La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

- 1 - LA CITTA DELLE RETI Maurizio Catino. - 2 - 1980 ÷1990 1985 ÷1995 1990 ÷2000 ORGANIZZAZIONI PIATTE GRUPPI DI LAVORO AD HOC UNITA ORGANIZZATIVE DISPERSE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "- 1 - LA CITTA DELLE RETI Maurizio Catino. - 2 - 1980 ÷1990 1985 ÷1995 1990 ÷2000 ORGANIZZAZIONI PIATTE GRUPPI DI LAVORO AD HOC UNITA ORGANIZZATIVE DISPERSE."— Transcript della presentazione:

1 - 1 - LA CITTA DELLE RETI Maurizio Catino

2 ÷ ÷ ÷2000 ORGANIZZAZIONI PIATTE GRUPPI DI LAVORO AD HOC UNITA ORGANIZZATIVE DISPERSE Evoluzione delle Strutture

3 - 3 - Lorganizzazione rete è un modello stabile di transazioni cooperative tra attori individuali o collettivi che costituisce un nuovo attore collettivo (Pichierri, 1999) LOrganizzazione a Rete

4 - 4 - Insieme di relazioni relativamente stabili, di natura non gerarchica e interdipendente, fra una serie di attori collettivi, ovvero di organizzazioni di carattere pubblico e privato che hanno in comune interessi e/o norme rispetto ad una politica e che si impegnano in processi di scambio per perseguire tali interessi comuni riconoscendo che la cooperazione costituisce il miglior modo per realizzare i loro obiettivi (Boerzel, 1998) Definizioni

5 - 5 - Strutture di Implementazione Organizzazioni Programmi P1P1 P2P2 P3P3 O1O1 O2O2 O3O3 (Hjern e Porter, 1981)

6 - 6 - Strutture di Implementazione I programmi sono attivati da un insieme di frazioni di organizzazioni pubbliche e private Una struttura di implementazione è composta da sottoinsiemi di membri di organizzazioni che considerano il programma il loro interesse primario Vi è una struttura meno formale e un minor numero di rapporti di autorità Le decisioni si basano sulla negoziazione e sul consenso Sono frutto di unautoselezione più che derivare da rapporti di autorità

7 - 7 - Diverse Tipologie di Reti Imprese no manufacturing Joint ventures Joint programs (es. consorzi del settore pubblico) Filiere e costellazioni tra imprese Distretti industriali Parchi scientifici e tecnologici Associazioni di categoria Consorzi Accordi di cooperazione Reti di città Interlocking directorates Reti di franchising Licensing Sub-contracting Reti sociali Cartelli Cross partnership (es. cooperative di promozione, sviluppo, acquisto) ………..

8 - 8 - Le Città delle Reti Modello gerarchico equilibrato Modello gerarchico a diversi livelli Sistema a rete di città Dipendenza Complementarità

9 - 9 - Reti di Politiche Accordi per il commercio internazionale Agricoltura Politiche della concorrenza Telecomunicazioni Politiche sociali Relazioni industriali Politiche macro-economiche per loccupazione Politiche fiscali Politiche regolative della salute, sicurezza e impatto ambientale dei prodotti Banche, assicurazioni Politiche regolative dellimpatto ambientale dei processi produttivi Legge e ordine Autotrasporto, politiche energia Istruzione Efficacia a livello nazionale Efficacia a livello europeo alta bassa altabassa (Scharpf, 1999)

10 LImpresa Rete: Naturale e Governata Limpresa rete naturale Limpresa rete governata Quando soggetti imprenditoriali, individuali o collettivi, privati o pubblici provvedono in maniera intenzionale a progettare, gestire, mantenere nel suo complesso un sistema di organizzazioni (Butera, 1990)

11 Nascita e Evoluzione delle Organizzazioni a Rete Per disaggregazione di unorganizzazione unitaria Per aggregazione di attori autonomi Nascita Evoluzione Istituzionalizzazione Scioglimento Riaggregazione in attore unitario

12 Rete Interna e Rete Esterna Comune Assoc. Rappres. CdC Università Altre città Stato Regione Altri attori esterni Rete esterna Rete interna


Scaricare ppt "- 1 - LA CITTA DELLE RETI Maurizio Catino. - 2 - 1980 ÷1990 1985 ÷1995 1990 ÷2000 ORGANIZZAZIONI PIATTE GRUPPI DI LAVORO AD HOC UNITA ORGANIZZATIVE DISPERSE."

Presentazioni simili


Annunci Google