La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RUBRICHE: Editoriale Mondo filiali Attualità Cera una volta Cinema e cultura FlashEditorialeMondo filialiAttualitàCera una voltaCinema e culturaFlash SPAZIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RUBRICHE: Editoriale Mondo filiali Attualità Cera una volta Cinema e cultura FlashEditorialeMondo filialiAttualitàCera una voltaCinema e culturaFlash SPAZIO."— Transcript della presentazione:

1 RUBRICHE: Editoriale Mondo filiali Attualità Cera una volta Cinema e cultura FlashEditorialeMondo filialiAttualitàCera una voltaCinema e culturaFlash SPAZIO LIBERO Numero 45 – febbraio 2008 Anno IV

2 EDITORIALE GIOVANI E DIRITTO DI ASSOCIAZIONE Stanno entrando nuove generazioni in banca… Questa banale constatazione comporta, invece, una formidabile sfida al Sindacato, a cominciare dalla prima e più insidiosa domanda che rivolgono i giovani: cosa significa leventuale iscrizione al Sindacato? Proviamo a rispondere. La possibilità di iscriversi al Sindacato è levidente portato del diritto di associazione, costituzionalmente garantito; cioè un gruppo di persona ha libertà di associarsi, di mettersi insieme. Leggiamo, a tal proposito, questa semplice, fresca e magistrale esposizione di Di Vittorio (primo Segretario della CGIL del dopoguerra): Il diritto di associazione è senza dubbio fra i diritti fondamentali del cittadino………..Tale diritto deve essere riconosciuto a tutti i cittadini di ambo i sessi e di ogni ceto sociale, senza nessuna esclusione. Tuttavia, la Costituzione non può ignorare che se il diritto di associazione deve essere garantito ad ogni cittadino, esso ha però un valore diverso per i differenti strati sociali. Nellattuale sistema sociale, infatti, la ricchezza nazionale è troppo mal ripartita, in quanto si hanno accumulazioni dimmensi capitali nella mani di pochi cittadini, mentre lenorme maggioranza di essi ne è completamente sprovvista. In tali condizioni è chiaro che …..il cittadino lavoratore ed il cittadino capitalista non si trovano affatto in condizioni di eguaglianza. Il cittadino capitalista, basandosi sulla propria potenza economica, può lottare e prevalere anche da solo in determinate competizioni di carattere economico. %

3 EDITORIALE segue:GIOVANI E DIRITTO DI ASSOCIAZIONE Il cittadino lavoratore, invece, da solo non può ragionevolmente nemmeno pensare a partecipare a tali competizioni. Ne consegue che per il cittadino lavoratore la sola possibilità che esista -..….senza essere schiacciato in partenza – è quella di associarsi con altri lavoratori aventi interessi e scopi comuni, per controbilanciare con il numero, con la associazione e con lunità di intenti e dazione degli associati, la potenza economica del singolo capitalista od unassociazione di capitalisti. Il Sindacato, perciò, è lo strumento più valido per i lavoratori, per laffermazione del diritto alla vita e del diritto al lavoro…… Lo strumento più valido per il diritto alla vita (intesa come dignità) e il diritto al lavoro: rimane questa, dunque, la risposta prima da dare ai giovani.

4 MONDO FILIALI Continua lesame del mondo ex Intesa, iniziato lo scorso numero. Dopo aver visto la filiale ordinaria, vediamo il centro imprese: la differenza più marcata con le filaili impresa ex san Paolo è nella mancanza del back office imprese. Il centro imprese è la struttura a presidio della clientela imprese, attualmente individuata con fatturato oltre 2,5/mil, al di sotto è competente la filiale ordinaria. Dimensioni e figure professionali si configurano rispetto alle caratteristiche del mercato presidiato DIRETTORE RESPONSABILE CREDITI GESTORE IMPRESE ASSISTENTE IMPRESE

