La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Contratti di filiera Criteri e modalità applicative del nuovo regime Alessandro Boldreghini Area Programmazione e sviluppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Contratti di filiera Criteri e modalità applicative del nuovo regime Alessandro Boldreghini Area Programmazione e sviluppo."— Transcript della presentazione:

1 Contratti di filiera Criteri e modalità applicative del nuovo regime Alessandro Boldreghini Area Programmazione e sviluppo

2 Lart. 66, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n° 289 (Legge Finanziaria 2003) istituisce i contratti di filiera e di distretto, al fine di favorire lintegrazione di filiera del sistema agricolo e agroalimentare e il rafforzamento dei distretti agroalimentari nelle aree sottoutilizzate

3 Con Decreto 1 Agosto 2003 vengono dettati i criteri, le modalità e le procedure per lattuazione dei Contratti di Filiera in coerenza con gli Orientamenti Comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo, periodo

4 In attuazione al Decreto 1 Agosto 2003 sono stati approvati nel 2004, 14 Contratti di Filiera di cui 6 partecipati da Consorzi e Cooperative aderenti a Fedagri– Confcooperative: 1 nella filiera del latte fresco 1 nella filiera del latte fresco 1 nella filiera delle carni avicole 1 nella filiera delle carni avicole 2 nella filiera ortofrutticola 2 nella filiera ortofrutticola 1 nella filiera vitivinicola 1 nella filiera vitivinicola 1 nella filiera del grano duro 1 nella filiera del grano duro

5 A seguito dellemanazione dei nuovi orientamenti sugli aiuti di stato nel comparto agricolo e agroalimentare, periodo , Il Ministero delle Politiche Agricole, di concerto con i Ministeri dellEconomia e dello Sviluppo, ha provveduto a riscrivere le regole per accedere alle agevolazioni in tema di Contratti di Filiera

6 Con DM 22 Novembre 2007 condizioni di accesso ai finanziamenti del fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca sono stati definiti gli aspetti legati alle modalità di gestione dei nuovi contratti di filiera definendo: Soggetti interessati Soggetti interessati Investimenti ammissibili Investimenti ammissibili Modalità di presentazione delle domande e di erogazione del contributo Modalità di presentazione delle domande e di erogazione del contributo

7 Rispetto al precedente regime sui Contratti di Filiera è data la possibilità di accesso, oltre che alle filiere agroalimentari anche alle filiere agroenergetiche e di distretto

8 I piani progettuali presentati dovranno svilupparsi nellambito di una singola filiera (Contratto di Filiera) o di una o più filiere di qualità certificata e tutelata e/o di produzioni tradizionali o tipiche (Contratto di Distretto)

9 I progetti dovranno essere articolati in diverse tipologie di investimento in relazione allattività svolta dai soggetti beneficiari in modo da coprire lintera filiera e dimostrare lintegrazione fra i differenti soggetti in termini di miglioramento del grado di relazione organizzativa, logistica e commerciale ed in termini di distribuzione del reddito

10 Soggetti proponenti Cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi Cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi Consorzi di piccole e medie imprese che operano nel settore agricolo, agroalimentare e agroenergetico Consorzi di piccole e medie imprese che operano nel settore agricolo, agroalimentare e agroenergetico Associazioni temporanee di impresa Associazioni temporanee di impresa

11 Soggetti proponenti Società costituite tra soggetti che esercitano lattività agricola e le imprese commerciali e/o addette alla distribuzione, purché il 51% del capitale sociale sia posseduto da imprenditori agricoli, cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi o da Organizzazioni di Produttori riconosciute Società costituite tra soggetti che esercitano lattività agricola e le imprese commerciali e/o addette alla distribuzione, purché il 51% del capitale sociale sia posseduto da imprenditori agricoli, cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi o da Organizzazioni di Produttori riconosciute Rappresentanze di distretti rurali e agroalimentari Rappresentanze di distretti rurali e agroalimentari

