO JOHN DEWEY tra i due estremi del processo di ricerca «la situazione perturbata, dubbia, incerta dell'inizio» e «la situazione rischiarata, unificata o risolta alla fine» l'attività del pensiero attraversa cinque fasi

18 1.prima fase, pre-riflessiva : il pensiero, avvertendo l'insorgere di una difficoltà, anticipa in modo ancora vago qualche possibile soluzione, sulla base delle «suggestioni» provenienti dall'ambiente di partenza 2. il pensiero inizia a definire meglio i termini del problema attraverso l'«intellettualizzazione delle difficoltà o delle perplessità avvertite (direttamente esperite) 3. pensiero formula delle idee-guida o ipotesi di lavoro «per iniziare e guidare l'osservazione ed altre operazioni nella raccolta del materiale di fatto» 4. si rielaborano e collegano tra loro le diverse idee e «supposizioni», unificandole un un'ipotesi conclusiva da sottoporre a verifica 5. l'ipotesi è sottoposta a processo di controllo, tramite un esperimento diretto o, quando questo non è possibile, tramite l'«immaginazione». LE 5 FASI DI DEWEY

19 FARE RICERCA IN BS Nella biblioteca scolastica linsegnante e il bibliotecario documentalista scolastico sono tutor mediatori nel processo di apprendimento e di conoscenza È sospesa e sostituita la modalità dinsegnamento frontale direttivo e unidirezionale finalizzato alla trasmissione delle conoscenze E dunque è sospeso ogni apprendimento di tipo unicamente ricettivo-passivo da parte dellallievo

20 CO-COSTRUIRE I SAPERI Si impara solo costruendo/co-costruendo il significato Poiché nellambiente biblioteca scolastica il clima pedagogico è favorevole a: sollecitare domande promuovere il confronto tra i diversi punti di vista nel rispetto reciproco

21 Indicazioni metodologiche: Eisenberg-Berkowitz, The 6 Big Skills (Braga) Sono identificate sei fasi del processo di ricerca. Definizione del problema Individuazione di una strategia di ricerca Localizzazione e accesso alle fonti Uso delle informazioni Sintesi Valutazione

22 La Ricerca Information Problem-Solving (Braga, 2005, pp.25-77) ogni attività di ricerca implica sempre la ricerca e luso di dati e informazioni ogni processo dindagine si configura in parte o del tutto come una ricerca documentaria, intendendo per documento qualsiasi supporto contenente dei dati

23 Linformazione (Braga) è un processo non un prodotto è il processo di risposta a un bisogno informativo è il complesso di attività organizzate e messe in atto per recuperare e utilizzare in modo consapevole informazioni pertinenti in merito a un dato problema

24 ABILITA DI RICERCA E DI USO DELLINFORMAZIONE (Braga) L insegnante che avvia un percorso di ricerca, deve: -far emergere, attraverso una discussione guidata le pre-conoscenze e i pre-giudizi degli studenti intorno alla questione proposta; -porre domande mirate o fornire elementi atti a suscitare domande, evidenziare linadeguatezza delle «pre-conoscenze» nellaffrontare aspetti ignoti e imprevisti del problema; -proseguire nel quéstionnement du problème sino a determinare un «conflitto cognitivo», rompendo lequilibrio della precedente struttura cognitiva, in modo da far dubitare lo studente della propria concezione e renderlo così disponibile ad accoglierne una alternativa; -invitare lo studente a ristabilire lequilibrio del proprio sistema cognitivo avanzando ipotesi e cercando di reperire informazioni per stabilire nuovi collegamenti e reinterpretare certi dati; -guidare lo studente nel processo di ricerca e nellelaborazione di una nuova struttura cognitiva, che sia in grado di fornire risposte agli interrogativi lasciati aperti dalla struttura precedente

25 PROGETTARE PERCORSI DI RICERCA A SCUOLA Per una didattica della spiegazione è sufficiente ordinare i contenuti in una data sequenza, in modo chiaro e ordinato. Per una didattica della ricerca è indispensabile trasformare i contenuti in problemi sui cui poi innestare un percorso euristico. (Braga, Master 2005)

26 Modelli epistemologici (Braga) pensiero del filosofo e pedagogista statunitense John Dewey concezione strumentalista della conoscenza e attivismo pedagogico (assunzione del pensiero come strumento per risolvere i problemi dellazione; learning by doing) schema ipotetico-deduttivo del razionalismo critico (non ci sono delle verità evidenti….) Karl R. Popper, La logica della scoperta scientifica Karl R. Popper, Congetture e confutazioni

27 Modelli epistemologici (Braga) Popper: metodo « per tentativi ed errori », percorso procedurale di tipo ipotetico-deduttivo presa di coscienza e definizione di un problema; formulazione di un ipotesi di soluzione, cio è costruzione di una nuova teoria; deduzione di proposizioni controllabili dalla nuova teoria; processo di controllo della nuova teoria attivit à di osservazione e sperimentazione (esperimenti cruciali) indirizzati a tentativi di confutazione (e non di verificazione) delle ipotesi formulate; preferenza accordata a una teoria fra diverse teorie in competizione

28 Modelli epistemologici (Braga) il modello epistemologico popperiano integrato dalle riflessioni deweyane costituisce ancora un utile riferimento per l applicazione didattica del processo euristico Da tale modello derivano: l attenzione per la centralit à dei problemi e per il carattere sempre intenzionale della conoscenza, la consapevolezza della provvisoriet à degli esiti conseguiti e una perenne apertura alla ricerca culturale l indicazione di un percorso procedurale rigoroso utile per progettare itinerari di ricerca a scuola

29 Indicazioni epistemologiche La scienza nasce da problemi. Allorigine della conoscenza non stanno osservazioni indifferenziate, ma problemi importanti per il soggetto conoscente:«Senza problema, nessuna osservazione». Implicazioni pedagogico-didattiche Far inciampare gli alunni nei problemi. Far capire agli alunni che il punto di partenza della scienza non sta nelle percezioni e nelle osservazioni sensoriali, ma nella presa di coscienza di un problema, la cui soluzione comporta una serie di osservazioni.

30 Indicazioni epistemologiche La scienza è guidata da ipotesi. La scienza è conflitto e controversia. Lo sviluppo scientifico è dinamico, graduale, rettificabile: lerrore è sempre utile. Esistono gradi diversi di attendibilità delle teorie. La scienza è il risultato di una preferenza accordata ad una teoria fra altre teorie in competizione. Si compiono sempre delle scelte. Implicazioni pedagogico-didattiche Rendere gli alunni consapevoli del carattere ipotetico della conoscenza. Mostrare come i problemi possano essere affrontati da punti di vista diversi. Educare alla positività dellerrore e alla falsificabilità come criterio di legittimazione delle teorie accettate. Mostrare la provvisorietà di ogni risultato e gli elementi incerti e dubbi delle teorie più accreditate e delle convinzioni più consolidate. Rendere trasparenti i criteri di scelta e di selezione che soggiacciono alla preferenza accordata a una data teoria scientifica.

31 La ricerca nel contesto scolastico (Braga) L insegnante che progetta un percorso di ricerca deve: porsi in situazione e analizzare l'ambiente in cui tale percorso deve essere sviluppato adeguare l ambito, lo scopo e il livello d approfondimento della ricerca alle competenze cognitive dei propri studenti mantenere l approccio problematico, il carattere intenzionale e il rigore metodologico che contraddistinguono ogni vera esperienza euristica


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA FARE RICERCA NELLA BIBLIOTECA SCOLASTICA DONATELLA LOMBELLO A.A.2012-13."

Presentazioni simili


Annunci Google