La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, le competenze infermieristiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, le competenze infermieristiche."— Transcript della presentazione:

1 Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, le competenze infermieristiche le competenze infermieristiche per i nuovi bisogni della collettività per i nuovi bisogni della collettività Ferrara, 23 Marzo 2013 Maria Rolfini Direzione generale sanità e politiche sociali Assessorato politiche per la salute Nuovi modelli organizzativi e assistenziali per la gestione integrata delle patologie croniche in Emilia Romagna

2 NUOVI SCENARI Evoluzione del contesto sociale Evoluzione del contesto sanitario Aumento malattie cronico-degenerative Bisogni sempre più complessi Presa in carico a lungo termine Evoluzione organizzativa dei servizi sanitari

3 LE CURE PRIMARIE Le cure primarie rappresentano uno degli elementi centrali di qualsiasi sistema sanitario: costituiscono la forma di assistenza sanitaria più vicina ai luoghi di vita delle persone e la naturale porta di accesso al sistema.

4 …..LE CURE PRIMARIE In questo contesto per sviluppare nuove e più coerenti risposte ai bisogni dei cittadini, vanno ricercati modelli organizzativi e assistenziali che sviluppino modalità di lavoro integrato, permettendo così a ciascun professionista di essere valorizzato ed esprimere al meglio la propria specifica competenza.

5 ……LE CURE PRIMARIE Tali modalità assistenziali possono essere meglio sviluppati allinterno delle case della salute. I modelli organizzativi che si stanno diffondendo per la gestione delle malattie croniche (i.e. chronic care model, disease e case management) sono sistemi organizzati, integrati, proattivi che pongono al centro dellintero sistema, il paziente, la famiglie ed i care- givers; garantiscono percorsi assistenziali che sviluppano, qualificano e specializzano la rete dei servizi. Tali modalità assistenziali possono essere meglio sviluppati allinterno delle case della salute.

6 Gli elementi chiave per il successo Il riconoscimento che le cure primarie devono essere il punto centrale dei processi assistenziali con forti collegamenti con il resto del sistema. Lerogazione di unassistenza focalizzata sui bisogni individuali della persona, nel suo specifico contesto sociale. Unassistenza basata sulla popolazione, sulla stratificazione del rischio e su differenti livelli di intensità assistenziale. Il passaggio da unassistenza reattiva a unassistenzaproattiva.

7 Presenza di sistemi informativi evoluti, misurazione e rendicontazione periodica su processi e risultati. Investire sullauto-gestione dei pazienti e dei caregivers. Disporre di linee guida elaborate da gruppi multi professionali in grado di tener conto della co-morbilità e della complessità assistenziale. Basarsi su team multiprofessionali che puntano al miglioramento continuo-formazione Un unico punto fisico di riferimento per i cittadini Gli elementi chiave per il successo

8 LE CASE DELLA SALUTE Realizzare in modo omogeneo su tutto il territorio strutture sanitarie e sociosanitarie, che siano un punto di riferimento certo per i cittadini e alle quali ci si può rivolgere in ogni momento per trovare una risposta ai propri problemi di salute In queste strutture il cittadino trova sempre un medico di famiglia e un infermiere durante lintera giornata per risolvere i problemi ambulatoriali urgenti. Obiettivo strategico della Regione Emilia-Romagna :

9 LE CASE DELLA SALUTE casa La scelta di dare visibilità e struttura, di dare unacasa ai nuclei di cure primarie è una scelta radicale sia nei confronti dellorganizzazione aziendale sia nei confronti dei cittadini Lapproccio sistemico alla salute e allorganizzazione dei servizi di cure primarie proprio della Casa della Salute e lintroduzione di modelli proattivi di gestione della cronicità, sono elementi fondamentali per migliorare le scelte assistenziali dei professionisti e offrire servizi di elevata qualità, adeguati ai bisogni espressi dai cittadini

10 Le reti integrate di servizi la casa della salute è il nodo di una rete integrata di servizi, con relazioni cliniche e organizzative strutturate con gli altri nodi della rete (assistenza domiciliare, ospedaliera, salute mentale). Le relazioni organizzative tra i diversi setting assistenziali sono presidiate dallinfermiere (care manager) che svolge questo ruolo per gruppi di assistiti omogenei selezionati per patologia o per target di popolazione. Le relazioni organizzative tra i diversi setting assistenziali sono presidiate dallinfermiere (care manager) che svolge questo ruolo per gruppi di assistiti omogenei selezionati per patologia o per target di popolazione. I profili di cura definiti dai professionisti (le reti cliniche) sono agiti allinterno della rete organizzativa (disease management e case management).