12 Soggetti beneficiari Le piccole e medie imprese, anche in forma consortile, le imprese intermedie e le cooperative a mutualità prevalente e loro consorzi che operano nel settore agricolo ed agroalimentare Le piccole e medie imprese, anche in forma consortile, le imprese intermedie e le cooperative a mutualità prevalente e loro consorzi che operano nel settore agricolo ed agroalimentare Le Organizzazioni di Produttori agricoli riconosciute Le Organizzazioni di Produttori agricoli riconosciute I consorzi di tutela riconosciuti I consorzi di tutela riconosciuti

13 Soggetti beneficiari Le società costituite tra soggetti che esercitano lattività agricola e le imprese commerciali e/o industriali e/o addette alla distribuzione purché almeno il 51% del capitale sociale sia posseduto da imprenditori agricoli, cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi o da Organizzazioni di Produttori riconosciute. Le società costituite tra soggetti che esercitano lattività agricola e le imprese commerciali e/o industriali e/o addette alla distribuzione purché almeno il 51% del capitale sociale sia posseduto da imprenditori agricoli, cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi o da Organizzazioni di Produttori riconosciute. Il capitale delle predette società può essere posseduto, in misura non superiore al 10 % anche da grandi imprese agricole o commerciali

14 Limite investimenti ammissibili Il limite degli investimenti ammissibili previsti dai piani progettuali deve essere ricompreso tra un minimo di 5 milioni di e un massimo di 50 milioni di. (Nel vecchio regime era contemplato un limite minimo di 7 milioni di )

15 Ambito territoriale Non è più previsto, rispetto alle vecchie disposizioni, lobbligo del coinvolgimento nei progetti di almeno tre regioni Non è più previsto, rispetto alle vecchie disposizioni, lobbligo del coinvolgimento nei progetti di almeno tre regioni Il nuovo provvedimento impone lobbligo di sviluppare programmi integrati a carattere interprofessionale e di rilevanza nazionale in un ambito territoriale multiregionale Il nuovo provvedimento impone lobbligo di sviluppare programmi integrati a carattere interprofessionale e di rilevanza nazionale in un ambito territoriale multiregionale

16 Le tipologie di investimento ammesse Investimenti nelle aziende agricole Investimenti nelle aziende agricole Investimenti nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Investimenti nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Investimenti per la tutela ambientale e per il benessere animale Investimenti per la tutela ambientale e per il benessere animale

17 Le tipologie di investimento ammesse Investimenti destinati a promuovere la produzione e la commercializzazione di prodotti agricoli di qualità Investimenti destinati a promuovere la produzione e la commercializzazione di prodotti agricoli di qualità Investimenti nel settore della ricerca e dello sviluppo Investimenti nel settore della ricerca e dello sviluppo Investimenti nel settore delle agroenergie Investimenti nel settore delle agroenergie

18 Tempi di realizzazione degli investimenti Gli investimenti dovranno essere realizzati entro 4 anni dalla stipula del contratto

19 AgevolazioniAgevolazioni Le agevolazioni sono concesse: In forma di contributo in conto capitale che non può superare il 25% degli investimenti In forma di contributo in conto capitale che non può superare il 25% degli investimenti In forma di finanziamento agevolato che non può essere inferiore al 25% dellinvestimento In forma di finanziamento agevolato che non può essere inferiore al 25% dellinvestimento

20 AgevolazioniAgevolazioni Le agevolazioni possono coprire il 100% degli investimenti destinati alla ricerca, alla promozione e allassistenza tecnica attraverso lerogazione delle seguenti percentuali: Fino al 50% degli investimenti ammissibili in conto capitale Fino al 50% degli investimenti ammissibili in conto capitale Almeno il 50% nella forma di capitale di credito agevolato Almeno il 50% nella forma di capitale di credito agevolato