5 MONDO FILIALI CENTRO IMPRESE* *Le imprese con 50/mil di fatturato afferiscono al Centro Corporate; le imprese con 300/mil di fatturato afferiscono al Large Corporate Italia; queste due strutture fanno riferimento alla Divisione Corporate e non alla Divisione Rete di cui fa parte il Centro Imprese che stiamo esaminando. I centri imprese possono prevedere degli addetti operativi (casse) Il livello di struttura (1 o 2) risponde a un criterio di autonomia creditizia FIGURA PROFESSIONALE CONDIZIONIINQUADRAMENTO DINGRESSO PERCORSO PROFESSIONALE DIRETTOREUGUALE ALLE FILIALI ORDINARIE DIRETTORE CON RUOLO CHIAVE LIVELLO DI STRUTTURA 2 QD4 R.C.FASCIA 2 LIVELLO DI STRUTTURA 1 QD4 R.C. FASCIA 1 RESPONSABILE CREDITI (ove previsto) DA 4 A 5 UNITA3AREA 4LIVELLO DA 6 A 9QD1 OLTRE 9QD2 GESTORE IMPRESEPORTAFOGLIO IMPRESE 3AREA 4LIVELLO-DOPO 24 MESI: QD1 -DOPO ALTRI 24 MESI: QD2 ASSISTENTE CENTRO IMPRESENECESSITA SUPPORTO GESTORE 3AREA 1LIVELLO-DOPO 12 MESI: 3AREA 2LIVELLO -DOPO ALTR1 24 MSI: 3AREA 3LIVELLO - DOPO ULTERIORI 24 MESI: 3AREA 4LIVELLO

6 194 Alla luce di un sempre più visibile impegno dei comitati per la vita - avente come oggetto la difesa della famiglia e, più specificamente, lostracismo alla legge mi chiedo dove siano finite le femministe combattive e talvolta finanche esagerate degli anni 70. Quelle che lutero è mio e lo gestisco io. Oggi le donne possono scegliere di abortire in sicurezza, ciascuna con la sua storia e con un dramma strettamente personale. Sarebbero tante le domande da farsi: cosa prova una donna che interrompe una gravidanza? Come ricorda la sua sofferenza? Ma soprattutto, come affrontare le angosce di una decisione da prendere con tutto il carico di responsabilità che ne deriva? Le risposte non interessano a tutti. Non interessano ad una corrente moralista e perbenista, nonché pia e devota anche se atea o semplicemente conservatrice, perchè così è sempre stato. Non interessano ad uomini imporporati di rosso, anello doro al dito, mani bianche e pulite, anziani senza prole, che pretendono di sapere tutto di famiglia, educazione e figli, senza aver mai vissuto tali esperienze. Pronti a scagliare la prima pietra senza averne titolo. Fedeli ai propri dogmi sino ad apparire talvolta cinici, perchè Dio lo vuole. Le donne, in questo periodo, sono sole. Divise tra una categoria di uomini che le preferiscono trastullo dei lavoratori ed unaltra, invece, (più sessuofobica) come angeli del focolare. Vittime di una visione ideale della famiglia da applicare come modello assoluto ed indiscusso. Gli uomini che tuonano contro laborto sono sacerdoti, colleghi, amici oppure mariti di donne spesso accondiscendenti, illuse della loro libertà senza valutare che in questa drammatica materia la loro scelta - in un futuro non più remoto - potrebbe ridursi ad una sola alternativa: una lussuosa clinica estera oppure una comoda mammana della porta accanto. Donne quiete del loro vivere, riscaldate da un camino protettivo del loro maschio pastore, pensano che tutto ciò non riguardi - e mai lo farà - la loro immacolata reputazione. Ignare che ancora oggi il loro corpo è un campo di battaglia dove eserciti di maschi piantano le loro bandiere ed innalzano altari ai loro dei. Per tale motivo, infatti, le spallate alla legge 194 rappresentano il prologo alla riaffermazione di un vitale dominio sulle donne per tagliare, poi, servizi sociali di cui si vuole siano loro a doversi occupare, per escluderle dal lavoro (disoccupazione femminile italiana più alta dEuropa) e dai ruoli di responsabilità. E dopo di esse toccherà agli omosessuali, ai laici, agli scienziati, e chissà a quali altre categorie. Le donne hanno bisogno di difendersi, di essere solidali verso le meno fortunate che non hanno una famiglia, un lavoro o un buon marito che permetta loro di trovare allestero ciò che non è possibile in Italia. Dovrebbero impegnarsi per la difesa della 194 come non hanno fatto per i referendum sulla fecondazione assistita da esse disertato in massa. È difficile conquistare la libertà, ma più difficile ancora è difenderla poi. Rinunciarvi subito, equivale a fare di essa unora daria per un prigioniero.

