La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LOCALISMO ECONOMICO, IMPRENDITORIALITA DI GRUPPO ED ACCORDI INTERAZIENDALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LOCALISMO ECONOMICO, IMPRENDITORIALITA DI GRUPPO ED ACCORDI INTERAZIENDALI."— Transcript della presentazione:

1 1 LOCALISMO ECONOMICO, IMPRENDITORIALITA DI GRUPPO ED ACCORDI INTERAZIENDALI

2 2 Il tema dello sviluppo delle imprese minori è stato sempre affrontato considerando come indicatore semplificato la dimensione dellimpresa. In realtà è possibile perseguire lo stesso obiettivo, lo sviluppo dellimpresa, grazie ad unampia gamma di strategie organizzative. I casi di collaborazione tra imprese minori sono in aumento. Le due principali modalità di accordi interaziendali in Italia sono: il localismo economico; limprenditorialità di gruppo.

3 3 LOCALISMO ECONOMICO E concepito come la risultante di una lettura interdisciplinare delleconomia italiana, in cui rientrano considerazioni di tipo socio-economico, sociologico, storico e più strettamente culturale. Si fa riferimento a due fattori: 1.elementi di natura non competitiva (cultura, comune, solidarietà locale, spirito di emulazione e di iniziativa); 2. valorizzazione della storia.

4 4 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEL LOCALISMO ECONOMICO: - stretto legame culturale e storico con le realtà locali; - formazione di sistemi di imprese con diverso grado di specializzazione e di parcellizzazione dellattività produttiva. Tali caratteristiche possono diventare ostacoli allo sviluppo delle imprese (sistema chiuso).

5 5 IMPRENDITORIALITA DI GRUPPO E un fenomeno originato da una collaborazione interaziendale, dove si realizzano aggregazioni di imprese territoriali per nascita, formazione e legami sociali, ma plurisettoriali, plurifunzionali e internazionali per raggio di azione.

6 6 Tipi di collaborazione interaziendale per diverse aree funzionali: 1.Accordi di collaborazione produttiva (trasformazione fisico-tecnica); 2.Accordi per acquisto di materie prime (es. consorzi di offerta); 3.Accordi per ricerca e scambio di tecnologia; 4.Accordi di marketing o di promozione e vendita; 5.Accordi per servizi in comune (es. servizi fiscali, amm.vi, ecc.);

7 7 La collaborazione interaziendale si realizza in modo diverso nelle differenti aree funzionali in ordine a due variabili: 1. Priorità degli obiettivi delle imprese coinvolte (obiettivi direttamente gestionali e obiettivi di altro tipo); 2. Consistenza dellassetto organizzativo stabilito tra le imprese coinvolte (effetti organizzativi dellaccordo in termini di struttura org.va, meccanismi operativi, e potere org.vo).

8 8 Si costruisce una matrice delle diverse tipologie di accordi di collaborazione interaziendale considerando le due variabili Collaborazione destrutturata (2) Collaborazione di facciata (1) Imprenditorialità di gruppo (3) Consistenza assetto org.vo Obiettivi prioritari accordo Di altro tipoDirettamente gestionali Bassa Alta

9 9 (1) COLLABORAZIONE DI FACCIATA Collaborazioni fittizie, non finalizzate al perseguimento di obiettivi gestionali, ma per sfruttare vantaggi esterni quali ricerca di finanziamenti pubblici o di unimmagine migliore; (2) COLLABORAZIONE DESTRUTTURATA Collaborazioni tra imprese per rispondere allesigenza di ricerca di economie di gestione con lutilizzo di strutture pre-esistenti e meccanismi operativi di tipo elementare; (3) IMPRENDITORIALITA DI GRUPPO Accordi con ricaduta economica ed elevato investimento organizzativo sullassetto interaziendale, anche se tali accordi investono anche lassetto intraziendale ma senza crescita dimensionale.

10 10 PERCORSI EVOLUTIVI NELLA MATRICE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI ACCORDI Tali processi evolutivi sono possibili ma non necessari; infatti, alcuni accordi collaborativi nascono e si collocano in una certa tipologia, senza subire modifiche di posizione.

11 11 Figura 1.10 pag. 32 PRETI Figura 1.11 pag. 33 PRETI Figura 1.12 pag. 36 PRETI Figura 1.13 pag. 37 PRETI Figura 1.14 pag. 38 PRETI

12 12 PROCESSO DI SVILUPPO DELLIMPRESA DI MINORI DIMENSIONI: LA REALIZZAZIONE DI ACCORDI INTERAZIENDALI TEMI VALUTATI DALLIMPRENDITORE AL FINE DI STIPULARE ACCORDI: -identificazione e valutazione dei potenziali partner (comprensione della reciproca compatibilità strategica per verificare se linteresse strategico è fortemente asimmetrico); -negoziazione delle regole contrattuali alla base dellaccordo (attori coinvolti ed aree di negoziazione); -realizzazione delle finalità dellaccordo; -progettazione del sistema di controllo interaziendale.

13 13 Figura 3.9 pag. 179 PRETI Tabella 3.1 pag. 182 PRETI Figura 3.10 pag. 183 PRETI


Scaricare ppt "1 LOCALISMO ECONOMICO, IMPRENDITORIALITA DI GRUPPO ED ACCORDI INTERAZIENDALI."

Presentazioni simili


Annunci Google