21 AgevolazioniAgevolazioni Il finanziamento agevolato avrà una durata, a decorrere dalla data di stipula del contratto, non superiore a 15 anni e non inferiore a 6 anni Il finanziamento agevolato avrà una durata, a decorrere dalla data di stipula del contratto, non superiore a 15 anni e non inferiore a 6 anni Il rimborso del finanziamento agevolato sarà attuato attraverso rate semestrali con lapplicazione di un tasso pari allo 0,50% annuo Il rimborso del finanziamento agevolato sarà attuato attraverso rate semestrali con lapplicazione di un tasso pari allo 0,50% annuo

22 Modalità di presentazione delle domande di accesso È confermato il criterio di presentazione a sportello È confermato il criterio di presentazione a sportello Alla domanda andranno allegati i seguenti documenti: Alla domanda andranno allegati i seguenti documenti: a)Scheda sintetica, riportante i dati relativi al soggetto proponente e alliniziativa b)Piano progettuale comprensivo della fattibilità economico-finanziaria e tecnica c)Attestazione della banca finanziatrice inerente la disponibilità a concedere la copertura del finanziamento ordinario

23 Modalità di presentazione delle domande di accesso d)Dichiarazione del beneficiario relativa alla disponibilità degli immobili che saranno oggetto del programma di investimento e)Perizia giurata relativa alla conformità urbanistica ed edilizia degli immobili oggetto degli investimenti f)Dichiarazione del beneficiario relativa alleventuale esistenza o necessità di infrastrutture e disponibilità di fonti energetiche funzionali allattività produttiva prevista

24 IstruttoriaIstruttoria Entro 30 giorni dalla data di presentazione, il Ministero dovrà comunicare alle Regioni interessate la sussistenza dei requisiti di ammissibilità Entro 30 giorni dalla data di presentazione, il Ministero dovrà comunicare alle Regioni interessate la sussistenza dei requisiti di ammissibilità Entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, le Regioni dovranno formulare il proprio parere circa la compatibilità del progetto con la programmazione regionale Entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, le Regioni dovranno formulare il proprio parere circa la compatibilità del progetto con la programmazione regionale

25 IstruttoriaIstruttoria In caso di parere positivo, il Ministero procederà, entro 120 giorni dalla presentazione della domanda, ad effettuare lattività istruttoria per accertare la validità tecnica ed economica del progetto, i requisiti di imprenditorialità del soggetto proponente e ladeguatezza dei mezzi finanziari previsti In caso di parere positivo, il Ministero procederà, entro 120 giorni dalla presentazione della domanda, ad effettuare lattività istruttoria per accertare la validità tecnica ed economica del progetto, i requisiti di imprenditorialità del soggetto proponente e ladeguatezza dei mezzi finanziari previsti

26 IstruttoriaIstruttoria In caso di istruttoria positiva il Ministero presenterà al CIPE la proposta di contratto In caso di istruttoria positiva il Ministero presenterà al CIPE la proposta di contratto Entro 90 giorni dalla pubblicazione in GU della delibera CIPE di approvazione e finanziamento del Contratto di Filiera, il soggetto proponente dovrà presentare il relativo progetto esecutivo Entro 90 giorni dalla pubblicazione in GU della delibera CIPE di approvazione e finanziamento del Contratto di Filiera, il soggetto proponente dovrà presentare il relativo progetto esecutivo

27 IstruttoriaIstruttoria Il Ministero dovrà provvedere alla istruttoria del progetto esecutivo entro 45 giorni dalla sua presentazione Il Ministero dovrà provvedere alla istruttoria del progetto esecutivo entro 45 giorni dalla sua presentazione Accertati i requisiti del progetto esecutivo ed acquisite le delibere di concessione del finanziamento agevolato, il Ministero trasmetterà al soggetto proponente lo schema di Contratto di Filiera, che dovrà essere sottoscritto entro 180 giorni dalla pubblicazione della delibera CIPE Accertati i requisiti del progetto esecutivo ed acquisite le delibere di concessione del finanziamento agevolato, il Ministero trasmetterà al soggetto proponente lo schema di Contratto di Filiera, che dovrà essere sottoscritto entro 180 giorni dalla pubblicazione della delibera CIPE