11 La casa della salute Eun presidio del Distretto la cui gestione complessiva è affidata al Dipartimento di Cure Primarie. È la sede di accesso e di erogazione dei servizi sanitari, sociosanitari e socio assistenziali rivolti alla popolazione dellambito territoriale di riferimento del/dei Nuclei di Cure Primarie

12 Come gli ospedali, anche queste strutture possono avere diversa complessità. Oltre lattività di assistenza primaria erogata dal nucleo delle cure primarie (mmg, pediatra di base, infermiere, ostetrica e assistente sociale), possono essere presenti i servizi consultoriali, il poliambulatorio, il centro di salute mentale, i servizi di igiene pubblica, e i centri diurni e residenziali per i diversi target di popolazione. La casa della salute

13 Tre diverse tipologie di casa della salute: piccola, media grande casa della salute piccola Oltre lattività di assistenza primaria erogata dal nucleo delle cure primarie: MMG, PLS, infermiere, ostetrica e assistente sociale (casa della salute piccola), casa della salute media possono essere presenti i servizi consultoriali, il poliambulatorio (casa della salute media), casa della salute grande il centro di salute mentale, i servizi di igiene pubblica, e i centri diurni e residenziali per i diversi target di popolazione (casa della salute grande).

14 Aspetti principali della Casa della Salute accoglienza e orientamento ai servizi sanitari, sociosanitari e assistenziali assistenza sanitaria per problemi ambulatoriali urgenti possibilità di completare i principali percorsi diagnostici che non necessitano di ricorso allospedale gestione delle patologie croniche, attraverso lintegrazione dellassistenza primaria con i servizi specialistici presenti.

15 Casa della salute come sistema integrato di servizi Strutturazione della casa della salute come sistema che si prende cura delle persone fin dal momento dellaccesso attraverso: Laccoglienza dei cittadini La collaborazione e lintegrazione tra i professionisti La condivisione dei percorsi assistenziali un nuovo approccio ai problemi di salute: medicina diniziativa La valorizzazione delle competenze

16 Sviluppo degli strumenti relativi al governo clinico Sviluppo degli strumenti relativi al governo clinico Il lavoro di equipe: integrazione tra MMG e gli altri professionisti che operano nella struttura dellarea sanitaria e sociale Lavoro per obiettivi La valutazione delle attività La condivisione di percorsi assistenziali integrati La valutazione multidimensionale La comunicazione La formazione multiprofessionale continua La responsabilizzazione sulluso delle risorse Qualità e accreditamento

17 I riferimenti normativi DGR n. 291/2010: linee di indirizzo per la realizzazione e lorganizzazione funzionale delle case della salute DGR n°427/2009: linee di indirizzo regionali di attuazione del Piano Sociale e Sanitario per lulteriore qualificazione delle cure primarie attraverso lo sviluppo delle professioni sanitarie assistenziali

18 ….si sta realizzando anche attraverso unulteriore crescita culturale e di valorizzazione delle competenze delle professioni sanitarie assistenziali; la DGR n°427/2009 delinea i modelli organizzativi che fanno riferimento alle reti integrate di servizi, alla medicina diniziativa, al disease e al case management, per erogare unassistenza coerente con il bisogno di salute della popolazione. La promozione dello sviluppo delle cure primarie…..

19 Le funzioni infermieristiche nella casa della salute Accoglienza, valutazione, orientamento ai servizi Monitoraggio attivo dei pazienti con patologia cronica Monitoraggio attivo dei pazienti fragili Educazione sanitaria/terapeutica per singoli pazienti o target di assistiti Coordinamento/raccordo con ADI, Raccordo con poliambulatorio (PDA), con ospedale per ricoveri e dimissioni protette Raccordo coi servizi sociali

20 …….a che punto sia mo Sono presenti esperienze innovative di gestione infermieristica proattiva della cronicità, quali ad esempio scompenso cardiaco, diabete e BPCO, svolte in integrazione con i medici del nucleo di cure primarie/case della salute e gli specialisti. Grazie anche a queste esperienze hanno visto la luce le linee di indirizzo regionali relative alla gestione integrata dello scompenso cardiaco (DGR 1598/2011)

21 IL PRESENTE E IL FUTURO... Tutte le aziende sanitarie sono impegnate in questo processo di grande cambiamento e innovazione attraverso il quale passa la sostenibilità del nostro sistema di welfare regionale; Struttura, cultura e organizzazione sono gli assi prioritari dintervento per realizzare il cambiamento

22 Percorso di formazione regionale per facilitare la presa in carico integrata dei pazienti con patologie croniche

23 Linee guida regionali per la programmazione 2012 attivazione delle case della salute allinterno della programmazione aziendale Consolidare il ruolo dei NCP nella gestione integrata delle patologie croniche Sviluppo di programmi di medicina diniziativa con particolare riferimento a diabete e scompenso cardiaco cronico attivazione di ambulatori infermieristici nelle case della salute /sedi di riferimento dei NCP