7 fede e ragione – uomo e donna La disputa fra fede e ragione non fu sempre, come oggi, combattuta a colpi di opinioni, articoli e pamphlet, ma ebbe momenti ed episodi cruenti e, a volte, si intrecciò con un altro grande conflitto culturale, quello tra uomo/donna Ci riferiamo a quanto accadde nel marzo del 415 d.c., quando un assassinio impresse, come disse Gibbon in Declino e caduta dellimpero romano, «una macchia indelebile» sul Cristianesimo. La vittima fu una donna: Ipazia, detta la musa o la filosofa. Il mandante un vescovo: Cirillo, patriarca di Alessandria dEgitto. Il contesto storico in cui lavvenimento ebbe luogo è il periodo in cui il cristianesimo effettuò una mutazione genetica, cessando di essere perseguitato con leditto di Costantino nel 313, diventando religione di stato con leditto di Teodosio nel 380, e iniziando a sua volta a perseguitare nel 392, quando furono distrutti i templi greci e bruciati i libri pagani. Gli avvenimenti ad Alessandria precipitarono a partire dal 412, quando divenne patriarca il fondamentalista Cirillo. In soli tre anni il predicatore della religione dellamore riuscì a fomentare lodio contro gli ebrei, costringendoli allesilio. Servendosi di un braccio armato costituito da monaci combattenti sparse il terrore nella città e arrivò a ferire il governatore Oreste. Ma la sua vera vittima sacrificale fu Ipazia, il personaggio culturale più noto della città. Figlia di Teone, rettore delluniversità di Alessandria e famoso matematico egli stesso, Ipazia e suo padre sono passati alla storia scientifica per i loro commenti ai classici greci: si devono a loro le edizioni delle opere di Euclide e Archimede che presero la via dellOriente durante i secoli, e tornarono in Occidente in traduzione araba,. In un mondo che ancora oggi è quasi esclusivamente maschile, Ipazia viene ricordata come la prima matematica della storia: lanalogo di Saffo per la poesia, o Aspasia per la filosofia. Anzi, fu la sola matematica per più di un millennio: per trovarne altre, da Maria Agnesi a Sophie Germain, bisognerà attendere il Settecento. Ma Ipazia fu anche linventrice dellastrolabio, del planisfero e dellidroscopio, oltre che la principale esponente alessandrina della scuola neoplatonica. Le sue opere sono andate perdute, ma alcune copie sono state ritrovate nel Quattrocento; per ironia della sorte, nella Biblioteca Vaticana. Il razionalismo di Ipazia, che non si sposò mai a un uomo perché diceva di essere già «sposata alla verità» costituiva un controaltare troppo evidente al fanatismo di Cirillo. Uno dei due doveva soccombere e non poteva che essere Ipazia: perché così andava e va ancora il mondo Aggredita per strada, Ipazia fu scarnificata con conchiglie affilate, smembrata e bruciata. Oreste denunciò il fatto a Roma, ma Cirillo dichiarò che Ipazia era sana e salva ad Atene. Dopo uninchiesta, il caso venne archiviato «per mancanza di testimoni». Come si vede, già i puri fatti sono sufficienti a imbastire un discreto romanzo, come ha fatto Caterina Contini in Ipazia e la notte. Se poi questi fatti sono riconosciuti con attenzione psicologica e filosofica, e narrati con scrittura dolce e ispirata, allora diventa ottimo, e permette alla figura di Ipazia di stagliarsi luminosa nel buio della notte che la inghiottì insieme alla verità, sua sposa. Ipazia aveva due difetti: era donna e con una testa pensante.