28 TABELLETABELLE Spese ammissibili e intensità delle agevolazioni

29 Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione primaria di prodotti agricoli) Linvestimento deve perseguire i seguenti obiettivi: a) riduzione dei costi di produzione; b) miglioramento e riconversione della produzione; c) miglioramento della qualità; d) tutela e miglioramento dellambiente naturale o delle condizioni di igiene e del benessere degli animali. Gli aiuti possono essere concessi solo alle aziende agricole che non rientrano nella categoria delle imprese in difficoltà.

30 Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione primaria di prodotti agricoli) L'aiuto è subordinato al rispetto di eventuali restrizioni alle produzioni o limitazioni del sostegno comunitario previste nell'ambito delle specifiche Organizzazioni Comuni di Mercato. I criteri di scelta degli investimenti devono essere coerenti con i piani di sviluppo rurale delle Regioni nelle quali sono realizzati gli investimenti.

31 Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione primaria di prodotti agricoli) Gli investimenti devono rispettare la pertinente normativa ambientale comunitaria, nazione e regionale. Non possono essere concessi aiuti per: a) acquisto di diritti di produzione, animali e piante annuali; b) impianto di piante annuali; c) investimenti di sostituzione; d) fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero- caseari.

32 Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione primaria di prodotti agricoli) Non sono ammessi investimenti per impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili superiori ad 1 Megawatt di potenza. La potenzialità produttiva degli impianti deve essere commisurata al fabbisogno energetico aziendale e lenergia prodotta deve essere utilizzata prevalentemente nel ciclo produttivo.

33 Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione primaria di prodotti agricoli) SPESE AMMISSIBILI INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE (ESL) Zone svantaggiate Altre zone 1. Costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili50%40% 2. Acquisto di macchine e attrezzature nuove, fino ad un massimo del loro valore di mercato. 50%40% 3. Programmi informatici50%40% 4. Spese generali, fino ad un massimo del 12% delle spese indicate ai precedenti punti 1), 2) e 3), quali onorari, consulenze, brevetti, licenze, studi di fattibilità, ecc. 50%40% 5. Trasferimento di fabbricati agricoli nellinteresse pubblicoFino al 100% 6. Costi aggiuntivi relativi allattuazione di norme specifiche per la tutela e il miglioramento dellambiente e il miglioramento delle condizioni igieniche negli allevamenti o del benessere degli animali, senza aumento della capacità produttiva, purché intesi a superare i requisiti comunitari minimi in vigore o per investimenti effettuati per conformarsi a nuovi requisiti minimi. 75%60%

34 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli Sono beneficiarie dellaiuto le microimprese, le piccole e medie imprese ai sensi della raccomandazione 2003/361/CE della Commissione e le imprese intermedie cui non si applica l'articolo 2, paragrafo 1 della suddetta raccomandazione che occupano meno di 750 persone o il cui fatturato non supera i 200 milioni di euro.

35 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli Le imprese con più di 750 dipendenti e/o un fatturato pari o superiore a 200 milioni di euro possono beneficiare di aiuti se soddisfano tutte le condizioni definite negli orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale, limitatamente al massimale stabilito dallaiuto di Stato N 324/2007 – Italia-Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale Fino al è applicabile il regime di aiuti n. N 381/2003.

36 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli Il sostegno non può essere concesso alle imprese in difficoltà ai sensi della comunicazione della Commissione 2004/C244/02 Orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà. L'aiuto è subordinato al rispetto di eventuali restrizioni alle produzioni o limitazioni del sostegno comunitario previste nell'ambito delle specifiche Organizzazioni Comuni di Mercato.

37 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli I criteri di scelta degli investimenti devono essere coerenti con i piani di sviluppo rurale delle Regioni nelle quali sono realizzati gli investimenti. Gli investimenti devono rispettare la pertinente normativa ambientale comunitaria, nazione e regionale.

