La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il docente di sostegno: un ruolo nella scuola dellinclusione 1 Gabriella Fumagalli - Maria Grazia Redaelli Scuola Snodo Handicap Monza Est.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il docente di sostegno: un ruolo nella scuola dellinclusione 1 Gabriella Fumagalli - Maria Grazia Redaelli Scuola Snodo Handicap Monza Est."— Transcript della presentazione:

1 Il docente di sostegno: un ruolo nella scuola dellinclusione 1 Gabriella Fumagalli - Maria Grazia Redaelli Scuola Snodo Handicap Monza Est

2 2 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEVE COINVOLGERE una pluralità di figure Insegnanti di classe Insegnante di sostegno Operatori dei servizi Assistente educativo alunni Dirigente scolastico Collaboratori scolastici famiglie

3 3 Linsegnante di sostegno: una risorsa qualificata Key Worker dellintegrazione, ma…. non si fa integrazione con il solo intervento dellinsegnante di sostegno supporto tecnico allintervento individualizzato risorsa per tutta la classe ma anche

4 4 La responsabilità dellintegrazione ricade su tutti i docenti della classe, in quanto essi devono essere coinvolti nella progettazione del PEI dellalunno devono tenere conto della presenza dellalunno disabile nel definire la programmazione di classe

5 5 LA COLLABORAZIONE TRA INSEGNANTE DI SOSTEGNO E INSEGNANTI DI CLASSE serve a trovare punti di contatto tra la programmazione dellalunno e quella della classe in cui è inserito Insegnanti di classe Insegnante di sostegno Programmazione della classe Programmazione dellalunno Esigenza di individualizzare Esigenza di normalizzare

6 6 Gli alunni Gli alunni possono essere una risorsa educativa gli uni per gli altri. E importante lavorare sulla classe in modo che gli alunni imparino a collaborare, ad essere più responsabili, a poter essere di sostegno ai compagni.

7 7 Indicatori dellintegrazione: dove stanno e con chi stanno i bambini disabili? lalunno disabile deve rimanere in classe il maggior tempo per lui possibile deve essere coinvolto nel lavoro e nelle attività di classe deve essere posto il più possibile nelle stesse situazioni formative dei suoi compagni i migliori insegnanti di sostegno sono i suoi compagni

8 8 Progettare con strabismo a tre occhi (Ianes) 1)In modo individualizzato tenendo conto delle esigenze di sviluppo del soggetto 2)In modo integrato al contesto della classe cercando di agganciare il soggetto alle attività della classe 3)Con un occhio al progetto di vita tenendo conto che la giornata dellalunno non finisce a scuola; collaborando con gli operatori, le famiglia e le figure esterne alla scuola; guardando al suo futuro

9 9 D ALL INDIVIDUAZIONE DELL HANDICAP ALLA STESURA DEL PEI SEGNALAZIONE DIAGNOSI FUNZIONALE (Verbale di accertamento) PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

10 10 SEGNALAZIONE DIAGNOSI FUNZIONALE P.D.F.P.E.I. La D.F. è redatta dall U.O.N.P.I.A. di riferimento e contiene: dati anagrafici diagnosi clinica (definita nel Verbale di Accertamento di Handicap allegato alla DF) diagnosi analitica: esprime le potenzialità residue e difficoltà rispetto alle aree: 1 Cognitiva (Sviluppo raggiunto/Capacità di integrazione delle competenze) 2 Affettiva-Relazionale (Rapporti interpersonali, controllo pulsionale, tolleranza alle frustrazioni, autostima) 3 Comunicazione (Comprensone, Produzione, Modalità compensative) 4 Sensoriale 5 Motorio-Prassica (Motricità globale/Motricità fine) 6 Neuropsicologica (Memoria, Attenzione, Organizzazione spazio-temporale) 7 Autonomia (Personale, Sociale) Eventuali note descrittive delle funzioni compromesse e delle potenzialità e risorse Definisce: la necessità di sostegno per la didattica (livello lieve, medio, alto) la necessità di assistenza (di base, specialistica per lautonomia personale) la necessità di ausili e del servizio di trasporto

11 11 SEGNALAZIONE DIAGNOSI FUNZIONALE P.D.F.P.E.I. Rappresenta lo strumento di raccordo tra: la conoscenza dellalunno conseguente alla DIAGNOSI FUNZIONALE la progettazione e la definizione delle attività del PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Fornisce un quadro globale del percorso da compiere Dovrebbe essere il risultato di un processo di condivisione di obiettivi e di strumenti tra operatori sanitari insegnanti e assistenti educativi famiglia Il Profilo Dinamico Funzionale

12 12 SEGNALAZIONE DIAGNOSI FUNZIONALE P.D.F.P.E.I. Fasi operative del PDF 1.Evidenziare punti di forza (il livello raggiunto, le abilità possedute adeguatamente) e deficit (carenze e incapacità) 2.Definire gli obiettivi a medio termine (gli obiettivi effettivi su cui si inizia a lavorare) 3.Definire gli obiettivi a breve termine (la sequenza dei sotto- obiettivi graduati per difficoltà) 4.Individuare le proposte di intervento (tecniche, materiali, attività)

13 13 SEGNALAZIONE DIAGNOSI FUNZIONALE P.D.F.P.E.I. Il Piano Educativo Individualizzato è il documento nel quale vengono descritti gli interventi predisposti per lalunno disabile sulla base dei dati derivanti dalla diagnosi funzionale e dal profilo dinamico. Il PEI tiene presente i progetti educativi, riabilitativi e di socializzazione individualizzati e le forme di integrazione tra attività scolastiche ed extra- scolastiche.

14 14 SEGNALAZIONE DIAGNOSI FUNZIONALE P.D.F.P.E.I. 1.Dati anagrafici e relativi alla famiglia 2.Curriculum scolastico 3.Analisi della situazione di partenza 4.Obiettivi trasversali (declinati per i singoli assi con la specifica di attività, contenuti, metodi e strumenti) 5.Obiettivi disciplinari relativi alla programmazione individuale o di classe 6.Metodologia, strategie didattiche 7.Verifiche e valutazione globale P.E.I.

15 IL LAVORO DI RETE Una pluralità di figure professionali per un comune obiettivo: lintegrazione di alunni con diversa abilità 15

16 16 La pluralità come incrocio di competenze Non si ha integrazione di qualità se i diversi soggetti che intervengono sul disabile non uniscono i loro sforzi.

17 17 UNA RETE PER LINTEGRAZIONE DEI DISABILI NELLA SCUOLA Lalunno e la sua famiglia Team/Consiglio di classe: insegnanti curricolari e di sostegno Dirigente Scolastico Associazioni del territorio Enti Locali: assistenti educativi e assistenti alla comunicazione Collaboratori scolastici Servizi sanitari: equipe multidisciplinari GLH operativo e GLH dIstituto

18 18


Scaricare ppt "Il docente di sostegno: un ruolo nella scuola dellinclusione 1 Gabriella Fumagalli - Maria Grazia Redaelli Scuola Snodo Handicap Monza Est."

Presentazioni simili


Annunci Google