8 AMERICAN GANGSTER di Ridley Scott Fin dallinizio della sua carriera di regista con I Duellanti linglese Ridley Scott si è segnalato come uno dei più interessanti maestri di cinema. Infatti, la sua filmografia è ormai piena di opere famose e di cult movies come Blade Runner (tratto da Philip Dick), Alien e Il Gladiatore. Scott si è rivelato bravo anche quando si è cimentato come regista di genere con il poliziesco Chi protegge il testimone oppure nello storico-politico con 1492-la conquista del paradiso, nel quale illustra la vicenda umana, storica e politica importantissima per lumanità, di Colombo e della sua scoperta del nuovo mondo e, inoltre, con Thelma e Luise, viaggio disperato di ribellione alla condizione femminile negli Usa. Con Amerigan Ganster Ridley Scott fornisce unulteriore prova della sua maestria raccontando NON solo la vicenda di F. Lucas (Denzel Washington) – gangster afroamericano che dominò negli anni 68/75 del secolo scorso a New York, smerciando cocaina a buon mercato, comprandola alla fonte, nel sud est asiatico – ma mettendola in parallelo ed a confronto con la vicenda del poliziotto, interpretato da Russell Crowe. Confronto soprattutto rispetto alle diverse scelte morali ed esistenziali (di dominio mafioso ed assassinio da un lato e di limpidezza ed onestà dallaltro) fatte dai due nello stesso contesto, caratterizzato dalla corruzione nella società americana, nella polizia newyorkese, come nellesercito Usa, impegnato in quel momento nella guerra in Vietnam. Tale corruzione, che creava autentici mostri digangsterismo statale nella polizia e nellesercito, fu lo strumento del dominio mafioso creato da F. Lucas. Ciò che è interessante in American Gangster è, naturalmente, il modo ed il metodo cinematografico proposto da R. Scott, cioè un ritorno al racconto classico per montaggio alternato usato per descrivere lopera, le fortune mafiose, lipocrita vita familiare di F. Lucas ed in contemporaneità come esse erano devastanti per le persone, le famiglie ed il mondo afroamericano di New York, per la diffusione mortale della droga illustrate attraverso scene anche visivamente disturbanti che rimandano alla lezione cinematografica di Spike Lee (regista di Malcom X, Jungle Fever, Fa la cosa giusta, Mò Better Blues, etc.) sul mondo afroamericano statunitense. Lo stesso espediente narrativo in montaggio alternato è usato nel descrivere la soluzione finale del film, ovvero la retata finale del poliziotto Crowe ed in contemporaneità la partecipazione al rito religioso del mafioso Lucas con la sua famiglia. Un chiaro, evidente ri-uso (non citazione pura e semplice) della lezione di F. Ford Coppola nel suo il Padrino, quando Michael/Al Pacino partecipa al battesimo in chiesa e in contemporanea si vedono le soluzioni finali contro i suoi nemici; il rito religioso è accompagnato da musica e canti religiosi tipici della cultura black americana ad imprimere sacralità agli accadimenti. Lespediente del montaggio alternato è fondamentale per connotare e significare proprio i diversi percorsi e le diverse scelte fatte nello stesso contesto dai 2 protagonisti del film, il poliziotto ed il mafioso. Con American Gangster, Ridley Scott è ancora autore di grande cinema.

9 FLASH

10 La Redazione Giorgio Campo Alfredo Conte puoi leggerci anche su: Antonio Coppola cgil.it/fisac.sanpaolo/bancodinapoli cgil.it/fisac.sanpaolo/bancodinapoli Mario De Marinis ha collaborato Stefano Borgna Antonio Forzin Amedeo Frezza Rosalia Lopez Raffaele Meo Italo Nobile Maria Teresa Rimedio Anna Maria Russo


Scaricare ppt "RUBRICHE: Editoriale Mondo filiali Attualità Cera una volta Cinema e cultura FlashEditorialeMondo filialiAttualitàCera una voltaCinema e culturaFlash SPAZIO."

Presentazioni simili


Annunci Google