38 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli Non sono ammessi investimenti per impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili superiori ad 1 Megawatt di potenza. L'energia prodotta deve essere totalmente reimpiegata nell'ambito dei processi produttivi. Se lenergia elettrica prodotta è destinata alla vendita, le condizioni del sostegno sono quelle stabilite dai regolamenti (CE) n. 70/2001 e n. 1628/2006.

39 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli Gli aiuti agli investimenti con una spesa ammissibile superiore a 25 milioni di euro e gli aiuti di importo effettivo superiore a 12 milioni di euro sono oggetto di notifica specifica alla Commissione europea.

40 Tabella 2A: Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli SPESE AMMISSIBILI INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE ESL Regioni di cui all'articolo 87, paragrafo 3, lettera a), del trattato Altre zone 1. Attivi materiali: suolo aziendale e relative sistemazioni, opere murarie e assimilate. 50%40% 2. Attivi materiali: impianti, macchine e attrezzature nuovi. 50%40% 3. Programmi informatici.50%40% 4. Attivi immateriali: brevetti, licenze, know how e conoscenze tecniche non brevettate. 50%40% 5. Studi preliminari di fattibilità e consulenze connesse agli investimenti di cui ai punti precedenti. 50%40%

41 Tabella 3A: Aiuti per la creazione di sistemi di controllo, la promozione della produzione e commercializzazione di prodotti agricoli di qualità e per la prestazione di assistenza tecnica A) CREAZIONE DI SISTEMI DI CONTROLLO PER LA CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ E DELLA TIPICITÀ INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE ESL 1. Spese per misure obbligatorie di controllo adottate ai sensi della normativa comunitaria o nazionale da o per conto delle autorità competenti, tranne ove la legislazione comunitaria stabilisca che tali costi devono gravare sulle imprese. Fino al 100% della spesa ammissibile B) PROMOZIONE DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI DI QUALITÀ INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE ESL 2. Spese per ricerche di mercato, ideazione e progettazione del prodotto, inclusi gli aiuti concessi per la preparazione delle domande di riconoscimento delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di origine o delle attestazioni di specificità in conformità della normativa comunitaria pertinente. Fino al 100% della spesa ammissibile 3. Spese per l'introduzione di norme di assicurazione della qualità, quali le norme delle serie ISO 9000 o 14000, di sistemi di analisi dei rischi e dei punti critici di controllo (HACCP), di sistemi di tracciabilità, di sistemi per garantire il rispetto dell'autenticità e delle norme di commercializzazione o di sistemi di audit ambientale. 4. Spese per la formazione del personale chiamato ad applicare i regimi e i sistemi di cui al punto 3). 5. Spese a copertura dei contributi richiesti dagli organismi di certificazione riconosciuti per la certificazione iniziale dell'assicurazione di qualità e di sistemi analoghi.

42 Tabella 3A segue: Aiuti per la creazione di sistemi di controllo, la promozione della produzione e commercializzazione di prodotti agricoli di qualità e per la prestazione di assistenza tecnica C) PRESTAZIONI DI ASSISTENZA TECNICA1 INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE ESL 6. Organizzazione e partecipazione a forum per lo scambio di conoscenze tra imprese, concorsi, mostre e fiere: spese di iscrizione, di viaggio, per le pubblicazioni, per laffitto degli stand. Fino a 100% della spesa ammissibile 7. Diffusione di conoscenze scientifiche e informazioni sui sistemi di qualità aperti a prodotti di altri paesi, sui prodotti generici e sui benefici nutrizionali e sugli utilizzi di tali prodotti, a condizione che non siano menzionate le singole società, i marchi o lorigine. 8. Spese di formazione connesse alla diffusione di nuove tecniche: spese inerenti allorganizzazione del programma di formazione, spese di viaggio e di soggiorno dei partecipanti. 9. Pubblicazioni (cataloghi, siti web) contenenti informazioni sui produttori di un data regione o di un dato prodotto, purché le informazioni siano neutre e tutti i produttori interessati abbiano le stesse possibilità di figurare nelle pubblicazioni. 10. Divulgazione di nuove tecniche, come progetti pilota a scala ridotta o progetti dimostrativi Fino al 100% della spesa ammissibile, nel limite di euro per beneficiario nellarco di 3 esercizi finanziari