24 Perché un percorso formativo comune azione propulsiva di sostegno al cambiamento impegno sostanziale della Regione, delle direzioni aziendali e dei professionisti Utilizzo di nuovi metodi di apprendimento, in linea con gli indirizzi di programmazione regionale per il 2012 presenza di esperienze e progettualità innovative, locali, con riscontri positivi, fattibili e sostenibili

25 Facilitare il lavoro in team, evidenziandone i vantaggi per i pazienti, i professionisti, lorganizzazione Favorire e/o consolidare metodi e strumenti di gestione integrata del paziente con patologia cronica scompenso cardiaco allinterno delle case per la salute I vantaggi del lavoro integrato condividendo gli obiettivi del paziente Misurare i risultati della gestione integrata nel tempo per: – I pazienti (focus) – Lazienda – I professionisti (MMG, Specialisti cardioligi, medici del dipartimento di cure primarie, Infermieri) Obiettivo generale della formazione Obiettivo specifici

26 Al corso hanno partecipato in totale 76 professionisti sanitari (destinatari): 22 Medici di Medicina Generale 19 Infermieri 5 Responsabili di Direzione Infermieristica (area territoriale) 4 Coordinatori Infermieristici 17 Medici di Organizzazione 8 Medici Specialisti (7 cardiologi e 1 pneumologo) 1 Pediatra di libera scelta

27 Metodo formativo e struttura del corso Metodo formativo PBL: metodologia didattica attiva, fondata sullapprendimento per problemi Il corso è centrato su casi sviluppati in 15 giorni con tre giornate di lavoro in gruppo distanziate una dallaltra per consentire le fasi di apprendimento autonomo. I moduli formativi sono stati replicati nelle tre aree vaste

28 Metodo formativo e struttura del corso 2 In ogni are vasta sono stati formati: infermieri, medici di medicina generale, specialisti cardiologi, medici del dipartimento di cure primarie per ogni AUSL dovevano essere presenti tutte le professioni (requisito per partecipare) professionisti che sono già attivati o si stanno attivando nella presa in carico integrata del paziente cronico allinterno di NCP o Case della salute (requisito per partecipare)

29 Indagine sullo stato di attuazione delle case della salute nel 2011 Le aziende sanitarie della regione hanno definito nel corso del 2011 la programmazione delle case della salute seguendo le linee di indirizzo per la realizzazione e lorganizzazione funzionale contenute nella DGR n. 291/2010

30 Monitoraggio DGR 427/09 Analisi dellattività infermieristica nei dipartimenti di cure primarie Attività anno 2011

31 AMBULATORI INFERMIERISTICI NELLE CURE PRIMARIE GESTIONE PATOLOGIE CRONICHE

32 AMBULATORI INFERMIERISTICI NELLE CURE PRIMARIE GESTIONE PATOLOGIE CRONICHE

33 AMBULATORI INFERMIERISTICI NELLE CURE PRIMARIE GESTIONE PATOLOGIE CRONICHE

34 AMBULATORI INFERMIERISTICI NELLE CURE PRIMARIE INTERVENTI PER PROBLEMI ASSISTENZIALI

35 AMBULATORI INFERMIERISTICI NELLE CURE PRIMARIE INTERVENTI PER PROBLEMI ASSISTENZIALI

36 AMBULATORI INFERMIERISTICI NELLE CURE PRIMARIE INTERVENTI PER PROBLEMI ASSISTENZIALI

37 ATTIVITA' PER GARANTIRE L'ACCESSO E L'ACCOGLIENZA ALLE CURE -PROGRAMMI DI DIMISSIONE PROTETTA

38

39

40

41 GESTIONE INTEGRATA PER DIABETE TIPO 2 E BPCO

42 PUNTO DI ACCOGLIENZA (PDA) PAC/PAF PERCORSI ASSISTENZIALI COMPLESSI PERCORSI ASSISTENZIALI FACILITATI PERCORSO ORL PERCORSO DERMATOLOGICO PERCORSO GLAUCOMA PERCORSO PER DIABETE PERCORSO CARDIOLOGICO PERCORSO GASTROENTEROLOGICO PERCORSO PEDIATRICO PERCORSO SINCOPE PERCORSO PNEUMOLOGICO PERCORSO ONCOLOGICO PICCOLI INTERVENTI OCULISTICI …

43 AMBULATORIO DI STOMA TERAPIA

44 Distretti, Nuclei di cure primarie, popolazione di riferimento Al i Distretti sono 38 e i Nuclei di cure primarie 216.

45

46 Case della Salute in Emilia-Romagna Area Vasta Emilia NordArea Vasta Emilia Centro Area Vasta Romagna

47 Area clinica: assistenza primaria

48 Area clinica / servizi sanitari


Scaricare ppt "Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, Dagli ospedali per intensità di cure alle case della salute, le competenze infermieristiche."

Presentazioni simili


Annunci Google