43 Tabella 4 A: Aiuti a favore della pubblicità dei prodotti agricoli 1.Per pubblicità si intende qualsiasi operazione intesa a indurre gli operatori economici o i consumatori allacquisto di un determinato prodotto. Comprende inoltre tutto il materiale distribuito direttamente ai consumatori allo stesso scopo, comprese le azioni pubblicitarie rivolte ai consumatori nei punti vendita. Non comprende le operazioni promozionali e di assistenza tecnica che sono comprese nella tabella 3 A. 2.Le attività pubblicitarie con una dotazione annua superiore a 5 milioni di euro sono soggette a obbligo di notifica individuale alla Commissione europea. 3.Deve essere garantita la conformità con larticolo 2 della direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 marzo 2000, relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti letichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonché la relativa pubblicità – GU L 109 del , pag. 29, nonché, ove applicabili, con le norme di etichettatura specifiche stabilite per determinati prodotti (vino, prodotti lattiero-caseari, uova, pollame, ecc.) 4.La campagna pubblicitaria non deve essere focalizzata sui prodotti di una o più imprese determinate. 5.La pubblicità deve riguardare prodotti di qualità, che soddisfano i criteri stabiliti a norma dellart. 32 del regolamento (CE) n. 1698/2005. TIPOLOGIA DI AIUTO INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE ESL 1. Pubblicità dei prodotti a denominazioni riconosciute a livello comunitario (regolamenti (CE) n. 509/2006 e n. 510/20061 Fino al 50% dei costi ammissibili 2. Pubblicità dei prodotti dellagricoltura biologica ai sensi del regolamento (CEE) 2092/91 e successive modificazioni 3. Pubblicità dei prodotti con marchi di qualità nazionali o regionali (sistemi di qualità che prevedono disciplinari di produzione vincolanti)

44 Tab. 5A: Aiuti alla ricerca e sviluppo SPESE AMMISSIBILI INTENSITÀ MASSIMA AGEVOLAZIONE ESL 1. Spese di personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario purché impiegati per il progetto di ricerca) Fino al 100% delle spese ammissibili2 per i prodotti di cui all'allegato I del trattato CE 2. Costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca. Se gli strumenti e le attrezzature non sono utilizzati per tutto il loro ciclo di vita per il progetto di ricerca, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto di ricerca, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile. 3. Costi dei fabbricati nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca. Per quanto riguarda i fabbricati, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto di ricerca, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile. 4. Costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato, nell'ambito di un'operazione effettuata alle normali condizioni di mercato e che non comporti elementi di collusione, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell'attività di ricerca. 5. Spese generali supplementari derivanti direttamente dal progetto di ricerca. 6. Altri costi di esercizio, inclusi costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, sostenuti direttamente per effetto dell'attività di ricerca.

45 Stato attuale Stato attuale Al momento si è ancora in attesa sia della emanazione della circolare attuativa delle nuove disposizioni sui Contratti di Filiera, che dovrà chiarire altresì quali siano i territori destinatari delle agevolazioni, sia della emanazione del bando per la presentazione dei progetti.

46 Nel precedente regime le agevolazioni erano ammesse unicamente per gli investimenti svolti nei territori coincidenti con le aree sottoutilizzate. E stata richiesta dalla nostra Federazione la possibilità che le agevolazioni siano estese a tutto il territorio nazionale


Scaricare ppt "Contratti di filiera Criteri e modalità applicative del nuovo regime Alessandro Boldreghini Area Programmazione e sviluppo."

Presentazioni simili


Annunci Google